Piccoli salotti crescono.

  • Ecco la 56° Edizione del settimanale "Le opportunità di Borsa" dedicato ai consulenti finanziari ed esperti di borsa.

    Settimana da incorniciare per i principali indici internazionali grazie alla trimestrale più attesa dell’anno che non ha deluso le aspettative. Nvidia negli ultimi tre mesi del 2023 ha generato ricavi superiori all’intero 2021, confermando la crescita da record della società grazie agli investimenti globali nell’intelligenza artificiale. I mercati azionari hanno festeggiato aggiornando i record assoluti a Wall Street e in Europa, mentre il Nikkei giapponese raggiunge un nuovo massimo storico dopo 34 anni. Le prossime mosse delle banche centrali rimangono sempre al centro dell’attenzione. Per continuare a leggere visita il link

aperugini65

Nuovo Utente
Registrato
8/9/00
Messaggi
68
Punti reazioni
0
Un bell'articolo su Milano Finanza di sabato scorso.
Piccoli salotti crescono

Avanti, c’è posto. Crescono i piccoli salotti della finanza, tra opa, aumenti di capitale e scambi di partecipazioni. Crescono e in casi come la bresciana Hopa si sdoppiano, tanto sono diventati articolati. A un certo punto della sua giovane storia la finanziaria di Emilio Gnutti ha dovuto creare un fondo di investimenti ad hoc come eArchimede per far posto a vecchi e nuovi soci (oltre 100 in tutto). Numerosa è anche la compagine di Alerion, il salotto creato da Giuseppe Garofano sulle ceneri dell’ex Fincasa44, il cui consiglio di amministrazione è costituito da ben 15 persone. E si allarga anche la base azionaria di Bim, la Banca intermobiliare di Franca Segre, che proprio di recente ha aperto le porte a nuovi azionisti, rivedendo in parte la sua tradizione di club esclusivo. Ma come si spiega la crescente corsa al salotto finanziario da parte di piccoli e grandi imprenditori? A fornire una possibile spiegazione del fenomeno è Finmatica, il gruppo hi-tech quotato a piazza Affari che ha fatto della partecipazione a banche e finanziarie una strategia di sopravvivenza (vedere articolo in pagina). Un tempo i salotti buoni, da Mediobanca a Gemina, da Hdp a Pirelli, erano appannaggio dei grandi capitalisti, la razza padrona, e soprattutto venivano interpretati come centri di potere. Nei nuovi salotti di oggi, invece, si concludono soprattutto affari, ci si scambiano quote di capitale, si fa lobbing in modo trasversale. Milano Finanza è andata a mettere il naso nei tre più in voga per capire chi comanda al loro interno, quali sono le possibili mosse future e, in qualche caso, come stanno cambiando pelle.


Tutti gli uomini di Garofano. Il salotto più giovane è Alerion, anche se è nato per l’intuizione di una vecchia conoscenza del mondo industriale e finanziario come l’ex numero uno di Montedison, Garofano. Costituito ufficialmente il 14 maggio 2003, con la nomina del nuovo cda, Alerion si è fatta subito notare per l’operazione Reno De’ Medici. Un vero blitz, che fonti vicine alla società rivelano essere stato preparato in soli due giorni. Per tutti Alerion è uguale Garofano, anche se il manager non figura direttamente né come azionista né con una carica operativa (è presidente onorario). Di sicuro è sua la regia dell’operazione di trasformazione di una finanziaria di partecipazioni immobiliari come l’ex Fincasa in una investment company, mettendo insieme personaggi come Luigi Agarini, Salvatore Ligresti, Marcellino Gavio e Alfio Marchini. Ciò che è meno noto è che accanto a Garofano si muove una squadra costituita da giovani manager, da lui accuratamente allevati ai tempi dell’Ibi. Sono quattro, Giulio Antonello, Federico Caporale, Valerio Fiorentino ed Emanuele Rossini, tutti fra i 35 e i 40 anni. A ciascuno sono affidati compiti e deleghe a seconda del settore di competenza. I quattro rispondono al presidente, il veronese Gastone Colleoni, che ha pieni poteri. Fiorentino, Antonello, Rossini siedono anche nel consiglio di Alerion, mentre Caporale è segretario del consiglio e responsabile degli affari generali. Sono i raider di Alerion, vanno a caccia di opportunità di investimento e creano l’architettura finanziaria delle operazioni. Mentre Garofano si sta dedicando a tempo pieno al progetto di ristrutturazione di Reno De’ Medici. Energia, infrastrutture e nuove tecnologie sono i settori in cui Alerion si prepara a fare le prossime mosse. Anche se non rinuncia a mettere in portafoglio partecipazioni di carattere finanziario. Un esempio? Quella acquisita nella Banca intermobiliare, da oltre 20 anni salotto buono torinese, dove sono passate molte delle operazioni finanziarie messe in piedi da Carlo De Benedetti, socio storico di Bim così come lo è Salvatore Ligresti.


