Putin sta perdendo e anche abbastanza velocemente

terenzio's

bunga bunga man
Registrato
5 Ago 2011
Messaggi
6.881
Punti reazioni
325
Ore 23:12 - «Truppe di Kiev avanzate di 75 km»
Il sito di monitoraggio militare Osint defender ha scritto che le truppe di Kiev sono già avanzate di circa 75 chilometri lungo la sponda del Dnieper, avvicinandosi alla città di Berislav. L’avanzata rischia di intrappolare i soldati di Mosca in una sacca: le uniche vie di fuga sono rappresentate da due ponti poco a est di Kherson che però sarebbero stati danneggiati da bombardamenti.
 

fallugia

Apota
Registrato
2 Nov 2015
Messaggi
33.935
Punti reazioni
981
Ore 23:12 - «Truppe di Kiev avanzate di 75 km»
Il sito di monitoraggio militare Osint defender ha scritto che le truppe di Kiev sono già avanzate di circa 75 chilometri lungo la sponda del Dnieper, avvicinandosi alla città di Berislav. L’avanzata rischia di intrappolare i soldati di Mosca in una sacca: le uniche vie di fuga sono rappresentate da due ponti poco a est di Kherson che però sarebbero stati danneggiati da bombardamenti.
Ma è zona che fa parte delle regioni da pochi giorni proclamate unilateralmente Russia?
 

BlackM

Rock and Roll
Membro dello Staff
Registrato
30 Mar 2000
Messaggi
168.140
Punti reazioni
2.855
Male. Gli Ucraini stanno invadendo territori di diritto Russi da domenica scorsa! Quindi hanno invaso la Russia. Quindi la Russia ha ragione e l'Ucraina è in torto. :eek:
 

pulviscolo

InterStellar Medium
Registrato
4 Set 2002
Messaggi
15.294
Punti reazioni
513
Male. Gli Ucraini stanno invadendo territori di diritto Russi da domenica scorsa! Quindi hanno invaso la Russia. Quindi la Russia ha ragione e l'Ucraina è in torto. :eek:

penso sia la famosa strategia 'elastico' della sacra scuola di ocuto per arrivare comodamente coi tank a parigi come abbondantemente profetizzato dai putiniani di AP
 

Pred_01

compro i sogni
Registrato
21 Ott 2014
Messaggi
25.234
Punti reazioni
499
Sull'argomento, ed in chiave molto più generale, invito a leggere cosa ne pensa il Colonnello (ret.) Stirpe.

