Societa' e paradisi fiscali

nuova matricola

Utente Registrato
Registrato
10/5/10
Messaggi
949
Punti reazioni
16
Salve a tutti! volevo porre una domanda forse banale per molti di voi ma che può risultare interessante per altri, che come me, non sono preparatissimi come voi!
allora, il mio quesito è questo: domani mattina vinco al superenalotto 90 milioni di euro, voglio investire questa cifra in una società che lavori in campo sanitario, mettiamo ambulanze! questa società opera in una provincia sola e a fine anno genera mettiamo 100.000 euro di utili! quindi parlo di utili, non di entrate! che vantaggi ho in termini economici, se invece di costituirla con sede legale a Roma mettiamo, la costituivo con sede legale in qualche paradiso fiscale?! cosa cambia in sostanza e in numeri?!
grazie a tutti
 
Salve a tutti! volevo porre una domanda forse banale per molti di voi ma che può risultare interessante per altri, che come me, non sono preparatissimi come voi!
allora, il mio quesito è questo: domani mattina vinco al superenalotto 90 milioni di euro, voglio investire questa cifra in una società che lavori in campo sanitario, mettiamo ambulanze! questa società opera in una provincia sola e a fine anno genera mettiamo 100.000 euro di utili! quindi parlo di utili, non di entrate! che vantaggi ho in termini economici, se invece di costituirla con sede legale a Roma mettiamo, la costituivo con sede legale in qualche paradiso fiscale?! cosa cambia in sostanza e in numeri?!
grazie a tutti

Non cambia nulla
 
bè qualcosa cambia!! altrimenti che senso avrebbe aprire una società con sede in paradisi fiscali!! solo per segretezza dei bilanci?!?! solo per anonimato degli azionisti?!?!

Serve per metterci i soldi in un conto nel paradiso fiscale, oppure per fare trading in altri paradisi fiscali (non nello stesso).

Le tasse le paghi nello stato dove operi e generi l'utile sia che ti chiami pinco srl che pinco ltd cayman
 
Serve per metterci i soldi in un conto nel paradiso fiscale, oppure per fare trading in altri paradisi fiscali (non nello stesso).

Le tasse le paghi nello stato dove operi e generi l'utile sia che ti chiami pinco srl che pinco ltd cayman

quindi potrei aprire la croce pinco pallino cayman con sede legale.... e inviare i soldi a tale società dall'Italia! se ho 100 di utili, generati in Italia, paghero il 40% di tasse su tali utili al tesoro italiano, il rimanente lo invio in un conto alle Cayman e quel 60% depositato non è tassato!! giusto?! in pratica non mi tassano ulteriormente l'utile che deposito! ma l'utile generato in un paese, è tassato dal paese stesso!! giusto?!
 
quindi potrei aprire la croce pinco pallino cayman con sede legale.... e inviare i soldi a tale società dall'Italia! se ho 100 di utili, generati in Italia, paghero il 40% di tasse su tali utili al tesoro italiano, il rimanente lo invio in un conto alle Cayman e quel 60% depositato non è tassato!! giusto?! in pratica non mi tassano ulteriormente l'utile che deposito! ma l'utile generato in un paese, è tassato dal paese stesso!! giusto?!

Si è legale, se è tutto trasparente, ma qual'è il vantaggio?

Una volta che hai pagato le tasse sull'utile in Italia al di là del bollo annuale sul conto corrente cos'altro devi pagare?

Scusa l'ignoranza non vivo più in Italia da anni
 
Si è legale, se è tutto trasparente, ma qual'è il vantaggio?

Una volta che hai pagato le tasse sull'utile in Italia al di là del bollo annuale sul conto corrente cos'altro devi pagare?

Scusa l'ignoranza non vivo più in Italia da anni

questo voglio capire!!! quali vantaggi si hanno!! la domanda è proprio questa! su internet si dice che aprendo una società alle cayman, operando in Italia con una succursale, ecc ecc, ti garantiscono un anonimato totale e benefici con il fisco! allora dico, se il 40% ( esempio ) di tasse sull'utile comunque lo pago in Italia, su cosa risparmio?! sul denaro depositato?! sulle spese di transazioni?!
la domanda è proprio questa! :D
 
questo voglio capire!!! quali vantaggi si hanno!! la domanda è proprio questa! su internet si dice che aprendo una società alle cayman, operando in Italia con una succursale, ecc ecc, ti garantiscono un anonimato totale e benefici con il fisco! allora dico, se il 40% ( esempio ) di tasse sull'utile comunque lo pago in Italia, su cosa risparmio?! sul denaro depositato?! sulle spese di transazioni?!
la domanda è proprio questa! :D
La società italiana fà 100 di fatturato, quella offshore ( o tramite altra società di Singapore,inglese,Cipro ,etc) fattura 90 come prestazioni a scelta e avrai 10 di utile.Unico sistema, tutto il resto serve a poco.
Al limite , la succursale italiana può avere solo attività di rappresentanza o supporto.
 
