Quando amministra la sinistra: il caso di Torino

Midatauro

Utente Registrato
Sospeso dallo Staff
Registrato
20/6/09
Messaggi
27.787
Punti reazioni
347
6 luglio 2012 - 07:30
Torino ha finito i soldi. Le casse di Palazzo Civico sono vuote, e sui cittadini sabaudi grava un debito che l’anno scorso è salito a 4,5 miliardi di euro, record assoluto in Italia. In questi giorni la giunta Fassino ha approvato il bilancio previsionale 2012. Non è stata una passeggiata, non soltanto per il fuoco di sbarramento dei 30mila emendamenti al testo posti dall’opposizione Pdl-Lega, ma soprattutto perché la grana dei derivati non ha certo consentito ampi margini di manovra. In più bisognava tentare il rientro nello «stupido» Patto di stabilità, come l’aveva definito Fassino alla fine dell’anno scorso.
....


Leggi il resto: Torino, un Comune fallito salvato dall


E prima di Fassino, il sindaco era Chiamparino, come Bersani e Fassino un ex esponente del PCI che, con la sua componente maggioritaria , ha attraversato alcune mutazioni di denominazione fiono ad arrivare a chiamarsi PD
 
che gliene frega ci sono i vostri risparmi in banca per coprire i buki di Torino, MPS e Unipol.
Le patrimoniali servono per quello cosa credevate?
 
Fassino mentre innalza l'IMU all'aliquota massima, strapaga i suoi amici

Il contratto (milionario) del portavoce di Fassino finisce alla Corte dei Conti - Il Post Viola | Il Post Viola

Come molti oramai sanno, Fassino ha regalato alla città di Torino un primato davvero oneroso: il portavoce del sindaco, Gianni Giovannetti, costa, infatti, la bellezza di 187 mila euro l’anno, ovvero quasi 1 milione in 5 anni.

La sua retribuzione annua lorda è pari a 116 mila euro e può essere paragonata a quella di Jay Carney, il portavoce del Presidente degli USA, Barack Obama che è pari a 172.000 dollari lordi annui, che, al momento della sottoscrizione del contratto di Giovannetti, equivalevano a circa 120.000 euro, oggi qualcosa di più a causa della rivalutazione del dollaro.

L’ex-giornalista del Messaggero, che segue da anni il sindaco Fassino, ha ottenuto questo contratto tramite nomina diretta da Palazzo Civico.

E’ passato quasi un anno da quando abbiamo sollevato per la prima volta le nostre perplessità di legittimità in merito a questa assunzione: accessi agli atti, interpellanze e interrogazioni per avere la conferma della mancanza del titolo di laurea, elemento necessario per essere nominato dirigente ed avere quindi accesso a questa tipologia di retribuzione.

Ad Aprile, in seguito alla nostra insistenza sulla mancanza dei requisiti, l’amministrazione gli aveva sospeso l’incarico da dirigente ma non abbassato lo stipendio di conseguenza. (qui il video)

Uno stipendio che era già una follia prima, ma che a fronte della mancanza del titolo di laurea e della sospensione degli incarichi da dirigente, non poteva rimanere lo stesso: a fronte di minori responsabilità devono corrispondere minori compensi.

E invece nulla è cambiato.

La scorsa settimana, stufi dell’immobilismo della Giunta, abbiamo presentato un esposto alla Corte dei Conti affinché verifichi se l’azione intrapresa da parte della Città di Torino sia coerente con la normativa vigente e se il contratto di assunzione sia legittimo.

Riteniamo, inoltre, che vi possano essere elementi dai quali poter desumere anche unaresponsabilità contabile per danno all’erario, con riferimento alla circostanza che il compenso previsto nel contratto (assai rilevante per la funzione ricoperta) non sia mutato né diminuito nonostante la sospensione della qualifica dirigenziale.

L’avranno capito che l’osso non lo molliamo?

di Chiara Appendino
 

Allegati

  • fassino-300x263.jpg
    fassino-300x263.jpg
    15,6 KB · Visite: 218
pagare sudditi pagare
che noi a champagne e ostriche non ci rinunciamo
 
ma come?
i cattocomunisti della giunta di Mirandola si vantano di un gemellaggio con la città di Torino che ha promesso SOLDI per ricostruire qualche palazzo/chiesa terremotati!
tutte balle inventate dai cattocom evidentemente. non ci sono SOLDI!!!!
bugiardi bugiardi bugiardi
 
Fassino mentre innalza l'IMU all'aliquota massima, strapaga i suoi amici

Il contratto (milionario) del portavoce di Fassino finisce alla Corte dei Conti - Il Post Viola | Il Post Viola

Come molti oramai sanno, Fassino ha regalato alla città di Torino un primato davvero oneroso: il portavoce del sindaco, Gianni Giovannetti, costa, infatti, la bellezza di 187 mila euro l’anno, ovvero quasi 1 milione in 5 anni.

