Polonia, arcivescovo Nowak: “Le migrazioni non sono un arricchimento”

idi-v-jopu

Nuovo Utente
Sospeso dallo Staff
Registrato
24/7/11
Messaggi
15.137
Punti reazioni
286
Polonia, arcivescovo Nowak: “Le migrazioni non sono un arricchimento”

martedì 9 aprile, 2019




L’arcivescovo polacco monsignor Stanislaw Nowak, attraverso un’intervista rilasciata al sito di informazione cattolica “La Fede Quotidiana” ha tuonato fortemente contro i migranti e le migrazioni.


L’ottantatreenne vescovo emerito di Czestochowa (famosa città che a Jasna Góra conserva un’icona mariana molto venerata dai polacchi) ha spiegato che i migranti e le migrazioni “non sono un arricchimento e tanto meno una risorsa“.



Per monsignor Nowak, “una cosa è il piano morale e religioso, l’altro quello politico che riguarda lo Stato”. Secondo l’alto prelato lo stato deve gestire il fenomeno, “deve tener conto della volontà dei cittadini”, che generalmente “non sono d’accordo con una indiscriminata politica migratoria“.




Dopo aver ricordato che il Catechismo della Chiesa cattolica insegna che la carità “va fatta nei limiti delle proprie possibilità e nessuno è tenuto ad andare oltre” perchè “finiremmo per stare male tutti”, l’arcivescovo polacco ha sfidato la politica sul terreno della saggezza. “Un governante saggio pensi prima di tutto ai poveri di casa sua, e dopo a chi viene da fuori“.



Il numero 2241 del Catechismo, voluto da San Giovanni Paolo II, spiega infatti che “le nazioni più ricche sono tenute ad accogliere, nella misura del possibile” e che le autorità politiche, “in vista del bene comune, di cui sono responsabili, possono subordinare l’esercizio del diritto di immigrazione a diverse condizioni giuridiche“.





Inoltre il testo aggiunge che l’immigrato “è tenuto a rispettare con riconoscenza il patrimonio materiale e spirituale del paese che lo ospita, ad obbedire alle sue leggi, a contribuire ai suoi oneri“.


Da pastore della Chiesa Cattolica Nowak ha introdotto nelle sue riflessioni un ulteriore elemento che spesso viene sottovalutato anche dai politici ostili ai flussi migratori, vale a dire “il dovere di proteggere e difendere le nostre origini cristiane, le tradizioni e la cultura da una pericolosa visione di fratellanza universale“.


Per l’arcivescovo “i confini di una nazione vanno rispettati alla pari della sua sovranità”.


Nei giorni scorsi anche un altissimo prelato della Chiesa Cattolica si era espresso sulla tematica, riflettendo in particolare sui rischi dell’islamismo.


Il cardinale africano Robert Sarah, prefetto vaticano della Congregazione per il culto divino e la disciplina dei sacramenti, presentando il suo ultimo libro (scritto con Nicolas Diat), non ancora tradotto in italiano, dal titolo “Le soir approche et déjà le jour baisse” (edizioni Fayard) ha spiegato che “i musulmani disprezzano l’ateo Occidente.



Si rifugiano nell’islamismo come un rifiuto della società dei consumi che viene offerta loro come religione. Può l’Occidente presentare loro la Fede in modo chiaro? Per questo dovrà riscoprire le sue radici e identità cristiane“.


Il cardinale della Guinea ha ricordato che per i Paesi del terzo mondo, l’Occidente è “un paradiso perché governato dal liberalismo commerciale. Ciò incoraggia il flusso di migranti, così tragico per l’identità dei popoli. Un Occidente che nega la sua fede, la sua storia, le sue radici e la sua identità è destinato al disprezzo, alla morte e alla scomparsa“.
 
