quelli di Banca popolare Italiana

ecco la trimestrale con una piccola novità..
 

Allegati

  • 1.jpg
    1.jpg
    76,1 KB · Visite: 194
parte 2
 

Allegati

  • 2.jpg
    2.jpg
    69,6 KB · Visite: 192
parte 3
 

Allegati

  • 3.jpg
    3.jpg
    85,2 KB · Visite: 18
  • 4.jpg
    4.jpg
    7,5 KB · Visite: 20
novità..
 

Allegati

  • 5.jpg
    5.jpg
    88 KB · Visite: 179
seconda parte
 

Allegati

  • 6.jpg
    6.jpg
    63,7 KB · Visite: 178
Avrei una domanda per gli amici di Lodi:

quando nel marzo 2002 venne lanciata l'offerta di acquisto della Banca Popolare del Trentino, venne pagata 159.197.575 euro, una parte di questi in contanti (79.598.788) e il restante con azioni BPL.

Ora maggio 2006, si comunica che, sulla base dei dati provvisori, la valutazione del ramo d'azienda identifica un intervallo di valore, tra 23,4 e 25,8 milioni di Euro incluso il valore del marchio Banca Popolare del Trentino.

Mi chiedo, cosa può aver determinato una così evidente diminuzione di valore?
Forse non saranno trasferiti gli immobili?
 
Agenzia: PMF Data: 16.05.2006-15.10 Tipo: DN_SCB

Oggetto: B.P.Italiana: Consob, a Lehman B. il 3,636% del capitale-2-

MILANO (MF-DJ)--Lehman Brothers Holdings Inc. dal 5 maggio detiene il
3,636% del capitale di B.P.italiana.

Lo si apprende dalle comunicazioni societarie alla Consob rese note
oggi, dove si specifica che la quota fa capo a Lehman Brothers
International Europe.
 
Finanzaonline.com - 16/05/2006 17:11 - Lehman Brothers Holdings è entrata nel capitale sociale di Permasteelisa, Vianini Industria, Vianini Lavori e Banca Popolare Italiana con una quota rispettivamente pari al 10,004%, al 2,391%, 4,053% e al 3,636%. Le partecipazioni sono per la maggior parte in prestito e il diritto di voto è in capo alla stessa Lehman. Lo si apprende dal sito web della Consob, nella sezione dedicata alle partecipazioni rilevanti delle società quotate, che riporta come data di tutte le operazioni lo scorso 5 maggio.
 
si sa nulla del preventivato aumento di capitale a pagamento!???
grazie
 
Finanzaonline.com - 18/05/2006 14:20 - Le azioni Rcs in pegno a Bpi non sono in procinto di essere collocate. Lo rimarca un comunicato della Banca Popolare Italiana che ha risposto prontamente alle indiscrezioni stampa odierne che invece vedevano l'istituto lodigiano pronto a collocare sul mercato le azioni Rcs costituite in pegno dal gruppo Magiste di Stefano Ricucci.
 
Bpi: deliberato aumentato di capitale a pagamento per 720 mln di euro

NEWS,18.05.2006 22:33


Il Cda di Banca Popolare italiana si è riunita in serata per deliberare sull’aumento di capitale di capitale a pagamento, in via scindibile, per poco più di 317 milioni di euro massimi, da realizzare mediante l’emissione di quasi 106 milioni di azioni ordinarie, del valore nominale di 3 ciascuna. Le stesse verranno offerte in opzione agli azionisti e ai possessori di obbligazioni convertibili del prestito subordinato 2000/2010, nel rapporto di 21 nuove azioni ordinarie ogni 100 azioni e/o obbligazioni convertibili possedute, ad un prezzo pari a 6,80 euro cadauna, di cui 3,80 a titolo di sovrapprezzo, per un controvalore complessivo massimo pari a 719,4 milioni di euro.
La ricapitalizzazione della società è finalizzata da un lato al rafforzamento patrimoniale anche a livello consolidato e, dall’altro, a sostenere la realizzazione degli obiettivi di crescita e di sviluppo delle attività fissati nel piano industriale 2006-2009 del gruppo e comunque tale da garantire a livello consolidato un core Tier 1 intorno al 7% a fine 2006.
 
fagians ha scritto:
Cosa ne pensate?
L'aumento è lultimo atto della seuqnaz prima del cavliere giancu.

Il giro è a 7,93. Primo step a 8,25, poi cè 8,48 .................. 10,50

Raga, tenendo conto dei nuovi numeri dopo adc, naturally.
 
zagalo ha scritto:
L'aumento è lultimo atto della seuqnaz prima del cavliere giancu.

