Ragazzo universitario che deve gestire un portafoglio di circa 500k

ortis

Tempus Fugit
Registrato
27/2/06
Messaggi
6.701
Punti reazioni
962
Oltre LS cos'altro inseriresti tu in portafoglio?
E' come chiedere se voglio più bene alla mamma o al papà...

Come si fa a dare una risposta, sono anni che ci si accapiglia su cosa aggiungere o meno al portafoglio basato (come core) sul LS :)

Alcuni aggiungono oro, altri small cap, altri VEMT. Bisogna farsi un'idea studiando.

Se vuoi un cosiglio da un vecchietto come il sottoscritto: quella che hai fatto è una domand da NON fare :) perché rischi che qualcuno ti risponda e poi ti ci fiondi senza approfondire :D

Io ad esempio punto ad un portafoglio interamente basato su LS + Buono obiettivo 65 (non più sottoscrivibile) + conti deposito.
Ma io sono io e (per fortuna) ognuno la pensa (e investe) in modo diverso :)
 

Eliogatto

Let it Be
Registrato
25/7/21
Messaggi
377
Punti reazioni
171
Ricordiamo che per le gestioni patrimoniali (ad es. MoneyFarm) se a inizio anno avevo il mio capitale con valore di mercato a 100K e a fine anno il valore di mercato è diventato 110K, ANCHE SENZA VENDERE NULLA devo pagare il 26% di tasse sul delta della cifra di inizio anno e la cifra di fine anno, cioè debbo sborsare al 31 dicembre 2600 euro.

Si possono chiaramente anche compensare le eventuali minus con le future plusvalenze, ma questo meccanismo fiscale (malato) inficia di parecchio i potenziali rendimenti, a maggior ragione quando si investe a medio/lungo termine.

Per quanto mi riguarda, tutta la vita LS.

Disclaimer: sono stato cliente di MF con cifre abbastanza importanti. Oggi ho lasciato due spicci (5K) solo per vedere (per pura curiosità) come fanno i ribilanciamenti quelle due/tre volte l'anno :D
Sono d’accordo. Infatti ho sia MF che LS.
per ciò che riguarda MF bisogna considerare che la norma non vantaggiosa sulla gestione patrimoniale si accompagna pero’, nel bene e nel male, a una gestione attiva che, fra l’altro, prevede non solo etf azionari e obbligazionari, ma anche eventualmente oro, reit, materie prime…. Ciò a differenza di quanto avviene col LS.
I ribilanciamenti sono cioe non solo quantitativi ma anche tattici.
Se non ci fosse la particolarità della gestione patrimoniale a ogni ribilanciamento dovrebbero pagare il 26% di tasse nel preciso momento in cui vendono un asset in gain durante un ribilanciamento. La gestione patrimoniale consente, invece, di vendere l’asset in gain causa ribilanciamento e trattenere tutta la cifra lorda da reinvestire su eventuale altro etf. Questo perché i conti li fanno, poi, a fine anno andando a compensare minus e plusvalenze e non nel momento di vendita dell’asset.
Con ciò voglio dire che anche io preferisco pagare le tasse alla fine dell’investimento per massimizzare l’interesse composto, ma la gestione patrimoniale può avere anche qualche piccola ragione.
Poi, per carità, anche io ho una preferenza per il LS perché’ fa ribilanciamenti interni e anche in quel caso niente tasse…
 
Ultima modifica:

paolo.maraz93

Nuovo Utente
Registrato
8/12/22
Messaggi
18
Punti reazioni
0
E' come chiedere se voglio più bene alla mamma o al papà...

Come si fa a dare una risposta, sono anni che ci si accapiglia su cosa aggiungere o meno al portafoglio basato (come core) sul LS :)

Alcuni aggiungono oro, altri small cap, altri VEMT. Bisogna farsi un'idea studiando.

