Per gli esperti di minusvalenze ....

  • Ecco la 56° Edizione del settimanale "Le opportunità di Borsa" dedicato ai consulenti finanziari ed esperti di borsa.

    Settimana da incorniciare per i principali indici internazionali grazie alla trimestrale più attesa dell’anno che non ha deluso le aspettative. Nvidia negli ultimi tre mesi del 2023 ha generato ricavi superiori all’intero 2021, confermando la crescita da record della società grazie agli investimenti globali nell’intelligenza artificiale. I mercati azionari hanno festeggiato aggiornando i record assoluti a Wall Street e in Europa, mentre il Nikkei giapponese raggiunge un nuovo massimo storico dopo 34 anni. Le prossime mosse delle banche centrali rimangono sempre al centro dell’attenzione. Per continuare a leggere visita il link

Carcarlo65

Nuovo Utente
Registrato
17/4/02
Messaggi
60
Punti reazioni
6
...e' possibile utilizzare una minusvalenza su una GPF per detrarla alla plusvalenza su un fondo ?
Un mese fa ho chiesto alla banca , sto' ancora aspettando ...

Carcarlo
 
I fondi di diritto italiano non sviluppano nè plusvalenze ne minusvalenze in quanto sono tassati alla fonte sul patrimonio.

Le GPF non dovrebbero generare plus/minus a meno che non siano costituite da diversi comparti della medesima sicav.

Se è questa l'ipotesi in cui sono state generate le minus puoi chiudere il rapporto di gestione e richiedere di far transitare le quote dei vari comparti della sicav attualmente presenti in un dossier titoli che gestirai da solo e la banca si limiterà ad amministrarti.

In talmodo le plusvalenze che si genereranno verranno compensate.


O volevi parlare di minus generate in una Gestione patrimoniale....?!? :mmmm:
 
Scritto da mac
I fondi di diritto italiano non sviluppano nè plusvalenze ne minusvalenze in quanto sono tassati alla fonte sul patrimonio.

Le GPF non dovrebbero generare plus/minus a meno che non siano costituite da diversi comparti della medesima sicav.

Se è questa l'ipotesi in cui sono state generate le minus puoi chiudere il rapporto di gestione e richiedere di far transitare le quote dei vari comparti della sicav attualmente presenti in un dossier titoli che gestirai da solo e la banca si limiterà ad amministrarti.

In talmodo le plusvalenze che si genereranno verranno compensate.


O volevi parlare di minus generate in una Gestione patrimoniale....?!? :mmmm:

Volevo parlare di una GPF con fondi di Sicav diverse , attualmente in minus .
Quindi mi par di capire che non e' possibile detrarre la minus essendo assimilabile a fondi di diritto italiano.
Ti ringrazio per la tua cortesia e competenza .

alla prossima

Carcarlo
 
Scritto da Carcarlo65
Volevo parlare di una GPF con fondi di Sicav diverse , attualmente in minus .
Quindi mi par di capire che non e' possibile detrarre la minus essendo assimilabile a fondi di diritto italiano.
Ti ringrazio per la tua cortesia e competenza .

alla prossima

Carcarlo
No.
Da Sole24Ore, 30/03/02 pag 30 si legge che "Chi esce da una GPF prevalentemente investita in fondi esteri, potrà utilizzare la minusvalenza certificata dal vecchio gestore in una nuova gestione patrimoniale, anche una GPF, purchè investita prevalentemente in fondi esteri armonizzati e non in fondi italiani o lussemburghesi storici".

Spero che adesso la questione sia più chiara.
Ho l'esperienza di un cliente che ha disinvestito una gpf iinvestita in sicav estere e il gestore ha rilasciato il certificazione delle minusvalenze che è stata utilizzata nella nuova gpf. In questi giorni sta disinvestendo con una plusvalenza e quindi vedremo come si concluderà la faccenda.
Non è stato invece possibile "utilizzare" nella gpf le minusvalenze generate da sicav estere sottoscritte "a parte".

Ciao, T.

:)
 
E perchè da gpf a gpf si e da gpf ad amministrato no?

