Settore oil e materie prime in generale

  • Ecco la 69° Edizione del settimanale "Le opportunità di Borsa" dedicato ai consulenti finanziari ed esperti di borsa.

    Settimana difficile per i principali indici europei e americani, solo il Nasdaq resiste alle vendite grazie ai conti di Nvidia. Il leader dei chip per l’intelligenza artificiale ha riportato utili e prospettive superiori alle attese degli analisti, annunciando anche un frazionamento azionario (10 a 1). Gli investitori però valutano anche i toni restrittivi dei funzionari della Fed che hanno ribadito la visione secondo cui saranno necessari più dati che confermino la discesa dell’inflazione per convincere il Fomc a tagliare i tassi. Anche la crescita degli indici Pmi, che dipingono un’economia resiliente con persistenti pressioni al rialzo sui prezzi, rafforzano l’idea di tassi elevati ancora a lungo. Per continuare a leggere visita il link

  • Due nuove obbligazioni Societe Generale, in Euro e in Dollaro USA

    Societe Generale porta sul segmento Bond-X (EuroTLX) di Borsa Italiana due obbligazioni, una in EUR e una in USD, a tasso fisso decrescente con durata massima di 15 anni e possibilità di rimborso anticipato annuale a discrezione dell’Emittente.

    Per continuare a leggere visita questo LINK
intanto l'america saudita:

c.jpg
 
anche nell'ultima call di Shell si è accennato a un possibile buyback di almeno 25bln entro il '20 (ma in parte per recuperare la diluizione dello scrip dividend e dell'acquisizione di BG):
Royal Dutch Shell's (RDS.A) CEO Ben van Beurden on Q4 2017 Results - Earnings Call Transcript | Seeking Alpha

The pillars of our financial framework have not changed. To remind you, these are, Firstly, a conservative gearing level consistent with AA credit rating; secondly, a dividend policy of growing the U.S. dollar dividend per share through time, in line with our view of Shell's underlying earnings and cash flow; and thirdly, the distribution of surplus free cash flow to shareholders in the form of share buybacks. This financial framework is underpinned by a clear commitment to strict capital discipline with a firm ceiling of $30 billion even in a high oil price scenario.

In 2017, we generated some $28 billion of free cash flow, of which more than $15 billion in organic free cash flow. In line with our cash priorities, free cash flow was allocated to the service and repayment of our debt, some $16 billion in total in 2017; and the payment of our dividend, some $11 billion in cash in total. Gearing was reduced to 24.8% at the end of 2017, down from 28% at the end of 2016. This represents an $8 billion reduction in net debt over the last 4 quarters. As expected, divestment proceeds have supported debt reduction. At a headline level, we have now completed around $24 billion of divestments since the beginning of 2016. We've announced a further $3 billion of divestments, and we can confirm that more than $3 billion worth of additional divestments are well advanced, all at a headline level.

Since 2016, we received some $19 billion in cash proceeds from divestments and from the MLP, with $14 billion received in 2017. We have clear visibility on bringing gearing to 20% and generating the cash flow to support a AA credit rating. Over time, I expect gearing to move below 20% to ensure robustness of our financial framework. This will build further resilience to a changing macro environment and provide balance sheet strength to prepare us for the future. I would, however, like to emphasize that although divestments have driven debt reduction, the overall strengthening of our financial framework runs much deeper. It is fundamentally about the strength of the underlying cash flows, improved business performance and a disciplined approach to capital investment.

You've already heard about our business performance and our commitment to our financial framework. So before I wrap up, I want to emphasize where we are on cash flow generation. Because of our strategy and our delivery, our ability to generate organic cash flow has grown significantly, and we've demonstrated resilience at lower prices. Our cash flow from operations at $54 per barrel is in line with the cash flow from operations we achieved when oil was at $99 per barrel. In 2017, our organic free cash flow achieved levels in line with our declared dividend. This demonstrates the quality of our portfolio, the strength of our underlying performance and our resilience through the cycle. We are confident that we can continue to grow our organic free cash flow in the years to come, with revenues from new projects coming onstream and further operational and cost efficiencies to be realized. As Ben has outlined, we expect to generate organic free cash flow of some $25 billion to $30 billion around the end of the decade at $60 per barrel, real terms 2016. We have close to $10 billion in cash flow from operations still to be delivered in the 2018 to 2020 time frame, growth across our portfolio and continued cash delivery from operational improvements.

