Pochi Conoscono Bene Questa Azione

pedrito

Nuovo Utente
Registrato
20/4/03
Messaggi
19.750
Punti reazioni
871
Oggi ho cominciato a comperare FIERA DI MILANO SPA (euri 9,22).
- Il Gruppo Fiera di Milano SpA chiuderà l'esercizio (12 mesi) il
prossimo 30 giugno.
- Nel semestre al 31.12.2003 i ricavi sono stai pari ad euri 129
milioni, +73,15% sullo stesso semestre dell'esercizio precedente.
- Risultato operativo (EBIT): +5,7 milioni, contro una perdita di
-4,4 milioni dell'anno scorso.
- Il risultato economico prima della postazione delle imposte è
risultato positivo per 7,9 milioni, valore che si raffronta con una
perdita di 3,8 milioni del semestre al 31.12.2002.
- Sempre a fine semestre, e ciòè al 31.12.2003, la posizione
finanziaria netta risultava positiva per 14,6 milioni.

PREVISIONI UFFICIALI per fine esercizio (al 30.06.2004): ricavi
consolidati almeno pari a 280 milioni di euri (219,1 l'anno scorso);
MOL ((Margine Operativo Lordo) almeno pai a 54 milioni di euri
(35,8 al 30.06.2003), con un incremento, quindi, di un +54,80%.
- Queste sono carte certe e in regola in mano a FIERA DI
MILANO SPA.
- Altre notizie nei prossimi giorni.

Ripeto:pedrito oggi ha cominciato a comperare Fiera di Milano Spa.
 
POCHI CONOSCONO BENE QUESTA AIONE

re: POCHI CONOSCONO BENE QUESTA AZIONE.

Quella testolina verde posta in calce al mio messaggio che
precede non l'ho posta io, nè conosco il suo significato. Del resto
io non so neppure come si fa per farla apparire, come non so
quasi nulla di tutti i cartelli e e servizi che l'Organizzazione offre e
presenta. In questo senso io sono proprio uno sfacelo.
Ho pensato che quanto ho detto ora sia una dichiarzione dovuta.
Cari salui ai miei pochi lettori. pedrito.
 
pedrito continua a comperare "Fiera di Milano"

Ieri, 4 maggio, ho cominciato a comperare Fiera di Milano., ed ho
continuato a farlo oggi.
- Gioved' 14 maggio vedrà la luce le relazione sociale riferibile al
terzo trimestre (31.03.2004) dell' esercizio in corso.
- Essa, oltre alle poste economiche positive di periodo,
confermerà anche le molto lusinghiere previsioni attinenti
all' intero esercizio stesso, che chiuderà il prossimo 30 giugno.
 
PEDRITO CONTINUA A COMPERARE "FIERA DI MILANO"

Più che la quotazione può la quantità di titoli scambiati a fare la
differenza, non soltanto per quanto concerne i numeri, ma anche
e soprattutto per quanto riguarda il senso orientativo che
potrebbe osservare la quotazione del titolo stesso.
- Ultimi prezzi della seduta odierna: 9,29, dopo aver toccato vari
minimi a 9,14 e vari massimi a 9,30. Prezzo di riferimento odierno
9,258 (+0,34%).
- Volume di azioni trattato: 49'610 contro 8'212 di ieri. Si tratta
di una quantità di azioni pari ad oltre 6 volte quella registrata ieri.
Come mai ? Consultando per un istante il diagramma odierno
appare chiaramente che l' "impennata" del prezzo abbia avuto
inizio nel primo pomeriggio, subito dopo l'ora di aperura delle
banche.
- Ben si sa, esperienza insegna, che quando un titolo comincia
a muoversi, i primi a venderlo sono coloro che sono stanchi,
nauseati di tenerlo da troppo tempo, o -come si dice in gergo-
stanchi di "fare la balia al titolo".
- E' difficilissimo calcolare anche solo più o meno quanti titoli
potrebbero essere nelle mani di queste persone, e meno ancora
possiamo ipotizzare a quali quotazioni siano esse disposte a
cederli; anzi, spesso, non lo sanno neppure loro.
Ma fra costoro operano anche molti che fann borsa alla giornata,

