Solo la Cina difende i consumatori?

  • Ecco la 56° Edizione del settimanale "Le opportunità di Borsa" dedicato ai consulenti finanziari ed esperti di borsa.

    Settimana da incorniciare per i principali indici internazionali grazie alla trimestrale più attesa dell’anno che non ha deluso le aspettative. Nvidia negli ultimi tre mesi del 2023 ha generato ricavi superiori all’intero 2021, confermando la crescita da record della società grazie agli investimenti globali nell’intelligenza artificiale. I mercati azionari hanno festeggiato aggiornando i record assoluti a Wall Street e in Europa, mentre il Nikkei giapponese raggiunge un nuovo massimo storico dopo 34 anni. Le prossime mosse delle banche centrali rimangono sempre al centro dell’attenzione. Per continuare a leggere visita il link

FaGal

Nuovo Utente
Registrato
21/7/02
Messaggi
17.980
Punti reazioni
231
TUTELA CONSUMATORI. Cina rivendica:“Nestlè pratica doppi standard qualitativi sui prodotti venduti"
21/04/2006 - 10:49



I media cinesi ed i consumatori attaccano la Nestlè. I Dipartimenti Industriali e Commerciali cinesi accusano la Nestlè di aver applicato standard qualitativi differenti sui prodotti venduti in Cina, rispetto a quelli fissati per i prodotti commercializzati in Europa o America.

Il diverso trattamento adottato dalla multinazionale lede i diritti e gli interessi dei consumatori cinesi. I Dipartimenti cinesi deputati al controllo dei prodotti alimentari hanno accertato che un tipo di latte in polvere commercializzato dalla Nestlè in Cina non presentava le stesse caratteristiche dello stesso prodotto venduto in Europa o in America.

"L'onda d'urto della polemica potrebbe estendersi ad altre multinazionali che adottano standard differenti da quelli occidentali per i prodotti commercializzati in Cina" commenta Ermanno Delia del sito www.orienterprise.net, "il mercato cinese è molto piu' maturo di quanto percepiscano le multinazionali; la ricerca della qualità deve essere un must in Cina. Il rischio è l'esclusione dal mercato cinese senza possibilità di appello".

Dal sito www.businessonline.it si legge che l'Accademia Cinese di Scienze Sociali tuona contro la pratica dei doppi standard e osserva che tali comportamenti sono "lesivi dei diritti dei consumatori cinesi, nonché manifestazione di scarsa considerazione per il consumatore cinese". Un comportamento giudicato per giunta commercialmente miope nei confronti di Paese che da solo rappresenta quasi 1/4 dei consumatori del nostro pianeta.

Sono stati oggetto di attacco da parte del Governo cinese e dei media anche alcune multinazionali che ricorrevano a spot pubblicitari di prodotti destinati alla cura personale ed alla bellezza. Il verdetto è "messaggi troppo spregiudicati" se comparati alle forme pubblicitarie utilizzate in occidente per gli stessi prodotti: spot in occidente molto piu' attenti a presentare una visione verosimile degli effetti dei prodotti propagandati al consumatore occidentale.

Il Governo cinese pensa già a punizioni esemplari (il boicottaggio) per scoraggiare le multinazionali ad adottare le pratiche dei doppi standard.



2006 - redattore: NZ
http://www.helpconsumatori.it/news.php?id=7296
 
Iniziamo forse a dire che solo la Cina ha la forza politica di contrastare le multinazionali e di non essere ad angolo retto di istitutizioni finanziarie e multinazionali.
 
E' ovvio che sia una provocazione....ma dovrebbe far riflettere...
 
Business and Finance
China's retail market "saturated"
Posted by Jeremy Goldkorn, April 28, 2006 10:20 AM

From the Financial Times, an article titled China market 'becoming saturated' (subscription required):

The window of opportunity for international retailers in China is continuing to close, as the market becomes saturated, according to an annual study of emerging retail markets by consultants AT Kearney.

China dropped from fourth to fifth place in AT Kearney's 2006 Global Retail Development Index, while India retained its position as potentially the most attractive developing market for retailers seeking international expansion.

This makes sense if you look at the variety of large retail chains in China's cities. There are two problems facing any new foreign retailer wanting to enter the China market:

- Carrefour and Wal-Mart are two of the world's monster retailers, and they both already have significant footholds in China, not to mention more specialized retailers like IKEA and B&Q, both on the march and competing for Chinese consumers' cash.

- Chinese retail chains are aggressively catching up to their foreign counterparts when it comes to management, logistics and marketing. Electronics and white goods chain Gome (国美) is a prominent example of a Chinese retail company that has learnt from Western methods but has the home field advantage when it comes to licensing issues for new stores and dealing with the complexities and mafia-like business environment of logistics, transport and distribution in China.

http://www.danwei.org/business_and_finance/chinas_retail_market_saturated.php

:clap:
 
Indietro