progetto reale di downshifting

gianluca1

Nuovo Utente
Registrato
11/9/08
Messaggi
168
Punti reazioni
10
Ciao a tutti e complimenti, sono diversi anni che vi leggo e confermo che diverse persone manifestano una conoscenza e professionalità della materia fuori dal comune. Mi sono deciso a scrivere dopo tanto tempo in quanto ho raggiunto il mio primo obiettivo e vorrei ora avere da parte vostra alcune idee, punti di vista e, perché no, anche critiche al progetto sul quale ho iniziato a lavorare ormai da 10 anni e che dovrebbe concludersi fra altri 15 anni. Mi spiego meglio, il mio obiettivo è quello di arrivare a 55 anni e iniziare a intraprendere il cosiddetto downshifting (attualmente ho 40 anni). Vorrei arrivare alla famosa data con un capitale a disposizione di 1.100.000/1.200.000 reali, diminuire lo stress lavorativo e di conseguenza il reddito in modo da poter sostenere la famiglia fino al raggiungimento dell’età pensionistica (ho 20 anni di contibuti e quindi indicativamente dovrei maturare il diritto alla pensione a 65 anni uguale per mia moglie). Dai miei calcoli a 55 anni dovrebbero bastare 40/50.000 euro di reddito attualmente grazie a dio il reddito famigliare è molto più alto infatti mi permette una discreta capacità di risparmio annuo, nel momento che intraprenderò il downshifting l’unico accantonamento che vorrei mantenere è quello per i piani pensionistici privati in modo da integrare le pensioni pubbliche con quelle private.
Attualmente la mia situazione è la seguente sposato con un figlio di 4 anni, mutuo con scadenza 2025 iniziato nel 2010 rata fissa 1.124,00 mensile. Le entrate che abbiamo io e mia moglie ci mettono nelle condizioni di risparmiare tenendo conto di tutte le spese, 3.000 euro al mese più versamenti annui di 9.000 in tre fip (io, mia moglie e mio figlio).
La mia posizione finanziaria totale è di circa 403.000 euro così ripartita:
• Polizza vita che scadrà a dicembre 2014 che manderò in differimento perché mi garantisce un tasso minimo del 4% importo: 71.325
• Polizze vita a gestione separate importo: 60.000 euro rendimento atteso intorno al 2,8/3%
• Sicav per un importo totale di 202.000 che alimento mensilmente con i 3.000 di risparmio:
o Isin IT0004889439 sottoscritto il 23/05/2013 ad accumulazione versato 28.000 maturato ad oggi 28.074
o Isin IT0004924707 sottoscritto il 22/08/2013 ad accumulazione versato 10.000 maturato 10.450.
o Isin LU0106259046 sottoscritto il 26/03/2014 versato 7.000 maturato 7.879 alimentato mensilmente con 250 euro
o Isin lu0106261372 sottoscritto il 08/02/2014 versato 13.800 maturato 18.500 alimentato mensilmente con 200 euro
o Isin LU0188438112 sottoscritto il 10/12/2012 versato 19.200 maturato 20.694 alimentato mensilmente con 200 euro
o Isin LU0188499684 sottoscritto il 31/03/2014 versato 10.800 maturato 11.924 alimentato mensilmente con 300 euro
o Isin LU0189893448 sottoscritto il 22/03/2012 versato (entrate- uscite) -145,89 maturato 1350 alimentato mensilmente con 250 euro
o Isin LU0352132103 sottoscritto il 15/03/2011 versato 23.500 maturato 41.209 alimentato mensilmente con 250 euro
o Isin LU0390134368 sottoscritto il 10/12/2012 versato 9.200 maturato 11.308 alimentato mensilmente con 200 euro
o Isin LU0391944815 sottoscritto il 26/03/2014 versato 4.800 maturato 5.179 alimentato mensilmente con 300 euro
o Isin LU0625738058 sottoscritto il 31/03/2014 versato 14.800 maturato 17.093 alimentato mensilmente con 300 euro
o Isin LU0625739700 sottoscritto il 31/03/2014 versato 14.600 maturato 17.771 alimentato mensilmente con 300 euro
o Isin LU0625742837 sottoscritto il 31/03/2014 versato 10.800 maturato 11.100 alimentato mensilmente con 300 euro.
o Isin IT0000390069 sottoscritto il 26/03/2014 versato 6.250 maturato 6.608 alimentato mensilmente con 250 euro