Il giro è a 7,93. Primo step a 8,25, poi cè 8,48 .................. 10,50

Raga, tenendo conto dei nuovi numeri dopo adc, naturally.
io sono d'accordo e tengo...e partecipo all'aumento
 
aiuto!
aumento di capitale a 6.80. ma se è stata quotata in questi ultimi temoi sopra 8,00..........questo vuol dire che piano piano si porterà su quel livello???
 
an.bal ha scritto:
aiuto!
aumento di capitale a 6.80. ma se è stata quotata in questi ultimi temoi sopra 8,00..........questo vuol dire che piano piano si porterà su quel livello???
noooo
 
17 BANCHE DENTRO C’È LA STORIA DEI CRAC FINANZIARI: PARMALAT, CIRIO, NECCHI - Abn paga 280 milioni la «spazzatura» di Bpi - Agli olandesi un miliardo di crediti incagliati

Vanno ad Abn Amro i crediti incagliati di Bpi. La banca olandese, grande nemica dei lodigiani ai tempi della gestione di Gianpiero Fiorani nella battaglia per Antonveneta, si è aggiudicata 924 milioni di incagli totali con una offerta da 280 milioni di euro. Il secondo, spiega una fonte vicina alla vicenda, è risultato West LB con un’offerta di poco inferiore. Molto lontane invece le offerte delle altri partecipanti alla gara. Deutsche Bank avrebbe offerto 202 milioni. Goldman Sachs 160 milioni e la disponibilità a migliorare l’offerta con un approfondimento della pratica. Jupiter, del gruppo De Benedetti, 150 milioni. E infine Npl - gruppo Gallo, 110 milioni più un earnout di 60 milioni in caso di raggiungimento di determinati obiettivi.

La banca olandese si porta a casa 22.000 posizioni incagliate, la maggior parte della quali riferite a persone fisiche. Circa sessanta posizioni sono superiori al milione di euro e comprendono la «storia» dei crac finanziari degli ultimi anni: da Cirio a Parmalat, da Finmatica a Necchi. Tra le persone fisiche c’è invece l’ex calciatore rossonero Franco Baresi.

Ieri a Lodi si sono tenuti i cda per la fusione delle controllate Reti bancarie holding e Bipielle Investimenti - entrambe quotate in borsa - e per il varo dell’operazione di aumento di capitale: L’importo è di 720 milioni di euro ad un prezzo di 6,8 euro per azione. I consiglieri hanno affrontato il nodo dei concambi delle due controllate, che saranno delistate e assorbite nella capogruppo. Il cda, protrattosi fino alla tarda serata di ieri, non aveva all’ordine del giorno la discussione relativa al destino del pacchetto Rcs, ma con l’occasione delle riunioni il numero uno Divo Gronchi ha comunque fatto il punto sulla vicenda con i consiglieri della banca.

Bpi ha comunque smentito ieri di aver dato un mandato per la cessione di due piccoli pacchetti di azioni date in pegno da Stefano Ricucci. Si tratta di 8,2 milioni di azioni Capitalia e 5,2 milioni di azioni Rcs messe sotto sequestro dalla procura di Roma in due diversi filoni delle indagini sull’immobiliarista. Il pacchetto della banca è riferito infatti ad appropriazioni indebite per la compravendita dell’immobile di via Lima con l’ex presidente della Confcommercio Sergio Billè. Il secondo è invece sequestrato nell’ambito del filone sulla scalata Rcs, e rappresenta il controvalore delle illecite plusvalenze che Ricucci avrebbe realizzato durante la scalate (oltre 21 milioni di euro). Pur in mancanza di un mandato, la banca avrebbe effettivamente richiesto alla procura lo sblocco dei due pacchetti sotto sequestro e starebbe valutando le diverse modalità per la sua cessione. Resta ancora da definire invece la vicenda della parte più consistente del pacchetto: si tratta di oltre 100 milioni di titoli, pari al 14,1%, che Lodi detiene in pegno a fronte di crediti per 692 milioni di euro complessivi. Ieri i legali di Magiste hanno incontrato in procura i pm incaricati delle indagini, Giuseppe Cascini e Rodolfo Sabelli, pur illustrare alcune modifiche al piano per l’accesso al concordato preventivo che nella sua prima stesura era stato rigettato da Bpi. «A breve si sottoporrà a bpi la domanda di ammissione al concordato e la banca dovrà dire se le sembra conveniente, anche se non è indispensabile dal punto di vista procedurale», ha detto uscendo dall’incontro l'avvocato della Magiste, Riccardo Olivo. Tra i consulenti della società immobiliare trapelava ieri un moderato ottimismo. Per questa mattina è previsto un incontro dei vertici Magiste, allargato ai consulenti finanziari, legali e tributari, per fare il punto dopo l'incontro con i pm di ieri.GIANLUCA PAOLUCCI
 
ok........oggi scende tutto il mondo, ma bpi già molto sotto quota 7.93 penso considerato da molti come supporto consistente. Dove si va a finire?? Ripeto provocazione di pochi giorni fa.. a 6.80???? pari all'aumento? a chi giova?? che interessi ci sono in gioco con il concambio Rbh??
 
Indietro