RENO DE MEDICI (approva la SPIN-OFF)

:clap: VOLUMI ALTI IN SALITA SEMPRE e bassi in discesa.

!!
 
Scritto da Ita 03
RDM REALTY



L'UNICO MODO PER FARSELA REGALARE E' ESSERE POSSESSORI DI RENO DE MEDICI


cominciamo a vedere cosa c'è dentro.



1) IMMOBILE DI CIRIE' (Torino)

Forse l'immobile di minor pregio? Non si è parlato di sviluppi futuri, ma continuiamo a vedere ciò di cui si è parlato in assemblea per quanto riguarda Magenta......





2) IMMOBILE DI BARCELLONA
l'area, ex stabilimento, è stata destinata ad uso residenziale. La società che costruisce e vende in loco è una delle primarie soc. Immobiliari Spagnole, Espais Promoccion Immob. Il valore dell'Immobile è senza il costruito, di 30/32 milioni.
Dopo aver costruito ad un costo di 2.100€ mq. si procederà alla vendita, ad un prezzo che oggi, si aggira intorno ai 3.500/3.600 € mq. ma non è tutto....
A poche centinaia di metri dall'ex stabilimento ci saranno 2 stazioni: la metropolitana di Barcellona e la TAV!
Inoltre, esistono fidejussioni (45 mil) che garantiscono per l'eventuale non riuscita dell'operazione (ovvio che se conclusa varrà più di 45 mil...)





3) IMMOBILE DI MAGENTA

Comprende semplicemente.....un grande prato e qualche edificio...(credo anche la dogana del 700...) ma guardate un pò:

Di concerto con il Comune, si è progettato di costruire degli immobili residenziali, immobili commerciali e una piattaforma industriale di 90.000mq in collaborazione con Malpensa 2000..... Con ovvie prospettive occupazionali che sono piaciute particolarmente al Comune....

Ma non è finita: Vicinissimo all'area, si sta rinnovando l'uscita autostradale di Boffalora Ticino e ci sarà una stazione della TAV!






4) 100% di ADRIATICA SPA

Adriatica Turistica Spa, Società della famiglia Piovesana, confluirà totalmente in RDM Realty, a fronte di un aucap riservato della stessa RDM Realty. Questo....al fine di favorirne una migliore gestione da parte della nuova generazione della famiglia Piovesana.

Le società conrollate da Adriatica Spa sono due:

a) TERME DI BIBBIONE al 54%
b) PORTO TURISTICO DI PUNTA FARO A LIGNANO SABBIADORO AL 100%


più avanti vedremo meglio Adriatica.....
 
... :no: ma quanto è logorroico questo qui!
:p :p :p :clap:
 
INDUSTRIA EUROPEA. RIPRESA DICE EUROSTAT FEBBRAIO 2006 pubblicato oggi...

Su base annua il tasso di crescita dell’industria nell’Eurozona è salito al 3,2% dal 3% di gennaio, anche nell’Europa allargata si è avuta una crescita su base annua del tasso giunto al 2,9% dal 2,8 di gennaio.

I migliori comparti su base tendenziale nella zona euro sono stati quelli dei beni d’investimento (+5,8%), l’energetico (+2,8%), i beni duraturi (+2,7%) ed a seguire i beni intermedi e i beni non duraturi con un egual progresso pari al 2,2%.

Oltre ai dati sulla produzione industriale Eurostat ha diffuso oggi anche i valori relativi ai nuovi ordini all’industria.

Su base mensile le nuove richieste nell’Eurozona sono state pari al 2,7% in netto progresso dopo il consistente calo di gennaio (-5,7%); anche nell’Europa a 25 si è avuto un progresso a febbraio, seppur modesto, pari ad un +0,5% comunque in miglioramento rispetto all’arretramento del mese precedente (-0,5%).