D’Aguì, gran cerimoniere. Alerion è entrata con poco meno del 2% lo scorso gennaio in occasione della vendita a Bim di Ibi bank da parte del gruppo Ibi. La Bim ha di recente varato un aumento di capitale da 100 milioni, il cui artefice è stato Pietro D’Aguì, a.d. e socio fondatore della private bank che è anche uno dei maggiori soci di Borsa italiana. In occasione della ricapitalizzazione, D’Aguì ha svolto il ruolo di gran cerimoniere del salotto torinese, mettendo in campo le sue amicizie personali e familiari. Così in Bim sono entrati Luca Montezemolo (il cui figlio Matteo ora siede nel cda), Alcide Leali, fondatore dell’Air Dolomiti, Pierluigi Crudele, patron di Finmatica (presente anche nel patto di sindacato di Alerion) e l’immobiliarista romano Danilo Coppola. Secondo alcune indiscrezioni Bim starebbe valutando ora alcuni dossier relativi a piccole banche quotate a piazza Affari. Ma fonti ufficiali della banca spiegano che sono premature nuove operazioni, avendo da poco concluso l’acquisizione del gruppo Simphonia della famiglia Abbondio. L’obiettivo di Bim è crescere nella gestione di patrimoni, dove ha già raggiunto i 9 miliardi di euro.
 
up

forse ... oggi ....:p
 
Segui segui e poi..........

Scritto da chicco96
up

forse ... oggi ....:p

Porcaccia .....:mad: mi hanno chiamato al telefono e ho perso l'attimo.

ciao
 
Ultimo avviso !!!
Il Treno Alerion è in partenza dal binario uno.
destinazione 1 Euro
S'affrettino signori
 
mi ero messo ancora in acquisto a 0,546 ma mi hanno saltato a piè pari... si vede che mi accontenterò di quelle che già ho in cascina... ciao ape ;)
 
vedo che continua ad interessare pochissime persone su qs forum...
fino ad oggi qs. è stata la ns fortuna....

ma ormai tutti i muri sono stati abbattuti......e come dice APE, presto la vedremo molto vicina a 1

io mi accontento di 0,9:D
 
non credete di esagerare con questi numeri??
sono dentro anch'io ma a quel t.p...........!!!
forse tra un bel pò di tempo, mahhhh!
 
un'altro bell'articolo di MF

casi di borsa in Italia
Alerion Caccia Grossa Al Titolo (+5,3%) E Si Scommette Su Nuovi Affari

Alerion tocca i massimi del 2003. La società, nata dalle ceneri della Fincasa 44 che sotto la regia di Giuseppe Garofano punta a diventare una holding di partecipazioni, ieri ha chiuso in rialzo del 5,31% a 0,5634 euro con volumi vorticosi. Sono passati di mano 2,28 milioni di pezzi contro una media degli ultimi 30 giorni di 435 mila pezzi. Sembrano quindi continuare i movimenti attorno all’azionariato. A luglio è entrata nel capitale della società la Premafin di Salvatore Ligresti con una quota di circa l’1,8%, con la facoltà di salire fino al 5,4%. L’ingegnere siciliano è in buona compagnia. Tra i soci di Alerion sono anche Marcellino Gavio, Alfio Marchini e Luigi Agarini. Intanto la società è a caccia di nuove opportunità dopo la recente scalata alla Reno De Medici. Il 31 ottobre è previsto il closing del contratto di vendita del 20% degli immobili FonSai da parte joint venture tra Pirelli real estate e The Morgan Stanley real estate fund (prevista una spesa totale di 16 milioni). Nel frattempo Alerion si prepara a fare shopping nei settori dell’energia, delle infrastrutture (come autostrade) e delle tecnologie, mantenendo un occhio sull’immobiliare in ottica di trading.
 
attenti che c'è fermento...:eek: :D
 
E come volano, caro "vecio" APerugini.....
I fincasiani di vecchio stampo come me e te godono....
Sono in ottimo gain.
ciao
apuo
 
Scritto da apuo
E come volano, caro "vecio" APerugini.....
I fincasiani di vecchio stampo come me e te godono....
Sono in ottimo gain.
ciao
apuo

Mi ricordo dei Diritti Alerion.... Che bei tempi....:D
Okkio che la controllata Reno è una bomba...
 
Il rumors era della cessione con OPA di RENO, e conseguente forte plusvalenza per ALERION
Prendetela con le molle, non voglio nessuna responsabilità...;)
certo che entrare a +10%...
I volumi però promettono bene...
 
Mi ricordo un vecchio rumor di fincasa: la gestione del nuovo stadio di Roma costruito su terreno di loro proprietà: mi azzardo a sparare una caxxata:
e se Agarini e Garofalo comprassero quote della Roma?
Tra poco sapremo
 
ho letto dei t.p. statosferici, solo x ironizzare??;) ;)
 
Nel 1999 un tp di 0,9 era stratosferico

Nel 2000 il titolo ci arrivò.............
un gap da riempire, un buco da tappare.....
 
riprenderà la sua corsa????
o scivolerà??
 
Ciao a tutti!!
...notizia che si riferisce a ieri

Alerion: passa ai blocchi l'1,9% del capitale


Radiocor - Milano, 16 ott - Attivita' di rilievo sul
circuito dei blocchi attorno al titolo Alerion. In giornata
sono infatti transitati diversi pacchetti per complessivi
7,7 milioni di azioni, pari a circa l'1,9% del capitale
societario. Il pacchetto maggiore (3,9 milioni di titoli) e'
stato trattato a 0,62 euro per azione, gli altri a 0,5 euro.
Oggi il titolo ha segnato come ultimo prezzo 0,589 euro, in
rialzo del 4,54%.
 
sembra abbia voglia di testare nuovi max....oggi
:cool:
 
non ho fatto in tempo a scriverlo che è partita....hihihi
 
Indietro