Plusvalenza:quali tempistiche per evitarla?

  • Due nuove obbligazioni Societe Generale, in Euro e in Dollaro USA

    Societe Generale porta sul segmento Bond-X (EuroTLX) di Borsa Italiana due obbligazioni, una in EUR e una in USD, a tasso fisso decrescente con durata massima di 15 anni e possibilità di rimborso anticipato annuale a discrezione dell’Emittente.

    Per continuare a leggere visita questo LINK

4per100netto

NO alla fantafinanza
Registrato
12/12/08
Messaggi
7.171
Punti reazioni
266
Mi e' sorto un dubbio in merito a quanto sopra...supponiamo di rogitare in data 15 febbraio e di chiedere già l'indomani la residenza sull'immobile appena acquistato per avere le agevolazioni sulle imposte come prima casa.
Il notaio per registrare il contratto ci mette sempre 15/20gg,a questo punto quale data conta per il discorso della plusvalenza in caso di rivendita?
Quella della firma o quella della registrazione(immagino quest'ultima)?
Inoltre la legge afferma che se si e' trascorso più della meta' del periodo di residenza dall'acquisto alla vendita non si e' soggetti a plusvalenza.
Quindi se il contratto e' registrato il 5 marzo e sono già residente dal 16 febbraio,se volessi rivendere il 5 aprile andrebbe già bene per evitare la plusvalenza?
 
Mi e' sorto un dubbio in merito a quanto sopra...supponiamo di rogitare in data 15 febbraio e di chiedere già l'indomani la residenza sull'immobile appena acquistato per avere le agevolazioni sulle imposte come prima casa.
Il notaio per registrare il contratto ci mette sempre 15/20gg,a questo punto quale data conta per il discorso della plusvalenza in caso di rivendita?
Quella della firma o quella della registrazione(immagino quest'ultima)?
Inoltre la legge afferma che se si e' trascorso più della meta' del periodo di residenza dall'acquisto alla vendita non si e' soggetti a plusvalenza.
Quindi se il contratto e' registrato il 5 marzo e sono già residente dal 16 febbraio,se volessi rivendere il 5 aprile andrebbe già bene per evitare la plusvalenza?


per me vale la data dell'atto di acquisto,trascorsi 5 anni non c'è plusvalenza
 
per me vale la data dell'atto di acquisto,trascorsi 5 anni non c'è plusvalenza

ma io intendo vendere dopo un mese...la legge dice che si e' esenti da plusvalenza se il proprietario o un suo familiare abbiano avuto residenza per la maggior parte del tempo trascorso tra l'acquisto e la rivendita.
Quindi se passa un anno,bastano 6 mesi e un gg di residenza...se passano 2 mesi dovrebbero bastare 32gg di residenza!:rolleyes:
 
risiedere nel caso si intende DOPO che si diventa proprietari.
 
Ad occhio non credo che sia cosi' semplice,se no tutti farebbero cosi' e nessuno pagherebbe le plusvalenze sulla speculazione immobiliare,la compri ci metti la residenza dopo un mese la vendi e non paghi nulla?Aspettiamo pareri piu' esperti son curioso
 
plusvalenza?? ma come fai a vendere di + di quanto comprato?? scusa nn c'è il crollo, i prezzi nn si dovevano ridurre del 50% minimo?:confused:

:D:D:D

tornando seri, in teoria dovrebbe bastare la residenza e FORSE il fatto che entro l'anno acquisti un'altra prima casa da adibire ad abitazione principale (questo è fondamentale ai fini del credito d'imposta, ma soprattutto ai fini dell'IVA o imposta di registro, perchè se no chiedono la differenza maggiorata del 30% ovvero del 10% se entro l'anno).
 
ha ragione 4%: se si compra una casa e la si elegge a propria residenza(godendo quindi delle agevolazioni prima casa), anche in caso di vendita prima dei 5 anni, non si paga tassa sulla plusvalenza
 
ha ragione 4%: se si compra una casa e la si elegge a propria residenza(godendo quindi delle agevolazioni prima casa), anche in caso di vendita prima dei 5 anni, non si paga tassa sulla plusvalenza

beh la legge parla chiaro e mi è stato confermato anche da un agente immobiliare però lui faceva l'esempio dopo un anno dall'acquisto,che bastavano 6 mesi e un giorno.
Il mio problema è che potrei vendere anche dopo 1 mese dal rogito e volevo capire se in questo modo nonostante abbia portato la residenza,non pensassero che è tutto un escamoutage per evitare la tassazione.
 
beh la legge parla chiaro e mi è stato confermato anche da un agente immobiliare però lui faceva l'esempio dopo un anno dall'acquisto,che bastavano 6 mesi e un giorno.
Il mio problema è che potrei vendere anche dopo 1 mese dal rogito e volevo capire se in questo modo nonostante abbia portato la residenza,non pensassero che è tutto un escamoutage per evitare la tassazione.

lo puoi fare anche dopo una settimana, appunto perchè la legge è chiara al riguardo


quanto alla possibile valutazione di escamotage da parte dell'ADE , questa è sempre possibile, ovviamente: tieni conto che il comportamento di comprare una casa , prendere la residenza e rivenderla prima di un anno è molto poco frequente....in ogni caso non è impossibile (ci possono essere mille motivi) e l'ADE è comunque obbligate a valutare il singolo caso
 
Mi e' sorto un dubbio in merito a quanto sopra...supponiamo di rogitare in data 15 febbraio e di chiedere già l'indomani la residenza sull'immobile appena acquistato per avere le agevolazioni sulle imposte come prima casa.
Il notaio per registrare il contratto ci mette sempre 15/20gg,a questo punto quale data conta per il discorso della plusvalenza in caso di rivendita?
Quella della firma o quella della registrazione(immagino quest'ultima)?
Inoltre la legge afferma che se si e' trascorso più della meta' del periodo di residenza dall'acquisto alla vendita non si e' soggetti a plusvalenza.
Quindi se il contratto e' registrato il 5 marzo e sono già residente dal 16 febbraio,se volessi rivendere il 5 aprile andrebbe già bene per evitare la plusvalenza?

Secondo me bisogna calcolare dalla firma del rogito, infatti è da quella che si pagano tutte le tassazioni come l’ici e l’irpef .

Io ho già fatto il compromesso ma devo aspettare agosto per fare il rogito per evitare la plusvalenza…

Rimane il fatto poi, che entro 12 mesi bisogna riacquistare
 
lo puoi fare anche dopo una settimana, appunto perchè la legge è chiara al riguardo


quanto alla possibile valutazione di escamotage da parte dell'ADE , questa è sempre possibile, ovviamente: tieni conto che il comportamento di comprare una casa , prendere la residenza e rivenderla prima di un anno è molto poco frequente....in ogni caso non è impossibile (ci possono essere mille motivi) e l'ADE è comunque obbligate a valutare il singolo caso

e' tutta una serie di situazioni negative in cui mi sono andato a ficcare e nonostante abbia cercato di rinviare il rogito,sarò costretto a farlo e quindi potrebbe capitarmi appunto di rivendere dopo un mese.
 
Indietro