Risparmi, vecchiaia e mutuo eventuale

  • Due nuove obbligazioni Societe Generale, in Euro e in Dollaro USA

    Societe Generale porta sul segmento Bond-X (EuroTLX) di Borsa Italiana due obbligazioni, una in EUR e una in USD, a tasso fisso decrescente con durata massima di 15 anni e possibilità di rimborso anticipato annuale a discrezione dell’Emittente.

    Per continuare a leggere visita questo LINK
  • SONDAGGIO: Potrebbe interessarti una sezione "Trading Sportivo"?

    Ciao, ci piacerebbe sapere se potrebbe interessarti l'apetura di una nuova sezione dedicata unicamente al trading sportivo o betting exchange. Il tuo voto è importante perchè ci consente di capire se vale la pena pianificarla o no. Per favore esprimi il tuo voto, o No, nel seguente sondaggio: LINK.
    Puoi chiudere questo avviso premendo la X in alto a destra.

    Staff | FinanzaOnline

risparmio1

member
Registrato
5/11/08
Messaggi
2.619
Punti reazioni
156
Ciao,
ho 44 anni.
4-5 anni fa ho incassato circa 20k per la liquidazione dalla vecchia ditta.
Teoricamente se non avessi dovuto cambiare ditta mi avrebbero dato quei soldi alla pensione.

Nel dubbio all'epoca misi questi soldi in un btpi con scadenza di qualche anno (cioè settembre 2012).

Mi sembrerebbe giusto mettere da parte quei soldi con un investimento a lunga scadenza, facendo finta di non averli mai ricevuti... per non trovarmi alla pensione senza manco quei miseri soldi.


Sarei propenso a prendere un altro btpi a lunga scadenza (o altro investimento a basso rischio).

Ma vengono dei dubbi....Supponiamo che tra 1-2 anni debba comprare casa... e che la casa costi più dei miei risparmi (magari avessi risparmi sufficenti per comprare casa in contanti :D)....
Sarebbe giusto "usare" quei 20k per la casa, cioè togliendoli dalla "vecchiaia"?
O sarebbe più giusto tenerli dove sono?

Immagino che il costo dei mutui sia superiore al rendimento dei btpi?

Voi cosa fareste?

PS
chiedo scusa se ho sbagliato sezione
 
Ultima modifica:
Ciao,
ho 44 anni.
4-5 anni fa ho incassato circa 20k per la liquidazione dalla vecchia ditta.
Teoricamente se non avessi dovuto cambiare ditta mi avrebbero dato quei soldi alla pensione.

Nel dubbio all'epoca misi questi soldi in un btpi con scadenza di qualche anno (cioè settembre 2012).

Mi sembrerebbe giusto mettere da parte quei soldi con un investimento a lunga scadenza, facendo finta di non averli mai ricevuti... per non trovarmi alla pensione senza manco quei miseri soldi.


Sarei propenso a prendere un altro btpi a lunga scadenza (o altro investimento a basso rischio).

Ma vengono dei dubbi....Supponiamo che tra 1-2 anni debba comprare casa... e che la casa costi più dei miei risparmi (magari avessi risparmi sufficenti per comprare casa in contanti :D)....
Sarebbe giusto "usare" quei 20k per la casa, cioè togliendoli dalla "vecchiaia"?
O sarebbe più giusto tenerli dove sono?

Immagino che il costo dei mutui sia superiore al rendimento dei btpi?

Voi cosa fareste?

PS
chiedo scusa se ho sbagliato sezione

purtroppo come al solito è difficile immedesimarsi nei panni di altre persone e fornire consigli in ambito economico, sopratutto perchè è il più sensibile...
In ogni caso, posso dirti cosa farei IO nella tua situazione. Ad ora comincerei a mettere quei soldi in qualche conto deposito o investimento a breve termine (btp, pct, ecc..) max 1 anno. Se dovessero poi servirmi per la casa quei soldi (e la maggior parte dei miei risparmi) li utilizzerei quasi tutti per abbassare al minimo la richiesta di un futuro mutuo. Così facendo, risparmiando sugli interessi delle rate avrei maggiore disponibilità economica e, quindi, possibilità di accantonare mese dopo mese del capitale.