Giorno 222
Questo post probabilmente risulterà estremamente controverso, perché finalmente arriveremo al convitato di pietra che siede ormai al nostro tavolo da un po’, ed al quale non è “politicamente corretto” rivolgere non solo la parola, ma anche solo lo sguardo.
Eppure purtroppo affrontarlo è la logica conseguenza di quanto abbiamo detto finora.
Abbiamo visto come la dinamica della guerra convenzionale, per come si era impostata fin dal mese di marzo, è stata tale da logorare il grandissimo vantaggio iniziale dei russi fino a determinarne la perdita dell’iniziativa, e che il Momentum operativo è tale da continuare ad avvantaggiare in maniera lenta ma crescente la parte ucraina.
Abbiamo anche visto come in mancanza di “Cigni Neri” tale situazione non potrà cambiare, e come lo scenario strategico a sua volta non lasci opportunità di rilievo a Putin di invertire l’andamento a lui sfavorevole del conflitto. Le sue chiare interferenze sulle decisioni militari e le sue plateali azioni politiche e diplomatiche (annessioni, mobilitazione, attacchi ibridi e propaganda spicciola) non hanno effetti sul piano militare.
Infine abbiamo dovuto accettare che le azioni di Putin hanno reso virtualmente impossibile un accordo o anche solo l’avvio di un processo negoziale in quanto l’annessione di quattro regioni ucraine (illegale per il mondo ma vincolante per la Russia) ha reso impraticabile qualsiasi ipotesi diplomatica.
Nell’ultimo post abbiamo infine esaminato le prospettive a breve termine in campo militare. Oggi, mentre arrivano le prime informazioni su un possibile cedimento russo nel nord della testa di ponte di Kherson, gettiamo uno sguardo sulle prospettive a lungo termine.
L’inverno non sarà una buona stagione per i russi: è vero che storicamente lo affrontano meglio dei loro avversari; però questa volta non stanno difendendo la propria terra, ma si trovano in territorio straniero e ostile, e i loro avversari non provengono da climi più caldi bensì combattono per l’appunto a casa loro. Inoltre gran parte dell’equipaggiamento professionale russo è andato perduto e almeno metà delle truppe sono di mobilitazione recente e non dispongono di equipaggiamento invernale adeguato. I rifornimenti saranno sotto il costante attacco della artiglieria a lungo raggio avversaria – ormai diventata estremamente precisa – e subiranno le imboscate della Resistenza che in inverno opera con il vantaggio di un ambiente favorevole. Infine il morale è reso basso dalle recenti sconfitte e dalla crescente consapevolezza di non poter vincere.
La primavera illuminerà un esercito russo disorganizzato e demoralizzato ed uno ucraino motivato e rifornito di armamenti occidentali; il bilancio delle forze non sarà sicuramente cambiato a vantaggio dei russi, ma al massimo sarà rimasto invariato, e in queste condizioni una serie di nuovi attacchi ucraini non potrà non ricacciare i russi verso il loro confine internazionalmente riconosciuto.
In conclusione: in assenza di “Cigni Neri”, entro la prossima estate l’Ucraina avrà probabilmente liberato la maggior parte – se non la totalità – dei suoi territori occupati.
Se nel frattempo non saranno intervenuti neppure “Cigni Bianchi” ad abbattere il Regime dall’interno, a quel punto Putin si ritroverà ad essere militarmente sconfitto, con il suo esercito ricacciato entro i propri confini, ma privo di qualsiasi opzione per accettare trattative che in pratica sancirebbero anche politicamente la sua disfatta.
Fra un anno ci ritroveremmo insomma con un “conflitto bloccato” lungo un confine internazionalmente riconosciuto, e una pace irraggiungibile a causa di un dittatore che rifiuta di accettare una pace che equivarrebbe al collasso di tutte le sue ambizioni e quindi anche della sua posizione personale.
Eccoci quindi al famoso convitato di pietra.
“Regime Changing (cambio di Regime)”: si chiama così lo scopo ultimo di una campagna militare che non può concludersi senza il rovesciamento del Governo avversario.
Da sempre, è considerato un vero e proprio “tabù” quando si parla di rapporti con la Federazione Russa: trattandosi di una potenza nucleare, ed essendo il suo Regime notoriamente popolare e saldamente radicato, si è sempre ritenuto che rovesciare Putin NON fosse un’opzione.
Adesso però potrebbe essere rimasta l’unica possibilità per raggiungere una pace ragionevole e duratura in Europa.
La minaccia nucleare è nell’aria da tempo ormai, e a proferirla è stato lo stesso Putin. Come ho scritto già molte volte, è una minaccia poco credibile anche se spaventa l’opinione pubblica, ma è stata agitata ripetutamente dal regime russo. Il deterrente nucleare è tale che se lo si è già minacciato ponendolo sul tavolo – realisticamente o meno – non lo si può porre sul tavolo una seconda volta: così come l’impiego, anche la sola minaccia ha effetto deterrente una volta sola.
La popolarità di Putin non è più quella di sei mesi fa: la sua persona non è ancora criticata apertamente, ma tanto in piazza che sui media di regime si riscontrano sempre più critiche ai vertici politici e militari per l’andamento delle operazioni, e la mancanza di entusiasmo alla mobilitazione la dice lunga sul morale della popolazione. Una Nazione di umore patriottico non ricorre all’arruolamento dei galeotti e non manda al fronte i cadetti delle Accademie militari.
Il regime nel suo complesso appare ancora solido, ma scricchiola vistosamente: le critiche fra i membri della Nomenklatura si susseguono incessanti, e il morale dei vertici militari è chiaramente scosso. Le Forze Armate russe sono state gravemente compromesse nella loro immagine e nelle loro capacità, e i militari russi sanno benissimo di chi sia la colpa.
Putin non è più intoccabile.
Il sistema di potere del regime russo era basato su un compromesso in base al quale il popolo accettava una sostanziale limitazione delle sue libertà in cambio di un lento miglioramento delle condizioni di vita – sia pure asimmetrico fra le diverse entità della Federazione – e di una costante alimentazione dell’orgoglio nazionale, che è da sempre alla base dello spirito del popolo russo.
Ora entrambi questi fattori sono compromessi: le sanzioni stanno colpendo in maniera incrementale l’economia russa e i loro effetti stanno raggiungendo la popolazione; nel contempo l’orgoglio patriottico deve affrontare una serie di sconfitte ormai difficilmente negabili anche al grande pubblico, dove perfino i blogger entusiasti sono costretti a registrare e a diffondere notizie sempre più allarmanti.
Se il Regime sta fallendo nel garantire quanto promesso alla sua base, sta fallendo anche nel remunerare i vertici: i militari perdono potere e prestigio, i Servizi sono inascoltati e squalificati, e gli oligarchi vedono messo a rischio il loro benessere e i loro privilegi.
Per usare un termine ingegneristico, il Regime è attualmente in un “equilibrio iperstatico”.
Il potere personale di Putin è probabilmente ancora abbastanza forte da resistere ai guai attuali, ma è impossibile predire quanto a lungo potrà sopportarne di nuovi.
Pertanto la caduta di Putin diventa uno scenario non solo possibile, ma anche auspicabile. Forse l’unico che possa restituire una chance alla pace.
Rimane il dubbio tanto rilanciato sui media: e se il successore dell’orso Vladimiro fosse peggiore di lui?
Si tratta di un falso problema.
Putin, per difendere la sua posizione personale, ha fatto il vuoto di personaggi capaci intorno a sé, e si è circondato di “yesmen” inetti. L’orso Vladimiro non è pericoloso solo perché “cattivo”, ma soprattutto perché è dotato di un potere quasi assoluto in un Paese nucleare. Il suo successore sarà assai difficilmente altrettanto capace e potente, e sicuramente il suo potere sarà limitato da una cerchia di rivali invidiosi e ambiziosi dai quali dovrà proteggersi per difendere il suo potere.
Per quanto maldisposti verso l’Occidente, i successori dell’orso probabilmente saranno più una “Troika” che un singolo autocrate, e dovranno bilanciare il loro traballante potere cercando di accontentare tanto i vertici del potere russo che la base, e non potranno farlo continuando una guerra contro l’Occidente che Putin ha già perso per loro.
Dovranno per forza di cose scaricare tutte le colpe sul povero orso Vladimiro, e ricercare una pace che restituisca una prospettiva tanto ai vertici che alla base del loro grande Paese.
E la guerra potrà finalmente terminare.
Orio Giorgio Stirpe
#guerrainucraina
#Ucraina
 

