Prima Sentenza Per "aggiotaggio Finanziario"

ghekko1966

Nuovo Utente
Sospeso dallo Staff
Registrato
2/9/02
Messaggi
95
Punti reazioni
1
Per conoscenza:

20:39 (AGI) BORSA: IN ITALIA PRIMA SENTENZA PER "AGGIOTAGGIO FINANZIARIO"
.
(AGI) - Roma, 11 nov. - Prima sentenza in Italia per il reato di "aggiotaggio finanziario": il Tribunale di Milano ha infatti condannato un ex operatore di mercato a 3 mesi di reclusione e 5.000 euro di multa (pene sospese). In sintesi sono state considerate "pratiche manipolative" una serie coordinata di operazioni, di per se' lecite, caratterizzate dal requisito della "artificiosita'". Viene cosi' indicata la tendenza di tali pratiche "per le modalita' ed i termini di esecuzione, ad alterare ui libero gioco della domanda e del'offerta ed indurre cosi' in errore il pubblico degli investitori circa il corretto e spontaneo processo di formazione dei prezzi degli strumenti finanziari". Al di fuori della gergalita' tecnico-giuridico, la sentenza riguarda un consistente ordine di acquisto titoli - emesso a ridosso della conclusione della fase di negoziazione sul mercato telematico - finalizzato a far registrare in rialzo l'ultimo prezzo dell'indice Mib 30 rispetto a quello di riferimento. Sulla fattispecie era intervenuta in giudizio la Consob.

Beato quel paese che non ha bisogno di santi o eroi!
Abbiamo dovuto attendere oltre 50 anni per vedere sanzionato uno tra i reati più comuni commessi nel sistema finanziario italiano dal dopoguerra ad oggi e per di più con pena sospesa.

Saluti.
 
Scritto da ghekko1966
Per conoscenza:

20:39 (AGI) BORSA: IN ITALIA PRIMA SENTENZA PER "AGGIOTAGGIO FINANZIARIO"
.
(AGI) - Roma, 11 nov. - Prima sentenza in Italia per il reato di "aggiotaggio finanziario": il Tribunale di Milano ha infatti condannato un ex operatore di mercato a 3 mesi di reclusione e 5.000 euro di multa (pene sospese). In sintesi sono state considerate "pratiche manipolative" una serie coordinata di operazioni, di per se' lecite, caratterizzate dal requisito della "artificiosita'". Viene cosi' indicata la tendenza di tali pratiche "per le modalita' ed i termini di esecuzione, ad alterare ui libero gioco della domanda e del'offerta ed indurre cosi' in errore il pubblico degli investitori circa il corretto e spontaneo processo di formazione dei prezzi degli strumenti finanziari". Al di fuori della gergalita' tecnico-giuridico, la sentenza riguarda un consistente ordine di acquisto titoli - emesso a ridosso della conclusione della fase di negoziazione sul mercato telematico - finalizzato a far registrare in rialzo l'ultimo prezzo dell'indice Mib 30 rispetto a quello di riferimento. Sulla fattispecie era intervenuta in giudizio la Consob.

Beato quel paese che non ha bisogno di santi o eroi!
Abbiamo dovuto attendere oltre 50 anni per vedere sanzionato uno tra i reati più comuni commessi nel sistema finanziario italiano dal dopoguerra ad oggi e per di più con pena sospesa.

Saluti.

in compenso è stato cambiato il regolamento di borsa nel senso che la validazione non avrà più un momento preciso di inizio a partire da lunedì.
 
Indietro