Romania bond - lotto minimo 1k - VOL VII

  • Due nuove obbligazioni Societe Generale, in Euro e in Dollaro USA

    Societe Generale porta sul segmento Bond-X (EuroTLX) di Borsa Italiana due obbligazioni, una in EUR e una in USD, a tasso fisso decrescente con durata massima di 15 anni e possibilità di rimborso anticipato annuale a discrezione dell’Emittente.

    Per continuare a leggere visita questo LINK
Stato
Chiusa ad ulteriori risposte.
Tassi confermati al 7%
nello Statement si legge tra le righe che l’inflazione in alcuni settori sta decelerando più velocemente di quanto previsto ma non ho letto nessun accenno a futuri allentamenti della politica monetaria.

alcune osservazioni della NBR
IMG_3385.jpeg


Fonte : https://www.bnr.ro/page.aspx?prid=23843

poi con calma me lo rileggo, e se mi rimane tempo lo confronto con quello precedente per vedere se hanno usato vocaboli nuovi. Ora vo a controllare la CPI usa. :o
 
Consiglio di non accettare consigli (soprattutto questo) :D
Su 5k è soprattutto la tua "tranquillità" che devi cercare perché investimenti che rendono più di altri non esistono, o comunque non vedresti alcuna differenza con quella cifra intendo dire.
Ok allora entro più nel dettaglio. Ho acquistato svariati BTP italiani mai esteri. Non mi sono documentato su cosa cambia avere nel portafoglio obbligazioni italiane o estere. Ci sono differenze di normative costi o altro? Utilizzerei Fineco

grazie a chiunque mi risponda
 
Ok allora entro più nel dettaglio. Ho acquistato svariati BTP italiani mai esteri. Non mi sono documentato su cosa cambia avere nel portafoglio obbligazioni italiane o estere. Ci sono differenze di normative costi o altro? Utilizzerei Fineco

grazie a chiunque mi risponda
Ciao Whynot2, anch'io avevo acquistato direttamente solo BTP (utilizzando ETF per bond esteri) finchè a inizio gennaio ho acquistato 9k nominali della 11 marzo 2039 4,125% (isin: XS1892127470); per quanto visto finora commissioni, trattamento del rateo e imposte sono identici ai BTP. Operazione fatta su Fineco.
Da segnalare per chi è poco pratico che hanno cedola annuale (e non semestrale come i BTP).
 
Ok allora entro più nel dettaglio. Ho acquistato svariati BTP italiani mai esteri. Non mi sono documentato su cosa cambia avere nel portafoglio obbligazioni italiane o estere. Ci sono differenze di normative costi o altro? Utilizzerei Fineco

grazie a chiunque mi risponda
Differente cedola annuale, come ti hanno fatto notare, poi guarda anche se il paese è in "white list" (come Romania, Bulgaria, Ungheria...) per non pagare più tasse (26%)...

Tassazione dei titoli di Stato nazionali ed esteri
 
poi con calma me lo rileggo, e se mi rimane tempo lo confronto con quello precedente per vedere se hanno usato vocaboli nuovi. Ora vo a controllare la CPI usa. :o
Eccomi…
la differenza tra gli ultimi due Statement è sostanziale nella forma, mi spiego…
quello pubblicato ieri è più un riepilogo di quanto è accaduto a livello macroeconomico in Romania nell’arco di tutto il 2023 forse hanno aspettato questa riunione una volta ottenuti tutti dati riferiti al mese di dicembre per chiudere il cerchio.
Comunque sia, ieri si è dato maggiore enfasi ai dati (crescita/inflazione) nell’ultimo Quarter e in questo contesto è stato sottolineato più volte la decelerazione più del previsto dell’inflazione. Altro dato che forse è passato sotto traccia, ma per noi detentori di Bonds fa piacere, :o è che la RNB ha aumentato le riserve in valuta estera sopratutto in EURO. Questo lascia un cuscinetto di sufficiente tranquillità a noialtri Bondisti. Probabilmente questo Trend continuerà anche nei mesi successivi in vista dell’apertura (parziale) dell’area Schengen. La RNB probabilmente prevede più interscambi (turismo/servizi/merci/ecc.) da Aprile in avanti con i paesi confinanti nella zona Euro e di conseguenza circolare più moneta in Euro.
Bene cosi. :clap:

IMG_3399.jpeg
 
Ecco ci siamo rimangiati quanto di buono abbiamo scritto sopra sull’inflazione :rolleyes:
Balzo dell’inflazione nel mese di gennaio in Romania +1,10% MoM che riporta il tendenziale sopra il 7,0% YoY
Molto bene invece la crescita su base annuale GDP/PIL +2,9% se confrontato con la ZonaCore dell’Eurozona è tanta roba.
Produzione industriale in dicembre che anch’essa migliora vs mese precedente.
IMG_3400.jpeg
 