La società italiana fà 100 di fatturato, quella offshore ( o tramite altra società di Singapore,inglese,Cipro ,etc) fattura 90 come prestazioni a scelta e avrai 10 di utile.Unico sistema, tutto il resto serve a poco.

Questo schema è assolutamente da evitare secondo me, al limite proprio con una società inglese o olandese, ma dev'essere davvero credibile.

Nell'esempio che hai fatto tu delle ambulanze non regge secondo me.
 
La società italiana fà 100 di fatturato, quella offshore ( o tramite altra società di Singapore,inglese,Cipro ,etc) fattura 90 come prestazioni a scelta e avrai 10 di utile.Unico sistema, tutto il resto serve a poco.
Al limite , la succursale italiana può avere solo attività di rappresentanza o supporto.

ecco ora si! diciamo che creo una società.. in un paese dove le fatture emesse per commesse fuori dallo stato non si pagano, faccio finta che eseguo delle consulenze o altro ed emetto fattura verso la mia società italiana! così certifico meno utili, pago meno tasse in italia e poi il mio gruzzolo mi aspetta ai tropici!! ;) giusto?!
solo che così facendo dovrei aprire una società con sede legale a Roma ( sempre per dire ) e poi un altra li!!? se apro una sola società con sede alle cayman, in Italia dovrei aprire una succursale, quindi poi non si potrebbe fare questo gioco!?
 
Questo schema è assolutamente da evitare secondo me, al limite proprio con una società inglese o olandese, ma dev'essere davvero credibile.

Nell'esempio che hai fatto tu delle ambulanze non regge secondo me.
Beh, con quei presupposti e quelle cifre di cui sopra, investire in ambulanze è una caxxata.
 
ti scrivo la mia esperienza, piccola ma credo centri qualcosa

conosco qualcuno ^^ che ha una società con sede in svizzera che però lavora molto con fornitori italiani

per evitare che il fisco italiano rompesse le balle a tutta la filiera (non fanno cose losche eh), hanno dovuto aprire una sede in italia

per pagare meno tasse possibili in italia, la loro idea era di fare in modo che la società italiana avesse utili 0, in pratica facendo sì che la società italiana producesse il bene allo stesso prezzo del cliente finale, vendendo tutto alla società svizzera

nella realtà mi è stato risposto che non si può proprio fare 0 ma bisogna lasciare giu qualcosina, ma il meccanismo per i paradisi fiscali immagino sia =
 
Ti faccio un esempio semplice, di complicati ne trovi tanti anche in internet.

Metti che te vendi libri. Sei italiano e li vendi perlo+ in italia. Se li vendi in maniera "normale", tutta la somma che viene fuori dal calcolo ricavi-spese è soggetta a tasse.

Metti che ricavi 1M di eur e spendi 100k eur. Paghi le tasse su 900k eur.

Ora infiliamo il "paradiso fiscale". Tu vendi (o cedi in altro modo, conferisci, etc) la proprietà intellettuale di tutti quei libri alla società alle cayman. Questa vende libri alla tua società in italia che poi li vende in italia come avresti fatto nel caso di prima.

Qual è il trucco? che la società (tua) italiana paga i libri alla società ai caraibi il prezzo pieno, e li vende alla pari! (o con un ricarico microscopico)..

Quindi: La società italiana vende libri per 1M di eur, e ha costi (finti) per 1M di eur. Di questi costi 100k sono veri , quelli che avresti speso lo stesso. 900k sono profitto della società caraibica (che su quei soldi legalmente non deve pagar le tasse).

I 900k arrivano alle cayman, come fondi della tua società, e da lì legalmente ne puoi disporre come vuoi (compreso comprare poi casa in Italia).

Il tutto è legale a meno che la società alle cayman te non la gestisca direttamente dall'Italia personalmente (allora è esterovestizione ed è illegale).

In ogni campo in cui puoi metterci in mezzo diritto d'autore, intellettuali, brand o cose varie, questo meccanismo è applicabile. Nokia, Starbucks, Mcdonald, Microsoft, Google etc lo applicano tutti (in maniera + raffinata e complicata ma l'idea è la medesima).
 
La società italiana fà 100 di fatturato, quella offshore ( o tramite altra società di Singapore,inglese,Cipro ,etc) fattura 90 come prestazioni a scelta e avrai 10 di utile.Unico sistema, tutto il resto serve a poco.
Al limite , la succursale italiana può avere solo attività di rappresentanza o supporto.

Questo é decisamente illegale, se ti beccano finisci in galera a ti confiscano pure le mutande a meno che non sia una grossa banca con membri del governo in busta paga (ogni riferimento a fatti e persone é puramente casuale).

Comunque un altro vantaggio puó essere: ho x milioni (guadagnati in nero) su un conto svizzero che voglio investire in Italia, allora faccio una Holding in Lussemburgo che detiene le quote azionarie della società Italiana, per la Legge locale io posso non comparire come azionista.
Inoltre la società italiana paga si le tasse sugli utili, ma io non pago le tasse si dividendi.
Inoltre il patrimonio non é soggetto a varie patrimoniali.