Intanto ... 1 milione di Ucraini in Polonia, negli ultimi anni ... aiuta l'economia Polacca

In Polonia non vogliono i migranti arabi/mussulmani .. ma i cugini Ucraini sono benvenuti
 
Intanto ... 1 milione di Ucraini in Polonia, negli ultimi anni ... aiuta l'economia Polacca

In Polonia non vogliono i migranti arabi/mussulmani .. ma i cugini Ucraini sono benvenuti

dov'è lo scandalo ?........io aiuto solo chi è bello e simpatico, chi è brutto e cattivo non l'aiuto ...e allora ?, quale legge m'impone di aiutare tutte le fetenzie del mondo ?. me lo ha ordinato il dottore ?,......in quale bibbia sta scritto ?, state rompendo la menkia anche alle pietre.
 
Intanto ... 1 milione di Ucraini in Polonia, negli ultimi anni ... aiuta l'economia Polacca

In Polonia non vogliono i migranti arabi/mussulmani .. ma i cugini Ucraini sono benvenuti

che razza dii ragionamento...secondovoi terzomondisti dovremmo aiutare tutti indiscriminatamente....ma dai su aiutateli voi con i vs soldi e non rompete più
 
Polonia, arcivescovo Nowak: “Le migrazioni non sono un arricchimento”

martedì 9 aprile, 2019




L’arcivescovo polacco monsignor Stanislaw Nowak, attraverso un’intervista rilasciata al sito di informazione cattolica “La Fede Quotidiana” ha tuonato fortemente contro i migranti e le migrazioni.


L’ottantatreenne vescovo emerito di Czestochowa (famosa città che a Jasna Góra conserva un’icona mariana molto venerata dai polacchi) ha spiegato che i migranti e le migrazioni “non sono un arricchimento e tanto meno una risorsa“.



Per monsignor Nowak, “una cosa è il piano morale e religioso, l’altro quello politico che riguarda lo Stato”. Secondo l’alto prelato lo stato deve gestire il fenomeno, “deve tener conto della volontà dei cittadini”, che generalmente “non sono d’accordo con una indiscriminata politica migratoria“.




Dopo aver ricordato che il Catechismo della Chiesa cattolica insegna che la carità “va fatta nei limiti delle proprie possibilità e nessuno è tenuto ad andare oltre” perchè “finiremmo per stare male tutti”, l’arcivescovo polacco ha sfidato la politica sul terreno della saggezza. “Un governante saggio pensi prima di tutto ai poveri di casa sua, e dopo a chi viene da fuori“.



Il numero 2241 del Catechismo, voluto da San Giovanni Paolo II, spiega infatti che “le nazioni più ricche sono tenute ad accogliere, nella misura del possibile” e che le autorità politiche, “in vista del bene comune, di cui sono responsabili, possono subordinare l’esercizio del diritto di immigrazione a diverse condizioni giuridiche“.





Inoltre il testo aggiunge che l’immigrato “è tenuto a rispettare con riconoscenza il patrimonio materiale e spirituale del paese che lo ospita, ad obbedire alle sue leggi, a contribuire ai suoi oneri“.


Da pastore della Chiesa Cattolica Nowak ha introdotto nelle sue riflessioni un ulteriore elemento che spesso viene sottovalutato anche dai politici ostili ai flussi migratori, vale a dire “il dovere di proteggere e difendere le nostre origini cristiane, le tradizioni e la cultura da una pericolosa visione di fratellanza universale“.


Per l’arcivescovo “i confini di una nazione vanno rispettati alla pari della sua sovranità”.


Nei giorni scorsi anche un altissimo prelato della Chiesa Cattolica si era espresso sulla tematica, riflettendo in particolare sui rischi dell’islamismo.


Il cardinale africano Robert Sarah, prefetto vaticano della Congregazione per il culto divino e la disciplina dei sacramenti, presentando il suo ultimo libro (scritto con Nicolas Diat), non ancora tradotto in italiano, dal titolo “Le soir approche et déjà le jour baisse” (edizioni Fayard) ha spiegato che “i musulmani disprezzano l’ateo Occidente.



Si rifugiano nell’islamismo come un rifiuto della società dei consumi che viene offerta loro come religione. Può l’Occidente presentare loro la Fede in modo chiaro? Per questo dovrà riscoprire le sue radici e identità cristiane“.