Ecco ci siamo rimangiati quanto di buono abbiamo scritto sopra sull’inflazione :rolleyes:
Balzo dell’inflazione nel mese di gennaio in Romania +1,10% MoM che riporta il tendenziale sopra il 7,0% YoY
Molto bene invece la crescita su base annuale GDP/PIL +2,9% se confrontato con la ZonaCore dell’Eurozona è tanta roba.
Produzione industriale in dicembre che anch’essa migliora vs mese precedente.
Vedi l'allegato 2984792
Mi domando perchè non vengono usati 2 decimali in tutte le statistiche e in tutti i paesi. Magari il dato americano di ieri era arrotondato per eccesso.
 
Sono a Bucarest questa settimana.
Grande traffico, centro pieno zeppo tra l'altro clima bellissimo.
Io continuo a vedere edifici in costruzione e in ristrutturazione ed economia che fa circolare soldi
 

Allegati

  • IMG_20240211_175821.jpg
    IMG_20240211_175821.jpg
    3,9 MB · Visite: 104
  • IMG_20240211_173455.jpg
    IMG_20240211_173455.jpg
    5,7 MB · Visite: 102
  • IMG_20240211_190834.jpg
    IMG_20240211_190834.jpg
    3,7 MB · Visite: 97
Sono a Bucarest questa settimana.
Grande traffico, centro pieno zeppo tra l'altro clima bellissimo.
Io continuo a vedere edifici in costruzione e in ristrutturazione ed economia che fa circolare soldi
Paese ed economia dinamici.
Ottima cosa!
 
in caso di ribasso dei rendimenti in titoli a pari durata, la rivalutazione del titolo a cedola piccola sarebbe maggiore
Riprendo una risposta che mi era stata data quando avevo chiesto un parere tra due titoli con scadenza simile e cedola diversa.
Mi è chiaro quanto è stato scritto ma ora provo a fare la domanda inversa, su due titoli rumeni con scadenza diversa (2031 e 2033) e cedola simile (2,124% e 2%).

Avrò della liquidità disponibile sia entro metà marzo che il prossimo dicembre e immaginiamo che io voglia acquistare subito uno dei due suddetti bond e l’altro entro fine anno.
Vista anche la recente conferma da tassi al 7% da parte della Banca Nazionale della Romania penso si possa supporre che entro il prossimo mese i prezzi per acquistare titoli rumeni non dovrebbero avere grosse variazioni rispetto ad oggi, ma a dicembre si può ipotizzare che i tassi saranno ridotti e quindi i prezzi saliranno.

Con queste premesse quale titolo mi conviene acquistare subito?
O in generale, tra due titoli di stato che hanno una cedola simile e la scadenza con due anni di differenza, quale titolo risentirebbe in misura maggiore, in termini di rialzo della quotazione da qui a 10 mesi, di un eventuale riduzione dei tassi?
 
Salvo disallineamenti di mercato non credo le rivalutazioni saranno molto diverse tra uno e l altro. Se il più corto ha cedola maggiore si rivaluterà un po' di più, questo dice ora il mercato confrontando i vari rumeni.
Se i rendimenti sono simili o non ti importa della differenza io prenderei il più corto con quelle cedole.
Se compri per vendere dopo la rivalutazione prenderei sempre il più corto, metti che non vada come previsto hai sempre una scadenza più corta. La liquidità credo sia simile per entrambi
 
Riprendo una risposta che mi era stata data quando avevo chiesto un parere tra due titoli con scadenza simile e cedola diversa.
Mi è chiaro quanto è stato scritto ma ora provo a fare la domanda inversa, su due titoli rumeni con scadenza diversa (2031 e 2033) e cedola simile (2,124% e 2%).

Avrò della liquidità disponibile sia entro metà marzo che il prossimo dicembre e immaginiamo che io voglia acquistare subito uno dei due suddetti bond e l’altro entro fine anno.
Vista anche la recente conferma da tassi al 7% da parte della Banca Nazionale della Romania penso si possa supporre che entro il prossimo mese i prezzi per acquistare titoli rumeni non dovrebbero avere grosse variazioni rispetto ad oggi, ma a dicembre si può ipotizzare che i tassi saranno ridotti e quindi i prezzi saliranno.

