Quanto si può risparmiare "fiscalmente" con un PIP ?

  • Due nuove obbligazioni Societe Generale, in Euro e in Dollaro USA

    Societe Generale porta sul segmento Bond-X (EuroTLX) di Borsa Italiana due obbligazioni, una in EUR e una in USD, a tasso fisso decrescente con durata massima di 15 anni e possibilità di rimborso anticipato annuale a discrezione dell’Emittente.

    Per continuare a leggere visita questo LINK
In merito alla deducibilità dei FIP vorrei farvi riflettere sulla convenienza a portarlo in deduzione. Facendo alcune simulazioni risulta che la "pacchia" della deduzione dei FIP non è poi cosi eclatante in quanto, grazie al principio di correlazione, se le tasse non le paghi oggi le pagherai domani quando percepirai la rendita. Per cui può essere conveniente non portare in deduzione il FIP; unico inconveniente è che tutti gli anni, entro settembre, occorre comunicare al gestore la parte del premio che non viene portata in deduzione.

Altro diffettuccio non da poco è che i coefficienti di conversione in rendita del capitale maturato non sono noti oggi ma saranno quelli in vigore a scadenza del contratto.

Il mio parere è che, allo stato attuale delle cose, i FIP risultano strumenti poco efficaci per integrare la pensione INPS.

Qualcuno è di parere contrario????
:p
 
Re: Re: pip questo sconosciuto

Scritto da ricoman

Ce ne un'altra! .........anum che applica l'80% Di commissioni d'ingresso, loro passano da Lurdes:D :D

peccato che tu non sia documentato...

M.....anum prevede il rimborso dei caricamenti iniziali attraverso una forma di bonus che ti fa rientrare in toto del costo sostenuto ed in diversi casi (secondo le durate) addirittura porta in positivo i costi del programma.

Prima di fare affermazioni documentarsi...:D:D:D

PER PERLAS72

A settembre di ogni anno devi comunicare solo la parte del premio che eventualmente hai versato e non portato in deduzione (per effetto del famoso conteggio 12% - max 10mln), in caso di non comunicazione la compagnia ritiene dedotto l'intero premio, sei tu che devi comunicare il fatto diverso per evitare la tassazione alla fine del programma sulle somme non portate in deduzione.

Ciao Frangi
 
x frangi - rif m.....anum

caro frangi

trascuri un fatto importante,
l'eventuale rimborso delle commissioni pagate sul primo premio del pip in oggetto, ti vengono rimborsate a scadenza non rivalutate.
E' come se oggi tu mi dai 5 mln di lire e io te le restituisco tra trentacinque anni non rivalutate.

Praticamente non ti restituisco un c....zzo.

se non la pensi così allora puoi anche darmeli, ti firmo una cambiale che scade nel 2037.

L'unico vero vantaggio del PIP è nel rendimento dell'operazione, se non c'è rendimento difatti il beneficio fiscale non viene compensato dalle ritenute operate a scadenza, soprattutto se il riscatto è superiore al 33% del montante finale.
Quindi ti invito a riflettere attentamente su questo argomento
(e' ovvio che condivido l'idea di difendere i propri servizi di investimento, ma in questo caso la difesa è impossibile)

cordiali saluti.


:confused:
 
Re: x frangi - rif m.....anum

Scritto da luamatox
caro frangi

trascuri un fatto importante,
l'eventuale rimborso delle commissioni pagate sul primo premio del pip in oggetto, ti vengono rimborsate a scadenza non rivalutate.
E' come se oggi tu mi dai 5 mln di lire e io te le restituisco tra trentacinque anni non rivalutate.

Praticamente non ti restituisco un c....zzo.

se non la pensi così allora puoi anche darmeli, ti firmo una cambiale che scade nel 2037.

L'unico vero vantaggio del PIP è nel rendimento dell'operazione, se non c'è rendimento difatti il beneficio fiscale non viene compensato dalle ritenute operate a scadenza, soprattutto se il riscatto è superiore al 33% del montante finale.
Quindi ti invito a riflettere attentamente su questo argomento
(e' ovvio che condivido l'idea di difendere i propri servizi di investimento, ma in questo caso la difesa è impossibile)

cordiali saluti.


:confused:

allora, vediamo di fare alcune precisazioni e riflettiamo insieme:
intanto il bonus viene restituito ogni cinque anni in base al rapporto premi pattuiti/premi versati. (Es. se l'alimentazione è regolare e la durata è 20 anni, ogni 5 recupero 1/4 del caricamento iniziale)
E' ovvio che c'è la perdita degli interessi su quella cifra, ma fra perdere gli interessi e perdere il capitale interamente (come comunque avviene in altri PIP della concorrenza) credo ci sia una bella differenza.
Oltre a questo il piano prevede un ulteriore Bonus che viene pagato alla scadenza del piano, e che ripaga anche dei caricamenti pagati sulle annualità successive e che comunque ti restituisce anche parte del costo del denaro che tu sostieni perso.
Non mi risulta esistano prodotti analoghi sul mercato, anzi di solito i costi (quelli effettivi, non solo quelli di ingresso) sono complessivamente più cospicui.

