pattern di prezzo e punti di ingresso

belnick

Nuovo Utente
Registrato
29/3/03
Messaggi
24
Punti reazioni
1
ciao,
guardando gli svariati pattern di prezzo che si trovano sui libri tipo cooper,connors, laundry etc,
ho notato che i punti di ingresso (e di stop) sono alla rottura dei minimi o dei massimi della seduta precedente, o del pattern.

Chiedo, a chi ne ha esperienza operative più di me: a me sembra che per tali pattern di norma i pivot point classici siano quelli più adatti, mentre le rotture dei minimi o massimi siano o troppo in ritardo o troppo in anticipo.

E' una mia impressione oppure è effettivamente più corretto entrare su rotture dei max/min del pattern in quanto a livello multiday ciò ha più valore?

Grazie
 
Scritto da belnick
ciao,
guardando gli svariati pattern di prezzo che si trovano sui libri tipo cooper,connors, laundry etc,
ho notato che i punti di ingresso (e di stop) sono alla rottura dei minimi o dei massimi della seduta precedente, o del pattern.

Chiedo, a chi ne ha esperienza operative più di me: a me sembra che per tali pattern di norma i pivot point classici siano quelli più adatti, mentre le rotture dei minimi o massimi siano o troppo in ritardo o troppo in anticipo.

E' una mia impressione oppure è effettivamente più corretto entrare su rotture dei max/min del pattern in quanto a livello multiday ciò ha più valore?

Grazie

ciao
anch'io tra le svariate tipologie adotto i pattern di prezzo, secondo me per una operatività multiday è giusto entrare sulla rottura del max del pattern in quanto si ha di più la certezza che il trend vada verso la nostra giusta direzione. a me è capitato diverse volte di entrare in apertura senza aspettare il max del pattern e puntualmente mi sono beccato lo stop loss , perchè appunto il trend andava in senso opposto . non è che abbia esperienza più di te, anch'io l'esperienza me la sto facendo.
ti saluto ciao iugherma
 
Scritto da belnick
ciao,
guardando gli svariati pattern di prezzo che si trovano sui libri tipo cooper,connors, laundry etc,
ho notato che i punti di ingresso (e di stop) sono alla rottura dei minimi o dei massimi della seduta precedente, o del pattern.

Chiedo, a chi ne ha esperienza operative più di me: a me sembra che per tali pattern di norma i pivot point classici siano quelli più adatti, mentre le rotture dei minimi o massimi siano o troppo in ritardo o troppo in anticipo.

E' una mia impressione oppure è effettivamente più corretto entrare su rotture dei max/min del pattern in quanto a livello multiday ciò ha più valore?

Grazie
dimenticavo , certe volte non verificandosi il max del pattern, non sono entrato, e si è rivelata un'azione giusta, in quanto il trend è andato in direzione opposta iugherma
 
Re: Re: pattern di prezzo e punti di ingresso

Scritto da iugherma
dimenticavo , certe volte non verificandosi il max del pattern, non sono entrato, e si è rivelata un'azione giusta, in quanto il trend è andato in direzione opposta iugherma

Quindi tu non usi i pivot point??
 
Scritto da belnick
ciao,
guardando gli svariati pattern di prezzo che si trovano sui libri tipo cooper,connors, laundry etc,
ho notato che i punti di ingresso (e di stop) sono alla rottura dei minimi o dei massimi della seduta precedente, o del pattern.

Chiedo, a chi ne ha esperienza operative più di me: a me sembra che per tali pattern di norma i pivot point classici siano quelli più adatti, mentre le rotture dei minimi o massimi siano o troppo in ritardo o troppo in anticipo.

E' una mia impressione oppure è effettivamente più corretto entrare su rotture dei max/min del pattern in quanto a livello multiday ciò ha più valore?

Grazie

Si può ovviare al problema, almeno in parte, dividendo la giornata in 2 fasi distinte: la rottura di un massimo di mattina, con volumi bassi e nella norma non dovrebbe essere preso come oro colato...anzi situazioni del genere si dimostrano molte volte come buone occasioni di short...
Mentre su una buona apertura ma non esagerata si può pensare che ci sia ancora spazio anche se il max non è stato rotto
Quindi direi: di mattina si possono anticipare i massimi ed i minimi entrando sopra i pivot o altri livelli "spartiacque", tenere gli stop stretti e vedere se i livelli reggono e la direzione è quella giusta...
Per entrare multiday sulla rottura dei max o min aspetterei i volumi, la tendenza in america e gli scambi fra le 16 e la chiusura per vedere quanta voglia c'è di sostenere il movimento.

Questo almeno è ciò che faccio io, senza nessuna pretesa di insegnare nulla ( e infatti alcuni trader famosi tipo Cooper entrano subito al mattino alla rottura dei max/min, se ci provo io mi becco 3 stop su 4
;) )
 
Indietro