Rdgl

  • Ecco la 69° Edizione del settimanale "Le opportunità di Borsa" dedicato ai consulenti finanziari ed esperti di borsa.

    Settimana difficile per i principali indici europei e americani, solo il Nasdaq resiste alle vendite grazie ai conti di Nvidia. Il leader dei chip per l’intelligenza artificiale ha riportato utili e prospettive superiori alle attese degli analisti, annunciando anche un frazionamento azionario (10 a 1). Gli investitori però valutano anche i toni restrittivi dei funzionari della Fed che hanno ribadito la visione secondo cui saranno necessari più dati che confermino la discesa dell’inflazione per convincere il Fomc a tagliare i tassi. Anche la crescita degli indici Pmi, che dipingono un’economia resiliente con persistenti pressioni al rialzo sui prezzi, rafforzano l’idea di tassi elevati ancora a lungo. Per continuare a leggere visita il link

  • Due nuove obbligazioni Societe Generale, in Euro e in Dollaro USA

    Societe Generale porta sul segmento Bond-X (EuroTLX) di Borsa Italiana due obbligazioni, una in EUR e una in USD, a tasso fisso decrescente con durata massima di 15 anni e possibilità di rimborso anticipato annuale a discrezione dell’Emittente.

    Per continuare a leggere visita questo LINK
Ho fatto una traduzione con google......

Vivos Inc. emette lettera ai suoi azionisti

Richland WA, 01 febbraio 2019 (GLOBE NEWSWIRE) - Vivos, Inc. (OTC PINK: RDGL). Il Consiglio di Amministrazione di Vivos Inc. (OTCPINK: RDGL), un'azienda farmaceutica impegnata nella ricerca e nello sviluppo di trattamenti minimamente invasivi per combattere il cancro negli animali e nell'uomo, si rivolge ai suoi azionisti attraverso questo comunicato stampa.

Il 2018 è stato molto impegnativo eppure un anno ricco di successi, che sono stati dettagliati in precedenti comunicati stampa. In particolare, non vediamo l'ora di aprire la nostra clinica veterinaria pilota a Kennewick, Washington, il prossimo aprile, ora che abbiamo la classificazione FDA per utilizzare IsoPet® per il trattamento di tumori solidi negli animali. Ci aspettiamo che l'apertura del centro di trattamento di Vista Clinic sia coperta da una stampa significativa che dovrebbe portare a una buona pubblicità.

Sfortunatamente, la compagnia non è dove deve essere finanziariamente per poter proseguire con ulteriori studi, aprire nuove cliniche veterinarie e infine procedere a prove umane. Come molti azionisti sanno, i nostri problemi finanziari erano dovuti al debito tossico precedente creato prima che il dott. Korenko diventasse CEO. Dall'autunno scorso, abbiamo lavorato instancabilmente per negoziare la nostra uscita da questo debito e ottenere finanziamenti azionari sufficienti per uscire dalla misericordia dei detentori del debito. Che siamo stati in grado di raggiungere questo obiettivo è un tributo all'abilità e al duro lavoro dei nostri funzionari, in particolare il nostro CEO, il dott. Mike Korenko e il nostro consulente aziendale, George Sharp.

Sfortunatamente, la conversione del nostro debito in azioni ha reso insostenibile la nostra attuale struttura azionaria. Attualmente ci sono finanziatori che cercano di contribuire ad aumentare i $ 5 milioni richiesti per i nostri continui progressi attraverso il finanziamento azionario. Tuttavia, questi finanziatori sono preoccupati per l'attuale struttura azionaria. C'è ancora molto stock in vendita dal nostro debito tossico convertito, anche se il tasso di vendita è controllato da un accordo. Vivos ha sempre resistito all'esecuzione di una divisione inversa, in quanto non ha alcun desiderio di diluire o spazzare via gli azionisti al dettaglio oi recenti finanzieri azionari.

