Siamo un partito "fortissimi", piena di gente "fantastici"

  • Ecco la 72° Edizione del settimanale "Le opportunità di Borsa" dedicato ai consulenti finanziari ed esperti di borsa.

    È stata un’ottava ricca di spunti per i mercati, dapprima con l’esito delle elezioni europee, poi con i dati americani incoraggianti sull’inflazione e la riunione della Fed. L’esito delle urne ha mostrato uno spostamento verso destra del Parlamento europeo, con l’avanzata dei partiti nazionalisti più euroscettici a scapito di liberali e verdi. In Francia, il presidente Macron ha indetto il voto anticipato dopo la vittoria di Le Pen e in Germania i socialdemocratici del cancelliere tedesco Olaf Scholz hanno subito una disfatta record. L’azionario europeo ha scontato molto queste incertezze legate al rischio politico in Francia. Oltreoceano, i principali indici di Wall Street hanno raggiunto nuovi record dopo che mercoledì sera, la Fed ha mantenuto invariati i tassi nel range 5,25-5,50%. I dot plot, le proiezioni dei funzionari sul costo del denaro, stimano ora una sola riduzione quest’anno rispetto a tre previste a marzo. Lo stesso giorno è stato diffuso il report sull’inflazione di maggio, che ha mostrato un rallentamento al 3,3% e un dato core al 3,4%, meglio delle attese.
    Per continuare a leggere visita il link

gpspecial

LE SO TUTTE!!!
Registrato
3/2/02
Messaggi
3.314
Punti reazioni
53
E il fantasma scissione veleggia il Pd


