Ristrutturazione bagno e detrazioni, necessaria la cila?

il Barbin

Nuovo Utente
Registrato
25/1/18
Messaggi
512
Punti reazioni
55
ah, ovviamente discorso diverso se nel rifare il bagno devi buttare giù o spostare tramezzi.........lì ovviamente la CILA serve....
ma di solito per rifare un bagno non serve....

cmq giusto un esempio a Roma: https://www.this.it/articoli/agevolazioni/ristrutturazione-bagno.html

Per prassi, in molti comuni, tra cui Roma, gli interventi da realizzare con la CILA sono quelli che comportano la modifica della distribuzione interna cioè la realizzazione o la demolizione di tramezzature non portanti. Se si prova a presentare una CILA con indicato il solo rifacimento di un bagno, senza modifica dei tramezzi, lo sportello unico dell’edilizia non accetta la pratica.

ma è cosi ovunque....rifare bagni senza modifica di opere murarie la CILA non serve
 

Raian

Stay Foolish
Registrato
5/10/08
Messaggi
10.944
Punti reazioni
388
no guarda, non è così come dici tu e hai scritto tu delle inesattezze nel tuo ultimo post. non inventiamoci correlazioni inesistenti....
la discriminante non è la CILA, ma il fatto che ci sia o meno una "manutenzione straordinaria", così come intesa dall'AdE per beneficiare poi delle detrazioni.

Ad esempio, si ottiene il bonus mobili anche solo sostituendo e installando un condizionatore con pompa di calore, oppure una caldaia. Secondo te per montare un condizionatore o una caldaia vai dal geometra ad aprire la CILA in Comune? Questo perchè l'AdE ha deciso che questi interventi sono comunque equiparabili a manutenzione straordinaria.
E quindi puoi trascinarti dietro il Bonus Mobili. Fonte: AdE nelle sue linee guida ufficiali: https://www.agenziaentrate.gov.it/p...2021.pdf/08565088-428b-ba64-1ce9-1823d86cbef4


Tra gli interventi di manutenzione straordinaria, anche se in edilizia libera, rientra anche il rifacimento dei bagni (fonte: AdE, vedi documento).

ora, vero che qui salta spesso fuori il discorso "dipende da comune a comune" se si può o meno rifare il bagno senza CILA con annessi regolamenti edilizi locali.
ma onestamente, quei casi in cui qualcuno racconta l'esperienza del "nel mio comune è richiesta la CILA" è solo perchè a dirglielo è stato al telefono il primo tecnico del comune che probabilmente se gli si chiedeva di scriverti la stessa cosa via PEC metteva già il telefono perchè lui per primo non sapeva cosa diceva.

nel 99% dei comuni italiani non richiedono la CILA....mai sentito nessuno che per un bagno spende 1.000 di CILA e parcella tecnico...
poi sta in capo a ognuno se vuole perdere tempo e soldi a fare qualcosa di inutile e aprire la CILA per rifare un bagno. comunque taglia la testa al toro: invece di chiamare in comune, chiama un geometra o un architetto del tuo comune e chiedigli se c'è bisogno della CILA....

di sicuro se ti rifai un bagno senza CILA ti detrai al 50% il bagno e pure i mobili....fai conto che dal 1 gennaio 2023 il bonus mobili si abbassa ancora e hai al massimo 2.500 euro di detrazioni...

io ho speso 2.000 euro elettrodomestici nel 2022, nel 2023 posso spendere 5.000 ?

oppure devo spendere tutti i restanti 8.000 entro dicembre?
 

il Barbin

Nuovo Utente
Registrato
25/1/18
Messaggi
512
Punti reazioni
55
io ho speso 2.000 euro elettrodomestici nel 2022, nel 2023 posso spendere 5.000 ?

oppure devo spendere tutti i restanti 8.000 entro dicembre?

Eh no, nel 2023 potrai al massimo spenderne altri 3.000. Se vuoi massimizzare le detrazioni da bonus mobili (quindi 5k di detrazioni) devi spendere i restanti 8k nei prossimi 33 giorni...
 

Raian

Stay Foolish
Registrato
5/10/08
Messaggi
10.944
Punti reazioni
388
Eh no, nel 2023 potrai al massimo spenderne altri 3.000. Se vuoi massimizzare le detrazioni da bonus mobili (quindi 5k di detrazioni) devi spendere i restanti 8k nei prossimi 33 giorni...

grazie
 

spike31

Nuovo Utente
Registrato
9/2/13
Messaggi
551
Punti reazioni
40
no guarda, non è così come dici tu e hai scritto tu delle inesattezze nel tuo ultimo post. non inventiamoci correlazioni inesistenti....
la discriminante non è la CILA, ma il fatto che ci sia o meno una "manutenzione straordinaria", così come intesa dall'AdE per beneficiare poi delle detrazioni.