Dopo molte discussioni, deliberazioni e strizzacervelli, abbiamo deciso una linea d'azione che include una delicata divisione inversa di una nuova azione per otto azioni vecchie abbinata a una riduzione del numero di azioni autorizzate. Questa decisione ha ricevuto l'approvazione dei recenti finanziatori azionari che hanno fornito i fondi necessari per rendere nuovamente Vivos un'azienda redditizia. Riteniamo che nell'ambito del proposto rapporto di ripartizione inversa, gli attuali azionisti non solo manterranno una posizione di forza in Vivos, ma che ne trarranno beneficio per le seguenti ragioni;

. Le partecipazioni azionarie degli azionisti non saranno diluite o cancellate in base a uno per otto scissioni
. La vendita da parte di coloro che detengono azioni convertite dal debito sarà mitigata
. I finanziamenti azionari possono essere ottenuti con condizioni molto più favorevoli ora che ci sono meno azioni da vendere
. Il numero ridotto di azioni in vendita consentirà di aumentare il prezzo delle azioni poiché un numero elevato di azioni non sarà offerto dagli istituti di credito che convertono il loro debito
La capacità dell'azienda di eseguire con nuovi finanziamenti aumenterà il valore per gli azionisti
Secondo la ripartizione inversa proposta, il numero di azioni in circolazione su una base completamente diluita sarà ridotto a circa 250 milioni di azioni e l'overhang del debito convertito in azioni sarà ridotto a circa 60 milioni di azioni. In base all'accordo Path Forward, precedentemente annunciato, negoziato lo scorso autunno con i creditori tossici, tali azioni non possono essere vendute a un tasso superiore al 15% al ​​mese. Inoltre, il numero autorizzato di azioni sarà ridotto a 950 milioni, anche se non ci aspettiamo che sia necessario emettere nuove azioni nel prossimo futuro.

Ridurre il numero di nuove azioni da vendere ogni mese dovrebbe ridurre la pressione di vendita. Ciò dovrebbe consentire al prezzo di salire. Certo, non ci sono garanzie. Tuttavia, c'è un enorme interesse nelle azioni di Vivos, come dimostra l'assorbimento del gran numero di azioni vendute dai prestatori tossici nell'ultimo anno. Vivos si impegna ora a evitare finanziamenti di debito tossici.

La direzione di Vivos ringrazia i suoi fedeli azionisti per il loro supporto. Stiamo cercando di aumentare il valore per gli azionisti e costruire un'eredità con un trattamento praticabile per i tumori cancerosi con scarso effetto residuo. Sentiamo fortemente di essere al culmine di grandi cose.

A nome del Consiglio di amministrazione,

Carlton M. Cadwell, D.D.S.
Presidente del consiglio di amministrazione
 
Voglio solo fare alcune considerazioni relative alla lettera della società indirizzata agli azionisti Vivos.
Il problema del debito tossico, anche se mitigato dalla limitazione delle vendite fatta tramite accordo con gli stessi detentori di note, costituisce un problema per la società perchè non permette un aumento del Pps e soprattutto scoraggia investitori dal collaborare al progetto di sperimentazione umana.
Da qui si rende necessario un Revers split che, devo dire, è molto modesto, nel rapporto 1:8 e, soprattutto, una diminuzione del A.S., cosa assolutamente positiva.
È evidente che tale azione della società non può essere considerata ostile agli azionisti anzi va vista come il tentativo di aumentare la ricchezza degli stessi.
A questo punto tuttavia la domanda è d' obbligo: come il mercato prenderà tutto questo?
Mi aspetto nel breve una ulteriore diminuzione del pps a seguito soprattutto di reazione emotiva e speculazione ma, nel medio lungo periodo, la soluzione adottata dalla società potrebbe rivelarsi la mossa giusta.
Questo è il paradosso del mondo OTC pink: avere potenzialità enormi di successo nella cura del cancro ma essere affossati dalla struttura finanziaria e societaria.
 
