Portafoglio pigro, consistenza portafoglio e tranquillità (Vol XI)

Linusale

Nuovo Utente
Registrato
3/1/22
Messaggi
370
Punti reazioni
146
come lo vedete l'oro in questo contesto di mercato con tassi in salita, dollaro forte e inflazione mondiale galoppante ?

https://youtu.be/WdBa1siRa7E

Video lungo ma interessante se mastichi un pochino l'inglese, con la partecipazione di un economista che stimo tantissimo, Roubini Nouriel.

Si discute anche di investimenti difensivi in caso di stagflazione e l'oro è tra questi.

Ha ripetuto in diverse interviste questi concetti, inoltro però il più aggiornato che ho trovato su Youtube.

Io sto valutando un cent anche sul bitcoin, ma io odio perdere anche 1 centesimo e sono ancora titubante :D
Soldi che però ho già perso in realtà, avendo acquistato un wallet hardware, ma potrei considerare l’uscita di cassa come spesa per formazione personale :specchio:
 
Ultima modifica:

Albyfenix

Nuovo Utente
Registrato
22/8/22
Messaggi
65
Punti reazioni
11
Ciao sapete se esiste un MSCI world o simile euro hedged? Ho trovato solo IWDE con TER 0,55% e rendimento di molto inferiore a VWCE.
Inoltre perchè alcuni consigliano XGSH su AGGH? Il secondo mi sembra abbia reso un po' meglio, ha -0,15% TER, -0.3 Bid/Ask Spread, fondo più grande, NAV più basso, maggiore diversificazione geografica (a fronte però di una volatilità più alta perchè aggregate). Non è che nonostante il primo abbia sede in Lussemburgo (quindi paga più tasse), alla fine pagando il 12,7% sul capital gain invece di 18,1% di AGGH (secondo Directa) comunque conviene XGSH?
Inoltre non capisco perchè secondo su curvo AGGH ha avuto un picco dopo febbraio, è un errore?
https://backtest.curvo.eu/compare?p...NoIghg5hAWIDTFASQKIAY0CEAimBK2AsgMwCs8AjALo1A
 

Abaddon

lazy FOoLish
Registrato
15/6/18
Messaggi
2.177
Punti reazioni
564
Ciao sapete se esiste un MSCI world o simile euro hedged? Ho trovato solo IWDE con TER 0,55% e rendimento di molto inferiore a VWCE.
Inoltre perchè alcuni consigliano XGSH su AGGH? Il secondo mi sembra abbia reso un po' meglio, ha -0,15% TER, -0.3 Bid/Ask Spread, fondo più grande, NAV più basso, maggiore diversificazione geografica (a fronte però di una volatilità più alta perchè aggregate). Non è che nonostante il primo abbia sede in Lussemburgo (quindi paga più tasse), alla fine pagando il 12,7% sul capital gain invece di 18,1% di AGGH (secondo Directa) comunque conviene XGSH?
Inoltre non capisco perchè secondo su curvo AGGH ha avuto un picco dopo febbraio, è un errore?
https://backtest.curvo.eu/compare?p...NoIghg5hAWIDTFASQKIAY0CEAimBK2AsgMwCs8AjALo1A


Ciao,
provo a rispondere con ordine, da cellulare per cui perdona eventuali errori.
Per la prima domanda ti consiglio justetf, ricerca etf e poi metti un filtro su etf azioni, regione globale ed in fondo trovi copertura cambio, o qualcosa del genere, e poi lì dentro scegli euro coperto.

In tanti consigliano XGSH perché molti portafogli pigri prevedono titoli di stato e non obbligazioni corporate perché in teoria dovrebbero essere più sicuri e resistere meglio durante i crolli. Poi ognuno ha le sue idee. Io per esempio prediligo gli aggregate.

Che io sappia, la sede per gli etf obbligazionari non ha importanza in quanto la doppia tassazione è sui dividendi esteri e non sulle cedole.

Le tassazioni sui capital gain che tu menzioni sono differenti perché la tassazione dei titoli di stato in white list è al 12,5%, mentre quella sulle obbligazioni corporate, presenti in AGGH e non in XGSH, è al 26%.

