Perchè in Italia la cultura è

watson

Nuovo Utente
Registrato
2/4/00
Messaggi
4.369
Punti reazioni
16
di tipo prevalentemente umanistico per cui se uno non sa chi era Alessandro Manzoni è un ignorante mentre è del tutto giustificato se non conosce la differenza fra un amminoacido ed un acido grasso o non sa cos'è un condensatore?
 
Scritto da watson
di tipo prevalentemente umanistico per cui se uno non sa chi era Alessandro Manzoni è un ignorante mentre è del tutto giustificato se non conosce la differenza fra un amminoacido ed un acido grasso o non sa cos'è un condensatore?

Forse perchè vengono ritenute specializzazioni. Anch'io , probabilmente sbagliando, non ritengo un meteorologo, ad esempio, una persona colta. Però se ascolta musica classica sì. Son quelle cose che ti vengono inculcate fin da piccolo.
 
Scritto da watson
di tipo prevalentemente umanistico per cui se uno non sa chi era Alessandro Manzoni è un ignorante mentre è del tutto giustificato se non conosce la differenza fra un amminoacido ed un acido grasso o non sa cos'è un condensatore?
..già:confused:
 
La spiegazione è facile trovarla nell'etimologia della parola: dal latino cultura che significava "coltivazione" ma prese poi anche un'accezione non "pratica" riferita all'accrescimento "spirituale" e della "conoscenza" (Cicerone ad esempio nelle Tusculane parla di cultura animi) ; una maggiore conoscenza e quindi cultura la si otteneva studiando il pensiero e le opere degli altri uomini (ed a quell'epoca tra l'altro nessuno discetteva su condensatori ed amminoacidi :p )
Per cui anche ora è più appropriato parlare più di cultura letteraria, storica, musicale e meno di cultura metereologica...
 
Scritto da watson
di tipo prevalentemente umanistico per cui se uno non sa chi era Alessandro Manzoni è un ignorante mentre è del tutto giustificato se non conosce la differenza fra un amminoacido ed un acido grasso o non sa cos'è un condensatore?
Io penso che cultura umanistica cultura scientifica possono convivere integrandosi e completandosi a vicenda. Solo che in Italia le scuole, specialmente i licei, hanno un connotato soprattutto di tipo umanistico. Ad esempio, perfino il liceo scientifico, pur con un programma di matematica ampio ed impegnativo, relega la chimica a cenerentola della scienza iniziando e limitando l'insegnamento solo al 4° anno e affidandolo ad insegnanti che non hanno proprio competenze specifiche in quel settore.
 
Indietro