In linea di massima, non accantonerei grandi capitali ora pensando alla vecchiaia ma comincerei a creare un circolo virtuoso di risparmio per far sì che ogni mese possa andare a creare la mia seconda pensione.

Spero che la mia visione possa esserti in qualche modo utile
 
Ciao,
ho 44 anni.
4-5 anni fa ho incassato circa 20k per la liquidazione dalla vecchia ditta.
Teoricamente se non avessi dovuto cambiare ditta mi avrebbero dato quei soldi alla pensione.
.............................

Voi cosa fareste?


Mi piace sentire qualcuno che pur non avendo la mia età scrive come se avesse più anni di me.
Ma ci pensi che hai 44 anni e che dovrai lavorare fino a 70.
Stai parlando oggi fra 26 anni.
Prova a guardarti indietro di 26 anni e dimmi cosa vedi, quanti cambiamenti, e quante rivoluzioni sociali abbiamo visto.
Se con il nuovo lavoro guadagni da vivere e se ti trovi in affitto lo dovrai pur pagare o no? Bene quando pensi che troverai situazioni come quelle di questi mesi a venire di immobili posti in vendita ad un 30% in meno del loro valore. Mai più. Per occasioni immobiliari avendo i tuoi 20K (non so cosa significhi, penso 20000 euro) guarda che sono sufficienti per avere il mutuo. Tienili a disposizione e comincia a guardarti in giro che per 26 anni puoi stare in casa tua e non in affitto. questo è il miglior investimento di certo, almeno per me.
Auguri, Renzo
 
Ciao,
ho 44 anni.
4-5 anni fa ho incassato circa 20k per la liquidazione dalla vecchia ditta.
Teoricamente se non avessi dovuto cambiare ditta mi avrebbero dato quei soldi alla pensione.

Nel dubbio all'epoca misi questi soldi in un btpi con scadenza di qualche anno (cioè settembre 2012).

Mi sembrerebbe giusto mettere da parte quei soldi con un investimento a lunga scadenza, facendo finta di non averli mai ricevuti... per non trovarmi alla pensione senza manco quei miseri soldi.


Sarei propenso a prendere un altro btpi a lunga scadenza (o altro investimento a basso rischio).

Ma vengono dei dubbi....Supponiamo che tra 1-2 anni debba comprare casa... e che la casa costi più dei miei risparmi (magari avessi risparmi sufficenti per comprare casa in contanti :D)....
Sarebbe giusto "usare" quei 20k per la casa, cioè togliendoli dalla "vecchiaia"?
O sarebbe più giusto tenerli dove sono?

Immagino che il costo dei mutui sia superiore al rendimento dei btpi?

Voi cosa fareste?

PS
chiedo scusa se ho sbagliato sezione

tanto li devi sborsare i soldi ... per me meglio metterceli direttamente così avrai una rata più bassa ...
 
miglior investimento? mah dipende dal timing............

nidoape.jpg
 
Altro che miglior investimento...

Guarda questo 3d
http://www.finanzaonline.com/forum/...liano-linvestimento-che-non-tradisce-mai.html
e fatti un'idea di quello che sta accadendo al mercato immobiliare... quello che oggi paghi di affitto lo risparmierai con gli interessi tra due/tre anni!

Sai di queste valutazioni e/o ricerche ne ho viste così tante che non puoi immaginare. Ma realizzate mai, solo indicazioni di pessimisti che purtroppo sono più appetibili.
Guarda che il variabile oggi non raggiunge il 5%, e il fisso va massimo al 6,5%.
Mi chiedo ma veramente pensavate che i tassi del mutuo sarebbero rimasti ai valori del gennaio 2010? se analizzate bene l'andamento degli ultimi 10 anni vi accorgerete che il segnale dell'andamento economico veniva già dato dal valore Eurirs 09/2002 5,10% 01/2012 2,67%. Vi chiedo perchè stupirsi tanto?
In tutte le discussioni che fate considerate giustamente lo Spread come valore reale, ma dimenticate di considerare il tasso europeo. Eurirs è oggi il tasso più basso degli ultimi 12 anni.
Ma siete convinti che l'economia rimanga così per 20 anni?
Via, un pò di ottimismo non guasterebbe eh!
In economia ho studiato esserci periodi alti e periodi bassi, ma poi nel medio e lungo periodo si fa la media. E la BCE con Draghi a capo ha fatto un passo importante: abbassare il costo del denaro per pareggiare i maggiori costi di raccolta delle banche.
Il concetto che voglio esprimere è che non va male per tutti, chi lavora e guadagna e spende per l'affitto 600 euro al mese con 800 euro diventa oggi proprietario di un bene che fra tre anni non sarà in grado di acquistare.
Renzo
 
