Rivoluzione

shaca

Nuovo Utente
Registrato
25/5/10
Messaggi
16.773
Punti reazioni
236
io abito tra monza e lecco, fino a 2 mesi fa, tra la gente c'era la speranza...
nell'ultima settimana, nel raggio di 20km ho parlato con 4 persone che non si conoscono tra loro, tutte mi hanno parlato che ormai è troppo tardi per rimettere in sesto la situazione, arriverà la rivoluzione..
 
io abito tra monza e lecco, fino a 2 mesi fa, tra la gente c'era la speranza...
nell'ultima settimana, nel raggio di 20km ho parlato con 4 persone che non si conoscono tra loro, tutte mi hanno parlato che ormai è troppo tardi per rimettere in sesto la situazione, arriverà la rivoluzione..

rivoluzione? ....... :confused: .........sì, a parole :rolleyes:

prima dovrebbero ri-spuntare i cosidetti...dissoltisi nell'apatia. :o
 
rivoluzione? ....... :confused: .........sì, a parole :rolleyes:

prima dovrebbero ri-spuntare i cosidetti...dissoltisi nell'apatia. :o

hai ragione.
basta vedere i ventenni di oggi, stanno tutti scappando in australia, quelli rimasti in italia, non alzano per nulla la voce.. e sono loro i primi che dovrebbero farlo sul serio
 
hai ragione.
basta vedere i ventenni di oggi, stanno tutti scappando in australia, quelli rimasti in italia, non alzano per nulla la voce.. e sono loro i primi che dovrebbero farlo sul serio

esatto, quelli rimasti e disoccupati non sanno nè vogliono sapere come si tiene un cacciavite o come si impasta la malta cementizia.

manualità andata in fumo da decenni, temo che in una rivoluzione impugnino i forconi al contrario.... :censored:
 
hai ragione.
basta vedere i ventenni di oggi, stanno tutti scappando in australia, quelli rimasti in italia, non alzano per nulla la voce.. e sono loro i primi che dovrebbero farlo sul serio


I ventenni conoscono a malapena cosa sta succedendo, sanno solo che non trovano lavoro, a essere incavolati forte dovrebbero essere i trentenni e quarantenni con famiglia e affitti da pagare invece niente di niente, tutto fermo, tutto tace, aspettano che sia qualcun'altro a darsi una mossa. :rolleyes:
 
ieri sono rimasto ingolfato un'ora in un negozio di telefonia per sbloccare una fott.uta sim.

avevo 18 persone avanti a me.

ho nemmeno capito che razzo volessero, tra chiavette, offerte, passaggi, telefoni aggratisse......di certo non avevano i segni della denutrizione stampati sulle ossa.

quindi per ora non rivoluzionano....
 
ieri sono rimasto ingolfato un'ora in un negozio di telefonia per sbloccare una fott.uta sim.

avevo 18 persone avanti a me.

ho nemmeno capito che razzo volessero, tra chiavette, offerte, passaggi, telefoni aggratisse......di certo non avevano i segni della denutrizione stampati sulle ossa.

quindi per ora non rivoluzionano....

Il punto è quello.

No fame no party.
 
esatto, quelli rimasti e disoccupati non sanno nè vogliono sapere come si tiene un cacciavite o come si impasta la malta cementizia.

manualità andata in fumo da decenni, temo che in una rivoluzione impugnino i forconi al contrario.... :censored:

Piscialetto appunto. :D

Io non ho mai visto un idraulico, un elettricista, imbianchino o muratore a casa mia in 25 anni.
Si... Se le cose si mettono male altri si dovran preoccupare prima di me.
 
ieri sono rimasto ingolfato un'ora in un negozio di telefonia per sbloccare una fott.uta sim.

avevo 18 persone avanti a me.

ho nemmeno capito che razzo volessero, tra chiavette, offerte, passaggi, telefoni aggratisse......di certo non avevano i segni della denutrizione stampati sulle ossa.

quindi per ora non rivoluzionano....