Oltre a questo posseggo 16.600 azioni Unipol IT0004810054 maturato ad oggi 64.640, e fip per me (libero professionista) e mia moglie (dipendente) con controvalore di 90.000 che ci garantisce una rendita (coefficienti bloccati) di 4.584 annui più tfm maturati ad oggi per circa 58.000 euro.
Dai miei conti per raggiungere l’obiettivo 1.200.000 del capitale devo riuscire a far rendere il mio portafoglio il 7,10% (6,44% per 1.100.000) reale. Dopo di che devo fare in modo che il portafoglio renda il 2% annuo reale per poter attingere 20.000 da integrare al reddito e aspettare i 65 anni per iniziare a incassare le pensioni per un totale 4.000 (pubbliche 1.500 io 1.000 mia moglie, private 1.000 io 500 mia moglie).
Ogni intervento sarà prezioso e spero che sia stimolante un confronto con chi, come me, sta provando a raggiungere l’ambito obiettivo perché sono convinto che oggi la vera ricchezza sia il tempo a patto che si possa vivere in serenità.
Grazie
 
Wow!

***** complimenti sei un fenomeno, cosa non facile in questo paese è impossibile di questi tempi, più tosto dacci tu a noi un consiglio, continua così ti auguro di godetevi appieno e non sbandierare tanto le tue cose
 
credimi non ho scritto per mettermi in mostra, vorrei veramente capire se il progetto è fattibile e avere consigli visto che da diversi anni leggo interessantissimi post
 
Opinione personale, meglio godersi di più la vita coniugale e continuare a lavoricchiare per più tempo...la vedo dura cessare a 55 anni.
Quel tipo di rendimento reale è fuori dal prevedibile, implica rischi alti, può andar bene o no. Se poi pensi che una buona fetta la investi in polizze vita con rendimenti decisamente inferiori.....difficilissimo compensare. Perchè così tante UNIPOL? O hai notizie privilegiate, o non ha senso finanziario.....
Inoltre, il mutuo è fisso o variabile?
 
Opinione personale, meglio godersi di più la vita coniugale e continuare a lavoricchiare per più tempo...la vedo dura cessare a 55 anni.
Quel tipo di rendimento reale è fuori dal prevedibile, implica rischi alti, può andar bene o no. Se poi pensi che una buona fetta la investi in polizze vita con rendimenti decisamente inferiori.....difficilissimo compensare. Perchè così tante UNIPOL? O hai notizie privilegiate, o non ha senso finanziario.....
Inoltre, il mutuo è fisso o variabile?

l'obiettivo è proprio quello di godermi di più la vita famigliare, proprio per questo motivo vorrei a 55 rallentare ma non smettere di lavorare, il mutuo che ho è praticamente fisso (in realtà è a rata costante ma nel caso dovessero ripartire i tassi mi si allunga la durata, ma dalle mie previsioni per altri tre quattro anni difficilmente i tassi ripartiranno in modo significativo e a quel punto il più è stato fatto), ho tutte quelle unipol perchè ero rimasto incastrato con l''ultimo aumento di capitale poi ho continuato a mediare e sono riuscito ad abbassare sensibilmente il prezzo d'acquisto, poi l'azione è partita, ho forse sbagliato a non vendere quando ha sfondato i 5 euro, ora però mi sembrerebbe un peccato vendere perchè comunque sono convinto che abbia ancora dei potenziali (mio personalissimo pensiero supportato solo da quello che ho letto sui giornali). Sono consapevole che non ha senso nella logica della diversificazione infatti appena arriva al mio target vendo e vado a ripartire o su altri fondi oppure se i btpi sono tornati a prezzi interessanti su quelli.
Secondo te con il portafoglio così ripartito cosa potrei aspettarmi a scadenza dei 15 anni a euro reali? Grazie in anticipo della risposta
 
Come mai hai trecento fondi diversi ? Finora hai fatto tutto di testa tua, o ti ha consigliato qualcuno ?

