preliminari di compravendita

prospero123

Nuovo Utente
Registrato
24/2/02
Messaggi
2.690
Punti reazioni
63
salve a tutti

tramite un agenzia immobiliare sto cercando di vendere un terreno agricolo con una costruzione rurale.

trovato l'acquirente,oggi abbiamo stipulato , di fronte ad un notaio , i preliminari di compravendita, dove l'acquirente ha versato una caparra di diecimila euro,in attesa di fare l'atto di compravendita verio e proprio.

l'agenzia immobiliare mi ha chiesto comunque di darle la provvigione , il 3 per cento del valore totale oggi stesso al termine dell incontro con il notaio.

la mia domanda e' questa: se la vendita non dovesse andare in porto l'agenzia immobiliare deve restituirmi quel 3 per cento che gia' gli ho dato?

e nel caso in cui non si dovesse concludere la vendita con questo acquirente e l'agenzia dovesse trovare un altro ipotetico acquirente io dovrei corrispondere nuovamente la provvigione all'agenzia?

e a solo titolo di curiosita ' di solito quanto e' circa la provvigione che chiede un agenteimmobiliare?

grazie
 
Sì, l'agenzia ha diritto a percepire la provvigione. Il 3% mi sembra una commissione equa (oscillano tra 2 e 6%, per cifre basse il compenso diventa forfettario). Dipende dalla causa per cui l'affare non va in porto : se è per cause estranee alla volontà o non dipendenti da negligenza dell'agenzia immobiliare, questa non deve restituire nulla. Se conclude con altro acquirente, la provvigione deve essere corrisposta un'unica volta.
 
cleopatra758 ha scritto:
Sì, l'agenzia ha diritto a percepire la provvigione. Il 3% mi sembra una commissione equa (oscillano tra 2 e 6%, per cifre basse il compenso diventa forfettario). Dipende dalla causa per cui l'affare non va in porto : se è per cause estranee alla volontà o non dipendenti da negligenza dell'agenzia immobiliare, questa non deve restituire nulla. Se conclude con altro acquirente, la provvigione deve essere corrisposta un'unica volta.

Il concetto dell'Agenzia Immobiliare è che viene pagata per il solo fatto che fà incontrare un compratore ed un venditore e questi sottoscrivono dei documenti.
Se poi da una parte o dall'altra si cambia idea i compensi spettano comunque.

Sul fatto che il 3% sia una "commissione equa" avrei molte cose da dire.
Significa prendere il 3% dal compratore ed il 3% del venditore, una vera truffa legalizzata dallo stato visto che per il 90% delle transazioni immobiliari si deve pagare il pizzo per le agenzie......per non parlare dell'altra mafia dei notai.
Su un rogito di 300.000 euro significa prendersi 18.000 euro per il solo fatto di avere fatto conoscere due persone...........direi non male rapportando sudore/profitti.
Ecco perchè di agenzie immobiliari adesso ce ne sono una ogni 30 m.
 
luonto ha scritto:
Ecco perchè di agenzie immobiliari adesso ce ne sono una ogni 30 m.

nel 2000 c'erano negozi finanziari ogni 30 m..... :cool:
 
Indietro