Ad esempio, si ottiene il bonus mobili anche solo sostituendo e installando un condizionatore con pompa di calore, oppure una caldaia. Secondo te per montare un condizionatore o una caldaia vai dal geometra ad aprire la CILA in Comune? Questo perchè l'AdE ha deciso che questi interventi sono comunque equiparabili a manutenzione straordinaria.
E quindi puoi trascinarti dietro il Bonus Mobili. Fonte: AdE nelle sue linee guida ufficiali: https://www.agenziaentrate.gov.it/p...2021.pdf/08565088-428b-ba64-1ce9-1823d86cbef4


Tra gli interventi di manutenzione straordinaria, anche se in edilizia libera, rientra anche il rifacimento dei bagni (fonte: AdE, vedi documento).

ora, vero che qui salta spesso fuori il discorso "dipende da comune a comune" se si può o meno rifare il bagno senza CILA con annessi regolamenti edilizi locali.
ma onestamente, quei casi in cui qualcuno racconta l'esperienza del "nel mio comune è richiesta la CILA" è solo perchè a dirglielo è stato al telefono il primo tecnico del comune che probabilmente se gli si chiedeva di scriverti la stessa cosa via PEC metteva già il telefono perchè lui per primo non sapeva cosa diceva.

nel 99% dei comuni italiani non richiedono la CILA....mai sentito nessuno che per un bagno spende 1.000 di CILA e parcella tecnico...
poi sta in capo a ognuno se vuole perdere tempo e soldi a fare qualcosa di inutile e aprire la CILA per rifare un bagno. comunque taglia la testa al toro: invece di chiamare in comune, chiama un geometra o un architetto del tuo comune e chiedigli se c'è bisogno della CILA....

di sicuro se ti rifai un bagno senza CILA ti detrai al 50% il bagno e pure i mobili....fai conto che dal 1 gennaio 2023 il bonus mobili si abbassa ancora e hai al massimo 2.500 euro di detrazioni...


Nel documento che hai allegato non si parla nè di bagni nè di edilizia libera.
Hai qualche informazione più precisa?
 

il Barbin

Nuovo Utente
Registrato
25/1/18
Messaggi
512
Punti reazioni
55
Nel documento che hai allegato non si parla nè di bagni nè di edilizia libera.
Hai qualche informazione più precisa?

Tra gli interventi di manutenzione straordinaria nel documento vengono citati espressamente la realizzazione dei servizi igienici. Quindi rifare il bagno traina il bonus mobili

L'edilizia libera è consequenziale. Se in tutti i comuni italiani per rifare un bagno non chiedono la cila, e quindi abbiamo edilizia libera, e se rifare un bagno è comunque manutenzione straordinaria, allora vuol dire che un intervento in edilizia libera traina....

Sostituire gli infissi rientra in edilizia libera. Mica si apre una cila per cambiare gli infissi. Eppure li detrai, e trascini pure il bonus mobili
 

giovanni1888

Nuovo Utente
Registrato
3/9/22
Messaggi
321
Punti reazioni
28
Se vogliono la CILA aprila..costa 50 euro e un qualunque geometra/architetto può aprirla in pochi giorni

a 500 euro (10 volte tanto) cadauna te ne faccio aprire 4/5 per me e parenti...
ricorda che poi devi fare fine lavori ed accatastamento
 

Cyan84

Nuovo Utente
Registrato
11/2/12
Messaggi
541
Punti reazioni
48
Riguardo la CILA dipende dal regolamento edilizio comunale.
Inoltre dire che la CILA serve solo in caso di cessione/sconto e non in caso di detrazione diretta è un'inesattezza basata proprio sul fatto che in caso di cessione vengono richiesti i documenti, in caso di detrazione autonoma si fa da se e si detrae coi documenti che ci sono e poi si vedrà...
Gli unici casi in cui non serve davvero sono il cambio caldaia, finestre ecc.
Se ci sono piu imprese serve anche comunicazione preventiva all'ASL.
Iva al 10% per i lavori, 22% per materiali se manutenzione straordinaria (come penso sia inquadrabile l'intervento).
Anche se faranno 110/90 non potrai trainare un bagno...
 

il Barbin

Nuovo Utente
Registrato
25/1/18
Messaggi
512
Punti reazioni
55
Riguardo la CILA dipende dal regolamento edilizio comunale.
Inoltre dire che la CILA serve solo in caso di cessione/sconto e non in caso di detrazione diretta è un'inesattezza basata proprio sul fatto che in caso di cessione vengono richiesti i documenti, in caso di detrazione autonoma si fa da se e si detrae coi documenti che ci sono e poi si vedrà...
Gli unici casi in cui non serve davvero sono il cambio caldaia, finestre ecc.
Se ci sono piu imprese serve anche comunicazione preventiva all'ASL.
Iva al 10% per i lavori, 22% per materiali se manutenzione straordinaria (come penso sia inquadrabile l'intervento).
Anche se faranno 110/90 non potrai trainare un bagno...

non ho detto che non serva la Cila per le detrazioni. serve, laddove richiesta però.

ci sono tantissimi post in questa sezione in cui ai soli fini del traino bonus mobili gli utenti si sono informati in merito ad acquisto condizionatori e caldaia.
insomma, diciamocelo, questi sono "finti" lavori edilizi ed è assurdo che ci si possa trainare i mobili, ma tant'è, sono stati equiparati a manutenzione straordinaria e quindi si può fare.
e sostituzioni condizionatore, caldaia e infissi, sono tra gli interventi più citati in questa sezione. e non serve CILA. eppure li detrai e traini pure altro. quindi è un dato di fatto sostenere che non serve necessariamente per detrarre

quindi quando l'utente che ha aperto il topic ha scritto che il bonus mobili lo puoi detrarre solo se apri la cila, mentre se non la apri detrai solo l'intervento e non i mobili, è una inesattezza bella grossa.
e anche riguardo agli interventi in sè, si può detrarre senza cila in veramente numerosi casi e per di più di grande interesse da quello che si legge qui dentro....appunto caldaia, condizionatore, caminetto (a seconda delle situazioni), tende da sole, bagno, infissi....hai voglia...

poi vabbe, se uno per rifare i tubi del bagno, senza aumento di cubatura e di spostamento tramezzi, vuole fare una CILA....soldi e tempo suoi e regali mille euro a un geometra....