Per Lester: sulla cultura chartistica di massa

P.A.T.

Nuovo Utente
Registrato
8/5/01
Messaggi
30.986
Punti reazioni
1.371
Ciao Lester,
pare che comincino da piu' parti a darti pienamente ragione a cio' che scrivi.
Vivissimi complimenti !
Ciao PAT

http://www.wallstreetitalia.com/articolo.asp?ART_ID=199684


.........
"Un poco di Business Intelligence aiuta a comprendere gli insoliti risvolti di questa cultura chartistica di massa.
Mentre la folla si china sul moderno schermo high tech a cristalli liquidi, da qualche parte esiste un operatore di grandi dimensioni che ha deciso di vendere o comperare grossi quantitativi di un qualche titolo e userà tutti i metodi possibili per spendere di meno o ricavare maggiori guadagni grazie ad osservatori privilegiati, presentando pertanto un intrigante quesito, ossia che i tanto amati chart rassomigliano forse al sistema della politica, per il quale chi non gestisce inevitabilmente subisce."

Copyright © Il Riformista per Wall Street Italia, Inc. Riproduzione vietata. All rights reserved
 
Usano proprio le stesse parole di Lester ..

ragionamenti tipici della Business Intelligence hanno sospinto schiere di analisti a inventare teorie, trasformarle in prodotti di largo consumo graditi e quindi vendibili a vaste platee, visto che in linea logica non si materializza niente di diverso rispetto alle medievali fattucchiere con le sfere di cristallo, perché conoscere il futuro appare ancora privilegio che agli umani generalmente non viene concesso.

L'avra' mica scritto Lester ? :rolleyes: :rolleyes:
:D :D :D :D :) :) :) :) :) :)
 
Ma con il tempo e sufficienti mezzi a disposizione è possibile costruire una ipotetica visualizzazione futura, predisegnando proprio quelle figure significative che tanto fideisticamente sono seguite dai comuni mortali. Così, le risorse finanziarie dei risparmiatori lavorano automaticamente per il potente broker, perché sottilmente indotte da apparenze matematiche per nulla spontanee, che sospingono la massa operante nella direzione adatta a favorire il buon esito della massiccia operazione predeterminata.


Questa è proprio lesterizzazione: sarà suo fratello.....
Piccolo particolare: da sempre nell'AT uno vede una figura su determinati livelli di prezzo uno su altri livelli (e ai livelli precedenti vede la figura opposta!).;)
 
Re: Re: Usano proprio le stesse parole di Lester ..

Scritto da Danlead
Ecco il vero bussiness di Lester http://www.lester.it

:D :D :D

Lester è una azienda che opera a livello mondiale; decine di rivenditori in Italia ed in tutti i cinque continenti.




................e mi sembrava non potesse essere solo.............:D :D :D
Scrive in maniera troppo rapida per essere uno solo................
 
Scritto da Il Riformista
Ma con il tempo e sufficienti mezzi a disposizione è possibile costruire una ipotetica visualizzazione futura, predisegnando proprio quelle figure significative che tanto fideisticamente sono seguite dai comuni mortali. Così, le risorse finanziarie dei risparmiatori lavorano automaticamente per il potente broker, perché sottilmente indotte da apparenze matematiche per nulla spontanee, che sospingono la massa operante nella direzione adatta a favorire il buon esito della massiccia operazione predeterminata.

Questa è proprio lesterizzazione: sarà suo fratello.....
===============

"sottilmente indotte da apparenze matematiche per nulla spontanee" ....

Questo mi sa che e' proprio lui, al 100 % il suo sottile e acculturato linguaggio!
:)
Ciao PAT
 
Sempre mirabili le lezioni di disincanto di lester....:yes:
 
Ultima modifica:
Lester è un grande.
Per me i suoi post sono stati un'illuminazione.
Credo sia impossibile leggere in questo forum interventi più interessanti dei suoi.
Complimenti.

F.
 
Scritto da bartolumeo
Lester è un grande.
Per me i suoi post sono stati un'illuminazione.
Credo sia impossibile leggere in questo forum interventi più interessanti dei suoi.
Complimenti.

F.

Concordo pienamente.

Questa sezione del forum e' intensamente popolata da aridi e freddi trader figli dell'utilitarismo matematico, che preparano nei loro alambicchi dentro i laboratori segreti i loro sofisticati trading system, dalle formule complesse ed arcane.

Lester e' sempre qui presente a ricordarci il primato della cultura umanistica sulla cultura scientifica.

Le parole di Lester sono sempre più belle dei numeri, le sue proposizioni discorsive sono sempre piu' piacevoli delle formule matematiche.

Il suo dialogo associa rigore delle argomentazioni, ricchezza di contenuti, stile chiaro, grande vivacità ed ironia; tutte caratteristiche che lo rendono adatto non solo ai consueti detrattori della supremazia dell'analisi tecnica sul pensiero umanista, ma anche a un più ampio pubblico di folisti che si accostano al FOL per la prima volta.

Ciao PAT
 
GiocatodalCaso ha scritto:
anche lui era un promotore?



Chi può mai dirlo? Questi, a volte, riescono a stupirci sfoggiando una vergogna che non si sospetterebbe, un sussulto di umanità che si crede scomparso in certi personaggi. :o :o :o :o :o
 
Beowulf ha scritto:
Chi può mai dirlo? Questi, a volte, riescono a stupirci sfoggiando una vergogna che non si sospetterebbe, un sussulto di umanità che si crede scomparso in certi personaggi. :o :o :o :o :o
... :o ...vorresti dire ke c'ha/c'hanno la faccia come il qulo..??... :o ...
 
GiocatodalCaso ha scritto:
Ma produce risultato lo spam anti-at sui forum dedicati all'analisi tecnica?
Oppure è un semplice sfogo contro il nemico?


Bè, credo che ci sia un po' l'illusione di riuscire a fot...ehm, a convincere qualcuno; un po' l'illusione di risollevarsi da una condizione moralmente miserabile.
Credo che tutte e due non raggiungano l'obiettivo sperato.
 
uzzis ha scritto:
... :o ...vorresti dire ke c'ha/c'hanno la faccia come il qulo..??... :o ...


Il mio è un discorso generale: quando voglio dire qualcosa ad un nick, mi ci rivolgo direttamente (infatti su Lester ho scritto: "chi può mai dirlo?"). :o :o :o :o :o
 
Indietro