Possibile crisi bancaria imminente e bonus edilizi

canzian

Nuovo Utente
Registrato
4/11/09
Messaggi
3.356
Punti reazioni
338
I 5s sono stati peggio della peste per il bilancio italiano.

E chi dice che il 110% e' una misura che funziona non capisce niente di economia.

Basterebbe dire che avremmo inventato la macchina per la ricchezza se :
- i proprietari si rifanno la casa gratis
- i costruttori guadagnano come non mai
- lo stato incassa piu' soldi di tasse , iva , ecc..
- e l'ITAGLIA ha tutte le case green alla faccia degli europei

E devo sentire anche chi mi propina questa supercazzola come diceva Grillo ?
 

freetimenow

Nuovo Utente
Registrato
23/10/19
Messaggi
1.738
Punti reazioni
230
Si , buonanotte.

E casomai questo stato si chiama Russia e ha presidente del consiglio Putin.

Bravo, e visto che mi chiamo Putin delibero anche che tutti questi architetti e “impresari” si facciano 10 ore al giorno di lavoro a 1000 euro al mese. Chi fiata via in Siberia a calci in qulo. :D:o
 

er cash

Nuovo Utente
Registrato
18/1/19
Messaggi
2.656
Punti reazioni
144
I 5s sono stati peggio della peste per il bilancio italiano.

E chi dice che il 110% e' una misura che funziona non capisce niente di economia.

Basterebbe dire che avremmo inventato la macchina per la ricchezza se :
- i proprietari si rifanno la casa gratis
- i costruttori guadagnano come non mai
- lo stato incassa piu' soldi di tasse , iva , ecc..
- e l'ITAGLIA ha tutte le case green alla faccia degli europei

E devo sentire anche chi mi propina questa supercazzola come diceva Grillo ?

E invece non e' cosi.

Il presupposto e' che ci sono dei costi (sociali, manche diretti per lo stato) se gli edifici sono energivori e insicuri dal punto di vista sismico.
Anche il bonus facciate parte dal fatto che esistono dei costi "occulti" ad avere citta con palazzi cadenti, specie in un paese turistico come l'italia.

Quindi bisogna partire dai costi che si sopportano comunque o da quelli che si potrebbe dover affrontare se le conseguenze die venti naturali come i terremoti non fossero state mitigate.

A questo va aggiunto un altro "costo": il risparmio. Il continuo accumulo di ricchezza improduttiva degli italiani che evidentemente hanno bisogno di un incentivo per spendere.
Conte ha detto "ristrutturare casa senza spendere un euro"... beh insomma mica tanto una spesa c'e' quasi sempre stata anche col 110.

Perche non incentivare la spesa su miglioramento sismico ed energetico degli edifici? Favorendo cosi assunzioni e gettito con un'incentivazione in parte reale in parte "psicologica" visto che poi qualcosa bisogna comunque metterci?
Quindi lo stato si fa carico di costi spalmati nel tempo a fronte di un impatto immediato in termini di attivita economica con tutto cio che questo comporta. E cosi facendo si assicura minori costi futuri. Non mi sembra una cattiva idea, tanto piu che le cifre dimostrano che ha funzionato esattamente in questo modo.

la narrativa dei 5s scemi fa sorridere un po tutti, ci si fa quattro risate su di maio etc, poi pero bisogna vedere i fatti e i fatti sono 120 miliardi di pil aggiuntivo e un costo/beneficio ampiamente vantaggioso.

Guardiamo invece cosa e' successo con le iniziative di Draghi... positive? los tato ha risparmiato? Vedremo quanto risparmiera con le casse integrazioni, i fallimenti, le cause etc etc
 

Napoli1986

Nuovo Utente
Registrato
5/7/19
Messaggi
2.467
Punti reazioni
103
E invece non e' cosi.

Il presupposto e' che ci sono dei costi (sociali, manche diretti per lo stato) se gli edifici sono energivori e insicuri dal punto di vista sismico.
Anche il bonus facciate parte dal fatto che esistono dei costi "occulti" ad avere citta con palazzi cadenti, specie in un paese turistico come l'italia.

Quindi bisogna partire dai costi che si sopportano comunque o da quelli che si potrebbe dover affrontare se le conseguenze die venti naturali come i terremoti non fossero state mitigate.

A questo va aggiunto un altro "costo": il risparmio. Il continuo accumulo di ricchezza improduttiva degli italiani che evidentemente hanno bisogno di un incentivo per spendere.
Conte ha detto "ristrutturare casa senza spendere un euro"... beh insomma mica tanto una spesa c'e' quasi sempre stata anche col 110.

Perche non incentivare la spesa su miglioramento sismico ed energetico degli edifici? Favorendo cosi assunzioni e gettito con un'incentivazione in parte reale in parte "psicologica" visto che poi qualcosa bisogna comunque metterci?
Quindi lo stato si fa carico di costi spalmati nel tempo a fronte di un impatto immediato in termini di attivita economica con tutto cio che questo comporta. E cosi facendo si assicura minori costi futuri. Non mi sembra una cattiva idea, tanto piu che le cifre dimostrano che ha funzionato esattamente in questo modo.

la narrativa dei 5s scemi fa sorridere un po tutti, ci si fa quattro risate su di maio etc, poi pero bisogna vedere i fatti e i fatti sono 120 miliardi di pil aggiuntivo e un costo/beneficio ampiamente vantaggioso.

Guardiamo invece cosa e' successo con le iniziative di Draghi... positive? los tato ha risparmiato? Vedremo quanto risparmiera con le casse integrazioni, i fallimenti, le cause etc etc

quindi secondo te ristrutturando a spese dello stato il 2% del patrimonio edilizio del paese si è ridotto il rischio sismico e migliorata l'estetica dei centri?
Servendo sempre una fascia agiata del paese a spese di tutti i cittadini, hanno creato imprese che senza la droga del superbonus nascono e muoiono così come sono nate e hanno reso impossibile la vita ai poveri disagiati che dovevano fare una ristrutturazione sfigata di un bagno o la sostituzione di una semplice caldaia.

il pil lo crei con gli investimenti produttivi o con le opere pubbliche, non finanziando qualche ucraino, rumeno albanese o arabo (con tutto il rispetto per questi popoli lavoratori) che ogni euro guadagnato col fuffabonus o grazie agli aumenti del fuffabonus lo ha portato al proprio paese.
 
Ultima modifica:

memar

Nuovo Utente
Registrato
18/10/17
Messaggi
762
Punti reazioni
16
quindi secondo ristrutturando a spese dello stato il 2% del patrimonio edilizio del paese si è ridotto il rischio sismico e migliorata l'estetica dei centri?
Servendo sempre una fascia agiata del paese a spese di tutti i cittadini, hanno creato imprese che senza la droga del superbonus nascono e muoiono così come sono nate e hanno reso impossibile la vita ai poveri disagiati che dovevano fare una ristrutturazione sfigata di un bagno o la sostituzione di una semplice caldaia.

il pil lo crei con gli investimenti produttivi o con le opere pubbliche, non finanziando qualche ucraino, rumeno albanese o arabo (con tutto il rispetto per questi popoli lavoratori) che ogni euro guadagnato col fuffabonus o grazie agli aumenti del fuffabonus lo ha portato al proprio paese.

Standing ovation. Aggiungerei che lo aver "drogato" il mercato delle ristrutturazioni ha fatto lievitare i costi delle materie prime e dei servizi connessi (pensiamo alle aziende che fittano i ponteggi). Poi una norma si giudica dal risultato, e pare che dati alla mano non si superi il 2% del patrimonio edilizio appunto come dici tu a fronte di una spesa per lo Stato (quindi con le tasse dei cittadini) di molto elevata. Qualcuno ha sintetizzato così..."Diamo soldi ai miliardari per ristrutturare le loro quinte case delle vacanze. Ride tutto il mondo". Nei fatti, semplificando molto, le cose stanno più o meno così: un lavoratore a basso reddito, magari in affitto e impossibilitato ad accedere a un mutuo per comprare casa, si ritrova a pagare con le sue tasse l'ammodernamento di ville e appartamenti di chi ha un reddtito molto più alto del suo e nessun problema di denaro.
 

Napoli1986

Nuovo Utente
Registrato
5/7/19
Messaggi
2.467
Punti reazioni
103
Standing ovation. Aggiungerei che lo aver "drogato" il mercato delle ristrutturazioni ha fatto lievitare i costi delle materie prime e dei servizi connessi (pensiamo alle aziende che fittano i ponteggi). Poi una norma si giudica dal risultato, e pare che dati alla mano non si superi il 2% del patrimonio edilizio appunto come dici tu a fronte di una spesa per lo Stato (quindi con le tasse dei cittadini) di molto elevata. Qualcuno ha sintetizzato così..."Diamo soldi ai miliardari per ristrutturare le loro quinte case delle vacanze. Ride tutto il mondo". Nei fatti, semplificando molto, le cose stanno più o meno così: un lavoratore a basso reddito, magari in affitto e impossibilitato ad accedere a un mutuo per comprare casa, si ritrova a pagare con le sue tasse l'ammodernamento di ville e appartamenti di chi ha un reddtito molto più alto del suo e nessun problema di denaro.

a capri, dalle mie parti, hanno ristrutturato con 110 praticamente solo chi ha la seconda, terza, quarta e oltre casa che usa per fare soldi su Airbnb. se per voi questo è un buon risultato, alzo le mani... ma ho un concetto diverso di obiettivi che dovrebbe perseguire lo stato!
 

FraGiorgio

Nuovo Utente
Registrato
19/6/14
Messaggi
1.201
Punti reazioni
48
a capri, dalle mie parti, hanno ristrutturato con 110 praticamente solo chi ha la seconda, terza, quarta e oltre casa che usa per fare soldi su Airbnb. se per voi questo è un buon risultato, alzo le mani... ma ho un concetto diverso di obiettivi che dovrebbe perseguire lo stato!
Va be scusa, proprio perché dici che la usano per AirBnb il risultato è buono, visto che sono case che hanno spesso persone dentro e oltretutto gli inquilini, visto che non lo pagano a parte, non si preoccupano minimamente del consumo di riscaldamento/raffrescamento.

Ricordiamo che l’obiettivo di questi bonus è migliorare il patrimonio edilizio/diminuire i consumi (perché poi vedi che ora il governo ci mette dentro un sacco di miliardi per contenere il caro bollette)/ridurre il rischio sismico (quando poi succedono calamità, il governo ci mette miliardi per ripristinare i danni anche agli edifici privati (arrivano dopo anni ma comunque arrivano prima o poi)).
Questi sono costi che il governo riduce con questi incentivi, indipendentemente che i lavori li faccia uno ricco o uno povero.

Poi, sull’ aliquota da far applicare, le modalità tecniche, come fare la cessione, etc. si può discutere quanto si vuole, ma raccontare che con il Superbonus solo i ricchi si sono rifatti la quinta casa dove passano due settimane all’anno è riduttivo.
 

er cash

Nuovo Utente
Registrato
18/1/19
Messaggi
2.656
Punti reazioni
144
quindi secondo te ristrutturando a spese dello stato il 2% del patrimonio edilizio del paese si è ridotto il rischio sismico e migliorata l'estetica dei centri?
Servendo sempre una fascia agiata del paese a spese di tutti i cittadini, hanno creato imprese che senza la droga del superbonus nascono e muoiono così come sono nate e hanno reso impossibile la vita ai poveri disagiati che dovevano fare una ristrutturazione sfigata di un bagno o la sostituzione di una semplice caldaia.

il pil lo crei con gli investimenti produttivi o con le opere pubbliche, non finanziando qualche ucraino, rumeno albanese o arabo (con tutto il rispetto per questi popoli lavoratori) che ogni euro guadagnato col fuffabonus o grazie agli aumenti del fuffabonus lo ha portato al proprio paese.

Fascia agiata?! ma li avete visti i condomini che stanno riqualificando?

1. i prezzi sono aumentati ovunque nel mondo industrializzato... nel settore edilizia in molti paesi senza superbonus gli aumenti sono stati anche maggiori che in italia...
2. i lavori devono essere fatturati quindi no nero se no no detrazioni
3. fasce agiate un corno, anche fasce agiate e non c'e' niente di male anzi sono proprio quelle che invece che mettere i soldi nel conto corrente dovrebbero cominciare a spendere
4. Non e' mai stato tutto gratis
5. i dati parlano molto chiaro 40 miliardi di "costo" spalmato su anni 130 miliardi di pil subito, 28 miliardi tornati indietro subito attraverso maggior gettito

Riguardo alle "fascie agiate" c'e da dire anche un'altra cosa... visto che i soldi delle tasse sono i loro mi sembra anche il minimo che si giovino di sgravi fiscali... chi dovrebbe beneficiarne quelli che tra notax area e deducibilita pagano niente?
 
Ultima modifica:

er cash

Nuovo Utente
Registrato
18/1/19
Messaggi
2.656
Punti reazioni
144
un lavoratore a basso reddito, magari in affitto e impossibilitato ad accedere a un mutuo per comprare casa, si ritrova a pagare con le sue tasse l'ammodernamento di ville e appartamenti di chi ha un reddtito molto più alto del suo e nessun problema di denaro.

Un lavoratore a basso reddito contribuisce un apporto insignificante al gettito e beneficia molto piu di quanto non contribuisca anche solo usando i marciapiedi.

24177_164_Dichiarazionired.jpg
 
Ultima modifica:

freetimenow

Nuovo Utente
Registrato
23/10/19
Messaggi
1.738
Punti reazioni
230
Che poi l’Italia è uno tra i paesi sviluppati ad avere i prezzi degli immobili più bassi.

La ragione di questa scarsa valorizzazione sono molteplici ma principalmente di tipo fiscale e soprattutto di scarsa tutela della proprietà (sfratti occupazioni abusive ecc). Il colmo è stato con il COVID in cui il governo degli scappati di casa ha sospeso gli sfratti per oltre un anno e nel caso dei locali commerciali ha preteso anche il pagamento dell’IMU.
Se invece di regalare miliardi a tutti i possibili truffatori con i vari bonus avessero appena appena tutelato la proprietà immobiliare magari dando contributi per gli affitti e detassando gli immobili improduttivi causa COVID, probabilmente non ci sarebbe la corsa a svendere. Ovviamente se un proprietario percepisce che il suo immobile vale poco non avrà alcuna voglia di investirci in manutenzioni ristrutturazioni migliorie ecc. Di conseguenza tutto il settore edilizio va in crisi.

Ma ovviamente sono tutte cose che chi non capisce l’economia di mercato non le potrà nemmeno concepire.
 

canzian

Nuovo Utente
Registrato
4/11/09
Messaggi
3.356
Punti reazioni
338
quindi secondo te ristrutturando a spese dello stato il 2% del patrimonio edilizio del paese si è ridotto il rischio sismico e migliorata l'estetica dei centri?
Servendo sempre una fascia agiata del paese a spese di tutti i cittadini, hanno creato imprese che senza la droga del superbonus nascono e muoiono così come sono nate e hanno reso impossibile la vita ai poveri disagiati che dovevano fare una ristrutturazione sfigata di un bagno o la sostituzione di una semplice caldaia.

il pil lo crei con gli investimenti produttivi o con le opere pubbliche, non finanziando qualche ucraino, rumeno albanese o arabo (con tutto il rispetto per questi popoli lavoratori) che ogni euro guadagnato col fuffabonus o grazie agli aumenti del fuffabonus lo ha portato al proprio paese.

PAROLE SANTE.

Il mercato e' iperdrogato.

Se si cerca un muratore per rifare il bagno , si scoprira' che non vogliono piu' lavorare ad ore come un tempo.
25-30€ l' ora prima di questa porcheria di superbonus.

Ora fanno un forfait . Ma se si divide il forfait per le ora che lavorano si vede che arrivano a chiedere 70-90€ ora.

non sanno dove prendere , rifiutano lavori e ti dicono ora e' il nostro momento.
Non ci credono neanche loro a questa manna.

A mio avviso i 5s non sono degli stupidotti , questo provvedimento e' stato fatto in modo scientifico.
Mi piacerebbe sapere chi glielo ha scritto
 

canzian

Nuovo Utente
Registrato
4/11/09
Messaggi
3.356
Punti reazioni
338
Fascia agiata?! ma li avete visti i condomini che stanno riqualificando?

1. i prezzi sono aumentati ovunque nel mondo industrializzato... nel settore edilizia in molti paesi senza superbonus gli aumenti sono stati anche maggiori che in italia...
Si buonanotte , come nel nostro mondo edile , dove si deve pregare un tecnico o un muratore per farsi fare un lavoro.
Con cappotti da 40€ passati a 130-150€ mq. Caldaie da 1.500 futturate 9.000.

2. i lavori devono essere fatturati quindi no nero se no no detrazioni
Valeva anche se incentivo 50-60%
3. fasce agiate un corno, anche fasce agiate e non c'e' niente di male anzi sono proprio quelle che invece che mettere i soldi nel conto corrente dovrebbero cominciare a spendere
Si ma non spendono paga lo stato
4. Non e' mai stato tutto gratis
Circa. Appartamenti con interventi che costano piu' del valore dell' appartamento e spesso di aggiunge quasi zero.
Anzi ne conosco molti che hanno speso zero , includendo cosae fuori da 110% (porte blindate , portoni garage) tanto carichiamo sul resto

5. i dati parlano molto chiaro 40 miliardi di "costo" spalmato su anni 130 miliardi di pil subito, 28 miliardi tornati indietro subito attraverso maggior gettito
Si la macchina per creare i soldi. Ma va la'. E nessuno conta la truffe , vedi 4MLD e le ditte che verranno pilotate al fallimento per non pagare imposte e iva. Sai quante entrate fiscali mancheranno a consuntivo ? Un bel po'

Riguardo alle "fascie agiate" c'e da dire anche un'altra cosa... visto che i soldi delle tasse sono i loro mi sembra anche il minimo che si giovino di sgravi fiscali... chi dovrebbe beneficiarne quelli che tra notax area e deducibilita pagano niente?
Le fascie agiate gia' rubano sulle imposte , le premiamo anche ?

Preferisco chi afferma che e' una manna dal cielo , ingiusta , ma che chi puo' e' giusto ne approfitti.
p.s. Faccio parte di classe agiata , ma quando vedo una porcata lo dico
 

er cash

Nuovo Utente
Registrato
18/1/19
Messaggi
2.656
Punti reazioni
144
Preferisco chi afferma che e' una manna dal cielo , ingiusta , ma che chi puo' e' giusto ne approfitti.
p.s. Faccio parte di classe agiata , ma quando vedo una porcata lo dico

Le fascie agaiate gia rubano sulle imposte, le premiamo anche?

20 milioni di italiani vivono fisclamente a scrocco.
Il 5% con reddito piu alto paga oltre il 37% del gettito...
se questo e' rubare... a me pare piu farsi spremere come limoni da una manica di ingrati altro che.
 

yumatu

Nuovo Utente
Registrato
8/6/14
Messaggi
1.245
Punti reazioni
53
Comunque la crisi bancaria non dovrebbe essere innescata da tutti i crediti fittizi che hanno dato per lavori mai svolti?
 

er cash

Nuovo Utente
Registrato
18/1/19
Messaggi
2.656
Punti reazioni
144
Comunque la crisi bancaria non dovrebbe essere innescata da tutti i crediti fittizi che hanno dato per lavori mai svolti?

