Prezzo di chiusura e Volumi

ijones

Nuovo Utente
Registrato
15/3/02
Messaggi
48
Punti reazioni
1
E' da tempo che sono impegnato nella costruzione di un Trading System che utilizza informazioni combinate giungenti da indicatori come ADX, DM+, DM-, pista ciclica.

In questo momento sto portando avanti un' analisi per studiare le relazioni tra prezzo di chiusura e volumi sviluppati relativamente ad esso.
Credo che eista già qualche studio simile disponibile in rete.

Ringrazio chiunque mi possa dare indicazioni al riguardo.
:bow:
Bye!
IJones.
 
Ritengo piu' interessante il confronto tra volume e prezzo estremo (massimo o minimo) della giornata.
Non ho cercato materiale sull' argomento.
D' accordo con te sul fatto che i volumi siano fondamentali elementi di analisi, ma da troppe parti vengono praticamente ignorati.
 
scritto da Voltagabbana:
Ritengo piu' interessante il confronto tra volume e prezzo estremo (massimo o minimo)

Che cosa intendi per confronto tra volume e prezzo estremo?

Ti ringrazio per il tuo intervento.

IJones.
 
Scritto da ijones
E' da tempo che sono impegnato nella costruzione di un Trading System che utilizza informazioni combinate giungenti da indicatori come ADX, DM+, DM-, pista ciclica.

In questo momento sto portando avanti un' analisi per studiare le relazioni tra prezzo di chiusura e volumi sviluppati relativamente ad esso.
Credo che eista già qualche studio simile disponibile in rete.

Ringrazio chiunque mi possa dare indicazioni al riguardo.
:bow:
Bye!
IJones.

Anch'io sto facendo degli studi sull ADX, DM+ e DM-, ma sono solo all'inizio. Puoi dirmi come giudichi questi osclillatori e che risultati ti stanno dando ??
Grazzzzie !

:bow:
 
Scritto da ijones
In questo momento sto portando avanti un' analisi per studiare le relazioni tra prezzo di chiusura e volumi sviluppati relativamente ad esso
.IJones.

oggi ho trovato un indicatore che nei suoi calcoli fa molto uso del volume, non ho ben capito cosa effettivamente intenda per % di confidenza ma credo sia interessante:

Excel Confidence %
Should oscillate between 0 and 100, usually at the extreme ends of the scale. A value of 0 indicates no confidence in the market going up, whilst 100 indicates perfect confidence in the market going up. Although this obviously isn't the holy grail of indicators, it does offer some insight into what the market is thinking and how one can measure investor sentiment.
You might like to add a slower version of this (just increase the 3 day and 5 day calculations to something you believe to be appropriate - try 7 & 15) and trade the crossovers, as with stochastics. You can also just trade the values ie 90 or higher, buy, 10 or lower, sell.

(Sum(Mov(C * (2.5/ Sqrt(50 * V)),10,S)-
LLV(Mov(C * (2.5/ Sqrt(50 * V)),10,S),5), 3 ) /
Sum(HHV(Mov(C * (2.5/ Sqrt(50 * V)),10,S),5) -
LLV(Mov(C * (2.5/ Sqrt(50 * V)),10,S),5), 3) ) * 100
 
Re: Re: Prezzo di chiusura e Volumi

Scritto da trendinrialzo
oggi ho trovato un indicatore che nei suoi calcoli fa molto uso del volume, non ho ben capito cosa effettivamente intenda per % di confidenza ma credo sia interessante:

mi rispondo da solo, per confidence (la traduzione letterale trae in inganno) si intende la fiducia (sentiment) cmq non ho sbagliato perchè il rapporto volume/prezzo a quanto pare è indicativo del sentiment:

http://www.scalpingschool.com/Analisi_Tecnica/Analisi_a_z/NVI.pdf

A quanto ho capito le mani forti entrano in volumi bassi (vedi indicatore NVI) e noi buoi entriamo in volumi alti (indicatore PVI).
Al riguardo mi è stato consigliato l'indicatore DSI ma occorre scegliere se usarlo in contrarian (quindi con basso sentiment) con la convinzione che le mani forti facciano lo stesso, oppure seguire il mercato (ergo parco buoi). Voi cosa ne pensate??? :confused:
 
