sistema cooperativo all'americana?

Pace In Medioriente

@LER1967 AKA Luigir
Registrato
28/12/00
Messaggi
1.021
Punti reazioni
42
http://www.repubblica.it/2006/05/se...uthwest-airlines/soci-southwest-airlines.html

Negli anni '70 la compagnia aerea distribuì azioni al posto degli stipendi
oggi il loro valore si è decuplicato, ma alcuni continuano a fare i dipendenti

Southwest, la società dei ricconi
che lavorano ancora in aeroporto


WASHINGTON - Sono di quelle (poche) persone al mondo che lavorano solo ed esclusivamente per divertimento. Potrebbero tranquillamente non farlo, strasene a casa e godersi i miliardi accumulati negli anni. Ma non lo fanno. Continuano a caricare la sveglia ogni sera, per non arrivare in ritardo, al mattino dopo, al desk al quale siedono da anni. Si chiamano Mike Mitchell, Sandra Force e Dan Johnson, fanno parte del "club" dei diciassette fondatori della Southwest Airlines che - qui sta il trucco - dal 1971 ha distribuito ai suoi dipendenti, come pagamento, decine di migliaia di azioni della compagnia. E hanno fruttato.

Mike ha 56 anni e controlla le carte d'imbarco dei passeggeri. Possiede quattro pacchetti da 50 mila azioni, per un valore totale di oltre tre milioni di dollari. Potrebbe andare in pensione in qualsiasi momento. Ma dopo trentacinque anni di lavoro per la Southwest, non ha nessuna intenzione di lasciare la compagnia, anche se il suo compito principale è ancora quello di controllare le carte d'imbarco ai passeggeri che stanno salendo in aereo e pronunciare la frase automatica tipo "Gate 18, imbarco alle 17.40".

Sandra fa ancora l'assistente di volo. Entrata 35 anni fa come hostess, era stata avvertita nel 1971 da un vicino di casa che una nuova compagnia aerea stava assumendo a Dallas. "Per telefono mi dissero di indossare una gonna perché volevano vedere le mie gambe". Fu assunta immediatamente, come racconta il New York Times che al "club" dedica un ampio articolo. In origine, Sandra faceva la maestra. Nel 1974 finì sulla sulla copertina di Esquire in hot-pant arancioni e stivaletti di vinile: l'immagine simbolo di una compagnia aerea che vantava le hostess più appariscenti e provocanti.

"Vendevamo un'immagine di sesso - ricorda Colleen Barrett, attuale presidente della Southwest - e questo ci aiutò a distinguerci dalla concorrenza".

E' miliardaria anche Brenda Gruslin. Aveva accompagnato un'amica a un colloquio per entrare nella nascente Southwest. Ma un manager convinse Brenda, mentre era in sala d'attesa, a riempire a sua volta la domanda di assunzione. L'amica non superò la prova. Brenda venne assunta (e perse l'amica). "Fino a quel momento avevo messo piede su un aereo solo un paio di volte - racconta la donna - eravamo una compagnia diversa, con uno spirito giovane e la gente lo sentiva. Volare, allora, era un divertimento".

I 17 membri del club si radunano periodicamente per ricordare i tempi eroici della Southwest e per brindare alla loro buona fortuna. Azioni della compagnia comprate nel 1972 per diecimila dollari adesso valgono oltre dodici milioni di dollari. Tutti, quindi, potrebbero lasciare immediatamente il loro lavoro e vivere senza alcun problema. Ma si divertono di più così.

(15 maggio 2006)
 
Beh Luigi...se conosci qualche compagni aerea che assume a quelle condizioni mi presenterò in minigonna :D :D :D (che schifo :D)
 
Perchè non lo fanno con i dipendenti Alitalia? Cosi' sarebbero piu' responsabilizzati?

Avvenuto una settimana fa. Al check In Roma fiumicino Desk 207.

Signorina Alitalia: Il prossimo
Signore: Hello
Alitali: Parla italiano?
Signore: Sorry.. english
Alitalia: Ok... allora... -sforzandosi di essere il piu' chiaro possibile - Lei.... andare... destra.... poi.... andare sinistra... - sbracciandosi-
Signore: I don't understand
Alitalia: Allora... - sempre piu' lentamente - Lei...;

io ed un signore napoletano in coda non ce la facevamo piu' dal ridere... beh alla fine mi ha dato un posto di mmmmm... Cosi' imparo a ridere degli italiani...; :D
 
Ahahahahah
Anche a me ne sono capitate di simili.... :D Eppure conosco una ragazza che fa la hostess e un minimo di inglese lo mastica...

Caspita cmq che vergogna...

Certo che pagare che i dipendenti con azioni li invoglierebbe,,,, ma sai i sindacati ?
 
Per principio sono contrario alle stock option e alle remunerazioni in azioni. Se il dipendente e/o il manager e' cosi' contento della propria compagnia si puo' comprare le azioni della societa' dove lavora alla borsa dove la societa' e' quotata con i propri risparmi.

Per l'Alitalia si puo' fare un'eccezione (ironico). Visto che perde 700 mln di euro all'anno, a chi volete che interessi essere azionista di una societa' cosi' ....
 
claudio_rome ha scritto:
Per principio sono contrario alle stock option e alle remunerazioni in azioni. Se il dipendente e/o il manager e' cosi' contento della propria compagnia si puo' comprare le azioni della societa' dove lavora alla borsa dove la societa' e' quotata con i propri risparmi.

Per l'Alitalia si puo' fare un'eccezione (ironico). Visto che perde 700 mln di euro all'anno, a chi volete che interessi essere azionista di una societa' cosi' ....

allora tutti a casa...
 
Pace In Medioriente ha scritto:
allora tutti a casa...

Esattamente. L'Alitalia doveva essere chiusa agli inizi degli anni '90. Averla mantenuta (con soldi pubblici) tutti questi anni e' stato un gravissimo errore. Mantenerla adesso e' un errore ancora piu' grave.

Mi sembra che ormai ci sia convergenza da parte di tutti gli imprenditori e politici (seri) su questo punto.

Comunque ormai con i vincoli europei e' solo questione di tempo, non credo rimarra' aperta per piu' di 2 anni.
 
Anche con questo governo ? (non che con quello precedente l'abbiano chiusa...)
 
stipendio divisi in 2 parti: un fisso più una parte flessibile
in base ai risultati aziendali.....
non esistono altre vie...se si vuole in dipendente un minimo
corresponsabilizzato..
 
Darkghost ha scritto:
Anche con questo governo ? (non che con quello precedente l'abbiano chiusa...)

Beh o fanno un (altro) aumento di capitale (privato, perche' pubblico non e' consentito dall'europa) oppure un altro prestito di stato (anche questo non consentito dall'europa).

Il primo punto dubito che trovino qualcuno disposto.
 
claudio_rome ha scritto:
Beh o fanno un (altro) aumento di capitale (privato, perche' pubblico non e' consentito dall'europa) oppure un altro prestito di stato (anche questo non consentito dall'europa).

Il primo punto dubito che trovino qualcuno disposto.
almeno in questo caso...viva l'europa.......
 
965 mln di ricavi e 157 milioni di perdite? Ho capito bene?





Peggiorano i dati di Alitalia nel primo trimestre dell'anno. Il risultato del gruppo prima delle imposte è stato inferiore di 15 milioni rispetto al 2005, per un rosso di 157 milioni. La compagnia ha anche sottolineato che i ricavi netti del gruppo sono diminuiti del 3,1% a 965 milioni, mentre la perdita operativa consolidata è stata pari a 129 milioni.

"Per la prevedibile evoluzione della gestione occorre attendere il completamento del secondo trimestre per valutare i risultati attesi per il presente esercizio", precisano i vertici di Alitalia in un comunicato diffuso al termine del Cda che ha approvato i conti del primo trimestre dell'aviolinea.

Con 5,2 milioni di passeggeri trasportati nel corso del primo trimestre 2006 Alitalia ha messo a segno invece una crescita del traffico dell'1,9% rispetto allo stesso periodo del 2005. La compagnia fa poi rilevare che, per quanto riguarda il numero dei dipendenti, "la forza puntuale al 31 marzo del gruppo risulta pari a 10.873 unità in calo di 9.248 (meno 46% circa) rispetto al 31 marzo 2005 grazie all'avvenuto deconsolidamento di Alitalia Servizi e al percorso di efficientamento intrapreso riguardo all'utilizzo delle risorse". La flotta operativa al 31 marzo risulta composta da 180 aeromobili dei quali 152 dedicati al breve-medio raggio e 28 al lungo raggio.
 
AZ è uno dei peggiori esempi di assistenzialismo clientelare tra i baracconi pubblici del ns paese. Perchè non è stata lasciata fallire ? domandiamolo ai ns cari politici e alla trimurti sindacale, quelli che continuano oggi a dire che è strategico avere una compagnia di bandiera.

Ma strategico di che ? :D :D :D

L'elenco dei sostenitori del salvataggio ad ogni costo è lungo. Copre tutto l'alfabeto, inizia con la A (alemanno) e finisce con la V (veltroni) in mezzo tutti gli altri. La fusione con altra compagnia europea ? giammai

NON PASSA LO STRANIERO

:censored: :censored: :censored:
 
Dunque ricapitolando:

Ricavi 965 milioni

Costo per materiali e servizi 635 milioni
Costo personale 191 milioni
Costo carburante 193 milioni

Totale costi 1.019 milioni

E questo senza considerare il costo del debito e gli ammortamenti.

Ma a chi serve una compagnia cosi'?




I Ricavi netti consolidati del primo trimestre 2006 sono stati pari a 965 milioni di Euro con un decremento di 31 milioni (-3,1%) rispetto al precedente esercizio principalmente a causa del deconsolidamento dei ricavi di Alitalia Servizi e degli effetti negativi sui ricavi da trasporto passeggeri generati dai già menzionati scioperi dello scorso gennaio.
Il costo per consumi di materiali e servizi (escluso il carburante) è stato pari ad Euro 635 milioni con un incremento di 50 milioni di Euro rispetto al 2005 principalmente imputabile alla fatturazione da parte di Alitalia Servizi di attività precedentemente effettuate nel perimetro di consolidamento con forza lavoro propria.
Il costo del personale è stato pari a 191 milioni di Euro con un decremento di 101 milioni di Euro rispetto al 2005 (-35%) derivante dal deconsolidamento di Alitalia Servizi e dall’implementazione delle misure previste dal Piano industriale della compagnia.
Il costo per acquisto di carburante, attestatosi a 193 milioni di Euro è aumentato di ben 38 milioni di Euro rispetto allo stesso periodo dello scorso anno (variazione prevalentemente ascrivibile all’eccezionale ascesa del prezzo del greggio ed al relativo effetto valutario).
Perdita operativa consolidata del primo trimestre 2006 pari a 129 milioni di Euro solo moderatamente superiore alla perdita dello scorso esercizio (pari a 118 milioni di Euro) malgrado gli effetti dell’incremento del costo del carburante (+38 milioni di Euro) e degli scioperi avvenuti nel trimestre.
 
Ma a chi serve una compagnia cosi'?

Serve a mantenere 10.873 voti che aggiunti amici, parenti, affini e altri dell'indotto faranno circa 100.000. Semplice no ?

;)

Per dirla tutta forse è meglio augurarsi uno sciopero ogni 3 gg, almeno si perdono meno soldi (pubblici) se gli aerei stanno a terra e il personale a casa.
 
Indietro