So we've made great progress on all fronts. It was this progress and confidence in our financial framework that enabled the board to cancel the scrip, starting with the payment of the fourth quarter 2017 dividend. The scrip was intended as a short-term measure. With the cancellation now behind us and with strong performance and delivery against our commitments, we're entering the next phase in delivering the world-class investment case. We will maintain our commitment to the financial framework, continue to grow the company and look to increase shareholder distributions over time. We remain committed to our intention to undertake a share buyback program of at least $25 billion in the 2017 to 2020 time frame, subject to debt reduction and recovering oil prices to offset the shares issued under the scrip dividend program and over time; to significantly reduce the equity issued in connection with the BG transaction; and therefore, grow distributions to shareholders. We will also balance buyback levels with meeting our ambition to achieve AA equivalent credit metrics as well as the need to fund growth.
 
sul passato recente di XOM:
Exxon's 10-K: Russia, Reserves and a Lot of Rebuilding - Bloomberg

dal recente meeting del Daily Journal l'idea di Munger sul petrolio:

Charlie: Well, I said last year that oil was very interesting in that the great companies like Exxon were producing about a third as much as they use to at the peak, and yet they’re still very prosperous because the price of oil has gone up faster than production has gone down. But it’s a weird subject, what’s going to happen with oil. Eventually it’s going to get very hard to have more oil and eventually the price will go very high. As a chemical feed-stock it’s totally essential, the hydrocarbons. So it’s never going to go out of vogue, and of course we’re going to need it for energy for a long, long time ahead. But as an investment I think it’s a difficult subject, and I think you’ll notice that Berkshire in its whole history has had few investments in oil. Some, but it’s not that many. The Daily Journal doesn’t have any.
 
Io sono convinto che il mondo avrà sempre più bisogno di energia.
Vero che i macchinari vari, i dispositivi e tutto ciò che richiede energia diventa anno dopo anno sempre più efficienti, ma la popolazione mondiale è in forte crescita e si prevede un boom fino al 2050 con 10 miliardi di persone, che rischiano ancora di aumentare dopo.
Queste persone, credo, e tutto il sistema produttivo necessario a mantenerle consumeranno energia.
La domanda cui non riesco a dare una risposta è chi trarrà giovamento da questo?
Produttori di energia? Se sì, quali? Petrolio, gas, solare o cosa?
Distributori di energia? Se sì, quali?
Produttori di materiali/impianti per produrre energia?
Forse ognuno avrà il suo mini-impianto elettrico solare a casa e nessuno più guadagnerà nulla?
Mi piacerebbe individuare sul mercato un produttore di rinnovabili di cui tanto si parla. Quale potrebbe essere?
Se sono andato OT chiedo scusa.
 

Ciao, premetto che sono un pivello......:D
Da circa metà 2017 noto che c'è una correlazione positiva tra prezzo barile e produzione. Questo mi risulta anomalo.....
Interessante sarebbe vedere gli altri mesi del 2018 per capire la produzione. Il prezzo lo sappiamo toccato gli 80$ ora a 75$
 
In questo periodo di ribassi per ENI:

Marcegaglia ha acquistato un pacchetto di 4.800 titoli a 8,24 euro
Descalzi compra 29.300 azioni della società per 200mila euro
Luca Bertelli, Chief Exploration Officer, acquista 7.500 azioni a un prezzo medio di 6,82
Il giorno stesso anche Maria Claudia Perini che, nel documento che riepiloga l'operazione viene indicata come "persona fisica strettamente legata" al top manager, in totale hanno acquistato 15.000 azioni a un prezzo medio di 6,76 con spesa totale di 101.500,5 euro.
 
il vecchio John li avrebbe diseredati:
Dal petrolio agli investimenti green la saga dei Rockefeller continua