Sai di queste valutazioni e/o ricerche ne ho viste così tante che non puoi immaginare. Ma realizzate mai, solo indicazioni di pessimisti che purtroppo sono più appetibili.
Guarda che il variabile oggi non raggiunge il 5%, e il fisso va massimo al 6,5%.
Mi chiedo ma veramente pensavate che i tassi del mutuo sarebbero rimasti ai valori del gennaio 2010? se analizzate bene l'andamento degli ultimi 10 anni vi accorgerete che il segnale dell'andamento economico veniva già dato dal valore Eurirs 09/2002 5,10% 01/2012 2,67%. Vi chiedo perchè stupirsi tanto?
In tutte le discussioni che fate considerate giustamente lo Spread come valore reale, ma dimenticate di considerare il tasso europeo. Eurirs è oggi il tasso più basso degli ultimi 12 anni.
Ma siete convinti che l'economia rimanga così per 20 anni?
Via, un pò di ottimismo non guasterebbe eh!
In economia ho studiato esserci periodi alti e periodi bassi, ma poi nel medio e lungo periodo si fa la media. E la BCE con Draghi a capo ha fatto un passo importante: abbassare il costo del denaro per pareggiare i maggiori costi di raccolta delle banche.
Il concetto che voglio esprimere è che non va male per tutti, chi lavora e guadagna e spende per l'affitto 600 euro al mese con 800 euro diventa oggi proprietario di un bene che fra tre anni non sarà in grado di acquistare.
Renzo

BOOOOOM!!!! :D

Fra tre anni il bene lo pagherà il 30% in meno come minimo.... vogliamo scommettere? :D
 
BOOOOOM!!!! :D

Fra tre anni il bene lo pagherà il 30% in meno come minimo.... vogliamo scommettere? :D

Secondo te calano i valori degli immobili del 50-60% complessivo e i soldi e la svalutazione no?
Dove hai fatto economia?
Sai si potrebbe anche scommettere, ma io non scommetto con chi non conosco e soprattutto non scommetto contro il Sistema economico Italia nel quale io credo fermamente nonostante gli attacchi siano ancora in corso.
Comunque ti posso dare due elementi di analisi che potrebbero essere utili a disfattisti come te per guardare al futuro con un pò più di fiducia o se vuoi ottimismo:
1. il trend in America è già in lieve aumento sia per assunzioni che per acquisto casa. L'Italia è inserita nel sistema economico occidentale che sta annaspando è vero, ma ha da questo indicatore la possibilità di trarsi fuori.
2. la Germania non mollerà mai l'Italia e noi non possiamo fare a meno del sistema commerciale tedesco. Rifletti poi all'andamento della economia della Germania e vedrai che ti aiuterà a definire meglio la situazione futura italiana.
Ulteriore conforto ci viene dalla statistica degli andamenti del tasso di interesse che ha una ciclicità media di 10/12 anni e se tu controlli verificherai che tassi della BCE nel sistema mutuo così bassi negli ultimi 10 anni non li abbiamo mai avuti, ergo immagino che sotto l'1% sarà difficile andare. La svolta non può impiegare 3 anni ad arrivare anche se sono in molti a pensarlo e a dire che la ripresa ci sarà dal 2015.
Personalmente non la penso così. Sono fiducioso che già dalla seconda parte del 2012 e prima parte 2013 la nostra Italia si metterà in carriera.
Sono ottimista lo so, ma mi fa vivere meglio e con meno ansia.
Renzo
 
