polize vita & rendite

Red.Art

Nuovo Utente
Registrato
6/8/00
Messaggi
22
Punti reazioni
0
immaginiamo di aver raggiunto un capitale di cifra tonda 10.000 euro alla scadenza di una poliza vita , alle condizioni attuali quanto sarebbe le rendita vitalizia per persone di eta' 30,40,50,60 anni.

la mia e' una domanda teorica , non ditemi di andare a leggere sul contratto che non ho , mi serve solo per avere un idea di quanto possa essere una rendita per le varie fascie di eta'

grazie
 
Un capitale di 10.000 euro??

























DM

:D:D:D
 
Scritto da percefal
Un capitale di 10.000 euro??
DM
:D:D:D

:D

capisco che con 10000 la rendita sara' ridicola , ma e' solo un esempio tanto per capire il funzionamento di queste rendite
Non essendo un esperto penso che raggiunto il capitale X la compagnia riconosca all'assicurato un rendita in pratica composta da una specie di cedola con in aggiunta una fettina di capitale in proporzione all'eta'.
 
Scritto da Red.Art
:D

capisco che con 10000 la rendita sara' ridicola , ma e' solo un esempio tanto per capire il funzionamento di queste rendite
Non essendo un esperto penso che raggiunto il capitale X la compagnia riconosca all'assicurato un rendita in pratica composta da una specie di cedola con in aggiunta una fettina di capitale in proporzione all'eta'.


Non proprio.
LA compagnia applica dei coefficienti di conversione di un capitale in rendita stabilite alla conclusione del contratto, per le polizze "vecchio stampo".

Questi coefficienti sono calcolati, chiaramente, in base all'attesa di vita residua, per cui non ha senso parlare di cedola o quota capitale.
 
Scritto da percefal
Non proprio.
LA compagnia applica dei coefficienti di conversione di un capitale in rendita stabilite alla conclusione del contratto, per le polizze "vecchio stampo".

Questi coefficienti sono calcolati, chiaramente, in base all'attesa di vita residua, per cui non ha senso parlare di cedola o quota capitale.

ho premesso , che non sono esperto di polizze , che la poliza non esiste altrimenti andrei dall'assicuratore a chiede quanto sarebbe la rendita ;)
parlo di "specie" di cedola e "fettina" di capitale perche' se la compagnia incamera il capitale ovviamente mi dovra' riconoscere una rendita maggiore di quanto sarebbe se il capitale rimanesse mio
ma questo e' un altro discorso....

parliamo di coefficienti allora , in questo caso sempre un capitale di 10000 alle condizioni di polize attuali quanta rendita darebbe nelle diverse fascie di eta' ?
 
Scritto da Red.Art
ho premesso , che non sono esperto di polizze , che la poliza non esiste altrimenti andrei dall'assicuratore a chiede quanto sarebbe la rendita ;)
parlo di "specie" di cedola e "fettina" di capitale perche' se la compagnia incamera il capitale ovviamente mi dovra' riconoscere una rendita maggiore di quanto sarebbe se il capitale rimanesse mio
ma questo e' un altro discorso....

parliamo di coefficienti allora , in questo caso sempre un capitale di 10000 alle condizioni di polize attuali quanta rendita darebbe nelle diverse fascie di eta' ?


Ri-non proprio. :D
Il capitale è di molto maggiore rispetto a qanto sarebbe se il capitale rimanesse tuo, per il semplice fatto che il tuo capitale prima o poi si azzera, mentre l'assicurazione paga fino a quando campi.

Certo, se poi crepi al decimo anno è tutto un'altro paio di maniche... ma a quel punto, 'na volta che sei crepato, che te ne fai dei soldi? :D:D:D:D:D




A parte gli scherzi, sinceramente mi sarei aspettato qualche altro intervento, visto che qua tutti sono bravi a criticare...:rolleyes:

Ma tant'é...


Un premio unico di 10.000 euro versati oggi assicurerebbe una rendita vitalizia rivalutabile di anno in anno pari a:

€ 328.39 per un maschio trentenne;
€ 368.85 per un maschio quarantenne;
€ 429.31 per un maschio cinquantenne;
€ 551.04 per un maschio sessantenne.
 
Scritto da percefal

Un premio unico di 10.000 euro versati oggi assicurerebbe una rendita vitalizia rivalutabile di anno in anno pari a:

€ 328.39 per un maschio trentenne;
€ 368.85 per un maschio quarantenne;
€ 429.31 per un maschio cinquantenne;
€ 551.04 per un maschio sessantenne.

pensavo di piu' :D

in caso di + il capitale non si eredita ?

comunque adesso conosco qualche cifra , per farsi una rendida minima occorre una cifra enorme :(
 
Scritto da Red.Art
pensavo di piu' :D

in caso di + il capitale non si eredita ?

comunque adesso conosco qualche cifra , per farsi una rendida minima occorre una cifra enorme :(


Te l'ho detto che con 10000 euro DM (Devi Morire)!!! :D:D:D:D:D:D:D:D


Dipende.
La rendita può essere resa reversibile su una "seconda testa", ma in tal caso, ovviamente, l'importo viene ridotto.

E' vero che per farsi una rendita minima occorre una cifra enorme, è altrettanto vero che per farsela, la rendita, non si può pensare di "comprare" una rendita immediata, ma è preferibile costruirsela nel tempo.

Ad esempio un maschio trentenne che volesse a 65 anni avere un integrativo di 500 euro al mese dovebbe versare per 35 anni 2000 euro all'anno (non rivalutabili, quindi i 500 euro sarebber oin soldi di oggi).
 
Scritto da percefal
Te l'ho detto che con 10000 euro DM (Devi Morire)!!! :D:D:D:D:D:D:D:D

allora prima di DM faccio LS (li Spendo) :D

none' che pensavo di comprare una rendita immediata , era per avere un idea delle cifre

in pratica verso 35x2000=70000 , per averne 6000 annui fra 35 anni.

se ho capito bene ogni anno verso 2000 che con il passare del tempo diminuiscono di valore (i versamenti) , il capitale si accumula e cresce
ed alla fine ottengo 6000 euro annui che pero' fra 35 anni varrano ben poco :(
 
Scritto da Red.Art
allora prima di DM faccio LS (li Spendo) :D

none' che pensavo di comprare una rendita immediata , era per avere un idea delle cifre

in pratica verso 35x2000=70000 , per averne 6000 annui fra 35 anni.

se ho capito bene ogni anno verso 2000 che con il passare del tempo diminuiscono di valore (i versamenti) , il capitale si accumula e cresce
ed alla fine ottengo 6000 euro annui che pero' fra 35 anni varrano ben poco :(



Esattamente.
A meno che non opti per versamenti rivalutabili: in tal caso la rendita garantita è sempre di 6000 euro, ma in soldi di oggi.
 
Il problema della pensione purtroppo è un problema serio.
E non si risolve con dieci minuti di "accademia" in un forum di finanza.

Sono molte le variabili da tenere in considerazione: prorpria cassa previdenziale e propensione al rischio ed al rispamrio in primis.
 
Scritto da percefal
Esattamente.
A meno che non opti per versamenti rivalutabili: in tal caso la rendita garantita è sempre di 6000 euro, ma in soldi di oggi.

e i versamenti aumentano........... :(

un ultima domanda poi non rompo piu' :D

parli di rendita immediata , esistono polizze dove e' possibile fare un solo versamento ed avere una rendita subito ?
se si quali compagnie le offrono
ed i rendimenti sono quelli ipotizzati prima:
con il solito :D premio da 10000
€ 328.39 per un maschio trentenne;
€ 368.85 per un maschio quarantenne;
€ 429.31 per un maschio cinquantenne;
€ 551.04 per un maschio sessantenne.

e la rivalutazione da cosa dipende ?

tanto per fare un paragone ASSURDO se prendo un BTP 2034 ho una cedola di 450 netti fissi , cifra non molto lontana da quelle delle rendite.
 
