[OT]-Consiglio Universitario ambito Finanza

K-Chief

Nuovo Utente
Registrato
31/1/14
Messaggi
10
Punti reazioni
0
Ciao, scusate il doppio post (precedentemente postato in Arena) ma mi è stato suggerito di postare qui in quanto qui sarei riuscito ad ottenere migliori consigli.

Sono nella situazione di dover scegliere il proseguo degli studi dopo la triennale in Economia e Finanza.
Sto considerando 2 possibilità:
Laurea Magistrale/MSc in Finance, corso in inglese,ad una pubblica ma rispettabilissima Università di Siena: continuerei in piena coerenza il mio percorso di studi e coltiverei a pieno le mie passioni. Il dubbio riguarda lo sbocco lavorativo, in realtà non chiaramente definito: non ancora trovo un annuncio di lavoro riservato a laureati in Finanza (in genere si richiede "indirizzo economico" o al max "economico-quantitativo"..e quelli altamente quantitativi sono per matematici o fisici) . Riguardo al lavoro in banca (magari!) non è che ci sia tutto questo vantaggio rispetto agli aziendalisti o anche ai laureati in giurisprudenza.
Laurea Magistrale in Scienze Attuariali e Finanziarie alla Sapienza di Roma. L'ambito lavorativo è ben definito ma piuttosto ristretto: attuario. Si dice che sia un settore ricco e felice...chissà.
Altri consigli? Quale scelta sarebbe migliore?
Grazie a chi mi potrà aiutare!
 

marco1980

Nuovo Utente
Registrato
29/3/08
Messaggi
4.682
Punti reazioni
249
Ciao, scusate il doppio post (precedentemente postato in Arena) ma mi è stato suggerito di postare qui in quanto qui sarei riuscito ad ottenere migliori consigli.

Sono nella situazione di dover scegliere il proseguo degli studi dopo la triennale in Economia e Finanza.
Sto considerando 2 possibilità:
Laurea Magistrale/MSc in Finance, corso in inglese,ad una pubblica ma rispettabilissima Università di Siena: continuerei in piena coerenza il mio percorso di studi e coltiverei a pieno le mie passioni. Il dubbio riguarda lo sbocco lavorativo, in realtà non chiaramente definito: non ancora trovo un annuncio di lavoro riservato a laureati in Finanza (in genere si richiede "indirizzo economico" o al max "economico-quantitativo"..e quelli altamente quantitativi sono per matematici o fisici) . Riguardo al lavoro in banca (magari!) non è che ci sia tutto questo vantaggio rispetto agli aziendalisti o anche ai laureati in giurisprudenza.
Laurea Magistrale in Scienze Attuariali e Finanziarie alla Sapienza di Roma. L'ambito lavorativo è ben definito ma piuttosto ristretto: attuario. Si dice che sia un settore ricco e felice...chissà.
Altri consigli? Quale scelta sarebbe migliore?
Grazie a chi mi potrà aiutare!


Economia e Commercio + Master in Finanza (percorso a tua scelta su quelle che saranno in futuro le richieste del mercato).

Ovviamente al termine di questo percorso il tuo inglese dovrà essere almeno di livello C1 e dovrai essere munito di ECDL Advanced.

Tutto questo dovrai terminarlo prima del 25esimo anno di età.
 

K-Chief

Nuovo Utente
Registrato
31/1/14
Messaggi
10
Punti reazioni
0
Economia e Commercio + Master in Finanza (percorso a tua scelta su quelle che saranno in futuro le richieste del mercato).

Ovviamente al termine di questo percorso il tuo inglese dovrà essere almeno di livello C1 e dovrai essere munito di ECDL Advanced.

Tutto questo dovrai terminarlo prima del 25esimo anno di età.
Eh magari...ma non è più così
La vecchia economia e commercio (4 anni) a seguito della riforma 3+2 è stata soppressa in favore di corsi che già dalla triennale inquadrano in un certo ambito dell'economia (aziendale, statistico, finanziario o diritto), al termine di questa c'è la laurea magistrale/specialistica che dovrebbe affrontare in maniera approfondita e coerente uno specifico ambito.
La mia triennale (già conseguita, ho 22 anni) è in sostanza una economia e commercio ad indirizzo finanza.
Capendo l'importanza dell'inglese in questo settore avrei intenzione di iscrivermi ad un corso tenuto in lingua.
Ma sinceramente, ad un livello di Laurea Magistrale/Master of Science, a quali professioni si può ambire nel ramo della finanza?
 

Nico92

Nuovo Utente
Registrato
13/2/14
Messaggi
58
Punti reazioni
5
Ciao, scusate il doppio post (precedentemente postato in Arena) ma mi è stato suggerito di postare qui in quanto qui sarei riuscito ad ottenere migliori consigli.

Sono nella situazione di dover scegliere il proseguo degli studi dopo la triennale in Economia e Finanza.
Sto considerando 2 possibilità:
Laurea Magistrale/MSc in Finance, corso in inglese,ad una pubblica ma rispettabilissima Università di Siena: continuerei in piena coerenza il mio percorso di studi e coltiverei a pieno le mie passioni. Il dubbio riguarda lo sbocco lavorativo, in realtà non chiaramente definito: non ancora trovo un annuncio di lavoro riservato a laureati in Finanza (in genere si richiede "indirizzo economico" o al max "economico-quantitativo"..e quelli altamente quantitativi sono per matematici o fisici) . Riguardo al lavoro in banca (magari!) non è che ci sia tutto questo vantaggio rispetto agli aziendalisti o anche ai laureati in giurisprudenza.
Laurea Magistrale in Scienze Attuariali e Finanziarie alla Sapienza di Roma. L'ambito lavorativo è ben definito ma piuttosto ristretto: attuario. Si dice che sia un settore ricco e felice...chissà.
Altri consigli? Quale scelta sarebbe migliore?
Grazie a chi mi potrà aiutare!