Per quanto riguarda il rendimento sono daccordo con te ma questo non è un problema del prodotto (anche se ovviamente la compagnia deve cercare di gestire al meglio il denaro in suo possesso, obiettivo non sempre centrato dai gestori di grossi capitali), ma della normativa che in parte tende a rimangiare il beneficio elargito nella prima fase dell'accantonamento.

qui caro Luamatox non si tratta di difendere i propri servizi, ma solo di dare informazioni complete per evitare di confondere le idee ai poveri risparmiatori. Poi sono loro a scegliere, ma almeno diamogli la possibilità di farlo con dati certi in mano.

Ciao - Frangi

ps. chiedo scusa a chiunque abbia pensato che fosse mia intenzione fare pubblicità. Vorrei solo che certe persone che intervengono al Forum riportassero, visto che spesso non viene fatto, dati corretti e non imperfetti od inesatti.
 
CARO FRANGI TI RINGRAZIO

CARO FRANGI
TI RINGRAZIO DELLE PRECISAZIONI
CHE OVVIAMENTE RITENGO CORRETTE (ANCHE NON CONOSCENDO COSI' APPROFONDITAMENTE IL TUO PRODOTTO)
CERTO CHE NEL CASO DA TE INDICATO, LA RESTITUZIONE DEL CARICAMENTO RISULTA SICURAMENTE ATTENUARE I COSTI DEL PIP DI QUESTA SOCIETA'. TUTTAVIA CONTINUO A RITENERE CHE CI SONO OFFERTE MIGLIORI SUL MERCATO, MA ANCHE OFFERTE PEGGIORI, ALLA LUCE DI QUELLO CHE TU HAI RIFERITO.

GRAZIE COMUNQUE DEI CHIARIMENTI
E A RIVEDERCI SUL FOL
 
Scritto da perlas72
In merito alla deducibilità dei FIP vorrei farvi riflettere sulla convenienza a portarlo in deduzione. Facendo alcune simulazioni risulta che la "pacchia" della deduzione dei FIP non è poi cosi eclatante in quanto, grazie al principio di correlazione, se le tasse non le paghi oggi le pagherai domani quando percepirai la rendita. Per cui può essere conveniente non portare in deduzione il FIP; unico inconveniente è che tutti gli anni, entro settembre, occorre comunicare al gestore la parte del premio che non viene portata in deduzione.

Altro diffettuccio non da poco è che i coefficienti di conversione in rendita del capitale maturato non sono noti oggi ma saranno quelli in vigore a scadenza del contratto.

Il mio parere è che, allo stato attuale delle cose, i FIP risultano strumenti poco efficaci per integrare la pensione INPS.

Qualcuno è di parere contrario????
:p

IO SONO CONTRARIO SOLO ALL'AVATAR CHE TU MI HAI USURPATO CLANDESTINAMENTE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! :D:D:D:D

concordo invece con il tuo parere sui fip
la deduzione ' un po' uno specchietto per le allodole

troppi vincoli ,riscatti non permessi - opzione capitale a scadenza max 50% con super batosta fiscale ,non puoi scegliere eredi... (...... )..... diversi dal coniuge :(:( ,tasse sulla rendita (!!! ) ecc. ecc.

qualcuno mi spieghi perche' dovrei scegliere un fip e non una polizza tradizionale,,certo non piu' detraibile se non per le spese assicurative, ma molto meno vincolante e dove tra l'altro posso gia' fissare oggi i coefficienti di conversione capitale in rendita a scadenza(cosa,vi assicuro ,non da poco )

ciao
 
Queste nuove normative pensionistiche sono un puttànaio indecifrabile.

tutti intascano commissioni, percentuali, tasse, aliquote di retrocessione eccetera.
I fondi non si sa cosa fanno, come sono gestiti e cosa rendono.
Ti OBBLIGANO ad aderirire ad un fondo di categoria (gestito da chi poi, dai sindacati? :D) , quando poi magari cambi lavoro 10 volte nell'arco della vita.
Vogliono mettere le mani sulle liquidazioni per farci non si sa cosa.

Ho come il presentimento che alla fine della fiera tra 20 o 30 anni, quando vorremo andare in pensione ci diranno che hanno finito i soldi e bla bla bla.

Secondo me, accantonando ogni anno la stessa cifra del PIP, e naturalmente non spendendola ;), alla fine si ottiene lo stesso risultato se non di più.

Ciao
 
Indietro