Secondo te calano i valori degli immobili del 50-60% complessivo e i soldi e la svalutazione no?
Dove hai fatto economia?
Sai si potrebbe anche scommettere, ma io non scommetto con chi non conosco e soprattutto non scommetto contro il Sistema economico Italia nel quale io credo fermamente nonostante gli attacchi siano ancora in corso.
Comunque ti posso dare due elementi di analisi che potrebbero essere utili a disfattisti come te per guardare al futuro con un pò più di fiducia o se vuoi ottimismo:
1. il trend in America è già in lieve aumento sia per assunzioni che per acquisto casa. L'Italia è inserita nel sistema economico occidentale che sta annaspando è vero, ma ha da questo indicatore la possibilità di trarsi fuori.
2. la Germania non mollerà mai l'Italia e noi non possiamo fare a meno del sistema commerciale tedesco. Rifletti poi all'andamento della economia della Germania e vedrai che ti aiuterà a definire meglio la situazione futura italiana.
Ulteriore conforto ci viene dalla statistica degli andamenti del tasso di interesse che ha una ciclicità media di 10/12 anni e se tu controlli verificherai che tassi della BCE nel sistema mutuo così bassi negli ultimi 10 anni non li abbiamo mai avuti, ergo immagino che sotto l'1% sarà difficile andare. La svolta non può impiegare 3 anni ad arrivare anche se sono in molti a pensarlo e a dire che la ripresa ci sarà dal 2015.
Personalmente non la penso così. Sono fiducioso che già dalla seconda parte del 2012 e prima parte 2013 la nostra Italia si metterà in carriera.
Sono ottimista lo so, ma mi fa vivere meglio e con meno ansia.
Renzo

Università degli studi di Firenze.
Laurea in Economia e Commercio, tesi in Econometria. Anno 2004.
110 e lode. Ti basta? :D

Io non sto dicendo che l'economia non possa riprendere, anche io ho fiducia in questo. Sto semplicemente parlando del mercato immobiliare.
Non c'è una ragione, una sola, per cui il mercato immobiliare non debba perdere valore da qui a tre anni. Se vuoi capire il perchè, vai nella sezione immobiliare, ti farai una cultura.
 
Università degli studi di Firenze.
Laurea in Economia e Commercio, tesi in Econometria. Anno 2004.
110 e lode. Ti basta? :D

Io non sto dicendo che l'economia non possa riprendere, anche io ho fiducia in questo. Sto semplicemente parlando del mercato immobiliare.
Non c'è una ragione, una sola, per cui il mercato immobiliare non debba perdere valore da qui a tre anni. Se vuoi capire il perchè, vai nella sezione immobiliare, ti farai una cultura.

oh, ma siamo tutti nervosi?
Intanto complimenti per il tuo status, ma guarda che la cosa l'avevo detta in battuta come avevi fatto tu. Ci mancherebbe che io entri nel personale, non l'ho mai fatto in vita figurati se lo faccio con chi non conosco.
Leggo anch'io quella parte deprimente e depressa che tu definisci importante.
Per me non lo è. Mancano le proposte, manca la rivoluzione ideale, la novità o almeno io non riesco trovarla.
Guardo invece ciò che viene deciso dai Governi perchè è da quello che arriveranno le riprese economiche, e le decisioni mi sembrano talmente buone che anticiperemo la ripresa a livello europeo.
Per questo non credo ai tre anni e me ne sto facendo una ragione.
Tutto qua.
Ciao, Renzo
 
Sai di queste valutazioni e/o ricerche ne ho viste così tante che non puoi immaginare. Ma realizzate mai, solo indicazioni di pessimisti che purtroppo sono più appetibili.
Guarda che il variabile oggi non raggiunge il 5%, e il fisso va massimo al 6,5%.
Mi chiedo ma veramente pensavate che i tassi del mutuo sarebbero rimasti ai valori del gennaio 2010? se analizzate bene l'andamento degli ultimi 10 anni vi accorgerete che il segnale dell'andamento economico veniva già dato dal valore Eurirs 09/2002 5,10% 01/2012 2,67%. Vi chiedo perchè stupirsi tanto?
In tutte le discussioni che fate considerate giustamente lo Spread come valore reale, ma dimenticate di considerare il tasso europeo. Eurirs è oggi il tasso più basso degli ultimi 12 anni.

Chissà perchè ho la sensazione di aver letto argomentazioni simili anche 4 anni fa :D

Ma siete convinti che l'economia rimanga così per 20 anni?

Potrebbe anche andar peggio. Dici di aver studiato economia: ti dice niente "deflazione monetaria"?

Via, un pò di ottimismo non guasterebbe eh!

