posso risparmiare sul passaggio di proprieta'?

spider76

Spider-System
Registrato
20/2/04
Messaggi
10.811
Punti reazioni
425
da qualche giorno ho comprato da un privato un'auto,quest'auto e'110 kw.l'agenzia vuole piu' di 600 euro per fare il passaggio di proprieta',dicendomi che viene cosi tanto per mezzo dei 110 kw.pero'se il privato mi fa la fattura mi viene a costare 360 euro.il privato come fa a farmi la fattura se non ha la partita iva?chi sa dirmi come faccio a risparmiare qualcosina?grazie.
 
Anni fà feci il passaggio da me, dopo aver fatto la vendita dal notaio andai al pra e alla motorizzazione.
Cerca sul sito dell'Aci, ci dovrebbe essere scritto tutto.
Che io sappia la potenza dell'auto non c'entra, e in agenzia il passaggio dovrebbe costare sui 300€.
 
Scritto da Spike V
Anni fà feci il passaggio da me, dopo aver fatto la vendita dal notaio andai al pra e alla motorizzazione.
Cerca sul sito dell'Aci, ci dovrebbe essere scritto tutto.
Che io sappia la potenza dell'auto non c'entra, e in agenzia il passaggio dovrebbe costare sui 300€.
se costasse 300 euro lo farei subito,ma sono andato anche in un'altra agenzia e il prezzo e' aumentato a 640 euro.comunque grazie del consiglio vedro' che si puo' fare per risparmiare qualche centinaio di euro.
 
vabbè

Passaggio di Proprietà

Se avete deciso di acquistare un'auto, una moto o un altro veicolo usato, dovete presentare la pratica di passaggio di proprietà presso il P.R.A. e aggiornare la carta di circolazione presso gli Uffici della Motorizzazione Civile.
Di seguito sono indicate le informazioni utili per garantire una corretta presentazione della pratica e, soprattutto, per porsi al riparo o per sanare qualunque inconveniente che potrebbe eventualmente derivare dall'acquisto o dalla vendita di un veicolo.




La pratica di passaggio di proprietà al P.R.A.
La pratica deve essere presentata all'Ufficio Provinciale ACI della provincia di residenza dell'intestatario del veicolo risultante al P.R.A. Il termine per la presentazione, per non incorrere in sanzioni, è di 60 giorni dalla data dell'atto di vendita. La documentazione da presentare è la seguente:


Se il veicolo è dotato di foglio complementare:

mod. NP - 3 compilato (stampato in distribuzione gratuita presso il P.R.A.)
foglio complementare
atto di vendita del veicolo, in una delle seguenti forme:

1) dichiarazione unilaterale di vendita (scrittura privata con firma autenticata del venditore) in duplice originale in bollo
2) dichiarazione di vendita verbale in forma bilaterale (con firma autenticata sia del venditore che dell'acquirente) in duplice originale in bollo
3) atto pubblico, in originale
4) sentenza, in originale



Se il veicolo è dotato di certificato di proprietà (Cdp):

il CdP, che costituisce il documento di proprietà, deve essere utilizzato sia per redigere nell'apposito spazio previsto sul "retro" la dichiarazione di vendita con firma autenticata dal notaio, sia come nota di richiesta della pratica al P.R.A.

Nel caso in cui l'atto di vendita sia redatto in forma bilaterale o sia un atto pubblico o una sentenza, il CdP deve essere comunque presentato in allegato alla seguente documentazione cartacea:

mod. NP - 3 compilato (stampato in distribuzione gratuita presso il P.R.A.);
atto di vendita del veicolo, in una delle seguenti forme:

1) dichiarazione bilaterale di vendita verbale (con firma autenticata sia del venditore che dell'acquirente) in duplice originale in bollo
2) atto pubblico, in originale
3) sentenza, in originale



ATTENZIONE


In entrambi i casi, se l'acquirente è un cittadino italiano nato all'estero o un cittadino straniero residente in Italia occorre integrare la documentazione con almeno uno dei seguenti documenti:

autocertificazione comprovante la residenza in Italia
copia della carta di circolazione già aggiornata dagli Uffici della Motorizzazione
certificato di residenza
certificato di cittadinanza