Infine quel picco credo che sia un errore, ma comunque non ho approfondito. Su justetf non mi pare che ci sia nulla di simile...
 

biopresto68

Nuovo Utente
Registrato
25/8/17
Messaggi
372
Punti reazioni
27
https://youtu.be/WdBa1siRa7E

Video lungo ma interessante se mastichi un pochino l'inglese, con la partecipazione di un economista che stimo tantissimo, Roubini Nouriel.

Si discute anche di investimenti difensivi in caso di stagflazione e l'oro è tra questi.

Ha ripetuto in diverse interviste questi concetti, inoltro però il più aggiornato che ho trovato su Youtube.

Io sto valutando un cent anche sul bitcoin, ma io odio perdere anche 1 centesimo e sono ancora titubante :D
Soldi che però ho già perso in realtà, avendo acquistato un wallet hardware, ma potrei considerare l’uscita di cassa come spesa per formazione personale :specchio:

A molti non piace l'oro, io lo tollero considerandolo come una zavorra da tenere in sentina per evitare che si rovesci lo scafo quando arrivano le tempeste. Max 10% in portafoglio.
Il bitcoin per me è solo fuffa, max 1% in portafoglio e consideralo come investimento ludico.
 

anvedinando

Nuovo Utente
Registrato
28/12/18
Messaggi
533
Punti reazioni
32
Io lo vedo sempre bene. Nel mio ptf ne ho sempre un po' perché lo reputo ottimo diversificatore per azionario e obbligazionario.

Idem. Abaddon, ma secondo te quanto oro bisogna avere in portafoglio perchè agisca da diversificatore? Al momento ho circa un 10% ma ero tentato di raddoppiare e salire fino al 20% per fare un vero golden butterfly :)

E dilemma dei dilemmi: con o senza hedge? Al momento ho messo metà in SGLD e metà in XGDE (con copertura valutaria e TER molto più basso del classico XAD1).
 

Ludovico Massa

Nuovo Utente
Registrato
22/8/20
Messaggi
4.577
Punti reazioni
356

Allegati

  • chart-3.jpg
    chart-3.jpg
    22,6 KB · Visite: 769

Linusale

Nuovo Utente
Registrato
3/1/22
Messaggi
370
Punti reazioni
146
A molti non piace l'oro, io lo tollero considerandolo come una zavorra da tenere in sentina per evitare che si rovesci lo scafo quando arrivano le tempeste. Max 10% in portafoglio.
Il bitcoin per me è solo fuffa, max 1% in portafoglio e consideralo come investimento ludico.

Sulla fuffa può essere ovviamente, ma ci sono elementi che mi hanno portato a valutare una sua entrata nel mio portafoglio. Una tra tutte il fatto che la tecnologia bitcoin sia entrata anche nel mondo accademico. Ci sono corsi e seminari all’università che discutono di questo tema. Quindi uno sdoganamento dal “dark web”, alla casa del sapere.

Altri due fattori che mi sta spingendo all’acquisto di una quantità modestissima di bitcoin in virtù di caratteristiche simili all’oro (una fra tutte è scarso), ma più semplice da gestire (https://nova.ilsole24ore.com/frontiere/oltre-loro-digitale-ben-poco-altro/)

1. Diverse società italiane operanti nel settore finanziario tradizionale hanno acquistato quote di exchange di bitcoin. Mi vengono in mente Conio (tra gli investitori Banca Sella, Generali, Poste) e Young Platform (Azimut e ancora Banca Sella). Ok diversificare gli investimenti anche per società finanziarie, ma se fosse davvero una sicura fuffa perchè investirci? Poi come tutti gli investimenti il rischio di perdita non si può escludere.

2. L’entrata, seppur ancora in modo indiretto, di investitori istituzionali nel mondo bitcoin. Indiretta perché ad esempio la recente e nota partnership tra BlackRock e Coinbase è finalizzata esclusivamente ad agevolare i suoi investitori istituzionali nella gestione e compravendita del bitcoin, non è blackrock che proprone alla SEC un etf su btc. Una scossa al mercato potrebbe essere proprio l’accettazione della SEC al primo ETF spot su btc presentata dalla società di investimento VanEck, ma sembra sia stato ancora rinviato.

