Pensione di accompagnamento a chi spetta,

  • Ecco la 56° Edizione del settimanale "Le opportunità di Borsa" dedicato ai consulenti finanziari ed esperti di borsa.

    Settimana da incorniciare per i principali indici internazionali grazie alla trimestrale più attesa dell’anno che non ha deluso le aspettative. Nvidia negli ultimi tre mesi del 2023 ha generato ricavi superiori all’intero 2021, confermando la crescita da record della società grazie agli investimenti globali nell’intelligenza artificiale. I mercati azionari hanno festeggiato aggiornando i record assoluti a Wall Street e in Europa, mentre il Nikkei giapponese raggiunge un nuovo massimo storico dopo 34 anni. Le prossime mosse delle banche centrali rimangono sempre al centro dell’attenzione. Per continuare a leggere visita il link

Mimmo29

Nuovo Utente
Registrato
12/3/02
Messaggi
42.627
Punti reazioni
1.010
se colui al quale è concessa muore senza che l'accompagnatore sia stato eletto?

Agli eredi?

A coloro che risultano nello stato di famiglia o a tutti?

La posizione del coniuge?Prende di più(ovviamente nel caso che gli arretrati spettano agli eredi)

Si tratta di una pensione di accompagnamento riconosciuta per il passato ad una persona poco prima che questa morisse
Le somme spettanti a chi vanno?
 
...

Il credito per rivalutazione monetaria ed interessi legali, dovuti sui ratei delle prestazioni assistenziali spettanti agli invalidi civili e loro corrisposti in ritardo, si prescrive in dieci anni a decorrere, per le somme calcolate sul primo rateo dal centoventunesimo giorno successivo alla presentazione della domanda amministrativa di prestazione e, per le somme calcolate con riferimento ai ratei successivi, dalla scadenza di ciascuno di essi, senza che possa attribuirsi al mero pagamento dei ratei arretrati l'effetto interruttivo di cui all'art. 2944 cod. civ. salvo che il "solvens" non abbia considerato parziale il pagamento stesso, con riserva di provvedere successivamente al versamento di somme ulteriori. E’ quanto stabilito dalla Cassazione con sentenza n. 7030/2003.

Quanto alla risposta dipende, nel senso che i crediti verso l' Inps ricadono nell' attivo dell' asse eriditario.
Occorre distinguere tra un assegnazione dei ratei di arrtrato già ad una persona specifica, dal caso in cui si debba attendere il tutto. Nel primo caso a questa persona viene liquidata l' indennità e si pone un problema di titolarità della stessa, nel senso che appunto potrebbe concorrere con altri eredi. A tal fine, chi ha avuto la pensione, potrebbe anche, dietro documentazione, pretendere parte della pensione per sè a titolo di spese per l' invalido defunto; qualora ciò non fosse possibile, allora si applicano le norma civilistiche sulla successione.
 
quindi praticamente

a meno che non si dimostri di aver assistito e effettuato spese per il defunto (debito verso asse ereditario), il bene va spartito
 
Re: quindi praticamente

Scritto da redon
a meno che non si dimostri di aver assistito e effettuato spese per il defunto (debito verso asse ereditario), il bene va spartito

Grazie per la risposta

Ti chiedo?

Può considerarsi debito verso il defunto l'assistenza ad egli prestata nella quasi totale indifferenza delle altre figlie che avevano una loro famiglia

In pratica colei che è morta è stata assistita dalla figlia rimasta in casa,con il marito e l'altro figlio

Dato che rientra nell'asse ereditario al marito spetta una quota/parte maggiore rispetto agli altri eredi?

Grazie di nuovo
 
...

allora vediamo...quanto al rimborso spese, ipotesi tipica di chi ha invalido in casa, occorre dire quanto segue: o si ha una documentazione (spese..) oppure nulla. Quanto al marito, egli non ha titolo sull' eredità, a meno che
1 non si presenti come creditore (ho comprato tot al defunto e documento il tutto).
2 come erede testamentario
non certo come legittimo.
su spese, non però a forfait..per dirti ho speso più o meno...no questo no;)
 
Re: ...

Scritto da redon
allora vediamo...quanto al rimborso spese, ipotesi tipica di chi ha invalido in casa, occorre dire quanto segue: o si ha una documentazione (spese..) oppure nulla. Quanto al marito, egli non ha titolo sull' eredità, a meno che
1 non si presenti come creditore (ho comprato tot al defunto e documento il tutto).
2 come erede testamentario
non certo come legittimo.
su spese, non però a forfait..per dirti ho speso più o meno...no questo no;)

Quindi il marito riceve una quota del rimborso erogato dall'Inps in misura uguale a quella che riceveranno gli altri 4 figli?

In pratica il rimborso viene diviso in 5(1padre e 4 figli)?
 
no in pratica..

bisogna sapere più cose: chi è il marito rispetto al defunto
contattami in privato e dewscrivi la situazione per capire chi può pretendere eredità. Se il defunto è padre della moglie il marito non c' entra un picchio se non c' è nel testamento
fgtp1@inwind.it
http://digilander.libero.it/leggefiscofinanza
 
Indietro