Le rate si pagano coi soldi, coi redditi, non con l'ottimismo. Prova ad andare in banca a chiedere un mutuo dicendogli che sei il più ottimista sulla piazza e poi fammi sapere se te lo accettano :D

In economia ho studiato esserci periodi alti e periodi bassi, ma poi nel medio e lungo periodo si fa la media. E la BCE con Draghi a capo ha fatto un passo importante: abbassare il costo del denaro per pareggiare i maggiori costi di raccolta delle banche.
Il concetto che voglio esprimere è che non va male per tutti, chi lavora e guadagna e spende per l'affitto 600 euro al mese con 800 euro diventa oggi proprietario di un bene che fra tre anni non sarà in grado di acquistare.
Renzo

Fra 3 anni potrebbe anche accadere che chi si affaccia sul mercato potrebbe non aver più bisogno del mutuo per comprare
 
Secondo te calano i valori degli immobili del 50-60% complessivo e i soldi e la svalutazione no?
Dove hai fatto economia?
Sai si potrebbe anche scommettere, ma io non scommetto con chi non conosco e soprattutto non scommetto contro il Sistema economico Italia nel quale io credo fermamente nonostante gli attacchi siano ancora in corso.
Comunque ti posso dare due elementi di analisi che potrebbero essere utili a disfattisti come te per guardare al futuro con un pò più di fiducia o se vuoi ottimismo:
1. il trend in America è già in lieve aumento sia per assunzioni che per acquisto casa. L'Italia è inserita nel sistema economico occidentale che sta annaspando è vero, ma ha da questo indicatore la possibilità di trarsi fuori.

Certo, è così. Vai a vedere che performance hanno avuto le quotazioni immobiliari in US prima che ci fossero questi piccoli cenni di ripresa però :D

2. la Germania non mollerà mai l'Italia e noi non possiamo fare a meno del sistema commerciale tedesco. Rifletti poi all'andamento della economia della Germania e vedrai che ti aiuterà a definire meglio la situazione futura italiana.
Ulteriore conforto ci viene dalla statistica degli andamenti del tasso di interesse che ha una ciclicità media di 10/12 anni e se tu controlli verificherai che tassi della BCE nel sistema mutuo così bassi negli ultimi 10 anni non li abbiamo mai avuti, ergo immagino che sotto l'1% sarà difficile andare. La svolta non può impiegare 3 anni ad arrivare anche se sono in molti a pensarlo e a dire che la ripresa ci sarà dal 2015.
Personalmente non la penso così. Sono fiducioso che già dalla seconda parte del 2012 e prima parte 2013 la nostra Italia si metterà in carriera.
Sono ottimista lo so, ma mi fa vivere meglio e con meno ansia.
Renzo

Sì, confermo. Sei proprio ottimista :yes:
 
è probabile che ti sia sfuggito qualcosa di ciò che ho scritto, ma non è di grande importanza penso per te, per me lo è.
Parlavo di una persona che lavora, ha uno stipendio e vive in affitto, non di uno senza reddito e poi della sua età: 44 anni. E' importante, non devi trascurare questi dati.
Il ragionamento è tutto incentrato così come è partito su di lui.
Quattro anni fa gennaio 2008 andava alla grande e le banche finanziavano mutui del 120/150 per cento del valore.
Poi non capisco questa sottovalutazione europea. E' chiaro potresti aver ragione, ma potrei averla anch'io o no?
Ed infine sono un ottimista è vero, ma con l'ottimismo mi sono fatto una posizione e sto meglio con me stesso. Sai ho una certa età e i miei figli immagino siano della vostra età e per questo quando sento strisciare questo negativismo mi vengono i brividi. Dai un pò di fiducia.....
Renzo
 
è probabile che ti sia sfuggito qualcosa di ciò che ho scritto, ma non è di grande importanza penso per te, per me lo è.
Parlavo di una persona che lavora, ha uno stipendio e vive in affitto, non di uno senza reddito e poi della sua età: 44 anni. E' importante, non devi trascurare questi dati.
Il ragionamento è tutto incentrato così come è partito su di lui.

Io ho quasi 40 anni e lavoro da 13 anni. E sto in affitto da 13 anni pagandolo coi rendimenti di 1/3 del capitale che mi occorrerebbe per comprare. Ti bastano come dati?