7% annuo piu inflazione hai una speranza di farlo solo con 100% azionario, ma le probabilita non sono certo a tuo favore.
 
Perchè una cifra così alta quando dopo solo 10 anni avrete 4000€ di pensioni?? Considera che attualmente i salari al nord oscillano tra i 900 e i 1500€. Forse più che ricercare il 7% reale sul portafoglio che è molto difficile da ottenere potresti/e abbassare il tenore di vita.
 
Come mai hai trecento fondi diversi ? Finora hai fatto tutto di testa tua, o ti ha consigliato qualcuno ?

7% annuo piu inflazione hai una speranza di farlo solo con 100% azionario, ma le probabilita non sono certo a tuo favore.

ho fatto tutto di testa mia, ho così tanti fondi perchè sono strumenti che quando li ho comprati mi convincevano dove investivano, molti sono dell'area paesi emergenti e avere rate di 200/300 mensili l'uno mi può permettere in caso di momentanee difficoltà di risparmio di interrroperne alcuni. Secondo te questo tipo di investimento dove potenzialmente mi potrebbe portare in un arco di tempo di 15 anni? cosa dal tuo punto di vista andrebbe corretto?
Grazie
 
Perchè una cifra così alta quando dopo solo 10 anni avrete 4000€ di pensioni?? Considera che attualmente i salari al nord oscillano tra i 900 e i 1500€. Forse più che ricercare il 7% reale sul portafoglio che è molto difficile da ottenere potresti/e abbassare il tenore di vita.

Giusta osservazione, cerco di risparmiare il più possibile perchè vorrei anche un domani lasciare qualcosa (se se lo merita) a mio figlio, inoltre l'importo delle pensioni è una stima con probabilità alta ma non certa! Tu come ti muoveresti?
 
ho fatto tutto di testa mia, ho così tanti fondi perchè sono strumenti che quando li ho comprati mi convincevano dove investivano, molti sono dell'area paesi emergenti e avere rate di 200/300 mensili l'uno mi può permettere in caso di momentanee difficoltà di risparmio di interrroperne alcuni. Secondo te questo tipo di investimento dove potenzialmente mi potrebbe portare in un arco di tempo di 15 anni? cosa dal tuo punto di vista andrebbe corretto?
Grazie

Come vedi a un certo punto "ti convinceva" il fondo x, ma dopo un po' ti convinceva di piu un altro fondo y, altrimenti avresti continuato a comprare solo il fondo x. Quindi questi convincimenti sono molto variabili e non costituiscono una base valida per decidere in cosa investire.

Cosa fai in 15 anni non lo so, ho solo visto questa lunga lista di isin. Quant'e' il tuo ter medio pesato ?
 
Ci sono diversi articoli, blog e anche discussioni sul fol che trattano l'argomento "vivere di rendita". Io ho 29 anni e sono precario quindi ho obiettivi molto diversi dai tuoi e che sono i più comuni che attanagliano la mia generazione, quindi non mi sono mai posto delle domande simili alle tue essendo in una situazione totalmente differente. Probabilmente nel tuo caso monitorerei le entrate ed uscite su un foglio excel, opererei tagli alle cose superflue e capirei quanto serve alla famiglia per vivere in buoni condizioni ma senza sprechi. Avendo il bilancio delle entrate ed uscite puoi avere maggiormente un'idea di quanto ti serve (ovviamente calcola un margine di errore). Ma 1.2 mil per soli 10 anni a me col MIO tenore di vita sembrano eccessivi mentre per altri sono pochi. Inoltre tuo figlio quando tu avrai 55 anni ne avrà 14 e si spera che dopo altri 5/10 anni sia indipendente.
 