In caso di furto o smarrimento del foglio complementare o del CdP è necessario richiedere il duplicato del foglio complementare o del CdP che può essere richiesto contestualmente al passaggio di proprietà. In tal caso occorre integrare la documentazione con:

mod NP - 3 (per richiedere il duplicato del foglio complementare o del certificato di proprietà)
denuncia sporta dall'intestatario del veicolo, presso gli organi di pubblica sicurezza in originale o copia conforme all'originale o dichiarazione sostitutiva di resa denuncia

È importante che sulla nota o sul retro del CdP siano inseriti i codici fiscali sia dell'acquirente che del venditore



Passaggio di proprietà a favore di un cittadino italiano residente all'estero (iscritto all'A.I.R.E.)
Se l'acquirente è un cittadino italiano residente all'estero ed iscritto all'A.I.R.E. occorre produrre al P.R.A.:

certificazione di residenza indicante l'iscrizione all'A.I.R.E., la circoscrizione consolare di residenza e l'indirizzo all'estero

OPPURE

dichiarazione sostitutiva di certificazione resa ai sensi dell'art. 3 comma 10 della L. 127/97, oppure (nel caso in cui l'acquirente si presenti personalmente agli sportelli del P.R.A.)documento di riconoscimento in corso di validità.




Passaggio di proprietà in base all'art. 2688 del codice civile.
Si può verificare il caso che l'effettivo proprietario del mezzo non sia la persona o la società cui è intestato il veicolo al P.R.A. In questo caso l'effettivo proprietario può comunque vendere il proprio veicolo ed ottenere la trascrizione al P.R.A. Anche se si è in possesso del CdP, questo non può essere utilizzato né come nota di presentazione né per redigere l'atto di vendita. Andrà pertanto utilizzato il mod. NP - 3, sul quale si dovrà barrare la casella "Iscriz./Trascriz. ex Art. 2688". L'atto dovrà essere in forma bilaterale (con firma sia del proprietario non intestatario del veicolo sia dell'acquirente) in duplice originale in bollo e dovrà contenere la dichiarazione che la vendita viene effettuata da proprietario non intestatario e la trascrizione avverrà ai sensi dell'art. 2688 C.C.

Dal 1° gennaio 1999 questi atti sono soggetti al raddoppio della I.P.T.(Imposta Provinciale di Trascrizione, che sostituisce I.E.T. e A.P.I.E.T.)



Agevolazioni per i portatori di handicap ed esenzione dal pagamento della I.P.T. (Imposta Provinciale di Trascrizione) per i motocicli.
La legge finanziaria 1998 ha previsto delle agevolazioni da applicarsi alle cessioni di motoveicoli ed autoveicoli adattati per la locomozione dei soggetti portatori di handicap. Pertanto gli atti di natura traslativa o dichiarativa formati dal 1° gennaio 1998 aventi per oggetto i motoveicoli e gli autoveicoli adattati sono esenti dal pagamento della I.P.T. Per godere delle agevolazioni l'interessato deve richiedere espressamente sulla nota di formalità "l'esenzione I.P.T. di cui all'art.8 comma 4 della Legge finanziaria 1998". Inoltre per le formalità diverse dalla prima iscrizione, al fine delle verifica della rispondenza della caratteristiche tecniche del veicolo all'indicazione di legge, deve essere allegata alla usuale documentazione anche la fotocopia della carta di circolazione (da cui risulti l'adattamento riguardante la locomozione) oppure copia della certificazione rilasciata dall'azienda sanitaria locale, da cui risulti che la persona è stata riconosciuta portatrice di handicap con ridotte o impedite capacità motorie, oppure copia dell'istanza rivolta al Ministero delle Finanze per ottenere l'esenzione dall'IPT.
Le suddette agevolazioni sono previste esclusivamente per i portatori di handicap con ridotte o impedite capacità motorie permanenti.