ToriToriTori

+ NATO + + OTAN +
Registrato
17 Mar 2004
Messaggi
30.240
Punti reazioni
1.379
Zelensky avverte i russi uno ad uno: state alla larga!

Screenshot_20221003_145925_edit_246070704254638.jpg
 

Droppe

Fol Member
Registrato
31 Dic 2007
Messaggi
8.328
Punti reazioni
291
Male. Gli Ucraini stanno invadendo territori di diritto Russi da domenica scorsa! Quindi hanno invaso la Russia. Quindi la Russia ha ragione e l'Ucraina è in torto. :eek:

neo imperialismo ucraino :eek:
 

texasranger

Well-known member
Registrato
12 Feb 2014
Messaggi
4.305
Punti reazioni
82
Ore 23:12 - «Truppe di Kiev avanzate di 75 km»
Il sito di monitoraggio militare Osint defender ha scritto che le truppe di Kiev sono già avanzate di circa 75 chilometri lungo la sponda del Dnieper, avvicinandosi alla città di Berislav. L’avanzata rischia di intrappolare i soldati di Mosca in una sacca: le uniche vie di fuga sono rappresentate da due ponti poco a est di Kherson che però sarebbero stati danneggiati da bombardamenti.

Tutto ampliamente previsto.....anzi probabilmente gli americani stanno dando le armi con il contagocce per evitare reazioni scomposte dei russi.....

La questione rimane sempre come gestire il dopo.... anche perché molti paesi Nato ad iniziare dal nostro hanno preso delle bastonate economiche non indifferenti......e in qualche maniera la Nato ci deve risarcire......
 

texasranger

Well-known member
Registrato
12 Feb 2014
Messaggi
4.305
Punti reazioni
82
Sull'argomento, ed in chiave molto più generale, invito a leggere cosa ne pensa il Colonnello (ret.) Stirpe.

Paradossalmente perdere la guerra è l'unico modo per la Russia di salvare la faccia......sempre che le istituzioni reggano.,
 

zitto-ma-dritto

Well-known member
Registrato
20 Dic 2005
Messaggi
5.079
Punti reazioni
250

tutmosi

Well-known member
Registrato
20 Set 2003
Messaggi
14.996
Punti reazioni
383
"Pertanto la caduta di Putin diventa uno scenario non solo possibile, ma anche auspicabile".
Ahahah,mi è bastato questo...per rafforzare la possibilità si affida al fato.:)
 

deltamarco

Non auro,sed ferro
Registrato
8 Nov 1999
Messaggi
45.244
Punti reazioni
802
Sull'argomento, ed in chiave molto più generale, invito a leggere cosa ne pensa il Colonnello (ret.) Stirpe.

Interessante articolo, quindi la guerra durerà ancora a lungo…

A meno che non uccidano Putin , cosa che al momento è alquanto improbabile…

Mah…
 

Zio Arduino

Well-known member
Registrato
3 Set 2010
Messaggi
6.323
Punti reazioni
357
Paradossalmente perdere la guerra è l'unico modo per la Russia di salvare la faccia......sempre che le istituzioni reggano.,

assurdo...piuttosto putin tira le atomiche e distrugge tutto...voi di psicologia non capite molto eh? e nemmeno del carattere russo...piu la guerra va male per la russia piu ci avviciniamo al disastro....poi certo riuscissero a destituirlo e a metterci uno piu tranquillo ci saremmo salvati ma se non succede sono capzi amari...:wall:
 

mib30

acquisto BUONSENSO
Registrato
21 Ago 2000
Messaggi
43.529
Punti reazioni
1.299
assurdo...piuttosto putin tira le atomiche e distrugge tutto...voi di psicologia non capite molto eh? e nemmeno del carattere russo...piu la guerra va male per la russia piu ci avviciniamo al disastro....poi certo riuscissero a destituirlo e a metterci uno piu tranquillo ci saremmo salvati ma se non succede sono capzi amari...:wall:

Vero, ma non basta solo Putin
Necessiti di un centinaio di persone che tutte facciano il loro lavoro
Basta un semplice meccanico che sviti una pietra per rinviare il lancio di qualche settimana

La "catena di lancio" è molto lunga, inizia con Putin e finisce con molti altri

Basta che si stacchi un abello
 
Alto