Questa è la lettera dell' advaisor George Sharp che svela i retroscena e spiega quali sono gli obiettivi della società.



Directly from George’s mouth.


Vivos Slays the Dragon
Initially Posted: February 3, 2019 2:30 p.m. PST

As most of you know, I have been a Corporate Advisor to Vivos inc. (RDGL) since October. When I began my service to the company, it was trying to claw its way out of a mess. In fact, it was probably days away from being bankrupt. That would have been a shame, because RDGL really does have a viable treatment for cancerous tumors. That has already been proven in at least two dogs and several cats.

Unfortunately, the company's future had been mortgaged through toxic debt. Vivos management doesn't like to point fingers (and we had quite an argument over this), but I will. The toxic debt was piled onto the company by former CEO, James Katzaroff, almost exclusively to pay the salaries of his wife and himself, as well as take a bunch of pointless and expensive trips to places like Russia, albeit purportedly for the company's benefit, but to no avail. The Katzaroffs had taken as much as a million dollars out of Vivos over the final few years of Jim's tenure as CEO. In contrast, current CEO, Dr. Mike Korenko, has deferred his salary until the company is viable, and in fact, has paid a lot of the company's bills with his own credit cards.

Under Jim Katzaroff, the company made very little progress while having its viability placed into jeopardy, all in the name of a paycheck. Katzaroff could have raised money under more responsible terms, but taking on toxic debt was easier and the simpler route to ensure he and his wife got paid. Toxic borrowing is almost always for the benefit of management, so that they are ensured that their pockets are lined--under the guise of salary and usually for doing nothing--without regard to the retail shareholder.

In short, Katzaroff was in breach of his fiduciary duties to Vivos.

For those that don't understand toxic debt, it is effectively a loan that is collateralized by the company's stock. This in itself is not necessarily an issue, however under a toxic (or death spiral) loan, the terms of the loan conversion are not fixed, but at a variable discount to the share price. So when a loan becomes due, the toxic lender converts a certain amount of his debt into stock which he promptly dumps into the market, almost always causing the share price to take a significant hit. Then he converts more of his loan into more stock--now at a cheaper price--immediately dumps it, and the share price takes another hit. And so on and so on. This is why it is called death spiral financing, because the share price will get killed into oblivion as an enormous amount of stock is created to satisfy the loan. All the while, the remaining principal continues to accrue interest.

Now consider that Katzaroff subjected Vivos to not one, but seven toxic lenders concurrently, having borrowed well over a million dollars, and with each lender fighting the other to dump stock faster. This is why the share price took a hit every time Vivos issued a good press release. Interest in Vivos was generated by the release, but the toxic lenders would take advantage of the increased buying volume by dumping more stock. It was like trying to climb out of a manhole with no ladder.

Why toxic lending is legal is beyond me, as it is usurious and will hurt the retail shareholder every time. But that is a topic for another time.

At the end of last summer, things were coming to a head for Vivos. Stuck under the thumb of the toxic lenders and unable to fund the company due to a spiraling share price, the company made a series of bold moves. One of them was hiring me as Corporate Advisor. They almost didn't. My aggressive, no nonsense style is very much in contrast to the demeanor of current management. By way of example, when Jim Katzaroff was fired, management chose to quietly come to terms through a Separation Agreement, where I would have sued the bastard for breach of fiduciary duty and fraud. Yes fraud, because the directors' signatures on Katzaroff's employment agreement were forged and the minutes of the directors meeting which were design to approve the agreement were concocted, i.e. it never happened. Anyway, when I came on board it was essentially under two conditions: (1) things would be done the right way; and (2) the benefit of the shareholders would be a priority. Nobody is going to manipulate this company during my tenure.

Last autumn, Vivos was able to negotiate its way out from the remaining toxic debt, by converting the balance to common shares @ $.004/share. There was to be no more variable share conversion. This created about 1.2 billion new shares in one shot, and the toxic lenders still had about 200 million previously converted shares that were yet unsold. Under this Path Forward Agreement, the toxic lenders would be limited to selling no more than 15% of their holdings in any one month, whenever the share price was under $.01. This is why there was increased selling at the beginning of January and on Friday, February 1st. The toxic lenders were getting their 15% allotment onto the street.