Ecco spiegato il 99,99% delle società che hanno sede in paradisi fiscali e simili.
 
Puoi applicare lo stesso ragionamento anche in assenza di beni virtuali, è solo un pò + complicato, e hai varie strade.

Una strada è quella di tramutare gli utili in interessi sul debito

La tua società (di qualunque natura) fa utile 100. Crei una società alle cayman, che presti soldi alla tua società in quantità tale che gli interessi ammontino a 90-95. Quando tocca pagar le tasse paghi su 100-gli interessi (sono deducibili), per cui quasi 0. L'utile (pre-imposte) si è magicamente trasformato in interesse (esentasse perchè percepito alle cayman)!

Contro questa pratica (chiamata thin capitalization) ci sono alcune leggi e vincoli patrimoniali, non è così banale applicarla in maniera integrale, ma può esser parte della strategia di elusione rimanendo dentro alla legge.

Un'altra strada, sempre generica e applicabile a quasi qualunque società, è pagare beni /servizi generati all'estero sempre da una tua società dove le tasse non le hai. Può esser mcdonald italia che paga la holding per la campagna pubblicitaria annuale, o per consulenze, etc etc.
 
Ti faccio un esempio semplice, di complicati ne trovi tanti anche in internet.

Metti che te vendi libri. Sei italiano e li vendi perlo+ in italia. Se li vendi in maniera "normale", tutta la somma che viene fuori dal calcolo ricavi-spese è soggetta a tasse.

Metti che ricavi 1M di eur e spendi 100k eur. Paghi le tasse su 900k eur.

Ora infiliamo il "paradiso fiscale". Tu vendi (o cedi in altro modo, conferisci, etc) la proprietà intellettuale di tutti quei libri alla società alle cayman. Questa vende libri alla tua società in italia che poi li vende in italia come avresti fatto nel caso di prima.

Qual è il trucco? che la società (tua) italiana paga i libri alla società ai caraibi il prezzo pieno, e li vende alla pari! (o con un ricarico microscopico)..

Quindi: La società italiana vende libri per 1M di eur, e ha costi (finti) per 1M di eur. Di questi costi 100k sono veri , quelli che avresti speso lo stesso. 900k sono profitto della società caraibica (che su quei soldi legalmente non deve pagar le tasse).

I 900k arrivano alle cayman, come fondi della tua società, e da lì legalmente ne puoi disporre come vuoi (compreso comprare poi casa in Italia).

Il tutto è legale a meno che la società alle cayman te non la gestisca direttamente dall'Italia personalmente (allora è esterovestizione ed è illegale).
Per essere illegale basta che la società sia a lui riconducibile.
Il problema é per appunto dimostrare questo, quindi é piú corretto dire:
Questo é illegale, ma se non la gestisci dall'Italia col cavolo che ti beccano.
 
Ma assolutamente no, non basta che la proprietà sia dell'italiano per rendere l'operazione illegale.
 
Ma assolutamente no, non basta che la proprietà sia dell'italiano per rendere l'operazione illegale.
A me risulta che lo sia (come negli altri esempi da te citati)

Comunque ti assicuro che ti sequestrano tutto, una famiglia della mia cittadina si é vista sequestrare casa proprio per una cosa del genere, la società era gestita da un manager locale e ogni componente della famiglia aveva fra il 7 e 8% delle azioni.

Non so come andrá a finire, ma avere case, capannoni, conti correnti sotto sequestro per anni ed essere trascinati in cause in cui solo di avvocati spendi milioni di euro non é piacevole.
 
vabbè quindi un bel piano diabolico verso la propria nazione!! :D
con una facilità enorme si evade una quantità enorme di tasse e con la stessa facilità si ricicla denaro.....!!!! eeee il capitalismo, che bella invenzione! ;)
in pratica a quanto si è capito, creo questa società in un paradiso e la metto nel mio libro paga, così da sembrare tra le spese! spese che giustamente mi faranno calare l'utile operativo e che quindi mi faranno pagare poche tasse!! ora è chiaro il sistema
 
vabbè quindi un bel piano diabolico verso la propria nazione!! :D
con una facilità enorme si evade una quantità enorme di tasse e con la stessa facilità si ricicla denaro.....!!!! eeee il capitalismo, che bella invenzione! ;)
in pratica a quanto si è capito, creo questa società in un paradiso e la metto nel mio libro paga, così da sembrare tra le spese! spese che giustamente mi faranno calare l'utile operativo e che quindi mi faranno pagare poche tasse!! ora è chiaro il sistema

Sì ma le spese debbono essere giustificabili, in caso di contestazione debbono avere una giustificazione economica.

In realtà i paradisi fiscali non servono per pagare zero tasse, ma per pagare meno tasse, che è diverso.
 
Indietro