di minuto in minuto; quelli, insomma, che un tempo erano chiamati "panino e listino". Pronti a discutere perchè un quarto
d'ora prima, o il giorno dopo, un titolo aveva perso o guadagnato
un 2 o un 3 percento, senza, ovviamente, volgere per un solo
istante la propria mente alla sostanza della azienda, rappresentata in Borsa da quel titolo, nè alle sue prospettive. Ma,
sappiamo, si tratta di scelte di metodo, ed è giusto che sia cosi'.
E meno male -diciamolo subito- che ci sono costoro, sennò quanta
gente non potrebbe fare un po' di quattrini in più.
- Ho già detto, in messaggi precedenti, che il prossimo 14
maggio conosceremo i positivi risultati economici del terzo
trimestre dell' esercizio in corso e -credo- contemporaneamente
anche gli altrettanto positivi dati della gestione relaiva ai primi 9 mesi (1 luglio 2003 - 31 marzo 2004) dell'esercizio corrente.
 
Piergiacomo Ferrari, a.d. di Fiera Mi, ha venduto tra il 5 e il 27
aprile scorsi 48.700 (0,146% del capitale) azioni della societa'',
rivenienti dal piano di stock option, ad un prezzo unitario compreso tra
8,908698 e 9,133106 euro per un controvalore complessivo di 440.282,72
euro.
 
Grazie molte e sincere, Signor Carpediem80, dell'informazione. Se
quel signore avesse potuto aspettare ancora un po', avrebbe
certamente ricavato di più. Però è pure vero che ognuno di noi
ha i propri problemi da risolvere, compreso quello, ovviamente,
di non attendere per effettuare la vendita.
Ancora grazie sincere Sigor Carpediem80, e la mia infinita stima.
pedrito.
 
Ma a 9,8€ cosa compri?

Ogni analisi DEVE tenere conto della capitalizzazione di borsa, altrimenti è assolutamente inutile parlare di fatturati e utili.

Per completezza.
 
Analisi gestionale aziendale, analisi di borsa o entrambe?

Signor Fedone, ah! quanti ricordi di liceo mi ricorda il "capolavoro"
di Aristocle che porta il Suo nome. - Ma veniamo a cose meno
trascendentali. L'analisi.
- Quanto ad analisi, nell'aspetto che io penso che Lei voglia
intendere, ha certamente ragione. Le dirò, però, che le poste
economiche che io ho dato non hanno mai avuto la pretesa di
essere definite una completa analisi. Sono dati riportati come
quando tra amici ci si chiede quant'è stato il fatturato o l'utile di
tale o tal'altra società.
- Però va tenuto conto anche che una cosa è l'analisi specifica
di un bilancio, un'altra cosa, invece e diversa, è una relazione
economica "incrociata" con dei dati borsistici e le conseguenti
comparazioni con altre società operanti nello stesso settore, e
quindi delle rispettive capitalizzazioni, etc. etc.
- Ma non si è mai chiesto perchè tutte le analisi che lei avrà
letto, forse solo poche riportavano la capitalizzazione. Non
sarebbe possibile che ogni volta che qualcuno riporta dei dati
riportasse sempre legata anche questa capitalizzazione.
Non Le pare ?
- Se avrò tempo (le mie attività le svolgo durante 14 ore al
giorno), preparerò una analisi completa, magari di una società
che penso dovrà fare furori in borsa, la preparerò -Le dicevo- pur
sapendo che essa si dilungherà per varie pagine.
Non me ne voglia Sinor Fedone se la mia risposta, forse, non è
stata quella delle Sue aspettative; ma so che Lei apprezzerà
molto questo mio sincero atteggiamento.
- Coi migliori saluti i migliori auguri. pedrito.
 
Scritto da pedrito
Grazie molte e sincere, Signor Carpediem80, dell'informazione. Se
quel signore avesse potuto aspettare ancora un po', avrebbe
certamente ricavato di più. Però è pure vero che ognuno di noi
ha i propri problemi da risolvere, compreso quello, ovviamente,
di non attendere per effettuare la vendita.
Ancora grazie sincere Sigor Carpediem80, e la mia infinita stima.
pedrito.


prego
 
sono indeciso su cosa fare delle azioni che ho in carico a 8.90 circa...voi cosa dite.....????
 

