Rinnovo contratto di affitto dopo 8 anni con canone maggiorato

  • Societe Generale quota sul segmento EuroMOT di Borsa Italiana un’obbligazione a tasso fisso di durata 18 mesi.

    Questa obbligazione prevede il pagamento di tre cedole fisse, corrisposte su base semestrale, ad un tasso annuo lordo del 3,25% e il rimborso del 100% del Valore Nominale a scadenza. Durante la sua vita, il valore di mercato dell’obbligazione può essere diverso dal Valore Nominale. L’investitore potrà quindi acquistare l’obbligazione a prezzi inferiori o superiori al Valore Nominale; il rimborso del Valore Nominale è garantito esclusivamente a scadenza.
    Per continuare a leggere visita il link

Galerkin

Nuovo Utente
Registrato
23/1/13
Messaggi
28.223
Punti reazioni
1.731
Buongiorno,
a settembre mi scade un contratto di affitto 4+4 con cedolare secca (è l'ottavo anno) con l'inquilino che tutti i proprietari vorrebbero avere (paga puntuale e non rompe le 00).
Ho già sentito l'inquilino ed è d'accordo a rinnovare al canone leggermente maggiorato (per tenere conto dell'inflazione presente e futura) che gli ho proposto.
Che fare quindi a settembre? Faccio disdetta all'AdE del vecchio contratto e ne registro uno nuovo? modifico direttamente sul sito il contratto esistente? Consigli?
 

broken brick

Nuovo Utente
Registrato
18/11/10
Messaggi
27.886
Punti reazioni
862
Ecco alcune considerazioni:
-se risolvi il vecchio contratto e ne fai uno nuovo riparte il 4+4, quindi salvo casi particolari devi continuare per 8 anni. Se invece proroghi quello esistente continui con 4+4+4...
-in futuro se vorrai indicizzare all'inflazione dovrai rinunciare alla cedolare: dipenderà dall'irpef futura (flat tax etc.), lavori da detrarre e da quanto tempo continuerà l'inflazione così elevata.
-valuta anche il canone agevolato 3+2 (ced. sec. 10%) se nella tua zona è remunerativo.
 

Galerkin

Nuovo Utente
Registrato
23/1/13
Messaggi
28.223
Punti reazioni
1.731
Ecco alcune considerazioni:
-se risolvi il vecchio contratto e ne fai uno nuovo riparte il 4+4, quindi salvo casi particolari devi continuare per 8 anni. Se invece proroghi quello esistente continui con 4+4+4...
-in futuro se vorrai indicizzare all'inflazione dovrai rinunciare alla cedolare: dipenderà dall'irpef futura (flat tax etc.), lavori da detrarre e da quanto tempo continuerà l'inflazione così elevata.
-valuta anche il canone agevolato 3+2 (ced. sec. 10%) se nella tua zona è remunerativo.
Grazie, me se prorogassi il contratto esistente posso alzare il canone? oppure devo rinunciare alla cedolare?
 

Utente zen

Nuovo Utente
Registrato
30/11/18
Messaggi
50
Punti reazioni
9
Ecco alcune considerazioni:
-se risolvi il vecchio contratto e ne fai uno nuovo riparte il 4+4, quindi salvo casi particolari devi continuare per 8 anni. Se invece proroghi quello esistente continui con 4+4+4...
-in futuro se vorrai indicizzare all'inflazione dovrai rinunciare alla cedolare: dipenderà dall'irpef futura (flat tax etc.), lavori da detrarre e da quanto tempo continuerà l'inflazione così elevata.
-valuta anche il canone agevolato 3+2 (ced. sec. 10%) se nella tua zona è remunerativo.
Anche a me l'anno prossimo scadrà un contratto di 4+4 anni. Sto valutando il da farsi ma non mi è chiara una cosa:
l'articolo 2 della della L. 431/98 dice che alla fine degli 8 anni, nell'inerzia delle parti il contratto si considera tacitamente rinnovato alle medesime condizioni.
Ma alle medesime condizioni significa davvero che sono solo altri 4 anni? Perché a me viene da pensare che mi ritroverei in un altro 4+4 con tutte le clausole per la disdetta alla prima scadenza (necessità di adibire ad abitazione propria, vendita, ristrutturazione...)
Non trovo molto in Internet ma magari voi ne sapete qualcosa in più...
Grazie mille
 