La sua retribuzione annua lorda è pari a 116 mila euro e può essere paragonata a quella di Jay Carney, il portavoce del Presidente degli USA, Barack Obama che è pari a 172.000 dollari lordi annui, che, al momento della sottoscrizione del contratto di Giovannetti, equivalevano a circa 120.000 euro, oggi qualcosa di più a causa della rivalutazione del dollaro.

L’ex-giornalista del Messaggero, che segue da anni il sindaco Fassino, ha ottenuto questo contratto tramite nomina diretta da Palazzo Civico.

E’ passato quasi un anno da quando abbiamo sollevato per la prima volta le nostre perplessità di legittimità in merito a questa assunzione: accessi agli atti, interpellanze e interrogazioni per avere la conferma della mancanza del titolo di laurea, elemento necessario per essere nominato dirigente ed avere quindi accesso a questa tipologia di retribuzione.

Ad Aprile, in seguito alla nostra insistenza sulla mancanza dei requisiti, l’amministrazione gli aveva sospeso l’incarico da dirigente ma non abbassato lo stipendio di conseguenza. (qui il video)

Uno stipendio che era già una follia prima, ma che a fronte della mancanza del titolo di laurea e della sospensione degli incarichi da dirigente, non poteva rimanere lo stesso: a fronte di minori responsabilità devono corrispondere minori compensi.

E invece nulla è cambiato.

La scorsa settimana, stufi dell’immobilismo della Giunta, abbiamo presentato un esposto alla Corte dei Conti affinché verifichi se l’azione intrapresa da parte della Città di Torino sia coerente con la normativa vigente e se il contratto di assunzione sia legittimo.

Riteniamo, inoltre, che vi possano essere elementi dai quali poter desumere anche unaresponsabilità contabile per danno all’erario, con riferimento alla circostanza che il compenso previsto nel contratto (assai rilevante per la funzione ricoperta) non sia mutato né diminuito nonostante la sospensione della qualifica dirigenziale.

L’avranno capito che l’osso non lo molliamo?

di Chiara Appendino

Brava Chiara ,non mollare.OK!
 
bisognerebbe fare una bella patrimoniale ai torinesi
 
T0', una giunta rossa che fa disastri?
Ma guarda un po', anche a Milano adesso ce n'è una (Pisapia); con la giunta rossa, le uniche cose in aumento sono ROM, extracomunitari, moschee, furti, rapine & C :wall:

Allarme criminalità a Milano: in aumento furti, rapine e stupri
Stupri Milano, nell’ultimo mese 26 casi di violenza sessuale, 7 dei quali su minori
Moschee, il Comune ora accelera: sì a sedi nuove
Rom via Pestagalli e via Cassio Milano, centinaia di abusivi e decine di baracche, inutili le petizioni inviate dai residenti all’assessore alla Sicurezza Granelli

Mi fermo qui con i link: sono una marea, basta googlare un po'

Bel programma la sinistra KO!

Nero
 
T0', una giunta rossa che fa disastri?
Ma guarda un po', anche a Milano adesso ce n'è una (Pisapia); con la giunta rossa, le uniche cose in aumento sono ROM, extracomunitari, moschee, furti, rapine & C :wall:

Allarme criminalità a Milano: in aumento furti, rapine e stupri
Stupri Milano, nell’ultimo mese 26 casi di violenza sessuale, 7 dei quali su minori
Moschee, il Comune ora accelera: sì a sedi nuove
Rom via Pestagalli e via Cassio Milano, centinaia di abusivi e decine di baracche, inutili le petizioni inviate dai residenti all’assessore alla Sicurezza Granelli

Mi fermo qui con i link: sono una marea, basta googlare un po'

Bel programma la sinistra KO!

Nero

milano e torino hanno quello che hanno votato.
 
6 luglio 2012 - 07:30
Torino ha finito i soldi. Le casse di Palazzo Civico sono vuote, e sui cittadini sabaudi grava un debito che l’anno scorso è salito a 4,5 miliardi di euro, record assoluto in Italia. In questi giorni la giunta Fassino ha approvato il bilancio previsionale 2012. Non è stata una passeggiata, non soltanto per il fuoco di sbarramento dei 30mila emendamenti al testo posti dall’opposizione Pdl-Lega, ma soprattutto perché la grana dei derivati non ha certo consentito ampi margini di manovra. In più bisognava tentare il rientro nello «stupido» Patto di stabilità, come l’aveva definito Fassino alla fine dell’anno scorso.
....