Se vuoi un cosiglio da un vecchietto come il sottoscritto: quella che hai fatto è una domand da NON fare :) perché rischi che qualcuno ti risponda e poi ti ci fiondi senza approfondire :D

Io ad esempio punto ad un portafoglio interamente basato su LS + Buono obiettivo 65 (non più sottoscrivibile) + conti deposito.
Ma io sono io e (per fortuna) ognuno la pensa (e investe) in modo diverso :)

Grazie per aver condiviso la tua situazione ;)
 

33vergelle

vecchio utente
Registrato
19/6/16
Messaggi
387
Punti reazioni
16
Salve a tutti sono un ragazzo universitario di 25 anni che a seguito di vendite e eredità deve gestire un portafoglio di circa 500k. Non studio economia ne mi intendo di finanza ma da varie settimane mi informo e cerco di capirne di più.

Scusate se non apro un post ma ho ancora da scontare i 30 messaggi, Il mio obbiettivo è quello di diversificare investimenti e tempi di investimento, con un rischio medio- basso, puntando per una parte maggioritaria del patrimonio al lungo periodo (10 anni).

Nella banca credit agricole mi è stato consigliato di aprire la polizza dynamic strategy con percorso guidato e linea dinamica investendo prima 150k e poi aggiungendone 100k in futuro. Per chi non la conoscesse è una polizza che parte investendo l’80% in gestione separata e il restante 20% in un pacchetto di 10 fondi. Poi a intervalli regolari e prestabiliti i soldi vengono disinvestiti dalla gestione separata e investiti nei 10 fondi fino ad arrivare dopo 2 anni al 50/50.

Vi lascio il pacchetto di 10 fondi in fondo al post, in generale a me questa scelta fatta da loro e non modificabile non fa proprio impazzire e informandomi online una soluzione di pari merito rispetto a questa di credit agricole ma molto più gettonata è quella di investire in due ETF (uno azionario mondo e l’altro obbligazionario) oppure usare il fondo di Vanguard LifeStrategy.

(Ovviamente contando che la proposta di CE è una polizza con tutti i suoi vantaggi)

La mia domanda quindi è: contando che vorrei di questo portafoglio investire sui 400k, con almeno 250k riservati ad un investimento a lungo termine (10anni), voi cosa mi consigliate di fare riguardo questo arco temporale?



Poi ci sarebbe la seconda domanda che è quella di capire come investire i rimanenti con rischio medio e orizzonte temporale medio, ma credo la questione più importante rimanga quella scritta sopra.


Grazie mille anche solo di aver letto questo post enorme
Per un orizzonte temporale di 10 anni potrebbero andare bene LS60 o 40, dipende dal tuo profilo di rischio. Se poi per il restante l'orizzonte è di soli 5 anni potresti fare LS40 + 10/20% di SGLD...oppure vincoli 5 anni con un conto deposito al 4%. Io cmq fossi in te questi investimenti li farei attraverso 3 differenti broker/banche,per ridurre il rischio di avere dei soldi "incagliati"
 

bobsinclair

Ladder Philosophy
Registrato
7/3/14
Messaggi
11.138
Punti reazioni
644
Per un orizzonte temporale di 10 anni potrebbero andare bene LS60 o 40, dipende dal tuo profilo di rischio. Se poi per il restante l'orizzonte è di soli 5 anni potresti fare LS40 + 10/20% di SGLD...oppure vincoli 5 anni con un conto deposito al 4%. Io cmq fossi in te questi investimenti li farei attraverso 3 differenti broker/banche,per ridurre il rischio di avere dei soldi "incagliati"
Credi davvero che se metti più bond e meno azionario allora avrai più garanzie di avere un rendimento positivo in meno anni:no:
 

4% netto

Eyes Wide Shut
Registrato
18/4/21
Messaggi
432
Punti reazioni
104
Salve a tutti sono un ragazzo universitario di 25 anni che a seguito di vendite e eredità deve gestire un portafoglio di circa 500k. Non studio economia ne mi intendo di finanza ma da varie settimane mi informo e cerco di capirne di più.

Grazie mille anche solo di aver letto questo post enorme
Se mi trovassi alla tua età in questa situazione farei così:

Gli Stati Uniti molto probabilmente andranno in recessione nel 2023 perchè la FED sta attuando politiche recessive al fine di abbattere l'inflazione, questo significa calo dell'azionario, ipotizzo sul -20% -30%.
I primi ad entrare in recessione saranno gli U.S.A. poi l'UE.
In piena recessione compri circa 100K di un ETF azionario Americano ad accumulo e lo tieni in ottica 20/30 anni, sarà la tua pensione anticipata.
Fregatene se ti diranno è poco diversificato, è un ETF dentro ci sono centinaia di titoli e gli U.S.A. sono quelli che storicamente fanno meglio, guarda la borsa Italiana, se avessi diversificato con quella avresti solo ridotto di molto i rendimenti.
Il resto puoi metterlo in BTP Italia e quando la BCE avrà raggiunto il culmine del rialzo dei tassi prendi TDS Europei a tasso fisso.
Sul conto corrente se non hai grosse spese 50k dovrebbero bastare fino all'inserimento nel mondo del lavoro.
 

Linusale

Nuovo Utente
Registrato
3/1/22
Messaggi
361
Punti reazioni
139
Se mi trovassi alla tua età in questa situazione farei così:

Gli Stati Uniti molto probabilmente andranno in recessione nel 2023 perchè la FED sta attuando politiche recessive al fine di abbattere l'inflazione, questo significa calo dell'azionario, ipotizzo sul -20% -30%.
I primi ad entrare in recessione saranno gli U.S.A. poi l'UE.
In piena recessione compri circa 100K di un ETF azionario Americano ad accumulo e lo tieni in ottica 20/30 anni, sarà la tua pensione anticipata.
Fregatene se ti diranno è poco diversificato, è un ETF dentro ci sono centinaia di titoli e gli U.S.A. sono quelli che storicamente fanno meglio, guarda la borsa Italiana, se avessi diversificato con quella avresti solo ridotto di molto i rendimenti.
Il resto puoi metterlo in BTP Italia e quando la BCE avrà raggiunto il culmine del rialzo dei tassi prendi TDS Europei a tasso fisso.
Sul conto corrente se non hai grosse spese 50k dovrebbero bastare fino all'inserimento nel mondo del lavoro.

Perdonami, ma se fosse tutto così dettagliatamente prevedibile, io cadrei in depressione per evidenti incapacità di non averlo compreso prima.

Dalle tue previsioni, saresti in grado di stabilire la % "esatta" dell'ulteriore calo, l'anno esatto nel quale avverrà, l'anno della recessione, in quale mercato inizierà e dove e quando questa si propagherà. E, non per ultimo, agiresti in anticipo (o meglio nel giorno esatto) per investire sul BTP perché sarebbe possibile intercettare l'esatta corrispondenza tra la futura dichiarazione della BCE in merito alla fine della sua politica monetaria restrittiva e l'apprezzamento delle quotazioni dei BTP.

Se c'è qualcuno che ci riesce, chapeau!
 

Joshua77

Nuovo Utente
Registrato
3/1/21
Messaggi
124
Punti reazioni
13
Se mi trovassi alla tua età in questa situazione farei così:

Gli Stati Uniti molto probabilmente andranno in recessione nel 2023 perchè la FED sta attuando politiche recessive al fine di abbattere l'inflazione, questo significa calo dell'azionario, ipotizzo sul -20% -30%.
I primi ad entrare in recessione saranno gli U.S.A. poi l'UE.
In piena recessione compri circa 100K di un ETF azionario Americano ad accumulo e lo tieni in ottica 20/30 anni, sarà la tua pensione anticipata.
Fregatene se ti diranno è poco diversificato, è un ETF dentro ci sono centinaia di titoli e gli U.S.A. sono quelli che storicamente fanno meglio, guarda la borsa Italiana, se avessi diversificato con quella avresti solo ridotto di molto i rendimenti.
Il resto puoi metterlo in BTP Italia e quando la BCE avrà raggiunto il culmine del rialzo dei tassi prendi TDS Europei a tasso fisso.
Sul conto corrente se non hai grosse spese 50k dovrebbero bastare fino all'inserimento nel mondo del lavoro.
Mah…
Io trovo molto più concreta e sostenibile questa posizione
Buying The S&P 500 Today? Wait. These 8 Charts Show What You May Miss
 

clarence10

Nuovo Utente
Registrato
30/3/12
Messaggi
2.046
Punti reazioni
92
Se mi trovassi alla tua età in questa situazione farei così:

Gli Stati Uniti molto probabilmente andranno in recessione nel 2023 perchè la FED sta attuando politiche recessive al fine di abbattere l'inflazione, questo significa calo dell'azionario, ipotizzo sul -20% -30%.
I primi ad entrare in recessione saranno gli U.S.A. poi l'UE.
In piena recessione compri circa 100K di un ETF azionario Americano ad accumulo e lo tieni in ottica 20/30 anni, sarà la tua pensione anticipata.
Fregatene se ti diranno è poco diversificato, è un ETF dentro ci sono centinaia di titoli e gli U.S.A. sono quelli che storicamente fanno meglio, guarda la borsa Italiana, se avessi diversificato con quella avresti solo ridotto di molto i rendimenti.
Il resto puoi metterlo in BTP Italia e quando la BCE avrà raggiunto il culmine del rialzo dei tassi prendi TDS Europei a tasso fisso.
Sul conto corrente se non hai grosse spese 50k dovrebbero bastare fino all'inserimento nel mondo del lavoro.
Ah ma quindi è così facile prevedere i mercati? Quando hai tempo se ci puoi dare anche i numeri del Superenalotto di giovedì, grazie.
 

4% netto

Eyes Wide Shut
Registrato
18/4/21
Messaggi
432
Punti reazioni
104
Perdonami, ma se fosse tutto così dettagliatamente prevedibile, io cadrei in depressione per evidenti incapacità di non averlo compreso prima.

Dalle tue previsioni, saresti in grado di stabilire la % "esatta" dell'ulteriore calo, l'anno esatto nel quale avverrà, l'anno della recessione, in quale mercato inizierà e dove e quando questa si propagherà. E, non per ultimo, agiresti in anticipo (o meglio nel giorno esatto) per investire sul BTP perché sarebbe possibile intercettare l'esatta corrispondenza tra la futura dichiarazione della BCE in merito alla fine della sua politica monetaria restrittiva e l'apprezzamento delle quotazioni dei BTP.

Se c'è qualcuno che ci riesce, chapeau!
Non è una previsione ma una strategia, la devi comunque aggiustare nei dettagli in corso d'opera.
 

33vergelle

vecchio utente
Registrato
19/6/16
Messaggi
387
Punti reazioni
16
Non è una previsione ma una strategia, la devi comunque aggiustare nei dettagli in corso d'opera.
Boh, secondo me prima di pensare strategicamente bisogna studiare come funzionano i mercati e poi l'importanza della diversificazione
 

4% netto

Eyes Wide Shut
Registrato
18/4/21
Messaggi
432
Punti reazioni
104
Boh, secondo me prima di pensare strategicamente bisogna studiare come funzionano i mercati e poi l'importanza della diversificazione
E' già diversificato ha azioni U.S.A, Titoli indicizzati Italia a medio termine e Titoli di Stato Europei a tasso fisso per non sobbarcarsi rischio cambio sulla parte obbligazionaria.
Siccome è pieno di spiritosi che commentano sarcasticamente ma non sanno aggiungere nulla di concreto la chiudo qui.
 

totuccio2

Nuovo Utente
Registrato
9/7/10
Messaggi
6.638
Punti reazioni
186
I costi sono importantissimi.
Se riesci a far da solo e te la senti, puoi tagliarli al massimo grado.
Qui troverai parecchi che ti dicono " compra un ls e non pensarci più ".
A mio parere non è così facile né scontato, soprattutto psicologicamente: acquistato a dicembre 21, ti saresti trovato sotto di qualche decina di migliaia di euro, con la multiramo probabilmente molto meno.
Non sono situazioni così facili da gestire.
Io però lavoro in banca, sono.in conflitto di interessi
 