Accuse al Rottamatore di «ragionare come Berlusconi» L'ira dei bersaniani contro Renzi E il fantasma scissione veleggia il Pd Nel partito si formano nuovi equilibri: Veltroni e i «giovani turchi» riprendono i contatti con il sindaco Il sindaco di Firenze Matteo Renzi (LaPresse) ROMA - Tocca a un vecchio parlamentare del Pd, un fu Pci, sintetizzare con una citazione quali sono i rischi a cui va incontro questo Partito democratico sempre più tormentato. Da Fausto Bertinotti, in procinto di diventare segretario di Rifondazione comunista: «I merli con i merli, i passeri con i passeri». Una frase pronunciata per spiegare per quale motivo la sinistra e il Pds erano due forze distinte e distanti. Ecco, è questo quello che potrebbe accadere nel Pd: che ci si divida. Ma non seguendo solo i binari immaginati finora . E che prevedono una scissione dei renziani. Quella potrebbe esserci nel caso in cui veramente i bersaniani rifiutassero le primarie al sindaco di Firenze in caso di elezioni. «Allora - continua a ripetere Matteo Richetti ai compagni di partito - finalmente ce ne andremmo». Ma il primo cittadino del capoluogo toscano continua a dire di "no" a questa ipotesi e invita i suoi a «restare sott'acqua» e a non agitare questo spettro. No, è un'altra la scissione che potrebbe verificarsi. Ne accenna Alessandra Moretti, bersaniana di ferro , quando dice che il partito «può spaccarsi». Lo spiega a un amico Ugo Sposetti quando osserva: «Se Renzi vince la battaglia interna il Pd non regge e si divide». E suppergiù gli stessi concetti ripetono i parlamentari di Franceschini seduti sui divanetti di Montecitorio. Del resto, lo aveva detto anche Massimo D'Alema qualche tempo fa, non si sa se sul serio o per scherzo, perché i suoi interlocutori in quell'occasione non lo hanno ben compreso: «Se nel Pd prevale la linea Renzi , io vado a fare un grande partito della sinistra con Nichi Vendola». Ed è proprio questa la prospettiva di cui si sentiva parlare a mezza bocca ieri, alla Camera dei deputati: una grande forza della sinistra che si attesti intorno al 15 per cento. Certo, può stupire che si parlasse di questo. A prima vista è una questione non all'ordine del giorno . Eppure non andava fuori tema chi toccava questo argomento. «Ormai è guerra, anzi è la guerra nucleare», annuncia Renzi ai suoi. Una guerra che il sindaco di Firenze vuole assolutamente vincere. Come? Giocando tute le carte a sua disposizione. Ne ha. Lo testimoniano il silenzio di Dario Franceschini sugli attacchi di Renzi al segretario e le poche parole sfumate di Enrico Letta, che evita di polemizzare con il sindaco, pur essendo il vice di Bersani. Lo confermano le telefonate, che sono riprese, con Veltroni, e i "giovani turchi" in fila da Graziano Delrio, presidente dell'Anci e uomo di punta del primo cittadino del capoluogo toscano. Insomma, le potenziali truppe del sindaco si stanno ingrossando. E, come se non bastasse, anche chi è contro di lui non difende il segretario. Non lo fa Rosy Bindi, e nemmeno Massimo D'Alema. Commentava ieri sera a questo proposito Antonello Giacomelli: «Matteo non dice cose tanto diverse da Franceschini». Ma se Renzi ottiene la vittoria nel Pd, se riesce a ribaltare situazione e maggioranza interna , è difficile per tanti ex Ds restare in un Pd con lui a capo. Il sindaco viene visto come un corpo estraneo. Prova ne è la virulenza di certe reazioni del cerchio stretto bersaniano: «Sei fuori linea», «Ragioni come Berlusconi», e via di questo passo. Renzi non prende sul serio certe dichiarazioni che lo fanno sorridere: «Sono ridicoli» . Ironizza sui suoi avversari interni, il sindaco rottamatore, ma sa che la partita è difficile. Per questo motivo, appena ha subodorato la possibilità di «un inciucio Bersani-Berlusconi», ha imbracciato l'artiglieria pesante. Renzi ha il sospetto che il segretario del Pd e il leader del Pdl stiano lavorando per un compromesso che preveda l'elezione di un presidente della Repubblica non inviso a Berlusconi (magari Luciano Violante, che potrebbe dargli della garanzie sul fronte della magistratura) e la possibilità per Bersani di andare in aula con il «suo» governo. Ottenendo di fare il premier, o, in caso di mancata fiducia, di portare lui il Paese alle elezioni e di essere lui, di conseguenza, il candidato premier del centrosinistra, evitando così le primarie. In questo modo Renzi non avrebbe nessuna chance di entrare in partita. Insomma, Bersani e Berlusconi si starebbero annusando per capire se un patto tra di loro è possibile . O, almeno, questa è l'impressione dei renziani. Spiega il sindaco a un amico: «Quelli hanno paura delle elezioni e quindi faranno un governo purché sia, ma non durerà tanto con quelle premesse». Quelli sarebbero Bersani e Berlusconi, il quale avrebbe cambiato anche lui idea sul voto dopo aver visto un sondaggio che lo dà dieci punti sotto Renzi. Perciò meglio la stabilità o le elezioni con Bersani come competitor. Ma i franchi tiratori del Pd potrebbero diventare tanti e far saltare quel compromesso. magari senza nemmeno nascondersi dietro il voto segreto.
 
Prima o poi le divergenze diventeranno ingovernabili.

Il PD sta notando che cresce troppo nei sondaggi: deve dare un segnale forte di spaccamento e attrito interno per far calare i propri consensi :clap: :clap:
 
Prima o poi le divergenze diventeranno ingovernabili.

Il PD sta notando che cresce troppo nei sondaggi: deve dare un segnale forte di spaccamento e attrito interno per far calare i propri consensi :clap: :clap:

la cosa più divertente è che qualora si arrivasse ad una scissione, alle prossime elezioni si presenterebbero comunque in coalizione :rolleyes:
 
la cosa più divertente è che qualora si arrivasse ad una scissione, alle prossime elezioni si presenterebbero comunque in coalizione :rolleyes:

Credibilità sotto le scarpe come sempre.

Mi piacerebbe chiedere al PD oggi:

  • Berlusconi lo giudicate incandidabile?
  • Quali sono le priorità e le scelte economiche del governo Letta?
  • Quale legge elettorale occorrerà fare per le future elezioni?
  • Come si dovrà posizionare il PD per presentarsi agli elettori la prox volta, a sinistra o più moderato con lo scopo di legare anche con le colombe del PDL?

Scommetto che chiedendo a 200 persone uscirebbero 250 risposte diverse :cool:
 
Indietro