Piemonte: buco di 2,8 miliardi solo nel 2012

  • Ecco la 56° Edizione del settimanale "Le opportunità di Borsa" dedicato ai consulenti finanziari ed esperti di borsa.

    Settimana da incorniciare per i principali indici internazionali grazie alla trimestrale più attesa dell’anno che non ha deluso le aspettative. Nvidia negli ultimi tre mesi del 2023 ha generato ricavi superiori all’intero 2021, confermando la crescita da record della società grazie agli investimenti globali nell’intelligenza artificiale. I mercati azionari hanno festeggiato aggiornando i record assoluti a Wall Street e in Europa, mentre il Nikkei giapponese raggiunge un nuovo massimo storico dopo 34 anni. Le prossime mosse delle banche centrali rimangono sempre al centro dell’attenzione. Per continuare a leggere visita il link

freude

Blus a Balus !
Registrato
12/10/08
Messaggi
47.540
Punti reazioni
1.422
Piemontesi, abbiate pazienza, gli autorevoli Democratici delle Libertà sono la soluzione a tutti i problemi, la ripresa è in vista, ottimismo !!

Regione Piemonte, spunta un «buco» da 2,8 miliardi nel solo 2012 - Il Sole 24 ORE

Frutto di una contabilità che zoppica da anni, secondo una linea bipartisan che nella ricostruzione dei magistrati inizia durante la vecchia Giunta Bresso di centrosinistra e prosegue con la gestione del leghista Cota.

Un rosso da oltre 2,8 miliardi accumulato in un anno solo con una gestione finanziaria che fa a pugni con le regole contabili e, in qualche caso, con la Costituzione. È il consuntivo 2012 della Regione Piemonte secondo la Corte dei conti di Torino, che ha passato al setaccio il bilancio di Palazzo Lascaris per la parifica.

Le cifre, prima di tutto, mostrano bene l'entità dei problemi di una Regione che anche nei conti ufficiali zoppica, al punto da essere l'unica amministrazione del Nord sottoposta a un piano di rientro dal deficit sanitario. I bilanci ufficiali, però, secondo i magistrati contabili raccontano una realtà parecchio edulcorata.

A sentire le conclusioni della Corte dei conti il procedimento è stato piuttosto semplice: il pareggio iniziale poggiava su risorse che non c'erano, nel bilancio sono state iscritte entrate che non arrivano e non sono state indicate spese che invece pesano sul risultato effettivo. Ma c'è anche di peggio: a fine 2012 nei bilanci della Regione sono riportati 4,13 miliardi di «residui attivi», cioè di entrate calcolate ma non riscorsse che per una fetta importante risalgono a prima del 2005, e dunque sono parecchio difficili da tradurre in incassi effettivi.

E ora che accade? La Corte dei conti ha negato la parifica del quadro riassuntivo della gestione 2012, ma questo fatto, anche se piuttosto inedito, è ancora il meno "preoccupante". Il punto è che la Regione deve trovare il modo di finanziare questo disavanzo, e la speranza di poterlo spalmare nei prossimi anni è fondata solo se si rimuovono le cause strutturali che generano nuovi squilibri ogni anno. Altrimenti ci sono sempre le leve fiscali da azionare, a partire dall'addizionale Irpef: è già previsto che dal 2014 l'Irpef piemontese subisca aumenti che oscillano dallo 0,4% per i redditi più bassi all'1,1% per quelli più alti, ma l'emergenza potrebbe portare la Regione a intervenire ancora.
 
A sentire le conclusioni della Corte dei conti il procedimento è stato piuttosto semplice: il pareggio iniziale poggiava su risorse che non c'erano, nel bilancio sono state iscritte entrate che non arrivano e non sono state indicate spese che invece pesano sul risultato effettivo. Ma c'è anche di peggio: a fine 2012 nei bilanci della Regione sono riportati 4,13 miliardi di «residui attivi», cioè di entrate calcolate ma non riscorsse che per una fetta importante risalgono a prima del 2005, e dunque sono parecchio difficili da tradurre in incassi effettivi.

Un quadro di questo tipo non può che ripercuotersi naturalmente su tutti gli aspetti della gestione regionale, come sanno per esempio le aziende del trasporto pubblico locale alle prese con la crisi di liquidità determinata dai pagamenti a singhiozzo. Proprio sul trasporto pubblico, per esempio, la Corte sostiene che nel tentativo affannoso di abbellire i conti la Regione non ha iscritto a bilancio 370 milioni di impegni obbligatori, che di conseguenza si sono trasformati in debiti fuori bilancio.

Ma il trasporto è solo una delle partite ballerine che animano il bilancio piemontese: 1,2 miliardi di buco extra arrivano dalla gestione sanitaria, e per 866 milioni rimandano a un disavanzo 2007-2009 mai coperto, con tanto di anticipazione di tesoreria da 370 milioni, e per 57 milioni da un contenzioso giudiziario perso dalla Regione sulla gestione dell'Ospedale Mauriziano. Tutte queste somme, unite agli 1,1 miliardi di disavanzo già registrate dai documenti ufficiali, portano il rosso a quota 2,84 miliardi.

La Corte dei conti ha negato la parifica del quadro riassuntivo della gestione 2012, ma questo fatto, anche se piuttosto inedito, è ancora il meno "preoccupante". Il punto è che la Regione deve trovare il modo di finanziare questo disavanzo, e la speranza di poterlo spalmare nei prossimi anni è fondata solo se si rimuovono le cause strutturali che generano nuovi squilibri ogni anno. Altrimenti ci sono sempre le leve fiscali da azionare, a partire dall'addizionale Irpef: è già previsto che dal 2014 l'Irpef piemontese subisca aumenti che oscillano dallo 0,4% per i redditi più bassi all'1,1% per quelli più alti, ma l'emergenza potrebbe portare la Regione a intervenire ancora.