The other critical goal Vivos was able to accomplish last autumn, was the raising of about $750,000 in equity financing to get the company through to the end of the year. This was required to bring relief to the outstanding accounts payable and fund the treatment of the next couple of patients, as well as bring the Vista clinic online. Developing a treatment for a disease is an expensive endeavor, and the cost of materials is astronomical. The equity financing was accomplished @ $.005/share, creating 150 million new shares, and there is a restriction on trading of those share for a period of one year.

If not for the negotiated settlement of the debt of the toxic lenders and the raising of funds, Vivos would not be in business today. This is a fact. Vivos has indeed slayed the dragon.

So now we come to the reverse split.

Right now, there is approximately 2 billion shares issued and outstanding on a fully diluted basis. What's worse is that there is still about 500 million shares in the hands of the toxic lenders just waiting to be dumped. That only adds to the pressure on the share price. It is not the business model of toxic lenders to invest in companies, but to take advantage of those in dire straits and flip a quick profit. It is a testament to the accomplishments and future prospects of Vivos that the toxic lenders were prepared to negotiate a set price conversion of their debt to stock. This is unheard of within the penny stock market.

Vivos needs $5 million this year to continue development of RadioGel/IsoPet, open new clinics, and so on. To raise this money under the current share structure would require the issuance of at least 3 billion (restricted) new shares. Probably more. And then the share price would never get anywhere.

In order to get funding under more beneficial terms, Vivos needs to reduce the liquidity of the stock. This is going to require a reverse split. We spent weeks discussing this, as nobody wanted to subject the loyal retail shareholders (we don't care about flippers), to a reverse split. Then we agreed to the one for eight ratio because it would enable the shareholders to maintain a holding in the company, while reducing the selling pressure. In this way, the toxic lenders would be left with something over 60 million shares to sell, while limiting their selling to less than 10 million shares per month, a number that is more easily absorbed into the market.

Everyone knows that I hate reverse splits. But this is one that I believe will ultimately benefit the shareholders, because I believe that the share price will be better able to rise in the near term, and because Vivos will be able to obtain more equity funding under better terms. This is not a reverse split that wipes out the shareholders like many penny stock scams execute for the singular purpose of defrauding the public under a wash-rinse-repeat scenario (see my previous posts on CXBS).

This is a reverse split that keeps the shareholders well-being in mind. And for the record, the funders that provided the approximately $750,000 Vivos needed last autumn in exchange for stock that is restricted for one year, all pre-approved the reverse split. I insisted that we receive their approval because I felt it was unfair not to give them a voice on this course of action just three months after we took their money.

Issuing shares for financing is the cost of doing business. There isn't a public company out there, including the big companies, that doesn't dilute their stock in the name of progress, sometimes for acqusisitions, sometimes as compensation. This is why the A/S was not reduced by the same ratio as the O/S. At the end of the day, hopefully, the shareholder is left with a smaller piece of a bigger pie. As for finding development partners to take on some of the cost for a piece of ownership, that is indeed in the plan, once RadioGel/IsoPet have crossed certain thresholds.

When will the reverse split occur? Probably within a month. We have not filed the required paperwork yet, but felt that shareholders and pending shareholders had the right to know our plans as soon as they had been resolved upon by management. That is why we issued the press release on Friday. When I came on board, I insisted on complete transparency, and management agrees. At any rate, I expect that the Informational Filing will be completed in the coming week.