Tra i comparti buon andamento degli ordini nel settore materiale elettrico ed elettronico (+7%) seguito dal comparto trasporti (+4,7%), del settore metalli e prodotti metallici (+1,1%) e dal settore chimico (+0,2%); in negativo il comparto macchinari ed equipaggiamenti (-0,1%) ed il settore tessile ed abbigliamento (-3,2%).

Gli ordini alla produzione su base annuale a febbraio si sono attestati in Eurolandia ad un tasso di crescita pari al 13,3%, rispetto al +10,2% di gennaio; nell’Europa a 25 su base tendenziale i nuovi ordini di febbraio sono cresciuti dell’10,4% in ribasso rispetto al tasso dell’11,5% del mese precedente.

FORZA CARTONCINO RENANO...
 
Sta attaccando la loggorrea a tutti.Penso le abbia in carico a >2
:)
 
turbogiovanni ha scritto:
Sta attaccando la loggorrea a tutti.Penso le abbia in carico a >2
:)

0.72 E PER LA PRECISIONE..
E GUARDA LE PREVISIONI SULL'INDUSTRIA PER IL SECONDO TRIMESTRE:

Isae ha reso noto che l'indice della fiducia delle imprese manifatturiere, considerato al netto dei fattori stagionali e calcolato in base 2000=100, si è attestato a 96,1 da 94,5 di marzo, sui massimi dal gennaio 2001; a migliorare sono soprattutto i giudizi sull'andamento degli ordini, che in termini di saldo tornano ad essere non negativi per la prima volta dal dicembre 2000. :D Coerentemente, tornano positivi anche i giudizi sugli attuali livelli produttivi, mentre si stabilizzano le attese su ordini e occupazione; per quanto riguarda la situazione economica del paese, per la prima volta dal maggio 2002 la quota di quanti esprimono previsioni favorevoli torna a sopravanzare quella dei pessimisti La fiducia è in crescita in tutti i settori e in tutte le ripartizioni territoriali, con l'unica eccezione del Nord Ovest; l'intensità della ripresa è però diversa a seconda del comparto e dell'area geografica.
L'indice sale marcatamente nei beni di consumo (da 94 a 97,7 sui massimi da settembre 2002) e negli intermedi (da 94,4 a 95,1 il valore più elevato dal dicembre 2000), :D ed è invece sostanzialmente stabile per il secondo mese consecutivo nei beni d'investimento.
Guardando alle principali ripartizioni geografiche, la fiducia migliora nettamente nel Nord Est (dove l'indice balza a 96 da 91,8 di marzo) e al Centro (da 96,8 a 100); l'indice sale anche nel Mezzogiorno (da 96,5 a 98,5) e registra invece una battuta d'arresto (da 94,9 a 93,9) nel Nord Ovest.
 
SCRITTO OGGI DA ITA
RIPORTO PER RISPETTO:
dalle mie stime.....

io non posso e non sono in grado di fare stime, faccio questa considerazione:

40 milioni sono l'ipotetico valore immesso in Realty.... e sono valori di libro....vecchi....per non parlare del vero valore di Barcellona.....poi l'apporto delle new entry....terme e porto.....
sicuramente alto......più alto.
ciao
 
mark 17 ha scritto:
Bla, bla, bla :rolleyes: tanto è uguale :)

Sarà bla bla bla,ma guarda un po' che bell'intreccio:

Per gli Amici del CARDINALE:

E oggi come 13 anni fa, ai tempi in cui il Cardinale guidava la Montedison, i suoi interessi ruotano ancora attorno ai business dell' energia, della finanza, degli immobili e dei media. L' energia lo ha visto pilotare l' operazione Alerion Reno De Medici in compagnia di Luigi Agarini, patron di Enertad, oggi però in non buone condizioni fisiche e in difficoltà con il sistema bancario: infatti il 3,5% che la sua Fintad detiene in Alerion, già in pegno alla Banca popolare dell' Emilia Romagna, è in via di smobilitazione così come le quote sindacate di Silvana Mattei e Alessandra Ambrosi per un complessivo 8%. Il riassetto di Alerion, che sarà completato entro febbraio, vedrà uno dei principali amici e soci di Garofano, il conte e ricchissimo imprenditore Gastone Colleoni, che oggi ha il 3,2% dell' ex Fincasa, pronto a raddoppiare. Colleoni, presidente di Alerion, è un altro snodo per arrivare al business finanziario di Garofano che ruota intorno alla crescita di Banca Mb, presieduta proprio da Colleoni. La banca milanese, guidata dall' ex direttore centrale della Banca popolare di Verona Giuseppe De Lucia Lumeno, svolge attività di private banking con masse gestite per quasi 800 milioni. Nel risparmio dei super ricchi, però, le dimensioni sono decisive: di qui il progetto di unire Banca Mb, di cui Alerion ha il 10% e di cui Garofano è socio tramite Aabac Beheer, con la Novagest guidata da Fabio Arpe (vedere articolo in alto). Il business della finanza è completato con i ruoli di consigliere d' amministrazione di Garofano in Efibanca, merchant bank della Banca popolare italiana, e in Sviluppo del Mediterraneo, futura banca che sarà guidata da Giancarlo Elia Valori. Ma l' ingegnere abruzzese ha ottimi rapporti anche con il Montepaschi, socio di Alerion al 7,9% e Banca Intesa, in Reno De Medici al 6,4%. Anche il mattone piace al Cardinale. Reno De Medici, infatti, ha appena varato uno spin off del patrimonio immobiliare, che ha messo le ali al titolo. Il finanziere poi è il più ascoltato consigliere di Luigi Zunino: il newcomer piemontese, padrone di Risanamento e azionista di Mediobanca, ha acquistato proprio grazie a Garofano nel 1998 l' area di Rogoredo alle porte di Milano, che diventerà una piccola città disegnata da Norman Foster e Paolo Caputo. Zunino compare spesso negli affari del Cardinale, tanto che la maggioranza di Risanamento da lui detenuta è in pegno a quella Banca intermobiliare cui Garofano vendette pochi anni fa la private bank svizzera Ibi. Infine il mondo della comunicazione. Il tradizionale business cartario con Reno De Medici e poi la recente entrata di Alerion con il 18% nell' Eurovision di Sandro Parenzo che controlla le emittenti Antenna 3, Canale 6 e Telelombardia: un nuovo polo televisivo pronto a sbarcare in Borsa sempre con la regia del Cardinale.
 
STATISTICA
Osc. Quot.: 0,7755 - 0,7895
Interv. 52 sett.: 0,6555 - 0,8350
Volumi: 194.143
Vol. Medio (3m): 2.222.680 giornaliero...
Capitalizzazione: 209,44 Mln
 
RENO REALTY,
IMMOBILE IN BARCELLONA....
Il vero Valore di Barcellona....
Ti ricordo che il PIL spagnolo è cresciuto molti in questi anni,oggi è al 3.5%,
in ITALIA siamo allo 0.6% appena....

A Barcellona negli ultimi 10 anni il valore degli Immobili è :

QUADRUPLICATO

CIOE'

+ 400%
 
INIZIA IL MESE DI MAGGIO:
A MAGGIO fioriscono le ROSE,
il clima tende al bello ed al sereno

W RENO!!!!!
 
REPETITA JUVANT:
A.D. di RENO=Ignazio Capuano, (fratello di Massimo, ad di Borsa spa),
Presidente GAROFANO GIUSEPPE=Mr ALERION
RENO=
secondo produttore europeo di cartoncino patinato.

Se S&P ha eliminato il credit watch di nov 2005,bhè il rimborso dell'obblig convertibile a maggio 2006 nn è in discussione e non lo era.
Sui margini del 2006,il primo trimestre si è chiuso benissimo,il secondo sta procedendo bene visti anche gli ord di aprile 2006,una ripresa in atto c'è.
Sul pr del petrolio,dell'energia in generale,le nuove politiche europee ed italiane dovrebbero gradualmente comportare la riduzione delle tariffe.
Vedremo!!! :D
 
Ultima modifica:
Indietro