Rivalutazione al 1/1/2023 delle cripto di cui hai perso il prezzo di carico (pdc)

nonalias

Nuovo Utente
Registrato
27/5/09
Messaggi
1.220
Punti reazioni
74
Allora, questo Disegno di Legge da la possibilità di "battezzare" un prezzo di carico delle cripto che hai comprato negli anni passati.

Il nuovo Prezzo Di Carico (pdc) sarà il valore in dollari al 1/1/2023, poi convertito in euro.

Chi ha comprato nel 2021 a 60k e non ha tenuto una contabilità in grado di dimostrare il "suo" PDC, si trova a dover pagare il 14% del valore di BTC al 1/1/2023 per "battezzare" un PDC che rappresenta un quarto del PDC originale. E ci perde.

Chi ha comprato nel 2019 o 2020 a 4k e non ha tenuto una contabilità in grado di dimostrare il "suo" PDC, si trova a dover pagare il 14% del valore di BTC al 1/1/2023 per "battezzare" un PDC che rappresenta un 4X del PDC originale. E ci guadagna.


A voi i commenti.
 

Farge

Nuovo Utente
Registrato
30/12/08
Messaggi
1.188
Punti reazioni
78
:D Di media holdo una coin per non piu di una settimana ... quindi di tutto questo me ne puo fregare si come no... ma mi interessa seguire gli intrallazzi statali che si inventano :D
 

Giulk_Reload

Nuovo Utente
Registrato
24/11/21
Messaggi
465
Punti reazioni
20
C’è parecchia confusione in giro, per esempio leggo che :

Chi invece, pur non avendo mai dichiarato il possesso di valute digitali, non ha realizzato alcun profitto potrà farle emergere versando solo la sanzione dello 0,5%. Si tratta in sostanza di una voluntary disclosure che solitamente riguarda i capitali detenuti illecitamente all’estero e non dichiarati al fisco che però in questo caso viene applicata alla criptovalute.

Quello chi mi chiedo e, come fai a dimostrare che non hai fatto profitto?
 

nonalias

Nuovo Utente
Registrato
27/5/09
Messaggi
1.220
Punti reazioni
74
A mio parere, dato il comportamento medio (compri ed acquisti nel giro di pochissimo tempo e i report dei CEX è molto diverso da un vero estratti conto), ben pochi hanno tenuto traccia dei vari pdc.
Dunque credo che questa parte della regolamentazione abbia questa finalità.
 
Ultima modifica:

cirinho

Nuovo Utente
Registrato
26/12/17
Messaggi
409
Punti reazioni
37
C’è parecchia confusione in giro, per esempio leggo che :

Se si è tenuto traccia dei bonifici o versamenti effettuati..e Comunque si riescono a recuperare questi dati..Quindi,mi pare di capire,se ho versato negli anni una quota totale pari ad X ed ora il mio portfolio crypto vale X-1 allora posso dimostrare un eventuale perdita..
 

nonalias

Nuovo Utente
Registrato
27/5/09
Messaggi
1.220
Punti reazioni
74
Sembra che la maggior parte delle interpretazioni vada in questa direzione:

Quello che conta è "quanto hai trasferito" all'exchange (con bonifico o carta di credito*, e prendi a riferimento il valore in estratto conto) e quanto l'exchange ti ha restituito, evidentemente con bonifico o con accredito su carta di credito*.

*= mi riferisco alla carta di credito dell'istituto bancario, non a quella che ti ha dato, eventualmente, l'exchange.

Fai la differenza, e se la somma è positiva hai una plusvalenza.
Almeno, così sarebbe tutto più semplice, per chi ha perso traccia del PDC.
 

Giulk_Reload

Nuovo Utente
Registrato
24/11/21
Messaggi
465
Punti reazioni
20
Premesso che se uno e passato quasi sempre attraverso Binance o similari per gli acquisti, non è troppo difficile tirare fuori quanti soldi ci ha messo dentro, alla fine si risale ai bonifici e/o pagamenti con carte di credito.

Ma se poi uno no ha tirato fuori nulla? Deve comunque andare a regolarizzare portando ogni anno il valore dei soldi che ha messo a fine di ogni anno e eventualmente il valore corrispettivo in crypto a fine di quell’anno, quindi potrebbe essere che magari il 2021 stava sopra e il 2022 stava sotto, ma comunque se uno holda potrebbe non avere tirato fuori nulla in Fiat, insomma secondo me il pregresso e comunque un gran casino.

E se uno non solo non ha convertito in Fiat ma ha anche spostato da exchange a cold Wallet stile Ledger e li ha lasciati lì?