Leggi il resto: Torino, un Comune fallito salvato dall


E prima di Fassino, il sindaco era Chiamparino, come Bersani e Fassino un ex esponente del PCI che, con la sua componente maggioritaria , ha attraversato alcune mutazioni di denominazione fiono ad arrivare a chiamarsi PD

beh io ho votato per un sindaco del pd e la mia città è tutt'altro che sfasciata:cool:
Oscar di Bilancio P. A. 2012. Bari sul podio delle città virtuose - Affaritaliani.it
e funziona tutto "bene" dalla raccolta dei rifiuti alla pulizia delle strada per finire ai trasporti e alla viabilità stradale:yes:
 
bisognerebbe fare una bella patrimoniale ai torinesi

l' hanno già pagata:


02/11/2012
........
La stangata

È il caso di Torino, che ha scelto di alzare quasi al massimo le aliquote: 5,75 per mille sulla prima casa e 10,6 sulle seconde. E così, chi ha un appartamento in cui risiede con rendita catastale di 800 euro, se a giugno ha versato 168,80 euro a dicembre ne dovrà sborsare 404. Chi vive in un alloggio con rendita di 1900 euro, invece, passerà dai 538,40 euro di giugno ai 1.097 di fine anno. Sulle seconde case la situazione non cambia più di tanto . L’appartamento con rendita 800 euro a giugno valeva una Imu di 510,72 euro; nella seconda tranche, a dicembre la quota salirà a 913,92 euro. Per la casa con rendita 1900 euro, infine, se l’importo di metà anno è stato 1.226,46 euro, a dicembre è destinato a lievitare a 2.157,06.

.....
Gli altri comuni

Gli altri grandi comuni del Torinese hanno optato per una scelta chiara: mantenere l’aliquota sulla prima casa ai livelli stabiliti dal governo (4 per mille) e spremere maggiormente le seconde case, ma senza spingere al massimo, eccetto Settimo Torinese. E così Moncalieri, Collegno, Rivoli, Nichelino, Settimo, Chieri, Pinerolo e Venaria hanno confermato il 4 per mille, mentre Grugliasco è scesa addirittura al 3,5. Sulle seconde case le scelte sono piuttosto diverse: c’è chi ha deciso di calcare la mano, come Settimo (10,6 per mille) e Grugliasco (10), chi ha piazzato un’aliquota robusta come Rivoli (9,4), Nichelino e Chieri (9) e chi un po’ meno marcata, come Moncalieri (8,5), Collegno (8,9), Pinerolo (8,9) e Venaria (8,6).


La Stampa - Imu, la stangata è servita a fine anno


Comune di Chieri - Comune - Sindaco
 
Ultima modifica:
T0', una giunta rossa che fa disastri?
Ma guarda un po', anche a Milano adesso ce n'è una (Pisapia); con la giunta rossa, le uniche cose in aumento sono ROM, extracomunitari, moschee, furti, rapine & C :wall:

Allarme criminalità a Milano: in aumento furti, rapine e stupri
Stupri Milano, nell’ultimo mese 26 casi di violenza sessuale, 7 dei quali su minori
Moschee, il Comune ora accelera: sì a sedi nuove
Rom via Pestagalli e via Cassio Milano, centinaia di abusivi e decine di baracche, inutili le petizioni inviate dai residenti all’assessore alla Sicurezza Granelli

Mi fermo qui con i link: sono una marea, basta googlare un po'

Bel programma la sinistra KO!

Nero

ai moralmente superiori che rispondono ai poteri esteri, NULLA INTERESSA DELLE PROTESTE DEI RESIDENTI. E DEL FUTURO DELL'ITALIA.
 
bah, io ero anche con preferenze di destra ma .. onestamente.. a Parma la dx ha governato "talmente bene" da far vincere grillo....... non so se ho reso l'idea..
 
peccato che i sinistrati hanno una magistratura 'a latere'. e la m.erda non esce. ce ne sarebbe un bel pò nelle amministrazioni tra reggio a bologna, e zone limitrofe.
 
peccato che i sinistrati hanno una magistratura 'a latere'. e la m.erda non esce. ce ne sarebbe un bel pò nelle amministrazioni tra reggio a bologna, e zone limitrofe.

purtroppo è la realtà, penati libero , il cassiere in convento.
 
Indietro