:D
 
ieri sono rimasto ingolfato un'ora in un negozio di telefonia per sbloccare una fott.uta sim.

avevo 18 persone avanti a me.

ho nemmeno capito che razzo volessero, tra chiavette, offerte, passaggi, telefoni aggratisse......di certo non avevano i segni della denutrizione stampati sulle ossa.

quindi per ora non rivoluzionano....

ahahahhaha :D
 
I ventenni conoscono a malapena cosa sta succedendo, sanno solo che non trovano lavoro, a essere incavolati forte dovrebbero essere i trentenni e quarantenni con famiglia e affitti da pagare invece niente di niente, tutto fermo, tutto tace, aspettano che sia qualcun'altro a darsi una mossa. :rolleyes:

hai perfettamente ragione ma.. io da quasi quarantenne unico lavoratore e con un buon lavoro fisso(x quanto oggi si possa dire fisso) dovrei lasciare il mio lavoro e la mia famiglia per fare una rivoluzione?

ragazzi non scherziamo.. la rivoluzione costa grossi sacrifici anche in termini di libertà(prigione) ed in alcuni casi la vita ed io certo non posso permettermi ne uno ne l'altro

io lo ammetto con sincerità.. credo che una sorta di rivoluzione sia necessaria ma se qualcuno mi chiedesse di combatterla, allo stato attuale della mia famiglia, non lo farei.. se le cose cambiassero anche per me allora rivaluterei la mia scelta
 
........di certo non avevano i segni della denutrizione stampati sulle ossa.

quindi per ora non rivoluzionano....

e non parliamo delle femmine, che non sanno più come si tiene un ago nè come si cucina....:wall:

sanno solo come far arrappare, ben sapendo che: "quand tira l'osèl gli và in coma il cervell"
 
io abito tra monza e lecco, fino a 2 mesi fa, tra la gente c'era la speranza...
nell'ultima settimana, nel raggio di 20km ho parlato con 4 persone che non si conoscono tra loro, tutte mi hanno parlato che ormai è troppo tardi per rimettere in sesto la situazione, arriverà la rivoluzione..

sono tornato a vivere in zona dopo 6 anni ....
ho questa impressione, magari sbaglio:
continua perdita del lavoro nel settore privato;
nascono nuove aree commerciali, sopratutto di negozi a prodotti low cost;
vedo più attenzione per il verde pubblico e per la sua pedonalità (piste ciclabili);
sono iniziati nuovi cantieri pubblici molto importanti per la viabilità (che si aspettavano da almeno 20 anni);

insomma, vedo 1 un territorio che soffre la mancanza di lavoro, ma 2 si è adattato alle nuove circostanze e 3 si sta preparando per un futuro ritorno degli investimenti.
 
hai perfettamente ragione ma.. io da quasi quarantenne unico lavoratore e con un buon lavoro fisso(x quanto oggi si possa dire fisso) dovrei lasciare il mio lavoro e la mia famiglia per fare una rivoluzione?

ragazzi non scherziamo.. la rivoluzione costa grossi sacrifici anche in termini di libertà(prigione) ed in alcuni casi la vita ed io certo non posso permettermi ne uno ne l'altro

io lo ammetto con sincerità.. credo che una sorta di rivoluzione sia necessaria ma se qualcuno mi chiedesse di combatterla, allo stato attuale della mia famiglia, non lo farei.. se le cose cambiassero anche per me allora rivaluterei la mia scelta

pensa che sento parlare di rivoluzione dai cinquantenni, ventenni e trentenni mi sembra che sono vuoti dentro... rassegnati.
 
e non parliamo delle femmine, che non sanno più come si tiene un ago nè come si cucina....:wall:

sanno solo come far arrappare, ben sapendo che: "quand tira l'osèl gli và in coma il cervell"

per mia fortuna mi annovero ancora tra i maschietti che si arrapano a vederle in cucina :D
 
Indietro