si inizia, via la prima mostruosità pentastellata, via il 110%

mib30

acquisto BUONSENSO
Registrato
21 Ago 2000
Messaggi
43.528
Punti reazioni
1.299
Superbonus, si riparte da zero. Bonus diversificato tra prima e seconda casa
L'aliquota non più al 110% ma compresa tra il 60% e il 70% e sarà garantita a lungo termine

il resto qui:
https://www.ansa.it/sito/notizie/ec...asa_cf87b906-5438-4430-b567-a7a349209c42.html


per rendere sconveniente il "nero" devono semplificare le procedure e rendere possibile la detrazione in tempi brevi
anche tutte le imposte che uno versa in un anno se possibile

NB: CREDITI NON CEDIBILI, evitiamo il mercato delle vacche
 

wizardgsz

Well-known member
Registrato
9 Feb 2001
Messaggi
22.238
Punti reazioni
529
Ci spingerà ancor più in recessione? Ad oggi le stime danno un -0,1%
 

Luzern2

Well-known member
Registrato
4 Ott 2016
Messaggi
6.035
Punti reazioni
317
Ottimo, speriamo venga confermata. E già il 60-70% mi sembra una percentuale alta.
 

Luzern2

Well-known member
Registrato
4 Ott 2016
Messaggi
6.035
Punti reazioni
317
Ottimo, speriamo venga confermata. E già il 60-70% mi sembra una percentuale alta.
 

Milordpiero

Well-known member
Registrato
19 Feb 2008
Messaggi
19.300
Punti reazioni
648
Dal link leggo che ci starebbero ragionando....:D

Andava fermato non oggi ma ieri

Spero solo si sbrighino, la roba costa un multiplo n dei prezzi pre incentivi e mi sembra che gli unici che se ne avvantaggiano siano i maneggioni
 
Ultima modifica:

Luzern2

Well-known member
Registrato
4 Ott 2016
Messaggi
6.035
Punti reazioni
317
Ottimo, speriamo venga confermata. E già il 60-70% mi sembra una percentuale alta.
 

scoppiettante

Well-known member
Registrato
25 Nov 2017
Messaggi
5.590
Punti reazioni
268
Ci spingerà ancor più in recessione? Ad oggi le stime danno un -0,1%

Probabilmente è solo uno spostamento di denaro da un settore (edilizio) a un altro (aumento pensioni minime).
Il PIL rimarrà invariato perché entrambi gli interventi sono privi di effetto moltiplicatore.
debito +1 --> spesa pubblica +1 --> PIL+1

Per avere un effetto moltiplicatore bisognerebbe fare interventi che consentano di aumentare le esportazioni e/o ridurre le importazioni (o fuoriuscite finanziarie di vario genere).
 
Ultima modifica:

Zio Arduino

Well-known member
Registrato
3 Set 2010
Messaggi
6.323
Punti reazioni
357
secondo me vista la situazione assurda nella quale ci hanno ficcato dovrebbero almeno garantire il 100% per chi mette pannelli solari...
 

Julius67

methos
Registrato
24 Set 2007
Messaggi
37.463
Punti reazioni
1.698
il mio bonus 110 è un diritto acquisto. Non si tocca. Spero che i sindacati scendano in piazza per tutelarmi
 

Julius67

methos
Registrato
24 Set 2007
Messaggi
37.463
Punti reazioni
1.698
Ottimo, speriamo venga confermata. E già il 60-70% mi sembra una percentuale alta.

infatti è alta. non capisco perchè bisogna sovvenzionare così tanto le ristrutturazioni. Se cambio un bagno non vedo perchè lo stato debba scontarmelo. Altro discorso è se vogliamo spingere per l'efficentamento energetico ma in primi credo che le risorse debbano andare verso ospedali, scuole, industrie etc...
 

ennio1963

Mai PD
Registrato
18 Giu 2006
Messaggi
42.098
Punti reazioni
667
Superbonus, si riparte da zero. Bonus diversificato tra prima e seconda casa
L'aliquota non più al 110% ma compresa tra il 60% e il 70% e sarà garantita a lungo termine

il resto qui:
https://www.ansa.it/sito/notizie/ec...asa_cf87b906-5438-4430-b567-a7a349209c42.html


per rendere sconveniente il "nero" devono semplificare le procedure e rendere possibile la detrazione in tempi brevi
anche tutte le imposte che uno versa in un anno se possibile

NB: CREDITI NON CEDIBILI, evitiamo il mercato delle vacche

Quando il pil farà -3% voglio vedere a chi darete la colpa :D voglio vedere tutti gli imprenditori del nord dell'edilizia e dell'indotto, specialmente Veneto e Lombardia che hanno votato la meloni cosa diranno..:D adesso che si fa, il ponte sullo stretto :clap::clap::clap:
 

potamo

Well-known member
Registrato
18 Mar 2020
Messaggi
1.816
Punti reazioni
89
infatti è alta. non capisco perchè bisogna sovvenzionare così tanto le ristrutturazioni. Se cambio un bagno non vedo perchè lo stato debba scontarmelo. Altro discorso è se vogliamo spingere per l'efficentamento energetico ma in primi credo che le risorse debbano andare verso ospedali, scuole, industrie etc...