Che dire, siamo di fronte a un altro disastro targato centro sinistra / centro destra, le cui conseguenze dovranno essere pagate dai piemontesi in primo luogo a prezzo di tagli dei servizi e di aumenti delle tasse, sempre che qualcun'altro non si metta a sua volta a truffare nascondendo poste x scopi elettorali

Pizzarotti, hai fatto troppi danni, restituisci il maltolto e dimettiti.
 
Ultima modifica:
Hi....hi....hi...
Minch.ia quante volte si dovrebbe dimettere il Pizzarotti:D:D:D:D
che merd.acce fanno solo danni, non dimentichiamoci che i due partiti principali hanno chiuso il bilancio del 2012 in perdita.:eek::eek::eek:
 
cota-pugni.jpg
 
Cota mi da tanto l'impressione di un mr.Bean capitato li per caso.

Che è pure avvocato.
Ma dopo averlo sentito parlare non mi farei difendere da lui per una multa in divieto di sosta anche se non avessi l'auto :o
 
il fatto che abbiano fatto queste cose in piemonte è tutto un programma x il resto d'italia
 
la nostra classe dirigente è fatta da uno stuolo di incapaci e incompetenti strapagati
 
la nostra classe dirigente è fatta da uno stuolo di incapaci e incompetenti strapagati

incapaci e incompetenti non esaurisce tutte le loro competenze, c'è ben altro da mettere in neretto bold sul loro cv :yes:

certo sembra che abbiano fatto gli stessi "master", si, da Dante Cruciani. :)

 
In questo forum ci sono troppi esponenti della DESTRA PARASSITARIA che cercano di oscurare le malefatte dei loro padroni

L'ondata senza precendenti di povertà che sta sommergendo milioni di italiani rende questi tentativi di rilanciare ancora una volta x un'ennesima stagione di rapina della DESTRA PARASSITARIA disgustosi e criminali

Andateglielo a dire a cassintegrati, giovani disoccupati e precari, artigiani e piccoli imprenditori che devono soffrire e crepare x dare da mangiare ai vostri padroni, ma prima mettetevi le mutande di ferro, fate schifo

Queste sono le uniche cose che vi premono vero ? X continuare cosi tutto è lecito, non è così ? :angry:KO!

Regione Piemonte, spunta un «buco» da 2,8 miliardi nel solo 2012 - Il Sole 24 ORE

Frutto di una contabilità che zoppica da anni, secondo una linea bipartisan che nella ricostruzione dei magistrati inizia durante la vecchia Giunta Bresso di centrosinistra e prosegue con la gestione del leghista Cota.
 
Votate pure questi schifi mi raccomando.
Che devono fare ancora per dimostrare di esser degli schifi umani?? Se non vengono a spararvi alle finestre li votate ancora?!
 
Ma ora le addizionali IRPEF in Piemonte a quanto devono metterle? al 20%???
Non avevano già lo spaventoso buco della sanità regionale e quello della città di Torino fatto dal sindaco PD ora passato a controllare la banca creditrice (bel conflitto di interessi!!!!)???
 
e il Piemonte è una regione che bene o male gira....non oso pensare ai bilanci di Molise, Calabria ecc ecc...
 
e il Piemonte è una regione che bene o male gira....non oso pensare ai bilanci di Molise, Calabria ecc ecc...

Mah gira mica tanto...hanno più debiti di Detroit, poi se ho capito male mi scuso.

Governati poi da incompetenti pazzeschi, vedi la zarina del PD che ha distrutto i bilanci della regione con i derivati farlocchi, sostenendo che non sapeva l'Inglese :rotfl: :rotfl:
 
Mah gira mica tanto...hanno più debiti di Detroit, poi se ho capito male mi scuso.

Governati poi da incompetenti pazzeschi, vedi la zarina del PD che ha distrutto i bilanci della regione con i derivati farlocchi, sostenendo che non sapeva l'Inglese :rotfl: :rotfl:

I piddini dicono che è solo "nominale".
Vediamo alla scadenza :D
 
trovatemi una regione che non sta sfasciata e vi dirò dov'è il sacro Graal:D
forse non avete capito ma ve lo ricorderò fino alla nausea le regione furono attivate per accelerare lo sfascio dello stato chiamato italia infatti volevano sfasciare l'italia così come vogliono sfasciare tutti gli altri stati in europa per far spazio al mega stato multirazziale e multiculturale chiamato ue:yes:

"in politica nulla accade per caso" henry ford :D
voi che vi recate a votare sappiate che votate per la massoneria sionista che finanzia e controlla la "destra" e la "sinistra" e poi vi beccate come polli su ap compreso la signora che ieri apri un thread sull'ignoranza:D
 
Ultima modifica:
la madre di tutti gli sfasci è stata la sciagurata riforma amato-d'alema sul federalismo fiscale fatta nel 2000/01. Il federalismo del ciuccia e spendi senza alcuna responsabilità.
 
Votate pure questi schifi mi raccomando.
Che devono fare ancora per dimostrare di esser degli schifi umani?? Se non vengono a spararvi alle finestre li votate ancora?!

In Piemonte c'è una tale infestazione di parassiti pubblici e semi pubblici che la maggioranza vota per il proprio orticello e questi sono i risultati, easy.
 
Indietro