Il cardinale della Guinea ha ricordato che per i Paesi del terzo mondo, l’Occidente è “un paradiso perché governato dal liberalismo commerciale. Ciò incoraggia il flusso di migranti, così tragico per l’identità dei popoli. Un Occidente che nega la sua fede, la sua storia, le sue radici e la sua identità è destinato al disprezzo, alla morte e alla scomparsa“.

semplice buonsenso...

che quando si scontro contro ideologia fanatica e business purtroppo perde.
 
L'affrika e gli affrigani hanno una sola opzione.... NON DEVONO ROMPERE LE PELOTAS all'Europa.
Noi europei, con molta generosità e magnanimità l'occasione gliela abbiamo data ben due volte.... Con l'Impero Romano e con le Colonie.... Nel primo caso, zitti e buoni, gli imbelli africani si fecero inglobare, senza fiatare, dagli invasori arabo muzzurmani che se li sono sfruttati e venduti come schiavi a tutto spiano. Nel secondo caso invece gli incapaci e scansafatiche africani, sobillati dai comunisti sinistrati che gli appoggiarono tutti i loro feroci movimenti di liberazione di stampo marxista, ritennero di doversi ribellare agli europei. Pertanto.... hanno voluto la biciclettina (per poi scoprire che non la sanno aggiustare)..... e adesso che AGGODANO appieno di libertà e autodeterminazione, miseria e fame. Agli scansafatiche africani gli va di chiappa che tutti gli organismi internazionali tipo ONU, FAO, UNHRC, UNICEF, EU con corollario di ONG umanitarie, sono inzeppate da terzomondisti ideologicamente depravati che buttano inutilmente fiumi di soldi pubblici dalla finestra in inutili e controproducenti aiuti umanitari. Gli incapaci africani, invece di aspettare la manna dal cielo, invece di pretendere come ormai fosse un loro "diritto" la elemosina degli immancabili aiuti umanitari da parte degli Occidentali, si rimboccassero le maniche, così come hanno fatto per secoli gli europei che con sacrifici e fatica hanno sempre lottato per migliori condizioni di vita, per diritti e dignità. Ovvio che la parola dignità per gli africani sia un concetto sconosciuto, ma appunto la Chiesa con i suoi preti missionari, provassero a spiegargliela invece di prodigarsi per far emigrare sempre più ****** da accogliere qui da noi e già che ci stanno provassero anche a spiegargli che figliare come nutrie decine di figli da abbandonare per strada o da mettere sulle spalle degli altri non è una cosa cristiana e non si avvicina nemmeno lontanamente alla famosa "umanità" che i catto/sinistrati sbandierano sempre quando vogliono difendere e giustificare le loro patologiche foie immigrazioniste.
 
dov'è lo scandalo ?........io aiuto solo chi è bello e simpatico, chi è brutto e cattivo non l'aiuto ...e allora ?, quale legge m'impone di aiutare tutte le fetenzie del mondo ?. me lo ha ordinato il dottore ?,......in quale bibbia sta scritto ?, state rompendo la menkia anche alle pietre.

Nessuno scandalo .. nessun rimprovero a quello che fanno in Polona

Solo un commento sul titolo
Polonia, arcivescovo Nowak: “Le migrazioni non sono un arricchimento”

Non e' vero che le migrazioni sono un danno ... solo le migrazioni di popoli "non voluti", che fanno o possono fare danni .. ma la migrazione, anche in grosso numero (oltre 1 milione di Ucraini per un paese di 30 milioni non e' poco), di gente che nella maggioranza vuole "lavorare" .. queste migrazioni, in economie che lo permettono ... queste crea arricchimento
 
dov'è lo scandalo ?........io aiuto solo chi è bello e simpatico, chi è brutto e cattivo non l'aiuto ...e allora ?, quale legge m'impone di aiutare tutte le fetenzie del mondo ?. me lo ha ordinato il dottore ?,......in quale bibbia sta scritto ?, state rompendo la menkia anche alle pietre.