Allegati

  • screenhunter_001.jpg
    screenhunter_001.jpg
    26,2 KB · Visite: 2.430
l'indecisione in borsa non è un insolubilia

Signor johnbs:
Nella lista delle cose che l'uomo sa risolvere in modo adeguato
alle necessità e ai desideri del momento non c'è la Borsa. pedrito.

Ma mi permetta: Le pare adeguato rischiare di più di quanto uno
si limita a guadagnare ?
 
Scritto da johnbs
sono indeciso su cosa fare delle azioni che ho in carico a 8.90 circa...voi cosa dite.....????

Io attenderei il test del supporto dinamico che transita appena sopra a 8,90
Il titolo mi pare difensivo....dovrebbe sopportare bene eventuali cali dell'indice.

:)
 
Rastrellamento in corso? Io penserei di si'.

Uno dei fattori che -secondo me- confermano un rastrellamento
in corso, è costituito dal fatto che la stragrande maggioranza
degli ordini di acquisto avviene per lotti di 250 azioni o multipli.
Infatti, continuano ad apparire sul video soprattutto lotti di tali
quantità; ed i compratori lo farebbero per costituire a posteriori
rotonde quantità, almeno mentalmente, programmate
- Si tratta d'uno dei principi (secondari?) psicologici. Nel nostro
caso, pur di raggiungere il fine, non si va tanto per il sottile; la
nostra mente calcola quali e quanti lotti occorrono per ottenere
il risultato da noi voluto. Poi, se raggiunto, ci compiaciamo.
- Le quantità che appaiono sullo schermo, perciò, sono nella
loro maggioranza di ordini di acquisto di 250, 500, 750, 1000
azioni. Quest'ultima quantità fa già sorgere dei sospetti.

- In contrapposizione a queste proiezioni quantitative va notata
una imperante sciolta ed eterogenea quantità dei singoli ordini
di vendita: 200, 176, 275, 150, etc.
- Acquisti di 1000 o multipli, darebbero troppo nell'occhio, e gli
eventuali venditori, visto l'interesse (quantitativo) sul titolo, forse
ritirerebbero gli ordini di vendita o, quanto meno, assisteremmo
a minori piazzamenti per quest'ultimo tipo di ordini.
- Di qui, quindi, anche l'accortezza di passare ordini, per
esempio, di 266 + 234 pezzi, per formare un lotto di 500. Cosa,
questa che, a ben vedere, il mercato non sta mettendo in atto.
- Inoltre, va notato che gli acquisti sono molto "intelligenti"
nella loro ridotta quantità. Ciò dipende dalla ridotta offerta.
- Venerdi' prossimo, 14 maggio, si riunirà il CdA per presentare
la seconda relazione trimestrale al 31.03.2004, e, con molta
probabilità, anche le poste contabili dei primi 9 mesi della gestione
in corso, gestione che -come si sa- chiude dopo la Fiera di Milano,
cioè il 30 giugno prossimo.
 
"due quesiti" postimi

Signor johnbs:
- Mi avvedo soltanto in questo momento della Sua stimata
domanda-
- Allora, primo: operare in borsa non è -secondo me- una
necessità.
- Poi, secondo: se una persona -per l'appunto fattomi- cerca
di guadagnare meno di quanto rischia, secondo me, non dovrebbe
operare.
- Devo aggiungere che in borsa, mentre può essere limitato
il guadagno desiderato, il rischio (non la perdita) è illimitato.

- Signor johnbs, a Lei una forte stretta di mano e la mia
stima. pedrito
 
Scritto da carpediem80
Piergiacomo Ferrari, a.d. di Fiera Mi, ha venduto tra il 5 e il 27
aprile scorsi 48.700 (0,146% del capitale) azioni della societa'',
rivenienti dal piano di stock option, ad un prezzo unitario compreso tra
8,908698 e 9,133106 euro per un controvalore complessivo di 440.282,72
euro.

mille le ha date a me!!!!!!!!

avessi saputo che erano le sue forse non le avrei prese.
X ora è andata bene uguale.

smack, mary. OK!
 