3. La regolamentazione in aumento sul mondo cripto potrebbe aumentare la fiducia degli investitori. Ricordo ad esempio ilMiCA -Market in Crypto Asset - Regulation e il recente decreto del MEF che ha istituito il registro per gli Exchange operanti sul territorio nazionale. Io non mi fido ancora ed ho acquistato un wallet fisico

Le preoccupazioni e i dubbi però sono tanti e non riguardano esclusivamente gli eccessi sul prezzo (sia down che up), ma il problema energetico per “minare” (i soldi si stanno spostando su asset ESG e il processo di validazione di btc è energivoro). Aggiungo anche la concentrazione di pochi miners in questa attività, che stona con l’originaria volontà della finanza decentralizzata.

Chi è esperto in btc probabilmente subirà una pugnalata al petto a leggere le mie riflessioni personali, ma mi perdonerete sono un newbie curioso :)

In questi giorni capirò se la mia testa darà più peso agli aspetti positivi o agli aspetti negativi
 
Ultima modifica:

Gilbi

Nuovo Utente
Registrato
10/7/15
Messaggi
43
Punti reazioni
3
Eh, un crollo del 60% non e' uno scherzo: qui dentro qualcuno se ne sarebbe accorto ;)

È un "baco" del sito. Lo fa anche con VAGF che segue lo stesso indice (circa).

Edit: gli ho appena scritto tramite form sul sito per segnalare il problema.
 
Ultima modifica:

Linusale

Nuovo Utente
Registrato
3/1/22
Messaggi
370
Punti reazioni
146
Idem. Abaddon, ma secondo te quanto oro bisogna avere in portafoglio perchè agisca da diversificatore? Al momento ho circa un 10% ma ero tentato di raddoppiare e salire fino al 20% per fare un vero golden butterfly :)

E dilemma dei dilemmi: con o senza hedge? Al momento ho messo metà in SGLD e metà in XGDE (con copertura valutaria e TER molto più basso del classico XAD1).

Avevo e avrò per sempre i tuoi dubbi (% e copertura valutaria).

Ma avevo aggiunto un'altra carta al mazzo per rendermi il gioco più complicato. Oro fisico (senza rischi di fallimento dell'emittente e senza rischio cambio) o etc (con o senza hedge). O entrambi?

E per l'acquisto di oro fisico si apre un mondo. Tanti operatori, truffe, registro operatori, regolatori, certificazioni internazionali, custodia...
 

Dario!

Nuovo Utente
Registrato
5/8/22
Messaggi
166
Punti reazioni
16
È un "baco" del sito. Lo fa anche con VAGF che segue lo stesso indice (circa).

Edit: gli ho appena scritto tramite form sul sito per segnalare il problema.

Avevo segnalato anche io il problema ai gestori del sito a fine luglio. Puoi provare Quantalys, lì i dati degli aggregate sono corretti.
 

Abaddon

lazy FOoLish
Registrato
15/6/18
Messaggi
2.177
Punti reazioni
564
Idem. Abaddon, ma secondo te quanto oro bisogna avere in portafoglio perchè agisca da diversificatore? Al momento ho circa un 10% ma ero tentato di raddoppiare e salire fino al 20% per fare un vero golden butterfly :)

E dilemma dei dilemmi: con o senza hedge? Al momento ho messo metà in SGLD e metà in XGDE (con copertura valutaria e TER molto più basso del classico XAD1).

Ciao anvedinando,
secondo me si sta bene con una quota tra il 5% e il 15%. Il mio target è il 10%, ma non ho disdegnato in passato e probabilmente non disdegnerò neppure in futuro, di arrivare al 15%.