Il problema è un po' complesso, secondo me è giusto incentivare la ristrutturazione piuttosto che deviare il mercato nella nuova cementificazione. Certo il 110 è stato, è, e sempre sarà una porcata immane. Basterebbero dei bonus molto più bassi ma ben tarati per aiutare soprattutto i giovani a poter avere un tetto sopra la testa prima dei trent'anni.
 

potamo

Well-known member
Registrato
18 Mar 2020
Messaggi
1.816
Punti reazioni
89
Quando il pil farà -3% voglio vedere a chi darete la colpa :D voglio vedere tutti gli imprenditori del nord dell'edilizia e dell'indotto, specialmente Veneto e Lombardia che hanno votato la meloni cosa diranno..:D adesso che si fa, il ponte sullo stretto :clap::clap::clap:

Probabilmente ci sarà un periodo difficile, poi si riassesterà come prima facendo in primis morire tutte quelle imprese nate solo per sfruttare il bonus. Per quelle serie ci sarà da fare a lungo solo per sistemare quei lavori fatti in fretta e furia e da cani dalle imprese di cui sopra
 

mo cuishle

Love & Money
Registrato
21 Ott 2006
Messaggi
18.664
Punti reazioni
535
Non capisco perché si debba continuare con questo tam tam degli incentivi. ..l unica spiegazione è fare in modo da evitare il nero...la smania del controllo assoluto al 100% ....assieme al continua pressione per il pagamento elettronico .
Tutta questa gigantesca messa in scena creerà solo più danno all economia.
Segno di un paese che continua ad essere schiavo del potere.

Paradossalmente in Usa ad esempio la fiducia va data al cittadino non al governo. .il governo si fida del contribuente ...non come qua che l imprenditore è un mostro da inseguire e cacciare.....non a caso gira molto più nero da loro che da noi , senza le assurde limitazioni del contante e le leggi permettono molte più scappatoie per evitare tassazioni inutili.
 

mo cuishle

Love & Money
Registrato
21 Ott 2006
Messaggi
18.664
Punti reazioni
535
Cosa vuol dire ti do un bonus...?

Abbassarmi il cuneo fiscale e siamo a posto ...vedrai che in una.economia libera il tutto trova una sistemazione da sé....abbiamo avuto anni di benessere senza l aiuto di nessuno...da quando hanno iniziato a manipolare il mercato con interventi sempre più stringenti e macchinosi hanno distrutto l economia del paese....basti solo a pensare alla fatturazione elettronica....
 

volopazzo

chi ha di +, ha di +
Registrato
22 Feb 2002
Messaggi
60.325
Punti reazioni
1.131
retroattivo

urgentemente

suppostamente
 

JacksonT

Well-known member
Registrato
15 Feb 2017
Messaggi
24.725
Punti reazioni
460
Quando il pil farà -3% voglio vedere a chi darete la colpa :D voglio vedere tutti gli imprenditori del nord dell'edilizia e dell'indotto, specialmente Veneto e Lombardia che hanno votato la meloni cosa diranno..:D adesso che si fa, il ponte sullo stretto :clap::clap::clap:

Ah ecco il programma del grande statista conte, altro che interventi sulle bollette :asd:
Soldi da regalare, ancora e ancora, a debito.
Che statista ragazzi :clap:
 

Superstardelbene

Well-known member
Registrato
28 Feb 2005
Messaggi
21.195
Punti reazioni
390
Speriamo che sia davvero un intervento fatto bene con prospettive di lungo periodo e certezze per tutti, cittadini e operatori del settore, perché sarebbe anche ora di comportarsi in modo serio e rispettoso

Al di là della percentuale stabilità sarà fondamentale riattivare efficacemente la cessione del credito, anche perché altrimenti non ha senso proprio intervenire ad aiutare i super-ricchi, meglio togliere tutto
 

AceVentura

Well-known member
Registrato
22 Ott 2020
Messaggi
1.135
Punti reazioni
100
[url=https://postimages.org/] [/URL]

[url=https://postimages.org/] [/URL]

[url=https://postimages.org/] [/URL]

[url=https://postimages.org/] [/URL]

[url=https://postimages.org/] [/URL]

Bilancio economico del Superbonus
Il valore economico totale generato dal Superbonus 110 è pari a 124,8 miliardi di euro, suddivisi in:

Effetto diretto: 56,1 mld
Effetto indiretto: 25,3 mld
Effetto indotto: 43,4 mld
L’effetto diretto equivale alla maggior produzione nel settore delle costruzioni di semilavorati, prodotti intermedi e servizi, funzionali allo stesso processo di efficientamento energetico, che la spesa aggiuntiva derivante dagli interventi Superbonus riesce a generare nel mercato edilizio.