Scritto da trendinrialzo
A quanto ho capito le mani forti entrano in volumi bassi (vedi indicatore NVI) e noi buoi entriamo in volumi alti (indicatore PVI).
Al riguardo mi è stato consigliato l'indicatore DSI ma occorre scegliere se usarlo in contrarian (quindi con basso sentiment) con la convinzione che le mani forti facciano lo stesso, oppure seguire il mercato (ergo parco buoi). Voi cosa ne pensate???

Ringrazio trendinrialzo per il suo prezioso contributo.
Per quanto riguarda la tua domanda finale manifesto ovviamente la medesima perplessità.
Non lo so che cosa è meglio credere o quale regola sia meglio adottare.
Quello che so è che di regole conviene averne solo alcune ma molto solide e dalle quali si passa quotidianamente per una verifica delle posizioni prese sul mercato.
 
Re: Re: Prezzo di chiusura e Volumi

Scritto da trendinrialzo
oggi ho trovato un indicatore che nei suoi calcoli fa molto uso del volume, non ho ben capito cosa effettivamente intenda per % di confidenza ma credo sia interessante:

Excel Confidence %

CONFIDENZA(alfa,dev_standard,dimens)

Alfa è il livello di significatività utilizzato per calcolare il livello di confidenza. Il livello di confidenza è uguale a 100*(1 - alfa)% o, in altre parole, un alfa di 0,05 indica un livello di confidenza del 95%.

Dev_standard è la deviazione standard della popolazione per l'intervallo di dati e si presuppone sia nota.

Dimens è la dimensione del campione.
Se si suppone che alfa sia uguale a 0,05, sarà necessario calcolare l'area sottostante la curva normale standard che è uguale a (1 - alfa) o al 95%. Questo valore è ± 1,96. L'intervallo di confidenza sarà quindi:

Esempio

Si supponga che, per il campione di 50 pendolari preso in esame, la durata media del viaggio per raggiungere il posto di lavoro sia di 30 minuti con una deviazione standard della popolazione pari a 2,5. Si può essere certi al 95% che la media della popolazione rientri nell'intervallo:

oppure:

CONFIDENZA(0,05;2,5;50) è uguale a 0,692951. In altre parole, la durata media del viaggio da casa al posto di lavoro è uguale a 30 ± 0,692951 minuti o a un valore compreso tra 29,3 e 30,7 minuti.
 
Re: Re: Re: Prezzo di chiusura e Volumi

Scritto da trendinrialzo
mi rispondo da solo, per confidence (la traduzione letterale trae in inganno) si intende la fiducia (sentiment) cmq non ho sbagliato perchè il rapporto volume/prezzo a quanto pare è indicativo del sentiment:

http://www.scalpingschool.com/Analisi_Tecnica/Analisi_a_z/NVI.pdf

A quanto ho capito le mani forti entrano in volumi bassi (vedi indicatore NVI) e noi buoi entriamo in volumi alti (indicatore PVI).
Al riguardo mi è stato consigliato l'indicatore DSI ma occorre scegliere se usarlo in contrarian (quindi con basso sentiment) con la convinzione che le mani forti facciano lo stesso, oppure seguire il mercato (ergo parco buoi). Voi cosa ne pensate??? :confused:

Mi pare interessante l'utilizzo dell'NVI, con la formula metastock poi già scritta nel pdf a cui fai riferimento.
Non riesco ad interpretarla però, c'è qualcuno che la usa e mi può dare lumi in proposito?
A livello operativo come interpretare un alitalia che mi segna
-1.188 oppure una mediolanum a 1.0107 (come esempio, i due estremi alla data di oggi), secondo la formula del pdf (per intenderci).


Grazie
 
Indietro