Proposte per risparmiare sulla spesa pubblica......serie mi raccomando...

  • Ecco la 72° Edizione del settimanale "Le opportunità di Borsa" dedicato ai consulenti finanziari ed esperti di borsa.

    È stata un’ottava ricca di spunti per i mercati, dapprima con l’esito delle elezioni europee, poi con i dati americani incoraggianti sull’inflazione e la riunione della Fed. L’esito delle urne ha mostrato uno spostamento verso destra del Parlamento europeo, con l’avanzata dei partiti nazionalisti più euroscettici a scapito di liberali e verdi. In Francia, il presidente Macron ha indetto il voto anticipato dopo la vittoria di Le Pen e in Germania i socialdemocratici del cancelliere tedesco Olaf Scholz hanno subito una disfatta record. L’azionario europeo ha scontato molto queste incertezze legate al rischio politico in Francia. Oltreoceano, i principali indici di Wall Street hanno raggiunto nuovi record dopo che mercoledì sera, la Fed ha mantenuto invariati i tassi nel range 5,25-5,50%. I dot plot, le proiezioni dei funzionari sul costo del denaro, stimano ora una sola riduzione quest’anno rispetto a tre previste a marzo. Lo stesso giorno è stato diffuso il report sull’inflazione di maggio, che ha mostrato un rallentamento al 3,3% e un dato core al 3,4%, meglio delle attese.
    Per continuare a leggere visita il link

Rizz

real 96-02
Registrato
26/3/00
Messaggi
4.635
Punti reazioni
205
- riduzione parlamentare ad un massimo di 200...si può avere anche una sola camera...cosa ce ne facciamo di 2?

- consiglieri regionali...max 30 per regioni grandi come la Lombardia, meno per le altre

- riduzione dello stipendio dei politici alla media europea....in regione se vuoi candidarti 3000 euro netti penso possano bastare

- abolizione province ( con distaccamento in regione ) e accorpamento dei comuni che devono avere minimo 10.000 abitanti

- pensione massima 3000 euro, anche se ne sommi 3.....

- centro unico di acquisto ( ovviamente il tutto documentato in rete) per il sistema sanitario, dalle siringhe ai farmaci....

- appalti solo on line, e le ditte partecipanti con offerta in busta da depositare presso il notaio ( se sgarra...manette)....e apertura alla presenza di tutti i consiglieri.

- definizione per legge del numero di dipendenti pubblici che servono in base alla popolazione...e cosi anche nei vari enti......divieto assoluto di assunzione oltre tale limite pena il blocco dei trasferimenti statali.

..........................
 
non sono daccordissimo su tutto
ma accetto e mi dichiaro soddisfatto.
 
per la consulta è tutto antiscostituzionale

addio
 
- Divieto di finanziamenti a fondo perduto alle imprese e sostituzione dei medesimi (che vanno sempre solo agli "amici") con finanziamenti a tassi agevolati (tassi BCE + spread 0,5%) , validi per TUTTE le imprese.

- Accordo con la Svizzera e altre nazioni per la tassazione dei capitali esportati in cambio del mantenimento dell'anonimato.
 
- riduzione parlamentare ad un massimo di 200...si può avere anche una sola camera...cosa ce ne facciamo di 2?

- consiglieri regionali...max 30 per regioni grandi come la Lombardia, meno per le altre

- riduzione dello stipendio dei politici alla media europea....in regione se vuoi candidarti 3000 euro netti penso possano bastare

- abolizione province ( con distaccamento in regione ) e accorpamento dei comuni che devono avere minimo 10.000 abitanti

- pensione massima 3000 euro, anche se ne sommi 3.....

- centro unico di acquisto ( ovviamente il tutto documentato in rete) per il sistema sanitario, dalle siringhe ai farmaci....

- appalti solo on line, e le ditte partecipanti con offerta in busta da depositare presso il notaio ( se sgarra...manette)....e apertura alla presenza di tutti i consiglieri.

- definizione per legge del numero di dipendenti pubblici che servono in base alla popolazione...e cosi anche nei vari enti......divieto assoluto di assunzione oltre tale limite pena il blocco dei trasferimenti statali.


..........................


Le ultime tre dovrebbero essere le modalità di un più ampio disegno concernente la funzione pubblica.
A monte dovrebbe essere costituzionalizzato il principio che il fabbisogno del settore pubblico, quindi il gettito fiscale, è stabilito secondo la sua sostenibilità, così l'organizzazione dei servizi.
Poi, abolizione di qualunque forma di provvidenza pubblica alla politica, all'editoria ed abolizione canone RAI.
Infine, limite di stabilimento nei posti elettivi e nominati o cooptati, esteso anche alle società controllate, comprese quelle indirettamente, dal pubblico.
Anagrafe pubblica degli eletti e dei nominati.
Insomma, una rivoluzione, possibile solo dal basso.
 
Tranne il centro unico di acquisto, tutto il resto è pochissimo risparmio quasi fuffa.
L'unica proposta seria è tagliare 1 milione di statali e con i soldi risparmiati, ridurre il cuneo fiscale e il debito pubblico.
 
Indietro