Mi permetto di dissentire da fra fra. Se uno si pensiona a 55 grazie ad economie e riduzione delle spese, allora continui a lavorare.
Il pensionamento da giovani va fatto solo nel caso che le tue entrate, una volta perso il reddito da lavoro, siano ben superiori alle spese correnti e che occorra un cambiamento abbastanza radicale di stile di vita per arrivare a spenderle tutte.
Nota che non ho proprio menzionato intaccare il capitale che a quell'eta li va preservato.
 
Come vedi a un certo punto "ti convinceva" il fondo x, ma dopo un po' ti convinceva di piu un altro fondo y, altrimenti avresti continuato a comprare solo il fondo x. Quindi questi convincimenti sono molto variabili e non costituiscono una base valida per decidere in cosa investire.

Cosa fai in 15 anni non lo so, ho solo visto questa lunga lista di isin. Quant'e' il tuo ter medio pesato ?

scusa ma non sono d'accordo sulla prima tua affermazione, quando il mercato non mi convinceva ho portato a casa il controvalore (es. high yield bond) continuando a versare la rata pac, per diversificare ho preso diversi fondi, poi vista la tua esperienza potresti dirmi che ho diversificato senza diminuire il rischio in quanto essendo prevalentemente investito sui paesi emergenti le correlazioni sono tutte a 1, ma ho chiesto il tuo punto di vista perchè in molti altri post il leggerti mi ha fatto pensare e "maturare" OK! come investitore. scusa ma il ter medio pesato non lo conosco (forse è il costo medio relativo alle commissioni di gestione?)
 
Mi permetto di dissentire da fra fra. Se uno si pensiona a 55 grazie ad economie e riduzione delle spese, allora continui a lavorare.
Il pensionamento da giovani va fatto solo nel caso che le tue entrate, una volta perso il reddito da lavoro, siano ben superiori alle spese correnti e che occorra un cambiamento abbastanza radicale di stile di vita per arrivare a spenderle tutte.
Nota che non ho proprio menzionato intaccare il capitale che a quell'eta li va preservato.

quoto :clap: mi permetto di aggiungere che io a 55 anni non vorrei smettere di lavorare, vorrei solo lavorare diminuendo lo stress, avendo più tempo a disposizione da utilizzare con la famiglia ed è ovvio che dal momento che tutto ha un prezzo nel mio caso sarà una diminuzione del reddito. inoltre vorrei correggere un errore che ho postato all'inizio perchè infatti ho rivisto la formula del rendimento è c'era un errore 400.000 euro capitale iniziale alimentati da 3.000 euro mensili per 15 anni (180 rate) per generare un capitale finale di 1.200.000 devo ottenere un 2,8% reale. E' giusto?
 
Premesso che una lista di isin non mi dice niente... hai mai verificato l'allocazione complessiva? .... esempio di cosa intendo per la parte azionaria:

Supponendo di inserire in un portafoglio bilanciato un 60% di azionario:

iShares Core MSCI Emerging Market IMI, 16,0%
DB X-Trackers Stoxx Europe 600, 16,0%
iShares Core S&P 500, 16,0%
DB X-Trackers MSCI Europe Small Cap, 6,0%
iShares MSCI USA Small Cap, 6,0%

ci si troverebbe con la seguente allocazione:

Asia - Emergente, 8,5%
Asia - Paesi Sviluppati, 8,5%
Eastern Europe, 2,4%
Europe, 36,7%
Giappone, 0,0%
Latin America, 4,5%
Middle East & Africa, 2,7%
North America, 36,6%

Basic Materials, 7,0%
Consumer Cyclical, 11,0%
Financial Services, 18,8%
Real Estate, 3,7%
Communication Services, 4,7%
Energy, 8,3%
Industrials, 11,5%
Technology, 13,0%
Consumer Defensive, 9,0%
Healthcare, 9,5%
Utilities, 3,4%

Large Cap, 68,0%
Mid Cap, 23,3%
Small Cap, 8,7%
 
Che vuoi dire con ho portato a casa il controvalore continuando a versare la rata ?
Hai venduto con una mano e con l'altra continui a comprare ?

