Prima Tremonti, poi Monti, ora di nuovo Tremonti. Cambiamo aria!

  • Ecco la 72° Edizione del settimanale "Le opportunità di Borsa" dedicato ai consulenti finanziari ed esperti di borsa.

    È stata un’ottava ricca di spunti per i mercati, dapprima con l’esito delle elezioni europee, poi con i dati americani incoraggianti sull’inflazione e la riunione della Fed. L’esito delle urne ha mostrato uno spostamento verso destra del Parlamento europeo, con l’avanzata dei partiti nazionalisti più euroscettici a scapito di liberali e verdi. In Francia, il presidente Macron ha indetto il voto anticipato dopo la vittoria di Le Pen e in Germania i socialdemocratici del cancelliere tedesco Olaf Scholz hanno subito una disfatta record. L’azionario europeo ha scontato molto queste incertezze legate al rischio politico in Francia. Oltreoceano, i principali indici di Wall Street hanno raggiunto nuovi record dopo che mercoledì sera, la Fed ha mantenuto invariati i tassi nel range 5,25-5,50%. I dot plot, le proiezioni dei funzionari sul costo del denaro, stimano ora una sola riduzione quest’anno rispetto a tre previste a marzo. Lo stesso giorno è stato diffuso il report sull’inflazione di maggio, che ha mostrato un rallentamento al 3,3% e un dato core al 3,4%, meglio delle attese.
    Per continuare a leggere visita il link

Tremonti...
l'aria che si respirava con lui di freno alle spese dei magnoni era senza alcun dubbio migliore dell'aria che ha fatto respirare monti

ma tant'è che il potere marcio e incancrenito ( anche in parlamento) ha fatto sempre di tutto per osteggiarlo ...
e i boccaloni di sinistra hanno fatto da grancassa perchè solo che uno sia nel pdl per loro è fumo negli occhi

Lui sì che era davvero stimato all'estero :rolleyes: spesso la stampa estera gli dava spazio per articoli di varia natura
 
Indietro