Ogni settore e attività produttiva direttamente coinvolta nel processo edilizio, riesce ad attivarne altri per il principio di azione e reazione del mercato produttivo interessato (effetto indiretto).

Le produzioni di beni e servizi, dirette e indirette, a loro volta generano redditi di remunerazione del lavoro aggiuntivi che vanno ad alimentare una maggiore spesa in consumi finali, che richiede maggior produzioni (effetto indotto).

Bilancio ambientale del superbonus
Il settore edilizio è tra le principali fonti di emissioni di CO2 al mondo, responsabile di circa 1/3 delle emissioni globali e assorbe il 36% del consumo di energia. In Europa è inoltre causa della produzione di 1/3 tra tutti i rifiuti (i rifiuti da costruzione e demolizione C&D).

Bilancio ambientale del superbonus
Il Superbonus agisce anche in questa direzione: rendere infatti le abitazioni più efficienti dal punto di vista energetico, permette di ridurre i consumi per il riscaldamento e raffrescamento con la conseguente riduzione delle emissioni.

Bilancio ambientale del Superbonus
Bilancio ambientale del Superbonus (fonti: ENEA detrazioni fiscali, SIAPE, Agenzia delle Entrate, Istat)
Il valore ambientale finora generato dal Superbonus 110, quantificato come riduzione dell’impronta ecologica dell’ambiente costruito, ha una duplice strategia:

concorre alla decarbonizzazione, grazie alla riduzione di 979 mila tonnellate di CO2 (corrispondente alla capacità di stoccaggio di 6 mln di alberi)
concorre alla strategia energetica nazionale, grazie all’installazione di pannelli solari e fotovoltaico, un passo importante verso la transizione ecologica e l’autonomia energetica
Il valore economico generato dal Superbonus
L’impatto ambientale del Superbonus può essere tradotto in termini economici. La riduzione dei consumi energetici, conseguente al “salto di classe” (certificato da APE), produce infatti un doppio effetto:

risparmio economico in bolletta, quantificato pari a circa 500 €/anno
risparmio di CO2, quantificata in 8,3 mln di euro dal 2019 al 2022, secondo il valore di mercato
È stato calcolato che abbattere una tonnellata di CO2 con il Superbonus son stati spesi 55€ (investire nel settore industriale ne costa 95€/t, nella mobilità sostenibile 52€/t). Ottimi risultati, in special modo se consideriamo che l’impatto maggiore nell’industria delle costruzioni è rappresentato dal costo della manodopera rispetto a quello delle materie prime.

Il 110%, inoltre, incentivando la riqualificazione energetica del patrimonio edilizio esistente, ha effetti positivi sul contenimento del consumo di suolo. Rispetto al nuovo, l’investimento immobiliare dei beneficiari del Superbonus, genera un guadagno di 15,3 miliardi di euro.

Bilancio sociale del Superbonus
Il valore sociale generato dal Superbonus 110 risulta dalla somma di una serie di fattori, che produce in modo più o meno diretto:

maggior occupazione di lavoratori
incremento del valore immobiliare
incentivo per i redditi meno abbienti
Il 110% stimola in modo eccezionale il settore delle costruzioni che si trova a gestire una domanda smisurata di ristrutturazioni energetiche. Per le imprese edili questo si traduce in un maggiore occupazione: 630 mila nuovi occupati totali. Di questi, 410 mila lavoratori sono direttamente connessi al settore delle costruzioni, mentre 224 mila derivano dai settori a esso collegati.

Il valore sociale generato dal Superbonus
Sebbene sia evidente che la misura abbia favorito i ceti più abbienti, esistono 483 mila famiglie dal reddito medio basso (inferiore a 1.800 €), che non avrebbero probabilmente eseguito lavori di efficientamento energetico della propria abitazione, senza l’opportunità del Superbonus.

Gli interventi realizzati hanno migliorato gli edifici sotto il profilo energetico ma anche estetico, rendendo gli immobili meno dispendiosi sul fronte dei consumi per riscaldamento e condizionamento e più belli perché rinnovati dentro e fuori. Nell’ipotesi che le unità immobiliari rientrino nelle classi energetiche inferiori, si stima un incremento del valore immobiliare pari ad almeno 4,8 mld di euro.

https://www.infobuildenergia.it/approfondimenti/positivo-bilancio-superbonus-nomisma/
 

franci63

Well-known member
Registrato
15 Dic 2010
Messaggi
13.459
Punti reazioni
506
Quando il pil farà -3% voglio vedere a chi darete la colpa :D voglio vedere tutti gli imprenditori del nord dell'edilizia e dell'indotto, specialmente Veneto e Lombardia che hanno votato la meloni cosa diranno..:D adesso che si fa, il ponte sullo stretto :clap::clap::clap:

e x non far calare il pil devo regalare soldi pubblici a chiunque ?.......ma lo usate il cervello ?:eek:
 
Alto