Scritto da Red.Art
e i versamenti aumentano........... :(

un ultima domanda poi non rompo piu' :D

parli di rendita immediata , esistono polizze dove e' possibile fare un solo versamento ed avere una rendita subito ?
se si quali compagnie le offrono
ed i rendimenti sono quelli ipotizzati prima:
con il solito :D premio da 10000
€ 328.39 per un maschio trentenne;
€ 368.85 per un maschio quarantenne;
€ 429.31 per un maschio cinquantenne;
€ 551.04 per un maschio sessantenne.

e la rivalutazione da cosa dipende ?

tanto per fare un paragone ASSURDO se prendo un BTP 2034 ho una cedola di 450 netti fissi , cifra non molto lontana da quelle delle rendite.


Lontanissimo invece!

Anche perché devi togliere i costi del dossier titoli, e soprattutto perché dal 2034 poi che fai? ;)


Quelle esposte non sono ipotesi, ma sono realtà.
Almeno nella società dove lavoro, Rasbank.


I soldi finiscono in una gestione separata (nel nostro caso il Vitariv) che investe prevalentemenete in titoli di stato a lunga scadenza.
Caratteristica: una rivalutazione minima garantita, in questo momento fissata al 2.5% (chiaramente lordo).
 
Scritto da percefal
Lontanissimo invece!
Anche perché devi togliere i costi del dossier titoli, e soprattutto perché dal 2034 poi che fai? ;)

metto la dentiera e vado in banca a rititare il capitale :D

a parte gli scherzi , non sapevo che esistessero queste polizze immediate.

il paragone e' assurdo e lontanissimo , pero' se si considera che il capitale del btp alla scadenza varra' ben poco e invece la rendita aumenta costantemente , potrebbe essere interessante anche come investimento (non pensionistico).

avendo un piccolo capitale di partenza si potrebbe riinvestire la rendita in un altra polizza da 30/35 anni (magari di un altra compagnia x diversificare) ed alla scadenza ricevere 2 rendite :D

grazie x le info ora scappo (vado a spendere i 10.000 :D :D)
 
e nell'attesa delle rendite
un paio di strutturati bancoposta e qualche index linked
tanto per aumentare le commissioni :rolleyes:
 
Scritto da Weaver
e nell'attesa delle rendite
un paio di strutturati bancoposta e qualche index linked
tanto per aumentare le commissioni :rolleyes:
:D :D :D :D :D :D :D :D :D :D :D :D
...........cattivo, ma ci stava................
 
..e poi se il BTP causa costi per dossier titoli, le polizze hanno costi ben maggiori di caricamento no, o sbaglio? Anche se verso un'capitale per la rendita vitalizia la compagnia si tiene...quanto? il 2% il 3%?? o di più? Queste non sono spese che incideranno sulla rendita finale?
Sulla rendita vitalizia immediata poi non ci sarà anche la ritenuta del 12,5% oppure è esente??
ser
 
ho affossato questo tread con la mia battuta :D

certo che versare 2000 euro x 35 anni ad una compagnia che compra btp al posto nostro

apro in conto ci verso 2000 euro annui , ogni 6 mesi compro un bpt (1000) in modo da mediare i prezzi , dopo 6 mesi iniziano da arrivare le prime cedole che appena possibile riinvesto.
dopo 35 anni arrivo ad avere un bel capitale e la rendita delle cedole.


:)
 
Decaduto il risparmio fiscale, che senso ha pagare laute provvigioni per la gestione di BTP trentennali?
Certo sono soldi blindati nel senso che non li puoi proprio spendere se non a costo di pesanti penali, almeno nel primo decennio.
Sono polizze valide solo se hai un'attesa di vita ultracentenaria, diversamente farai un regalo all'assicuratore.
Opinione personalissima in attesa di smentita.
 
Indietro