Galerkin

Nuovo Utente
Registrato
23/1/13
Messaggi
28.223
Punti reazioni
1.731
Anche a me l'anno prossimo scadrà un contratto di 4+4 anni. Sto valutando il da farsi ma non mi è chiara una cosa:
l'articolo 2 della della L. 431/98 dice che alla fine degli 8 anni, nell'inerzia delle parti il contratto si considera tacitamente rinnovato alle medesime condizioni.
Ma alle medesime condizioni significa davvero che sono solo altri 4 anni? Perché a me viene da pensare che mi ritroverei in un altro 4+4 con tutte le clausole per la disdetta alla prima scadenza (necessità di adibire ad abitazione propria, vendita, ristrutturazione...)
Non trovo molto in Internet ma magari voi ne sapete qualcosa in più...
Grazie mille
Io, per non correre rischi, invierò all'Ade comunicazione di chiusura del contratto in essere alla scadenza e registrerò un contratto nuovo con le nuove cifre a partire dal giorno successivo
 

cavallobolso

Nuovo Utente
Registrato
5/9/11
Messaggi
5.108
Punti reazioni
193
Anche a me l'anno prossimo scadrà un contratto di 4+4 anni. Sto valutando il da farsi ma non mi è chiara una cosa:
l'articolo 2 della della L. 431/98 dice che alla fine degli 8 anni, nell'inerzia delle parti il contratto si considera tacitamente rinnovato alle medesime condizioni.
Ma alle medesime condizioni significa davvero che sono solo altri 4 anni? Perché a me viene da pensare che mi ritroverei in un altro 4+4 con tutte le clausole per la disdetta alla prima scadenza (necessità di adibire ad abitazione propria, vendita, ristrutturazione...)
Non trovo molto in Internet ma magari voi ne sapete qualcosa in più...
Grazie mille
il contratto è un "4+4" o un "3+2" quindi rinnovi di 8 o 5 anni, altrimenti sarebbe un "4+4+4"...
 

Utente zen

Nuovo Utente
Registrato
30/11/18
Messaggi
50
Punti reazioni
9
Io, per non correre rischi, invierò all'Ade comunicazione di chiusura del contratto in essere alla scadenza e registrerò un contratto nuovo con le nuove cifre a partire dal giorno successivo
Da quel che ho capito, tu non hai problemi ad impegnare l'appartamento per altri 8 anni e vuoi rinegoziare le condizioni, quindi fai bene a fare così secondo me.

Il problema è che ci sono due aspetti distinti: uno fiscale e uno civile.

Dal punto di vista fiscale (quindi dell'agenzia delle entrate) se vogliamo essere pignoli, non so sei tenuto a fare anche la risoluzione del vecchio contratto...perché in realtà, alla fine dei primi 4 anni hai fatto una proroga di altri 4 anni e basta e poi per lo stesso appartamento registri un nuovo contratto. Comunque se fai anche la risoluzione penso che fai una cosa in più ma allo stesso tempo stai tranquillo.

E' dal punto di vista civile (codice civile) che io ho il dubbio per me che voglio affittare solo per altri 4 anni e non per 4+4. Se faccio un nuovo contratto mi trovo sicuramente 4+4 anni ma se non faccio nulla, il vecchio contratto si rinnova solo per 4 anni? Se guardiamo la norma la cosa è molto interpretabile....
 

Utente zen

Nuovo Utente
Registrato
30/11/18
Messaggi
50
Punti reazioni
9
il contratto è un "4+4" o un "3+2" quindi rinnovi di 8 o 5 anni, altrimenti sarebbe un "4+4+4"...
Quindi si rinnova di 8 in totale. Trovo sempre scritto ovunque che alla fine degli 8 anni si rinnova di 4 senza specificare altro ma penso che sia effettivamente un rinnovo di un altro 4+4.
Grazie
 
Ultima modifica: