Speriamo che Cairo imponga una nuova linea al Corsera perchè ultimamente ....

Don Evabè

Basta menzogne!
Registrato
8/7/13
Messaggi
22.877
Punti reazioni
908
non lo si può proprio leggere.

E' diventato peggio di Repubblica, un ammasso di notizie faziose, orientato politicamente in modo osceno, privo di approfondimenti, spesso latitante ed elusivo su notizie importanti.
 

catilina61

Nuovo Utente
Registrato
10/11/03
Messaggi
28.415
Punti reazioni
1.022
di giornalismo al corriere è rimasto ben poco, solo marchettari attenti a lodare il potere di turno anche in forma che rasenta il ridicolo.

speriamo in Cairo...

ha un Mentana in canna, potrebbe farne uso ad esempio.
 

Ebenezer Scrooge

Famo domani
Registrato
22/9/00
Messaggi
30.094
Punti reazioni
1.196
Titolone Dago, articolo di Sallusti su Il Giornale...

L’ESTATE CHE CAMBIA L’INFORMAZIONE - DE BENEDETTI SI PAPPA 'STAMPA' E 'SECOLO XIX' – CAIRO CONQUISTA IL 'CORRIERE', DELLA VALLE NON CI STA E RICORRE PURE A PADRE PIO – I RAPPORTI FRA CDB E BAZOLI FANNO CAPIRE CHE NON E’ FINITA

È l' estate che cambia la faccia all' informazione. La Rai di Renzi spegne libertà e pluralismo affidando tutti i suoi tre tg, cosa senza precedenti, a direttori scelti personalmente dal presidente del Consiglio.

Sul fronte della carta stampata, La Repubblica, La Stampa di Torino e Il Secolo XIX di Genova hanno completato pochi giorni fa la fusione in un unico polo editoriale a guida di Carlo De Benedetti, un concentrato di potere che l' Ingegnere metterà al servizio del potente di turno (che oggi ha il nome di Matteo Renzi) ovviamente ricambiato da altrettante carinerie.

Interessante anche la partita per il controllo del Corriere della Sera. Ieri Urbano Cairo, vincitore della scalata che lo contrapponeva ai vecchi soci rimasti dopo l' uscita del gruppo Fiat, è ufficialmente entrato alla guida della Rcs. Già al timone della tv La7 oltre che editore di una decina di ottimi periodici Cairo non è certo stato accolto a braccia aperte dagli ex proprietari, tra i quali Diego Della Valle e Tronchetti Provera.
Il passaggio di consegne è avvenuto, ma la partita potrebbe non essere chiusa definitivamente, tra esposti alla procura e alla Consob (l' organismo di controllo della Borsa) per presunte irregolarità nel rastrellamento delle azioni da parte di Cairo.

Si è detto e scritto che questa è stata la sfida tra un giovane e bravo imprenditore puro, Cairo, e i vecchi secondo alcuni decotti - salotti della finanza milanese. È vero ma solo in parte. Lo scontro vero è probabilmente un altro.

Da una parte Banca Intesa, sponsor di Cairo, dall' altra Mediobanca che attraverso Bonomi ha guidato la controffensiva, fallita, di Della Valle e Tronchetti. Con sullo sfondo uno spettatore molto interessato, Carlo De Benedetti, che forse non ha solo assistito ma magari dispensato consigli interessati.

L' Ingegnere, appassionato di editoria, gode infatti di una forte amicizia con Giovanni Bazoli, presidente di Banca Intesa e regista del recente salvataggio dal fallimento di Sorgenia, azienda di De Benedetti stesso.

Dietro il cambio di guardia al Corriere si è insomma consumato un intrigo il cui obiettivo va oltre il controllo della Rcs. Una guerra che non si può certo chiudere con l' insediamento di Cairo in via Solferino e con una stretta di mano tra vinti e vincitori. Ne vedremo delle belle, perché quando a questi livelli ci si mena, la rivincita è d' obbligo.

E poi pure questo che nun c'ho voglia de fa copia-incolla...

URBAN COWBOY È ENTRATO TRIONFANTE OGGI IN RCS - BAZOLI RIPORTA A VIA SOLFERINO DE BORTOLI COME DIRETTORE EDITORIALE, IN KIULO AGLI SCONFITTI DELLA VALLE E NAGEL. MIELI FUORI - CAIRO VACANZE: TAGLIARE I COSTI E CONTROLLARE FATTURE E CONTRATTI: LA PACCHIA E' FINITA

:o