DI FEDERICO RAMPINI

E' un’icona americana, una leggenda nella storia del capitalismo. Il cognome di questa famiglia è immortalato in uno dei grattacieli più celebri del mondo, il Rockefeller Center sulla Quinta Avenue di Manhattan (da tempo non è più loro proprietà, ma vi conservano un ufficio). La dinastia Rockefeller 150 anni fa diede vita a un impero, fondato su due pilastri: petrolio e banche. Fu anche uno dei bersagli del nascente Antitrust fin dalle origini. Da molti anni i loro due gioielli – la ex-Standard Oil poi ribattezzata Esso, poi Exxon nel petrolio, la Chase nelle banche – non sono più loro. Il trust che gestisce le ricchezze familiari resta una cassaforte tra le più pregiate, ma ha abbracciato il credo ambientalista cedendo qualsiasi partecipazione in aziende legate all’economia fossile. Hanno perfino una Fondazione che ha finanziato cause giudiziarie celebri contro Exxon, incolpandola di aver occultato la scienza sul cambiamento climatico. Ora questo cognome altisonante fa notizia per una felice sorpresa: il loro fondo d’investimento ha battuto i benchmark del mercato e ha surclassato la concorrenza, con investimenti sostenibili che rendono più di quelli tradizionali.
La virata verde
La performance tutta “verde” del Rockefeller Brothers Fund va aggiunta a due altre notizie recenti. Nonostante la sua predilezione per le energie fossili, l’amministrazione Trump ha appena dato via libera alla più grande centrale solare mai costruita negli Stati Uniti. Il Gemini Solar Project della NV Energy ha tra i suoi azionisti la holding Berkshire Hathaway di Warren Buffett, è un investimento da un miliardo di dollari. La centrale solare da 690 megawatt, a Nord di Las Vegas, sarà in grado di fornire energia a 260 mila abitazioni. Insomma c’è un capitalismo americano – con Warren Buffett che è nel trio di testa degli uomini più ricchi degli Stati Uniti – che continua a credere nella sostenibilità come in un buon investimento. Senza lasciarsi distrarre dal fatto che il crollo del petrolio ha alterato tutti i parametri del settore, sconvolgendo i confronti sulla convenienza economica delle energie fossili. In realtà il petrolio non viene usato per generare elettricità negli Stati Uniti, quindi i veri concorrenti delle fonti rinnovabili come eolico e solare sono gas e carbone.
Il sorpasso delle rinnovabili
Altra notizia rilevante in questo senso: il 2020 sarà con ogni probabilità l’anno di uno storico sorpasso delle rinnovabili sul carbone come fonte di elettricità, un sorpasso in parte accelerato dalla pandemia. «Sembrava impossibile ancora un decennio fa, quando il carbone era così dominante da fornire quasi metà di tutta la corrente», scrive Brad Plumer sul New York Times. Tra l’altro la concorrenza tra rinnovabili e fossili è stata distorta da Trump che in tre anni ha fatto tutto il possibile per resuscitare il carbone, anche attraverso una deregulation che ha smantellato i limiti alle emissioni di CO2 delle centrali fissati da Obama. Eppure gli aiuti di Trump non hanno invertito una tendenza di lungo periodo: le utility continuano a chiudere definitivamente centinaia di centrali a carbone. Nel frattempo il costo degli impianti eolici è sceso del 40%, quello delle centrali solari dell’80%. Il coronavirus non ha provocato un’inversione di tendenza. Anzi, la paralisi degli ultimi due mesi, con il conseguente crollo del consumo di energia, ha favorito le centrali a gas o le rinnovabili i cui costi operativi sono generalmente inferiori rispetto agli impianti a carbone.
Mai più emissioni carboniche
Tutto questo riporta alla scelta che fecero diversi membri della famiglia Rockefeller cinque anni fa. Fu allora che alcuni eredi della dinastia storica diedero l’annuncio clamoroso: mai più un dollaro del loro patrimonio doveva contribuire alle emissioni carboniche. Il Rockefeller Brothers Fund cominciò a dismettere ogni partecipazione da aziende legate al business delle energie fossili. L’eliminazione di quegli investimenti dal patrimonio di 1,1 miliardi è ormai quasi totale, e nel frattempo i rendimenti del fondo hanno segnato +7,76% rispetto al benchmark di settore che ha fatto +6,71%. Il presidente del fondo di famiglia, Stephen Heintz, e Christopher Bittman che è uno degli amministratori, sono convinti che ambientalismo, lotta al cambiamento climatico e oculata gestione possono andare d’accordo. Uno dei principi strategici è questo: i danni del cambiamento climatico sui bilanci degli investitori tradizionali porteranno a perdite importanti, oggi sottovalutate.
Il Rockefeller Brothers Fund
Il Rockefeller Brothers Fund venne creato nel 1940 da cinque figli di John D. Rockefeller Jr., il figlio di colui che 150 anni fa fu il fondatore dell’impero petrolifero Standard Oil. Così grande che intervenne l’Antitrust a imporne lo “spezzatino”, uno smembramento in più compagnie. Il fondo di famiglia cominciò a interessarsi di cambiamento climatico nel 1986, e intraprese una sistematica strategia di attenzione verso gli investimenti sostenibili nel 2005. Valerie Rockefeller, una delle eredi che oggi dirige il Board of Trustees del fondo, è convinta che la vera rivoluzione in famiglia ebbe inizio nel passaggio delle consegne da John D. Senior (il creatore della Standard Oil) a John D. Junior: quest’ultimo iniziò a orientare l’attività filantropica verso la conservazione della natura acquistando terreni da donare al National Park Service.
 
Indietro