Il mio oro è senza hedge.
Ho fatto questa scelta perché personalmente credo che la copertura sia da utilizzare per la parte del portafoglio che deve avere poca volatilità. Gli attivi volatili a mio avvio stanno meglio se a cambio aperto perché l'eventuale incremento di volatilità dovuto al cambio non dovrebbe andare a modificarne sostanzialmente l'andamento.
Il mio portafoglio, poi, è di lunghissimo periodo per cui il rischio cambio dovrebbe avere un impatto inferiore rispetto ad un portafoglio di breve.
Inoltre l'oro solitamente è negativamente correlato con il dollaro. Solitamente e non sempre. Meglio specificare!
Avendo già la parte azionaria (la cui percentuale nel portafoglio è superiore al 50%) a cambio aperto, il cui rendimento è positivamente correlato col dollaro, l'oro a cambio aperto dovrebbe dunque fare da freno alle oscillazioni di portafoglio dovute al dollaro in maniera naturale, diciamo così ...

Di seguito un articolo, il primo che ho trovato on-line, che tratta dell'argomento: https://www.meteofinanza.com/oro-dollaro-come-funziona-la-correlazione/

Ripeto, ancora una volta, che l'oro non è sempre inversamente correlato col dollaro. Non è una legge scritta nella pietra. Sia chiaro. La mia è semplicemente una scelta e quello della correlazione è, non a caso, l'ultimo degli elementi indicati. I primi due, alta volatilità intrinseca dell'oro e portafoglio di lungo periodo, sono decisamente più importanti.

Ad ognuno, la propria scelta ... :D
 
Ultima modifica:

anvedinando

Nuovo Utente
Registrato
28/12/18
Messaggi
533
Punti reazioni
32
Grazie Abbadon. Guardando la performance YTD di etf con o senza copertura, c’è una forbice i circa 14%-15%, grosso modo in linea con l’andamento del cambio nello stesso periodo.

Forse in questo anomalo 2022 non si è verificato l’abituale sganciamento che indicavi tra oro e dollaro.
 

Abaddon

lazy FOoLish
Registrato
15/6/18
Messaggi
2.177
Punti reazioni
564
Grazie Abbadon. Guardando la performance YTD di etf con o senza copertura, c’è una forbice i circa 14%-15%, grosso modo in linea con l’andamento del cambio nello stesso periodo.

Forse in questo anomalo 2022 non si è verificato l’abituale sganciamento che indicavi tra oro e dollaro.


Mi sembra che ci sia stata una discreta correlazione inversa ...

USDX_2022-09-05_18-34-42.jpg
 

Trendfriend

Capito ? Io no.
Registrato
28/7/09
Messaggi
13.066
Punti reazioni
619
L’oro in euro ha infatti tenuto

DCFA8420-E846-4993-A355-2FF4C07D4FCE.jpg
 

GreedyTrader

Stay lazy, get rich
Registrato
22/10/12
Messaggi
10.598
Punti reazioni
715
Ci saranno indicazioni di voto nell'ultima pagina? :)

il libro sostiene che ormai il Paese è andato, ci si può salvare solo individualmente. Quindi chiunque governi cambia molto poco tranne simpatie da tifoseria calcistica.

intanto pigri tornano a perdere a doppia cifra ;( girandola e GB a -7%, cotton club -1%
 

anvedinando

Nuovo Utente
Registrato
28/12/18
Messaggi
533
Punti reazioni
32
Mi sembra che ci sia stata una discreta correlazione inversa ...

Vedi l'allegato 2846090

Chiaro il tuo punto. Guardando grafico su varie durate a volte faccio fatica a vedere la correlazione inversa.

In questo 2022 penso ci sia stata un po’ di correlazione diretta (bene rifugio + valuta forte in questo periodo di crisi), sbaglio?
 

Abaddon

lazy FOoLish
Registrato
15/6/18
Messaggi
2.177
Punti reazioni
564
Chiaro il tuo punto. Guardando grafico su varie durate a volte faccio fatica a vedere la correlazione inversa.

In questo 2022 penso ci sia stata un po’ di correlazione diretta (bene rifugio + valuta forte in questo periodo di crisi), sbaglio?

Esattamente.
Non c'è sempre questa correlazione inversa. Per esempio da febbraio a metà aprile sono andati assolutamente nella stessa direzione.

Questo accade di solito quando ci sono crisi al di fuori degli USA come accaduto per l'appunto con l'inizio della guerra in Ucraina.

Per le motivazioni dici bene!