Con queste premesse quale titolo mi conviene acquistare subito?
O in generale, tra due titoli di stato che hanno una cedola simile e la scadenza con due anni di differenza, quale titolo risentirebbe in misura maggiore, in termini di rialzo della quotazione da qui a 10 mesi, di un eventuale riduzione dei tassi?
Salvo disallineamenti di mercato non credo le rivalutazioni saranno molto diverse tra uno e l altro. Se il più corto ha cedola maggiore si rivaluterà un po' di più, questo dice ora il mercato confrontando i vari rumeni.
Se i rendimenti sono simili o non ti importa della differenza io prenderei il più corto con quelle cedole.
Se compri per vendere dopo la rivalutazione prenderei sempre il più corto, metti che non vada come previsto hai sempre una scadenza più corta. La liquidità credo sia simile per entrambi
Forse non mi sono spiegato bene: sto ipotizzando di prendere comunque entrambi i titoli (uno a marzo e uno a dicembre) con un importo simile.
Quale dei due è opportuno prendere prima per limitare l'effetto dell'incremento della loro quotazione a causa di una futura riduzione dei tassi? Il titolo con cedola al 2,124% che scade nel 2031 o quello con cedola al 2% che scade nel 2033?
O forse il suggerimento di prendere la scadenza più corta già risponde alla mia domanda?
 
Riprendo una risposta che mi era stata data quando avevo chiesto un parere tra due titoli con scadenza simile e cedola diversa.
Mi è chiaro quanto è stato scritto ma ora provo a fare la domanda inversa, su due titoli rumeni con scadenza diversa (2031 e 2033) e cedola simile (2,124% e 2%).

Avrò della liquidità disponibile sia entro metà marzo che il prossimo dicembre e immaginiamo che io voglia acquistare subito uno dei due suddetti bond e l’altro entro fine anno.
Vista anche la recente conferma da tassi al 7% da parte della Banca Nazionale della Romania penso si possa supporre che entro il prossimo mese i prezzi per acquistare titoli rumeni non dovrebbero avere grosse variazioni rispetto ad oggi, ma a dicembre si può ipotizzare che i tassi saranno ridotti e quindi i prezzi saliranno.

Con queste premesse quale titolo mi conviene acquistare subito?
O in generale, tra due titoli di stato che hanno una cedola simile e la scadenza con due anni di differenza, quale titolo risentirebbe in misura maggiore, in termini di rialzo della quotazione da qui a 10 mesi, di un eventuale riduzione dei tassi?
Occhio però a non confondere le cose: i due titoli scadenza 31 e 33 sono in EUR e, casomai, saranno influenzati maggiormente dai movimenti della BCE e non della omologa banca centrale rumena.

Romania Tf 2,124% Lg31 Eur quotazioni in tempo reale | XS2027596530 - Borsa Italiana
Romania Tf 2% Ap33 Eur quotazioni in tempo reale | XS2330503694 - Borsa Italiana
 
Forse non mi sono spiegato bene: sto ipotizzando di prendere comunque entrambi i titoli (uno a marzo e uno a dicembre) con un importo simile.
Quale dei due è opportuno prendere prima per limitare l'effetto dell'incremento della loro quotazione a causa di una futura riduzione dei tassi? Il titolo con cedola al 2,124% che scade nel 2031 o quello con cedola al 2% che scade nel 2033?
O forse il suggerimento di prendere la scadenza più corta già risponde alla mia domanda?
Questioni di lana caprina. Non stai facendo una diversificazione su un 2% o 7% semplicemente lo sforzo non vale il guadagno ....
A meno di movimentazioni rapide di xxxk allora comprensibile
 
Riprendo una risposta che mi era stata data quando avevo chiesto un parere tra due titoli con scadenza simile e cedola diversa.
Mi è chiaro quanto è stato scritto ma ora provo a fare la domanda inversa, su due titoli rumeni con scadenza diversa (2031 e 2033) e cedola simile (2,124% e 2%).

Avrò della liquidità disponibile sia entro metà marzo che il prossimo dicembre e immaginiamo che io voglia acquistare subito uno dei due suddetti bond e l’altro entro fine anno.
Vista anche la recente conferma da tassi al 7% da parte della Banca Nazionale della Romania penso si possa supporre che entro il prossimo mese i prezzi per acquistare titoli rumeni non dovrebbero avere grosse variazioni rispetto ad oggi, ma a dicembre si può ipotizzare che i tassi saranno ridotti e quindi i prezzi saliranno.

Con queste premesse quale titolo mi conviene acquistare subito?
O in generale, tra due titoli di stato che hanno una cedola simile e la scadenza con due anni di differenza, quale titolo risentirebbe in misura maggiore, in termini di rialzo della quotazione da qui a 10 mesi, di un eventuale riduzione dei tassi?
io prenderei per primo quello più corto
ma perchè ti interessano quei due titoli?
il decennale con cedola 6,375% rende di più per esempio
 
Stato
Chiusa ad ulteriori risposte.
Indietro