Da GP ad amministrato le minusvalenze si possono trasferire (l'ho fatto io).

:yes:


Che differenza c'è tra tra un contratto di gestione che prevede per oggetto sicav piuttosto che titoli?!?

:mmmm:


Certo che il legislatore dovrebbe dare proprio una bella semplificata a tutta la legislazione fiscale al riguardo: troppe differenze di comportamento tra vari prodotti, troppa libertà di interpretazione lasciata agli intermediari,...

:no:


Es. Una sicav da cui sono uscito in minus si è rifiutata di rilasciarmi il certificato...
...solo perchè non era scritto da nessuna parte che doveva farlo.
La medesima, però, non ha avuto difficoltà a conteggiarmi le minus in un nuovo rapporto parimenti intestato aperto con un'altro intermediario :eek:
 
Hai ragione quando dici che la norma si presta a interpretazioni... ed infatti secondo me alcuni intermediari accettano certe cose altri no...
Per quello che mi è stato detto parlando coi responsabili di un paio di società la norma sarebbe non trasferire minusvalenza tra diversi tipi di regime, così come tra gestito, come sicav, e gpf.
Poi effettivamente è assurdo che se ho una minusvalenza in una sicav non la posso compensare con una plusvalenza su una sicav, solo perchè hanno deciso di chiamare le due cose in modo diverso. A parità di tassazione, ormai a livello finanziario viene tassato tutto al 12,5%, che senso ha fare certe distinzioni? Sembra che il buonsenso sia l'ultima cosa da usare quando si prendono certe decisioni.

So che il discorso è un pò semplicistico, però per il risparmiatore normale è così.

Comunque la certificazione delle minusvalenze in un modo o nell'altro ti viene rilasciata... il bello è capire come utilizzarla :D

Ciao, T
 
Scritto da Toshiba
Hai ragione quando dici che la norma si presta a interpretazioni... ed infatti secondo me alcuni intermediari accettano certe cose altri no...
Per quello che mi è stato detto parlando coi responsabili di un paio di società la norma sarebbe non trasferire minusvalenza tra diversi tipi di regime, così come tra gestito, come sicav, e gpf.
Poi effettivamente è assurdo che se ho una minusvalenza in una sicav non la posso compensare con una plusvalenza su una sicav, solo perchè hanno deciso di chiamare le due cose in modo diverso. A parità di tassazione, ormai a livello finanziario viene tassato tutto al 12,5%, che senso ha fare certe distinzioni? Sembra che il buonsenso sia l'ultima cosa da usare quando si prendono certe decisioni.

So che il discorso è un pò semplicistico, però per il risparmiatore normale è così.

Comunque la certificazione delle minusvalenze in un modo o nell'altro ti viene rilasciata... il bello è capire come utilizzarla :D

Ciao, T


se chiudi una gpf in fondi e realizzi una minusvalenza la puoi usare sul tuo deposito amministrato per compensarla con eventuali gain generati da azioni e obbligazioni:clap: :clap: :clap:
 
Scritto da scarpelli
se chiudi una gpf in fondi e realizzi una minusvalenza la puoi usare sul tuo deposito amministrato per compensarla con eventuali gain generati da azioni e obbligazioni:clap: :clap: :clap:

Così risulta anche a me.
byez
 
Scritto da mac
I fondi di diritto italiano non sviluppano nè plusvalenze ne minusvalenze in quanto sono tassati alla fonte sul patrimonio.

Le GPF non dovrebbero generare plus/minus a meno che non siano costituite da diversi comparti della medesima sicav.

Se è questa l'ipotesi in cui sono state generate le minus puoi chiudere il rapporto di gestione e richiedere di far transitare le quote dei vari comparti della sicav attualmente presenti in un dossier titoli che gestirai da solo e la banca si limiterà ad amministrarti.

In talmodo le plusvalenze che si genereranno verranno compensate.


O volevi parlare di minus generate in una Gestione patrimoniale....?!? :mmmm:

mi potresti rispondere sui fondi pensione?
 
Indietro