Potrebbe essere una soluzione per i rifiuti

  • Ecco la 72° Edizione del settimanale "Le opportunità di Borsa" dedicato ai consulenti finanziari ed esperti di borsa.

    È stata un’ottava ricca di spunti per i mercati, dapprima con l’esito delle elezioni europee, poi con i dati americani incoraggianti sull’inflazione e la riunione della Fed. L’esito delle urne ha mostrato uno spostamento verso destra del Parlamento europeo, con l’avanzata dei partiti nazionalisti più euroscettici a scapito di liberali e verdi. In Francia, il presidente Macron ha indetto il voto anticipato dopo la vittoria di Le Pen e in Germania i socialdemocratici del cancelliere tedesco Olaf Scholz hanno subito una disfatta record. L’azionario europeo ha scontato molto queste incertezze legate al rischio politico in Francia. Oltreoceano, i principali indici di Wall Street hanno raggiunto nuovi record dopo che mercoledì sera, la Fed ha mantenuto invariati i tassi nel range 5,25-5,50%. I dot plot, le proiezioni dei funzionari sul costo del denaro, stimano ora una sola riduzione quest’anno rispetto a tre previste a marzo. Lo stesso giorno è stato diffuso il report sull’inflazione di maggio, che ha mostrato un rallentamento al 3,3% e un dato core al 3,4%, meglio delle attese.
    Per continuare a leggere visita il link

Zedemel

Che potenza!
Registrato
12/6/03
Messaggi
68.249
Punti reazioni
1.271
Rifiuti? Meglio utilizzarli per generare energia all'interno di uno stabilimento industriale (magari soppiantando altri tipi di combustibili, tipo il petcoke), piuttosto che costruire altri inceneritori. E' la posizione di Stefano Ciafani, vice presidente di Legambiente, che specifica che gli impianti in grado di attuare un'operazione del genere "sono i cementifici, tanti in Italia visto che il nostro Paese è tra i maggiori produttori di cemento al mondo, e le centrali a carbone" e che si tratta di un'operazione "già diffusa in Germania e, anche se in maniera minore, anche in Italia".
"Il ciclo integrato dei rifiuti prevede che il recupero energetico si faccia solo alla fine, dopo la corretta raccolta e il riciclaggio dei rifiuti, ovvero sulla percentuale del 25-30% che resta dopo tale ciclo, quantità che poi va trattata e dalla quale resta un 10% finale di frazione combustibile non altrimenti riciclabile. A quel punto - aggiunge Ciafani - piuttosto che costruire l'ennesimo inceneritore che funziona per pochi anni, può aver senso portare il combustibile da rifiuti nei cementifici. Si tratta di una soluzione transitoria efficace, soprattutto nelle grandi aree urbane dove la percentuale residua di rifiuti non più riciclabile rappresenta comunque una grande quantità".


In più, spiega Ciafani, un impianto "che bruci petcoke, rispetta limiti di legge troppo alti perché questo è classificato come combustibile e non come rifiuto, ma se brucua rifiuti, tali limiti di legge si abbassano ai livelli di quelli degli inceneritori". Meglio, quindi, percorrere questa strada, in un Paese "in cui non si devono costruire più impianti di incenerimento, e se ci sono situazioni dove si deve fare recupero di energia da rifiuti è meglio farlo attraverso gli impianti industriali, questo vale per la Sicilia e per l'Umbria e per alcune zone del nord Italia come il Piemonte".
 
Indietro