Abaddon

lazy FOoLish
Registrato
15/6/18
Messaggi
2.174
Punti reazioni
563
I costi sono importantissimi.
Se riesci a far da solo e te la senti, puoi tagliarli al massimo grado.
Qui troverai parecchi che ti dicono " compra un ls e non pensarci più ".
A mio parere non è così facile né scontato, soprattutto psicologicamente: acquistato a dicembre 21, ti saresti trovato sotto di qualche decina di migliaia di euro, con la multiramo probabilmente molto meno.
Non sono situazioni così facili da gestire.
Io però lavoro in banca, sono.in conflitto di interessi

Sul conflitto di interessi non ti seguo. Non stai vendendo nulla per cui dove starebbe il conflitto? @bow, per esempio, ha il tuo stesso peccato originale (😁) eppure riesce a dare pareri personali senza problemi. O almeno così sembrerebbe, sempre che non faccia parte di qualche CDA di società emittenti di ETF... 😅
 
Ultima modifica:

33vergelle

vecchio utente
Registrato
19/6/16
Messaggi
387
Punti reazioni
16
Credi davvero che se metti più bond e meno azionario allora avrai più garanzie di avere un rendimento positivo in meno anni:no:
Garanzie non esistono in Borsa, ma le statistiche dicono che le azioni sono più volatili perciò la loro % deve essere proporzionata all'orizzonte temporale.
 

bobsinclair

Ladder Philosophy
Registrato
7/3/14
Messaggi
11.138
Punti reazioni
644
Garanzie non esistono in Borsa, ma le statistiche dicono che le azioni sono più volatili perciò la loro % deve essere proporzionata all'orizzonte temporale.
E cosa c'entra la volatilità con quanto hai appena scritto?
La volatilità è una cosa, il rendimento atteso un'altra....per esempio i bond hanno cicli più lunghi delle azioni per cui magari avrai meno vola con i bond ma ci impiegherai più tempo a tornare verde se becchi l'apice di un ciclo di taglio tassi come quello appena passato....
 

33vergelle

vecchio utente
Registrato
19/6/16
Messaggi
387
Punti reazioni
16
I costi sono importantissimi.
Se riesci a far da solo e te la senti, puoi tagliarli al massimo grado.
Qui troverai parecchi che ti dicono " compra un ls e non pensarci più ".
A mio parere non è così facile né scontato, soprattutto psicologicamente: acquistato a dicembre 21, ti saresti trovato sotto di qualche decina di migliaia di euro, con la multiramo probabilmente molto meno.
Non sono situazioni così facili da gestire.
Io però lavoro in banca, sono.in conflitto di interessi
Attenzione: tu stai osservando un periodo di un anno, ma non ha senso visto che paolomaraz ha un orizzonte minimo di 10 anni. Se lui è convinto di investire per almeno 10 anni il fatto di essere in negativo dopo un anno di sicuro non lo porta a vendere LS.
 

cataflic

Nuovo Utente
Registrato
16/10/02
Messaggi
5.419
Punti reazioni
408
È chiaramente meglio una allocazione a basso costo come quella degli ls o similari, oppure costruita a mano, anche se richiede più manutenzione.
Quello che non è possibile prevedere è invece il comportamento dell'investitore, poichè non ha esperienza in materia.
Se dovessi usare dei dati "storici", gli stessi che si usano per prevedere i possibili ritorni di un indice o un investimento, penserei solo a stare attento a non sottostimare il rischio.
È anche vero che i ragazzi di oggi hanno la tendenza ad essere poco costanti in tutto e a saltare di palo in frasca con una grande velocità, per cui diventa davvero difficile dare consigli diversi da uno generico.
 

totuccio2

Nuovo Utente
Registrato
9/7/10
Messaggi
6.638
Punti reazioni
186
Attenzione: tu stai osservando un periodo di un anno, ma non ha senso visto che paolomaraz ha un orizzonte minimo di 10 anni. Se lui è convinto di investire per almeno 10 anni il fatto di essere in negativo dopo un anno di sicuro non lo porta a vendere LS.
Di sicuro non c'è nulla, nessuno sa senza averle provate, le sensazioni che da un meno 40000 sul da 😀