Quello potrebbe accadere per iniziativa dello stato se ad esempio sequestrasse en masse i crediti comprati dalle banche prevenendone la compensazione, ma non credo che possa mai accadere.
E' invece molto reale che le imprese che non riescano a cedere non completino i lavori fallendo e facendo saltare tutti i committenti.

In un contesto del genere le insolvenze esploderebbero
 

eusebio

Fratta tocca a te
Registrato
2/11/05
Messaggi
19.801
Punti reazioni
641
quindi secondo te ristrutturando a spese dello stato il 2% del patrimonio edilizio del paese si è ridotto il rischio sismico e migliorata l'estetica dei centri?
Servendo sempre una fascia agiata del paese a spese di tutti i cittadini, hanno creato imprese che senza la droga del superbonus nascono e muoiono così come sono nate e hanno reso impossibile la vita ai poveri disagiati che dovevano fare una ristrutturazione sfigata di un bagno o la sostituzione di una semplice caldaia.

il pil lo crei con gli investimenti produttivi o con le opere pubbliche, non finanziando qualche ucraino, rumeno albanese o arabo (con tutto il rispetto per questi popoli lavoratori) che ogni euro guadagnato col fuffabonus o grazie agli aumenti del fuffabonus lo ha portato al proprio paese.

tanto per metterne alcune dalle mie parti

https://www.ilgiornaledivicenza.it/...-7-societa-edili-sospese-1.9488576?refresh_ce

https://reteveneta.medianordest.it/42628/trissino-cantieri-fuori-regola-multe-per-150-000-euro/
 

kemar

Nuovo Utente
Registrato
5/2/12
Messaggi
413
Punti reazioni
27
Che poi l’Italia è uno tra i paesi sviluppati ad avere i prezzi degli immobili più bassi.

La ragione di questa scarsa valorizzazione sono molteplici ma principalmente di tipo fiscale e soprattutto di scarsa tutela della proprietà (sfratti occupazioni abusive ecc). Il colmo è stato con il COVID in cui il governo degli scappati di casa ha sospeso gli sfratti per oltre un anno e nel caso dei locali commerciali ha preteso anche il pagamento dell’IMU.
Se invece di regalare miliardi a tutti i possibili truffatori con i vari bonus avessero appena appena tutelato la proprietà immobiliare magari dando contributi per gli affitti e detassando gli immobili improduttivi causa COVID, probabilmente non ci sarebbe la corsa a svendere. Ovviamente se un proprietario percepisce che il suo immobile vale poco non avrà alcuna voglia di investirci in manutenzioni ristrutturazioni migliorie ecc. Di conseguenza tutto il settore edilizio va in crisi.

Ma ovviamente sono tutte cose che chi non capisce l’economia di mercato non le potrà nemmeno concepire.

Che in Italia non si tuteli il proprietario che affitta è fuori di dubbio ma poiché esistono molti strumenti per tutelarsi basta utilizzarli (come la fideiussione
Per esempio).
Ritengo che l’investimento immobiliare sia stato sempre troppo tutelato a scapito di tanti altri investimenti. La tassazione è ridicola se confrontata con altri stati, gli incentivi ci sono sempre stati come il canone concordato è la relativa cedolare secca. Senza parlare di chi fa il mutuo che si scarica nella dichiarazione dei redditi.
Vorrei capire perché chi investe in immobili deve avere altri benefici?
È capitale di rischio, stop.
Come qualsiasi altro investimento.
Hai l’immobile sfitto? È rischio d’impresa.
Non è che uno che usa l’auto, tanto per fare un esempio, se poi viene licenziato chiede di non pagare più la tassa di proprietà (come qui si chiede di non pagare imu).

Al contrario si è sempre incentivato l’investimento immobiliare, un tempo rifugio di tanti evasori che non sapevano dove metterli quei soldi.
 