Agevolazioni per i veicoli storici


Agevolazioni per il pagamento della I.P.T. sono previste anche per i veicoli storici.
Infatti, l'art. 63 del collegato alla Finanziaria 2000, L. 21/11/2000 n. 342, ha previsto che per gli atti relativi a tali veicoli di cui viene richiesta la trascrizione al Pubblico Registro Automobilistico (P.R.A.) a partire dal 10 dicembre 2000, l'imposta Provinciale di Trascrizione (I.P.T.) è dovuta nella misura forfettaria (fissa) di:

L.100.000 per gli autoveicoli
L.50.000 per i motoveicoli
Per godere di tali agevolazioni, l'interessato deve richiedere espressamente sulla nota di formalità "l'esenzione I.P.T. di cui all'art, 63, comma 4 della Legge 21 novembre 2000, n.342"




Le pratiche alla Motorizzazione Civile
Oltre alla trascrizione del passaggio di proprietà al P.R.A., a norma dell'art. 94 del Codice della Strada, l'acquirente è tenuto a richiedere (sempre entro i citati 60 giorni dalla dell'atto) ad un Ufficio della Motorizzazione Civile l'aggiornamento della Carta di Circolazione del veicolo.


articolo presente sul sito dell' A.C.I

http://www.motorold.it/notizieutili/passaggi/passaggi.htm
 
consigli

Consigli per l'acquisto di un buon usato

Le pratiche per il passaggio di proprietà
Se la macchina soddisfa in pieno le vostre attese non vi resta che stipulare un accordo con il proprietario o la concessionaria e fare le pratiche per entrare a tutti gli effetti in possesso del mezzo.

Ci sono due possibili vie per effettuare correttamente un passaggio di proprietà.

Il primo è quello di affidare tutte le carte e relative code agli sportelli ad una agenzia di pratiche auto.
Il secondo metodo è quello di fare tutto in proprio risparmiando una cifra che oscilla dai 50 ai 150 euro. La trafila è abbastanza lunga e complessa ma con un po' di tempo libero e pazienza si può fare tranquillamente

1) Recatevi da un notaio e fate firmare l'atto di vendita al precedente proprietario. La tariffa oscilla tra i 40 e i 50 euro a seconda dei CV fiscali dell'auto.

2) Con l' atto di proprietà firmato da notaio e venditore ci si presenta al Pra (Pubblico registro automobilistico) della provincia presso la quale è registrata l'auto. Si deve pagare l'Imposta provinciale di trascrizione (Ipt) e far registrare l'atto di vendita. All'importo della Ipt vanno aggiunti 20,66 euro per l'imposta di bollo (30,99 euro se la vettura non ha il Certificato di proprietà) e 20,92 euro di emolumenti Pra. A registrazione effettuata, riceverete un nuovo Certificato di proprietà.

3) Recatevi all'ufficio postale ed effettuate un versamento di 10,33 euro sul conto corrente n. 4028 e uno di 5,16 euro sul conto n. 9001, entrambi intestati al Dipartimento trasporti terrestri.

4) L'ultimo passo da compiere è quello di aggiornare la carta di circolazione. Recatevi all'ufficio provinciale del Dipartimento trasporti terrestri (la ex Motorizzazione civile) con le ricevute dei versamenti, il certificato di residenza (o autocertificazione), la fotocopia della carta di circolazione della vostra vettura e il modulo di richiesta compilato (modello 2119, si trova presso gli sportelli).
http://www.contravvenzioni.it/utilita/usato-6.asp
 
...

L'Imposta provinciale di trascrizione

Dal primo gennaio 1999, sono cambiate le tariffe dei passaggi di proprietà: Iet e Apiet, infatti, sono state sostituite dall'Ipt (Imposta provinciale di trascrizione).

I criteri di tariffazione sono diversi a seconda che il prezzo del veicolo sia soggetto o meno a Iva. Possono rientrare nel primo caso moltissimi degli acquisti effettuati da un privato presso un concessionario, mentre rientrano quasi sempre nel secondo le compravendite tra privati.

Veicoli soggetti a Iva

La tassa è composta da una parte fissa, pari a 150,81 euro (292.000 lire), e da un'eventuale maggiorazione che può variare da provincia a provincia (vedi tabella sotto) fino a un massimo del 20%, pari a 29,95 euro (58.000 lire).