La Fiera delle meraviglie

Domenica scorsa, 9 maggio, ha chiuso i battenti la 34a. edizione
del MIDO (Mostra Internazionale Degli Occhiali), tenutasi presso
la FIERA DI MILANO.

L'incremento dello sviluppo, rispetto all'anno scorso, è stato di
un +46%.

Ho già detto in precedenza che venerdi' prossimo conosceremo
i miglioramenti economici registrati nel semestre 1-01/31-03-2004
nonchè, con ogni probabilità, quelli relativi ai primi 9 mesi
dell'esercizio in corso. L'esercizio, ripeto anche oggi, chiude ogni
anno al 30 giugno, cioè dopo la chiusura della FIERA DI MILANO.
 
Alla Fiera delle Meraviglie

- Per l'intero esercizio al 30.06.2004 le previsioni ufficiali degli
amministratori sociali sono per un MOL (Margine Operativo Lordo)
di circa 54 milioni di euri, contro 35,788 milioni realizzati durante
l'esercizio precedente. Si tratta d'un incremento di un +50,9%.
- Se questo tasso di crescita dovesse riflettersi tale e quale sul
risultato operativo, cosi' come sull'utile prima delle imposte, non
potremmo negare di trovarci proprio in presenza d'una Fiera delle
meraviglie.
- Dopodomani si riunirà il CdA per riferire sulla gestione del
trimestre 01.01.2004-31.03.2004, e forse anche sull'andamento
dei primi 9 mesi dell' esercizio che chiuderà il prossimo 30 giugno.
- Per una quotazione in miglioramento ed un suo graduale
prosieguo positivo, avrà influenza rilevante, tra le cause e
concause, anche l'indice della Borsa milanese, come pure gli
indici delle borse straniere più significative. Ma questo non era
necessario dirlo.
 
Alla FIERA DELLE MERAVIGLIE

Con la lettera d'intenti siglata oggi tra Fiera di Milano Spa e
l' Unione del Commercio di Milano concernente la potenziale
cessione del 51% di ExpoCts, si materializzerà la tredicesima
partecipazione diretta detenuta da Fiera di Milano Spa.

- In questi giorni, nel frattempo, si sta svolgendo sotto ottimi
auspici, ovviamente in Fiera, la Fiera Internazionale d' Arte
moderna e Contemporanea (MIART), la quale chiuderà i battenti domenica prossima 16 maggio, con la contemporanea chiusura
anche della Milano Internazionale Antiquariato.
- Il 26 maggio, invece, verranno inaugurate, sempre ovviamente
negli spazi di Fiera di Milano, le aperture della SASMIL e XYLEXPO
e il 28 di questo stesso mese, le CHIBIDUE e CHIBIMART-AFFARI
D'ESTATE.
- Successivamente, nel mese di giugno, ci saranno altre sei
esposizioni. Esposizioni che, dopo la pausa estiva, riprenderanno
il 3 settembre con MACEF AUTUNNO-BIJOUX e 8 settembre con
MODA IN - Tessuto & Accessari, per seguire fino a fine dicembre
con una ulteriore trentina di altre esposizioni.
- Insomma, un calendario fitto che...più fitto non si può.
 
Sapr dare il peso giusto alla notizia? E' difficile.

- Conoscere una notizia anche inportante in borsa non basta.
Anzi, ciò potrebbe rivelarsi controproducente. E' molto, ma molto
più importante saper calcolare il suo peso nel contesto del
perimetro in cui la notizia si muove e, successivamente, assegnare
alla stessa un equo coefficiente nell'universalità contabile della
azienda, tanto nelle poste specifiche patrimoniali, quanto in quelle
chiamate alla formazione del conto perdite e profitti, e, quindi, con
vista finale all'avanzo o al disavanzo economici.
- Se non si ha cura di osservare queste cosettine, con la
conseguenza di assegnare un peso errato alla notizia, le
conclusioni potrebbero rivelarsi molto amare. Gli esempi sono
all' ordine di ogni giorno, cosi' come lo sono pure le delusioni,
almeno per coloro che credono in un fulminante incremento della
quotazione d'un titolo, per l'appunto, oggetto d'una notizia,
diretta o indiretta che sia, senza averne soppesato la reale
influenza sul tutto.
 
Indietro