FraGiorgio

Nuovo Utente
Registrato
19/6/14
Messaggi
1.201
Punti reazioni
48
Che in Italia non si tuteli il proprietario che affitta è fuori di dubbio ma poiché esistono molti strumenti per tutelarsi basta utilizzarli (come la fideiussione
Per esempio). Difficile/complessa da ottenere anche da persone per bene, impossibile da ottenere per persone un po' più a rischio. Se gli sfratti e il recupero del credito fossero efficienti, non ce ne sarebbe bisogno. All'estero per inciso non la chiedono nè su immobili di lusso nè su immobili normali, perché sanno che la gente se non paga 1) la sbatti fuori subito e 2) se non paghi una volta, non riesci più ad affittare casa in futuro, quindi ci si pensa bene prima di non pagare
Ritengo che l’investimento immobiliare sia stato sempre troppo tutelato a scapito di tanti altri investimenti.Rispetto a cosa? La tassazione è ridicola se confrontata con altri stati, gli incentivi ci sono sempre stati come il canone concordato è la relativa cedolare secca La cedolare non è un trattamento di favore perchè 1) i costi relativi all'immobile non possono essere dedotti e 2) le detrazioni fiscali non possono essere usate per abbattere il debito fiscale generato dalla cedolare secca . Senza parlare di chi fa il mutuo che si scarica nella dichiarazione dei redditi. La detrazione degli interessi passivi 1) è del 19% (e non dell'interezza) e 2) è solo per prima casa, quindi non si parla di investimento
Vorrei capire perché chi investe in immobili deve avere altri benefici? Esclusi i bonus sulle ristrutturazioni, che però sono proprio avversati dall'utente a cui stai rispondendo, non vedo grandi benefici per i proprietari di immobili
È capitale di rischio, stop.
Come qualsiasi altro investimento.
Hai l’immobile sfitto? È rischio d’impresa.
Non è che uno che usa l’auto, tanto per fare un esempio, se poi viene licenziato chiede di non pagare più la tassa di proprietà (come qui si chiede di non pagare imu). Esempio poco calzante visto che anche se uno viene licenziato continua ad usare la macchina.

Al contrario si è sempre incentivato l’investimento immobiliare, un tempo rifugio di tanti evasori che non sapevano dove metterli quei soldi.L'immobiliare non mi sembra il posto più logico dove andare a mettere i soldi frutto di evasione. Parliamo degli unici beni in Italia tali per cui, chiunque, tramite un semplice indirizzo riesce a risalire ai dati del proprietario e, una volta ottenuto il codice fiscale tramite questa ricerca, riesce immediatamente a sapere tutte le proprietà immobiliari intestate a questa persona. Quindi, se uno ha dei soldi che vuole investire ma tenere nascosti, dubito che come prima cosa vada a comprarsi dei palazzi

Vedi le risposte sopra in grassetto.

Per concludere, in Italia a differenza di molti stati esteri, c'è pressoché totale assenza di investitori istituzionali nell'immobiliare residenziale (non parlo di sviluppatori ma di investitori che tengono gli immobili a reddito). Come mai?
 

kemar

Nuovo Utente
Registrato
5/2/12
Messaggi
413
Punti reazioni
27
Vedi le risposte sopra in grassetto.

Per concludere, in Italia a differenza di molti stati esteri, c'è pressoché totale assenza di investitori istituzionali nell'immobiliare residenziale (non parlo di sviluppatori ma di investitori che tengono gli immobili a reddito). Come mai?

Domanda inutile la tua, visto che siamo concordi sul fatto che la legge non tutela sufficientemente il proprietario.