Veicoli non soggetti a Iva

Anche in questo caso la tassa è composta da una parte fissa che però cambia a seconda della potenza della vettura e da un'eventuale maggiorazione che può variare da provincia a provincia (vedi tabella sotto) fino a un massimo del 20%.

Per le auto fino a 53 kW di potenza, la parte fissa è stabilita nella misura forfettaria di 150,81 euro (292.000 lire). Per quelle di potenza superiore è pari a 3,5119 euro (6.800 lire) per ogni kW. Esempio, per una vettura di 75 kW, la parte fissa è di 263,39 euro (510.000 lire), che possono diventare 316,07 euro (612.000 lire) nelle province che applicano la maggiorazione massima del 20%.

CERCATI LA TUA PROVINCIA PER SAPERE IPT PER CALCOLARLA PREVENTIVAMENTE.
COMUNQUE VAI ALLA MOTORIZZAZIONE E VEDRAI CHE TI DARANNO INFO NECESSARIE - SPORTELLO TELEMATICO DELL'AUTOMOBILISTA
 
Il costo "fai-da-te" è di circa 260€ (notaio + ipt + versamenti) come si vede dal post di redon.

600€ in agenzia è esagerato: portagli il calcolo del costo (260€) e fatti dire come arriva a 600€...
 
Re: ...

Scritto da redon
L'Imposta provinciale di trascrizione

Dal primo gennaio 1999, sono cambiate le tariffe dei passaggi di proprietà: Iet e Apiet, infatti, sono state sostituite dall'Ipt (Imposta provinciale di trascrizione).

I criteri di tariffazione sono diversi a seconda che il prezzo del veicolo sia soggetto o meno a Iva. Possono rientrare nel primo caso moltissimi degli acquisti effettuati da un privato presso un concessionario, mentre rientrano quasi sempre nel secondo le compravendite tra privati.

Veicoli soggetti a Iva

La tassa è composta da una parte fissa, pari a 150,81 euro (292.000 lire), e da un'eventuale maggiorazione che può variare da provincia a provincia (vedi tabella sotto) fino a un massimo del 20%, pari a 29,95 euro (58.000 lire).

Veicoli non soggetti a Iva

Anche in questo caso la tassa è composta da una parte fissa che però cambia a seconda della potenza della vettura e da un'eventuale maggiorazione che può variare da provincia a provincia (vedi tabella sotto) fino a un massimo del 20%.

Per le auto fino a 53 kW di potenza, la parte fissa è stabilita nella misura forfettaria di 150,81 euro (292.000 lire). Per quelle di potenza superiore è pari a 3,5119 euro (6.800 lire) per ogni kW. Esempio, per una vettura di 75 kW, la parte fissa è di 263,39 euro (510.000 lire), che possono diventare 316,07 euro (612.000 lire) nelle province che applicano la maggiorazione massima del 20%.

CERCATI LA TUA PROVINCIA PER SAPERE IPT PER CALCOLARLA PREVENTIVAMENTE.
COMUNQUE VAI ALLA MOTORIZZAZIONE E VEDRAI CHE TI DARANNO INFO NECESSARIE - SPORTELLO TELEMATICO DELL'AUTOMOBILISTA
Allora se ho capito bene la mia auto non e' soggetta ad iva quindi verrebbe 151 euro + 3,5euro x i restanti 57 kw =350,5euro.+ il notaio=euro? + i vari versamenti + l'onere dell'agenzia,e si arriva a 600 euro.Ecco perche' mi chiedevano la fattura,avrei pagato una parte fissa cioe' 151 euro circa,e risparmiavo 200 euro circa.
 
poi essendo della prov di salerno ho anche una maggiorazione del 20% sull'imposta provinciale di trascrizione.:angry:
 
Re: Re: ...

Scritto da spider76
Allora se ho capito bene la mia auto non e' soggetta ad iva quindi verrebbe 151 euro + 3,5euro x i restanti 57 kw =350,5euro.+ il notaio=euro? + i vari versamenti + l'onere dell'agenzia,e si arriva a 600 euro.Ecco perche' mi chiedevano la fattura,avrei pagato una parte fissa cioe' 151 euro circa,e risparmiavo 200 euro circa.

non sapevo che l'ipt era in base alla potenza ;)
 
Indietro