Mi hai dato uno spunto per pronunciarmi. Anche fra gli autoctoni esistono belli e brutti, buoni e cattivi, ma santo cielo, per strada vedo dei mostri, piccoli, neri come il fumo, e mi chiedo come si possa sperare di migliorare la razza almeno dal punto di vista estetico.
 
dov'è lo scandalo ?........io aiuto solo chi è bello e simpatico, chi è brutto e cattivo non l'aiuto ...e allora ?, quale legge m'impone di aiutare tutte le fetenzie del mondo ?. me lo ha ordinato il dottore ?,......in quale bibbia sta scritto ?, state rompendo la menkia anche alle pietre.

esatto, la menzogna del "siamo tutti fratelli" non attacca...ci sono persone incompatibili con altre persone.
 
esatto, la menzogna del "siamo tutti fratelli" non attacca...ci sono persone incompatibili con altre persone.

A parte il fatto che dal punto di vista religioso e anche della catechesi cattolica sono solo chi è battezzato cristiano sono miei fratelli, tutti gli altri sono persone umane da rispettare entro i limiti della nostra natura, non sono io a dirlo, ma in subordine da quando fare l'elemosina è un DOVERE?, e da quando riceverla è un DIRITTO ?, sarebbe come se io incontrando tutti barboni per fare un esempio reale a tutti quelli che incontro ai semafori io dovessi pagare per dovere una elemosina !?, in quale codice civile eo penale eo anche religioso sta scritto ?, l' elemosina o l'aiuto morale spirituale nasce dal nostro libero arbitrìo, se mi deve venire imposto stiamo parlando d'altro.
 
Intanto ... 1 milione di Ucraini in Polonia, negli ultimi anni ... aiuta l'economia Polacca

In Polonia non vogliono i migranti arabi/mussulmani .. ma i cugini Ucraini sono benvenuti
sappiamo bene che il problema sono africani e arabi e non certo popoli simili fra loro
io pure non avrei problemi con ucraini e polacchi (a cominciare dalle donne giovani) mentre di analfabeti peggio di me con ancora meno voglia di lavorare non ne servono
 
Dispiace vedere che bisogna andare in Polonia o Guinea per trovare religiosi con un cervello dentro la testa, i nostri di religiosi mi sa che hanno dentro un bel po' di segatura.

Bello vedere che chi ha mantenuto la capacità di ragionare si fa sentire, era ora.
 
Dispiace vedere che bisogna andare in Polonia o Guinea per trovare religiosi con un cervello dentro la testa, i nostri di religiosi mi sa che hanno dentro un bel po' di segatura.

Bello vedere che chi ha mantenuto la capacità di ragionare si fa sentire, era ora.

bisognrebbe avere un po di coraggio e dirlo, il problema della migrazione sono africani /arabi...ovvero tutti i colorati.Troppo diversi dagli europei
Nessuno si opperebbe se in Italia arrivassero gente dal nord...
 
bisognrebbe avere un po di coraggio e dirlo, il problema della migrazione sono africani /arabi...ovvero tutti i colorati.Troppo diversi dagli europei
Nessuno si opperebbe se in Italia arrivassero gente dal nord...
diciamo pure islamici in generale perchè pure colorati da filippine o tailandia non danno fastidio a nessuno
 
Dispiace vedere che bisogna andare in Polonia o Guinea per trovare religiosi con un cervello dentro la testa, i nostri di religiosi mi sa che hanno dentro un bel po' di segatura.

Bello vedere che chi ha mantenuto la capacità di ragionare si fa sentire, era ora.

si chiama 8x1000

1 miliardo di euro che si ritrovano
gentile omaggio di qst stato canaglia
 
bisognrebbe avere un po di coraggio e dirlo, il problema della migrazione sono africani /arabi...ovvero tutti i colorati.Troppo diversi dagli europei
Nessuno si opperebbe se in Italia arrivassero gente dal nord...

il problema è duplice con gli africani oltre che economico è anche culturale, inutile nascondersi dietro un dito, ma anche con un nordico o un sudico se si tratta di prendere per il cxxxlo le persone non ci stò, è solo questione di buon senso non c'entra un quazzo la razza l'etnia, c'entra a quale titolo vieni e t'insedi a casa mia, creando caos e disordini e anche reati a tinchitè e reclamando diritti acquisiti......dove e quando ?
 
Indietro