Che negli anni passati gli evasori hanno investito in immobili è fatto noto, non parlo di oggi dove non ti è più consentito neanche sottovalutare il valore iscritto nel rogito.
Non te lo ordina il medico di affittare casa / il negozio o altra tipologia e correre il rischio di avere un affittuario insolvente …ma si vede che il gioco vale la candela (molto al nero, a finto titolo gratuito, ecc ecc).
Mettere “a reddito” un immobile, come piace tanto dire a qualcuno, è un investimento a tutti gli effetti, che ti consente una rendita più alta e questo, come noto, comporta un rischio più elevato. Su questo penso che siamo tutti d’accordo.
Ora, vorrei capire perché si chiedono riduzione di tasse (che sono notoriamente basse) per immobili sfitti (come diceva l’interlocutore, a cui ricordo che in epoca covid sono stati stanziati fondi per l’affitto) se stiamo parlando di un investimento e come tale fa parte del rischio d’impresa..è il mercato a cui non si può fare riferimento a proprio piacimento (come i prezzi assurdi degli affitti fuori da ogni logica rispetto al reddito medio, parlo di Roma).

La domanda è un’altra perché non ci sono serie politiche abitative in Italia?
Questo consentirebbe di calmierare i prezzi, gli affitti anche nel privato sarebbero a prezzi più umani e le insolvenze incolpevoli sarebbero di gran lunga inferiori.

Dimenticavo l’Esempio: se investo in azioni e il valore si riduce notevolmente, non vado dallo stato a chiedere un fondo per integrare il valore perso.
Di conseguenza mi aspetto che non lo faccia neanche l’investitore in immobili.

Infine, solo per completezza, la penso così per equità sociale (non vivo in affitto).
 

eusebio

Fratta tocca a te
Registrato
2/11/05
Messaggi
19.801
Punti reazioni
641
Domanda inutile la tua, visto che siamo concordi sul fatto che la legge non tutela sufficientemente il proprietario.

Che negli anni passati gli evasori hanno investito in immobili è fatto noto, non parlo di oggi dove non ti è più consentito neanche sottovalutare il valore iscritto nel rogito.
Non te lo ordina il medico di affittare casa / il negozio o altra tipologia e correre il rischio di avere un affittuario insolvente …ma si vede che il gioco vale la candela (molto al nero, a finto titolo gratuito, ecc ecc).
Mettere “a reddito” un immobile, come piace tanto dire a qualcuno, è un investimento a tutti gli effetti, che ti consente una rendita più alta e questo, come noto, comporta un rischio più elevato. Su questo penso che siamo tutti d’accordo.
Ora, vorrei capire perché si chiedono riduzione di tasse (che sono notoriamente basse) per immobili sfitti (come diceva l’interlocutore, a cui ricordo che in epoca covid sono stati stanziati fondi per l’affitto) se stiamo parlando di un investimento e come tale fa parte del rischio d’impresa..è il mercato a cui non si può fare riferimento a proprio piacimento (come i prezzi assurdi degli affitti fuori da ogni logica rispetto al reddito medio, parlo di Roma).

La domanda è un’altra perché non ci sono serie politiche abitative in Italia?
Questo consentirebbe di calmierare i prezzi, gli affitti anche nel privato sarebbero a prezzi più umani e le insolvenze incolpevoli sarebbero di gran lunga inferiori.

Dimenticavo l’Esempio: se investo in azioni e il valore si riduce notevolmente, non vado dallo stato a chiedere un fondo per integrare il valore perso.
Di conseguenza mi aspetto che non lo faccia neanche l’investitore in immobili.

Infine, solo per completezza, la penso così per equità sociale (non vivo in affitto).

io nel mio piccolo vedo che mio padre ha un appartamento anni 70 che affittato con cedolare secca gli rende netto neanche un 3% del valore odierno dell'immobile.
Considera che ogni altro anno qualche problema esce ( tipo caldaia, perdita acqua.... han rifatto il tetto qualche anno fa )... un paio d'anni è stato sfitto per mancanza di richieste.
Morale rapporto rischio di insolvenze ( dove i 3 mesi di fidejussione fan ridere visto che con bimbi piccoli ci stan dentro anche anni la gente ), costi annui,etcc.etcc. manco mi sogno di investire in un immobile.
Discorso diverso in grosse città dove probabilmente il rendimento magari arriva al 6/7% e allora son discorsi diversi, ma in generale avere una proprietà dove hai dei costi certi, ma non stesso dicasi per le entrate non lo vedo bene come investimento.