Quattro anni fa gennaio 2008 andava alla grande e le banche finanziavano mutui del 120/150 per cento del valore.

Bello questo LTV. Chissà adesso se rivendendo riuscirebbero ad estinguere il mutuo residuo, senza contare le rate già versate e l'eventuale anticipo (anche se piccolo qualcosa cash ci voleva anche allora).

Poi non capisco questa sottovalutazione europea. E' chiaro potresti aver ragione, ma potrei averla anch'io o no?
Ed infine sono un ottimista è vero, ma con l'ottimismo mi sono fatto una posizione e sto meglio con me stesso. Sai ho una certa età e i miei figli immagino siano della vostra età e per questo quando sento strisciare questo negativismo mi vengono i brividi. Dai un pò di fiducia.....
Renzo

Io ho fiducia, ma nelle mie idee. Lo ritengo un investimento molto più sensato :cool:
 
Sai tu porti un nome che risponde perfettamente alle tue idee, ma vorrei che fosse chiaro che io non ho nessuna intenzione di contrastarle, ma mi tengo le mie ben strette.
Tu hai circa l'età di mio figlio, lui ne ha 34, è sposato e ha due figli, ha una azienda website con 10 dipendenti. Anche lui è in affitto e da due mesi ha sottoscritto un compromesso per l'acquisto di un immobile di 180 metri quadri che da due anni tecnocasa non riusciva a vendere, lui ha fatto una proposta: 80000 e i venditori hanno accettato. Secondo me ha fatto un affare grandissimo. Siamo in un centro importante del Veneto.
Penso che mentalmente siate per età molto vicini.
Penso anche che la sua idea possa essere rispettata e che tu se dovessi trovare una occasione come questa faresti l'affare. Non credo di sbagliare a pensarlo.
Ecco tutto qua.
Renzo
 
...sto in affitto da 13 anni pagandolo coi rendimenti di 1/3 del capitale che mi occorrerebbe per comprare.

:eek::eek::eek:

Credo proprio che questo possa succedere solo a Roma e nelle grandi città.

Ora provo a fare "i conti della serva" e vestire questa frase addosso alla situazione della mia zona (VE-TV periferia)...

Abito in un bilo da 66 mq con 200mq di giardino che dalle mie parti si affitta a 600 €/mese (come MINIMO).

600 x 12 = 7200 € /anno di affitto

Per avere 7200 € di rendimento (facciamo interesse 5% netto???) dovrei avere un capitale di € 144000.

Se questo dovesse essere "1/3 del capitale che mi occorrerebbe per comprare" significherebbe che la mia casa dovrebbe valere € 432000.

Sai quanto vale la casa dove abito io? Ad essere "molto generosi"... € 180.000. Come vedi siamo BEN LONTANI dalla vostra situazione.

Quando leggo te e GMP molto spesso mi rendo conto che la situazione immobiliare Romana è completamente insostenibile, e ci credo che vi :angry: quando qualcuno scrive che non c'è la bolla o che questa è quasi finita, però per chi abita in città "normali" credo che la situazione sia + o - come la mia...

My 2 cents :)
 
Sai tu porti un nome che risponde perfettamente alle tue idee, ma vorrei che fosse chiaro che io non ho nessuna intenzione di contrastarle, ma mi tengo le mie ben strette.
Tu hai circa l'età di mio figlio, lui ne ha 34, è sposato e ha due figli, ha una azienda website con 10 dipendenti. Anche lui è in affitto e da due mesi ha sottoscritto un compromesso per l'acquisto di un immobile di 180 metri quadri che da due anni tecnocasa non riusciva a vendere, lui ha fatto una proposta: 80000 e i venditori hanno accettato. Secondo me ha fatto un affare grandissimo. Siamo in un centro importante del Veneto.
Penso che mentalmente siate per età molto vicini.
Penso anche che la sua idea possa essere rispettata e che tu se dovessi trovare una occasione come questa faresti l'affare. Non credo di sbagliare a pensarlo.
Ecco tutto qua.
Renzo

Ha comprato casa a 450€/mq? :eek:

E dov'è che le case costano così poco? :eek:
 
80.000 euro per 180 metri quadri :D :D quasi ci credo, anzi no
 
Indietro