A word about the third dog which was recently treated with IsoPet. We have been getting a lot of questions about her status. We have not discussed her progress because the Doctors at the University of Missouri that have been performing the procedures have a policy regarding publicity that we have been admonished to follow (I think the words "or else" were implied). Therefore, Vivos has elected to follow their guidelines as to the release of information regarding a patient. We will release a progress report as soon as we can. All that having been said, I will remind you that as was stated in the December 4th press release, the patient is in an advanced state of disease and has a half pound tumor. This is outside of the scope of IsoPet's targeted patient qualifications. However, we agreed to treat her for humanitarian reasons and to discover any residual effect on metastasized cells in her body. Her prognosis was poor prior to her treatment.

And on a final note, a lot of people have been referring to RadioGel/IsoPet as a cure for cancer. This is simply not the case. It is a treatment for cancerous tumors, much like radiation is. In fact, RadioGel/IsoPet is a delivery system for radioactive isotopes to radiate the tumor much the same way the conventional therapies do, but without the damage to healthy cells. So far, RadioGel/IsoPet has been proven to be effective in the killing of treated cancerous tumors. However, much as in conventional radiation therapies, it does not mean that tumors will not reoccur.

Enjoy the Super Bowl.

Note: I wrote this blog post on my own accord and without the consent of Vivos management. While the facts are irrefutable, the company prefers to issue non-combatitive press releases, while I prefer to inform the public of the facts.

~ George
 
Non sò perchè ma provo a fare una previsione di "fantasia" ....ma forse non tanto:

L'annuncio di un RS di 1:8, senza dare termini, fatto con lettera agli azionisti potrebbe rientrare in un piano ad arte. Intanto hanno fatto crollare il titolo, solo con l'annuncio, per poter fare il pieno sui minimi. Nel frattempo hanno già in cassetto un accordo di acquisto del debito tossico che oramai si è già ridotto di molto ( si parla di un finanziamento sufficiente di 5 mil di $ che copre anche la sperimentazione), e magari annunciano la revoca della decisione del RS perchè non più necessario e, contestualmente l'apertura di cliniche e l'inizio di sperimentazione umana.
Va bè, si tratta di fantasia ma qualcosa potrei azzeccare.....anzi.....:bow:
 
I test hanno avuto esiti ottimi ma se la società non risolve il problema del debito tossico il titolo non và da nessuna parte.
E' vero che hanno annunciato un leggero RS come soluzione dopo aver trattato con i possessori di note convertibili per uno scarico limitato ma si devono dare una mossa a rendere chiaro il quadro generale.
Quante note convertibili sono ancora in circolazione? Si dice circa 250 milioni dei 625 iniziali, ma in quanto tempo sarebbero convertite? 250 milioni convertite ad un prezzo tra .003 e .004 sono circa 1 milione di dollari. Non sono un gran cifra, se le cose stanno in questi termini.
Se riescono a risolvere questo problema, spero che siano competenti a farlo, allora si potrebbe salire rapidamente ad un prezzo più consono.
 
OTC Markets | Official site of OTCQX, OTCQB and Pink Markets


Vivos Inc. riassume la salute dei pazienti con terapia canina trattati con IsoPet
Richland WA, 4 marzo 2019 (GLOBE NEWSWIRE) - Vivos, Inc. (OTCPINK: RDGL), fornisce un riepilogo del precedente aggiornamento sui cani che sono stati trattati fino ad oggi nella serie di sarcomi dei tessuti molli canini.

Il Dott. Mike Korenko, CEO di Vivos Inc, ha dichiarato: "Il 25 febbraio 2019 abbiamo fornito un aggiornamento dettagliato sullo stato dei cani che sono stati trattati fino ad oggi con l'IsoPet Y-90 presso il Centro di Medicina Veterinaria dell'Università del Missouri. Segnalare i risultati delle terapie presso l'Università del Missouri richiede la loro revisione e approvazione. Di conseguenza, l'ultimo comunicato stampa era tecnicamente accurato, ma includeva la terminologia comunemente usata dai professionisti veterinari ma non generalmente capita dal pubblico in generale. Per questo motivo, credo che sia necessario fornire le seguenti osservazioni sommarie:

IsoPet® può essere facilmente somministrato in regime ambulatoriale utilizzando le procedure fornite nell'etichettatura del prodotto.
IsoPet® ha ucciso tutte le cellule tumorali che si trovavano nella zona di trattamento.
Biologicamente ci vuole tempo per riassorbire il tessuto morto, ma la velocità e la qualità della normale rigenerazione dei tessuti è incoraggiante.
Sono certo che IsoPet ha esteso la durata e la qualità della vita dei pazienti trattati.
Sono rimasto particolarmente colpito dal fatto che IsoPet abbia effettivamente fermato la crescita di un tumore di mezzo chilo.
IsoPet® è un ottimo prodotto e non vediamo l'ora di renderlo disponibile in commercio ".
 
Il 1 febbraio scorso il CEO annuncia agli azionisti la volontà di eseguire, per necessità finanziarie, un revers split di 1:8 senza però dare alcun termine.
Ad oggi ancora nessun RS è stato eseguito ed intantto dovrebbe aversi novità sull'apertura della clinica pilota in Kennewick, Washington.
Ora la domanda è: cosa faranno dell'annunciato RS, lo cancellano? Se così fosse, perchè? Forse perchè hanno già in mano un finanziamento da parte di aziende biopharma? :confused:
Se invece così non fosse allora come mai non hanno ancora eseguito questo RS annunciato il 1 febbraio che comunque, secondo quanto dichiarato dal ceo, non avrebbe diluito le partecipazioni azionarie degli azionisti?
Certo è che ci saranno novità a breve e, come tutti i pink-otc, si sprofonda o si vola!!:bow::bow: La seconda ipotesi credo e spero....:censored::D
 
Ultima modifica:
Ok mi sbilancio.....qui si stà per avere un rialzo enorme delle quotazioni.
L' ho detto! :bow::D
 
Information Statement - All Other (definitive) (def 14c)



L'approvazione con il consenso scritto degli Azionisti di maggioranza costituisce l'unica approvazione degli azionisti richiesta dalla Delaware General Corporation Law ("DGCL"), dalla nostra Carta e dallo Statuto per approvare la Reverse Split e il Cambiamento in Autorizzato. Il nostro Consiglio di amministrazione non sollecita il vostro consenso o il vostro delegato in relazione a tali azioni, e non vengono richiesti consensi o deleghe dai nostri azionisti. L'autorità del Consiglio di Amministrazione di implementare la Reverse Split ed effettuare la Modifica in Autorizzato non diventerà effettiva fino a 20 giorni di calendario dopo che l'Informativa sulla privacy è stata inviata per posta o in altro modo consegnata ai nostri azionisti che hanno diritto a riceverne comunicazione.
 
NEWS OUT

OTC Markets | Official site of OTCQX, OTCQB and Pink Markets


La clinica di terapia pilota IsoPet® ottiene la licenza per materiale radioattivo

18 giugno 2019 07:00 ET | Fonte: Vivos Inc.

Richland WA, 18 giugno 2019 (GLOBE NEWSWIRE) - La Vivos Inc. (OTCPINK: RDGL), Vista Veterinary Hospital ha ottenuto la licenza per somministrare IsoPet® per la terapia animale dallo stato di Washington.

Questa licenza è un passo importante nel nostro piano di commercializzazione IsoPet®. Il prossimo passo per Vista è completare l'addestramento alla certificazione eseguendo una procedura di iniezione IsoPet® usando tessuti surrogati. Ciò dimostrerà la capacità di Vista di amministrare correttamente il prodotto e gestire in sicurezza il materiale. Inoltre, Vista richiede anche il completamento di tre amministrazioni paziente per raggiungere lo stato di utente autorizzato completo.

Vivos sta implementando un programma in cui i nuovi utenti IsoPet® accettano di fornire dati dagli esami di follow-up dei loro pazienti sull'efficacia complessiva della terapia. Questa è una best practice per un nuovo prodotto sul mercato che garantisce la raccolta dei dati per la pubblicazione nella letteratura tecnica e nelle conferenze tecniche. I dati beneficeranno anche gli sforzi di Vivos per raccogliere informazioni sulla sicurezza e l'efficacia di IsoPet® da studi sugli animali e supportare un'eventuale presentazione IDE necessaria per una revisione pre-mercato per la terapia umana.

Prevediamo che la clinica pilota di Vista sarà pronta per iniziare ad arruolare pazienti nel prossimo futuro e avremo ulteriori annunci una volta completati tutti i preparativi necessari.

Continuiamo a ricevere manifestazioni di interesse per la terapia IsoPet® da parte di proprietari di animali domestici in tutto il paese e stiamo pianificando di creare un portale web con informazioni per potenziali pazienti / proprietari di animali domestici e veterinari.

Il dott. Mike Korenko ha dichiarato: "Ottenere la licenza iniziale presso una clinica privata è stato un processo lungo, ma ora abbiamo un modello valido che è ripetibile e scalabile per la nostra prossima fase di selezione di cliniche regionali in altri stati dell'accordo NRC. Abbiamo usato un approccio molto disciplinato che è necessario quando la salute e la sicurezza degli animali e dei terapeuti sono di fondamentale importanza ".
 
Ultima modifica:
Da tener sempre presente. Non succede...:censored: ma se succede..........:yes::bow::bow:




Pfizer espande la linea per il trattamento del cancro - WSJ Proprio questa settimana. RDGL = $$$


Pfizer (NYSE: PFE)
Grafico Intraday

Oggi: martedì 18 giugno 2019
Clicca qui per ulteriori grafici Pfizer.
L'acquisto di Array BioPharma per $ 10,64 miliardi mostra un focus strategico sul segmento
Di Jared S. Hopkins e Kimberly Chin

Questo articolo è stato ripubblicato come parte della nostra riproduzione quotidiana degli articoli di WSJ.com che è apparso anche nell'edizione stampata statunitense del Wall Street Journal (18 giugno 2019).

Pfizer Inc. ha accettato di acquistare Array BioPharma Inc. per $ 10,64 miliardi in contanti, in quanto una delle più grandi aziende farmaceutiche del mondo cerca di espandere la sua linea di tumori con terapie mirate.

L'accordo di lunedì per Array, che ha guadagnato un premio del 62% rispetto al prezzo di chiusura del venerdì, suggerisce quanto sia importante il mercato dei farmaci antitumorali per le più grandi aziende farmaceutiche del mondo.

Pfizer ha cercato di ampliare le sue offerte attraverso una combinazione di accordi e aumentando i propri sforzi di scoperta di farmaci. L'accordo per Array comprende due farmaci in un segmento sempre più importante del mercato: per gli agenti che hanno come target i cambiamenti genetici che guidano il cancro di alcuni pazienti.

I due farmaci di Array, Braftovi e Mektovi, sono attualmente approvati per il trattamento di pazienti con cancro della pelle con alcune alterazioni genetiche. I farmaci potrebbero anche svolgere un ruolo nel trattamento di alcuni pazienti affetti da tumore del colon e del retto, se gli studi vengono esaminati.

Come molti grandi produttori di farmaci, Pfizer ha cercato di rafforzare il proprio portafoglio di farmaci antitumorali per attingere a un mercato destinato a raggiungere $ 237 miliardi nel 2024 in tutto il mondo, rispetto ai $ 138 miliardi di quest'anno, secondo la società di ricerche EvaluatePharma.

Un altro aspetto interessante per le grandi aziende è la capacità di controllare i prezzi elevati e le opportunità di trovare nuovi trattamenti forniti dai progressi che comprendono la malattia.

Per Pfizer, il cambiamento ha significato allontanarsi dalle pillole ampiamente utilizzate come il colesterolo da combattimento Lipitor e il trattamento per l'impotenza maschile del Viagra che l'azienda era da tempo conosciuta. I 18 farmaci antitumorali di Pfizer comprendono tre copie meno costose di farmaci biotech noti come biosimilari.

Si prevede che i farmaci antitumorali di Pfizer genereranno 8,3 miliardi di dollari di vendite quest'anno, secondo EvaluatePharma.

L'interesse delle grandi compagnie per il cancro ha spinto molte recenti acquisizioni - e alti premi. Il mese scorso, Merck & Co. ha accettato di acquisire Peloton Therapeutics Inc. per circa $ 1 miliardo, mentre Bristol-Myers Squibb Co. a gennaio ha annunciato un accordo da 74 miliardi di dollari per Celgene Corp.

Trattamenti mirati per il cancro sono una speciale area di interesse, che alimenta i takeout come l'affare di Eli Lilly & Co. per circa $ 8 miliardi per Loxo Oncology. Lilly ha pagato un premio del 68% per Loxo e le sue droghe basate sui tratti genetici dei tumori.

Braftovi e Mektovi, che sono presi insieme, portano ciascuno un prezzo mensile di listino di circa $ 11.000. A maggio, la combinazione ha mostrato risultati positivi in ​​uno studio in fase avanzata di pazienti con carcinoma del colon avanzato.

Andy Schmeltz, che è a capo del business del cancro di Pfizer, ha espresso la speranza che i due farmaci possano svolgere un ruolo importante nel migliorare il trattamento del cancro del colon, una delle principali cause di decessi correlati al cancro negli Stati Uniti.

Si stima che 145.600 pazienti negli Stati Uniti saranno diagnosticati con cancro del colon e del retto quest'anno, secondo l'American Cancer Society, e più di 51.000 persone moriranno a causa delle malattie.

Gli analisti prevedono che le vendite di prodotti annuali di Array raggiungeranno $ 1 miliardo entro il 2023, secondo FactSet. L'azienda ha anche diversi farmaci nello sviluppo clinico che vengono testati nei pazienti.

I farmaci mirati contro il cancro come quelli di Array sono tra quelli che Pfizer ha dato la priorità negli ultimi anni, soprattutto perché l'azienda auspica l'uso crescente delle terapie in combinazione con altri trattamenti contro il cancro.

"Il futuro dei farmaci antitumorali sono le combinazioni", ha detto in un'intervista Chris Boshoff, che guida lo sviluppo di farmaci antitumorali di Pfizer. "Gran parte di questo sarà mirato ai farmaci antitumorali".

Array di Boulder, basato su Colo. È stato fondato nel 1998 da tre ex scienziati di Amgen Inc. - Kevin Koch, Anthony Piscopio e David Snitman - e dal professore di chimica K.C. Nicolaou, ora alla Rice University di Houston.

Frank D'Amelio, Chief Financial Officer di Pfizer, ha detto agli analisti in una conference call che la compagnia continuerà a cercare accordi di piccole e medie dimensioni e non dipenderà da maggiori acquisizioni per la crescita.

Secondo i termini, Pfizer ha detto che avrebbe pagato agli azionisti di Array $ 48 per ciascuna delle sue azioni in circolazione, un premio del 62% rispetto al prezzo di chiusura del venerdì. Pfizer ha detto che avrebbe finanziato la transazione con il debito e il denaro esistente, e si aspetta che chiuderà entro la fine dell'anno.

Shares of Array è salito del 57% a $ 46,50 nel primo pomeriggio di trading lunedì, mentre Pfizer è scivolato di 5 cent a $ 42,71.

Pfizer ha detto che prevede che la transazione raggiunga un guadagno per azione corretto di 4 centesimi a 5 cent nel 2019 e di 4 centesimi a 5 cent nel 2020. Pfizer prevede che l'accordo si aggiungerà ai guadagni all'inizio del 2022.

Scrivi a Kimberly Chin all'indirizzo kimberly.chin@wsj.com


(FINE) Newswires di Dow Jones
 
Indietro