Questo che stai facendo con mi convince questo, mi convince quello, compro, vendo si chiama market timing e con ragionevole certezza abbassera il rendimento netto che potresti altrimenti ottenere.
Mi preoccuperei prima di quello che della correlazione.

Il ter medio pesato e' il costo complessivo dei tuoi fondi. Quanto ti costa mantenerli ogni anno ? L'1% del capitale ? Il 2% ?
Questo va aggiunto al tuo 7% richiesto, piu inflazione, e lo fa diventare sempre meno probabile.
 
Mi permetto di dissentire da fra fra. Se uno si pensiona a 55 grazie ad economie e riduzione delle spese, allora continui a lavorare.
Il pensionamento da giovani va fatto solo nel caso che le tue entrate, una volta perso il reddito da lavoro, siano ben superiori alle spese correnti e che occorra un cambiamento abbastanza radicale di stile di vita per arrivare a spenderle tutte.
Nota che non ho proprio menzionato intaccare il capitale che a quell'eta li va preservato.

Penso che dipende dagli obiettivi che una persona si pone, alcuni preferiscono vivere meno lussuosamente ed avere tempo da spendere con la famiglia e per i propi hobbies rispetto ad altri che preferiscono lavorare e garantirsi uno stile di vita più elevato. Non c'è una risposta univoca. Con 4k di pensioni siamo già oltre alla media istat del nord italia dei redditi familiari necessari per condurre una vita dignitosa che ammonta circa a 2,5k€/mese a famiglia. Dipende se si vuole lasciare 1 mil di capitale rivalutato o non rivalutato al figlio oppure 250k oppure nulla. Oltre a tante altre variabili. La domanda principale che io mi farei è vale la pena lavorare fino a 65 anni con quel capitale e quelle ipotetiche pensioni oppure posso smettere prima per dedicarmi a quello che mi piace e alla famiglia? ci sono 2 discussioni sul vivere di rendita sul fol in sezione obbligazioni e le scelte sono molto differenti da caso a caso.
 
premesso che la tua situazione data la complessità richiederebbe diversi giorni di studio per poter dare un parere complessivo fatte queste premesse:

1) bisognerebbe avere qualche info in più sui prodotti assicurativi sottoscritti
2) per le cifre in ballo hai una posizione in fondi troppo frammentata
3) sei esposto in maniera eccessiva al rischio valutario (per ora questa scelta ha pagato nel breve periodo con il rafforzamento del dollaro ma tra 10/15 anni?)
4) alcuni prodotti sono eccessivamente costosi
5) 65000 su Unipol e 10k a fondo suona strano
6) il numero di prodotti da te posseduti richiede di dedicargli del tempo nella gestione tu hai questo tempo ?
7) il 7% reale continuativo per 15 anni come diceva Frank presuppone una massiccia esposizione sui rendimenti ( e rischi ) del comparto azionario
 
Il problema e' che riduco le spese all' osso e pianifico. Poi l'investimento non va bene come speravo e cosa faccio ?

Invece se uno aveva in programma di viverenel lusso, cosi come lui lo immagina, nel caso di rovesci e' sempre possibile ridurre un po' le spese senza grossi sacrifici.

E' una questione di margini di sicurezza.
 
Premesso che una lista di isin non mi dice niente... hai mai verificato l'allocazione complessiva? .... esempio di cosa intendo per la parte azionaria:

intendevi il peso del mio portafoglio:
1) unipol 24,25%
2)franklin mena A 15,75%
3) Arca cedola paesi emergenti valuta locale 2018 15,51%
4)sisf asian equity yield linea a 7,82%
5) sisf us large cap linea a 7%
6) pictet india index R 6,62%
7) pictet china index R 6,36%
8) pictet emerging markets index R 4,45%
9) franklin word perspect. 4,3%
10) Pictet russia index R 4,09%
11) sisf latin america A 2,93%
12) Pictet global megatrend selaction R 1,65%
 
Indietro