Se vuoi un lavoro sicuro punta sull'attuario. Zero disoccupazione, grande richiesta in Italia e all'estero, stipendio ottimo. Devono piacerti la matematica e la statistica però, e non è per niente facile. Se non hai fatto un indirizzo quantitativo nella triennale probabilmente dovrai dare 4/5 esami in più.
Una volta conseguita la specialistica puoi fare oltre all'attuario anche mansioni come il risk manager, o comunque lavori in cui ci sia una forte componente matematico-statistica.

Spero di esserti stato utile ;)
 

K-Chief

Nuovo Utente
Registrato
31/1/14
Messaggi
10
Punti reazioni
0
Se vuoi un lavoro sicuro punta sull'attuario. Zero disoccupazione, grande richiesta in Italia e all'estero, stipendio ottimo. Devono piacerti la matematica e la statistica però, e non è per niente facile. Se non hai fatto un indirizzo quantitativo nella triennale probabilmente dovrai dare 4/5 esami in più.
Una volta conseguita la specialistica puoi fare oltre all'attuario anche mansioni come il risk manager, o comunque lavori in cui ci sia una forte componente matematico-statistica.

Spero di esserti stato utile ;)
Dovrei recuperare soltanto un esame di matematica attuariale...
Bo io a sta storia della disoccupazione 0 non è che ci credo troppo. Probabilmente gli attuari sono anche richiesti ma il campo di applicazione è piuttosto ristretto, contiamo pure che è un mestiere che ad esempio già in UK è regolato diversamente. La laurea in Finanza già apre molti più sbocchi e non esclude un impiego in ambito assicurativo...
Beh ci dovrò pensare
 

Nico92

Nuovo Utente
Registrato
13/2/14
Messaggi
58
Punti reazioni
5
Dovrei recuperare soltanto un esame di matematica attuariale...
Bo io a sta storia della disoccupazione 0 non è che ci credo troppo. Probabilmente gli attuari sono anche richiesti ma il campo di applicazione è piuttosto ristretto, contiamo pure che è un mestiere che ad esempio già in UK è regolato diversamente. La laurea in Finanza già apre molti più sbocchi e non esclude un impiego in ambito assicurativo...
Beh ci dovrò pensare

Si tu conta che ce ne sono solo 900 in Italia e 18000 in tutta Europa mi pare. Sicuro solo un esame in più? Poi certo è abbastanza ristretto perchè è molto specifico come corso di laurea, sicuramente quella in finanza offre più sbocchi ma trovi anche più concorrenza. Poi dipende cosa ti piace fare, se vuoi un lavoro che ti faccia viaggiare, uno dove stai a contatto con la gente, o uno dove stai attaccato al computer tutto il giorno (o quasi). Sembrano cavolate ma secondo me non c'è cosa peggiore di fare un lavoro che non ti piace anche se magari ti pagano bene, quindi pensaci bene :)
 

Wollstrit

Nuovo Utente
Registrato
7/11/13
Messaggi
35
Punti reazioni
0
Economia e Commercio + Master in Finanza (percorso a tua scelta su quelle che saranno in futuro le richieste del mercato).

Ovviamente al termine di questo percorso il tuo inglese dovrà essere almeno di livello C1 e dovrai essere munito di ECDL Advanced.

Tutto questo dovrai terminarlo prima del 25esimo anno di età.

perchè proprio 25esimo anno di età?
 

troz455

Nuovo Utente
Registrato
21/3/14
Messaggi
1
Punti reazioni
0
Ciao, scusate il doppio post (precedentemente postato in Arena) ma mi è stato suggerito di postare qui in quanto qui sarei riuscito ad ottenere migliori consigli.

Sono nella situazione di dover scegliere il proseguo degli studi dopo la triennale in Economia e Finanza.
Sto considerando 2 possibilità:
Laurea Magistrale/MSc in Finance, corso in inglese,ad una pubblica ma rispettabilissima Università di Siena: continuerei in piena coerenza il mio percorso di studi e coltiverei a pieno le mie passioni. Il dubbio riguarda lo sbocco lavorativo, in realtà non chiaramente definito: non ancora trovo un annuncio di lavoro riservato a laureati in Finanza (in genere si richiede "indirizzo economico" o al max "economico-quantitativo"..e quelli altamente quantitativi sono per matematici o fisici) . Riguardo al lavoro in banca (magari!) non è che ci sia tutto questo vantaggio rispetto agli aziendalisti o anche ai laureati in giurisprudenza.
Laurea Magistrale in Scienze Attuariali e Finanziarie alla Sapienza di Roma. L'ambito lavorativo è ben definito ma piuttosto ristretto: attuario. Si dice che sia un settore ricco e felice...chissà.
Altri consigli? Quale scelta sarebbe migliore?
Grazie a chi mi potrà aiutare!

Ciao, ho visto che hai menzionato l Università di Siena. Io sono al terzo anno di Economia e Commercio a Siena e vorrei laurearmi a luglio. Anche io sono interessato a Finance ma con mille e piu dubbi se ne vale la pena oppure no. Mi farebbe piacere scambiare due parole con te. Se vuoi aggiungimi su FB: andrea torricelli. Non sono riuscito a mandarti un messaggio privato in questo forum :) OK!