ST. Millberg X pietro66

echoes70

Nuovo Utente
Registrato
28/10/03
Messaggi
50
Punti reazioni
2
Ciao Pietro, ho letto dell'uscita dallo studio che segue la class parmalat di un socio importante.
Cosa ne pensi? ci saranno ripercussioni sulla reputazione dello studio e un conseguente indebolimento della class action?
un saluto
 
Scritto da echoes70
Ciao Pietro, ho letto dell'uscita dallo studio che segue la class parmalat di un socio importante.
Cosa ne pensi? ci saranno ripercussioni sulla reputazione dello studio e un conseguente indebolimento della class action?
un saluto


Lo Studio Legale Milberg Weiss Bershad Hynes & Lerach LLP, che segue la class action Parmalat si è scisso in due diversi Studi.

La class action viene ora curata dallo Studio Lerach Coughlin Stoia & Robbins LLP, di San Diego, il cui sito internet ( www.lcsr.com ) riporterà tutti gli aggiornamenti in proposito.

Per chi avesse già aderito alla class action, il cambiamento di nome dello Studio non comporta la necessità di alcuna integrazione.

Per chi non avesse aderito ..... men che meno ;) ;)
 
Re: Re: ST. Millberg X pietro66

chi volesse ... può iscriversi alla mailing list della class action ... in modo da essere aggiornato su tutte le news relative ....




NEWSLETTER CLASS ACTION PARMALAT













January 5, 2004 – LCSR (http://www.lcsr.com/cases/parmalat/) today announced that a class action has been commenced in the United States District Court for the Southern District of New York on behalf of purchasers of the securities of Parmalat Finanziaria, SpA (“Parmalat”) (OTC:PARAF.PK) (Milan:PRF IM) and its subsidiaries during the period between January 5, 1999 and December 29, 2003 (the “Class Period”).

If you wish to serve as lead plaintiff, you must move the Court no later than 60 days from today. If you wish to discuss this action or have any questions concerning this notice or your rights or interests, please contact plaintiff’s counsel, William Lerach or Darren Robbins of LCSR at 800/449-4900, 619/231-1058 or via e-mail at wsl@lcsr.com. If you are a member of this class, you can join this class action online at http://www.lcsr.com/cases/parmalat/. Any member of the purported class may move the Court to serve as lead plaintiff through counsel of their choice, or may choose to do nothing and remain an absent class member.

The complaint charges certain of Parmalat’s senior insiders and its legal, accounting and financial advisors with violations of the Securities Exchange Act of 1934. Parmalat is an international food and dairy company.

The complaint alleges that Parmalat’s senior insiders, together with Parmalat’s legal, accounting and financial advisors, concocted a massive scheme whereby they overstated Parmalat’s reported profits and assets for more than a decade. The alleged scheme involved the creation of bogus bank accounts, the use of forged financial records and the manipulation of Parmalat’s balance sheet and income statement via fictitious investment assets and sham transactions, and was designed to and did allow defendants to divert approximately $1 billion to themselves and/or to companies controlled by them via professional fees and clandestine asset transfers and enabled Parmalat to raise more than $5 billion from unsuspecting investors from the sale of newly issued securities.

The fraudulent scheme began to unravel in the fourth quarter of 2003, when, contrary to defendants’ Class Period representations that Parmalat was experiencing strong growth in net operating profit and had a healthy balance sheet, it was disclosed that: (i) almost 40% of Parmalat’s entire asset base, purportedly held in a bank account at Bank of America, did not exist; (ii) Parmalat had been declared insolvent; (iii) the $625 million of Parmalat’s cash purportedly invested in a liquid investment fund in the Cayman Islands could not be retrieved; (iv) defendants had manipulated the Company’s income statements and balance sheet for more than a decade by using off-shore shell companies, special purpose entities, forged documents and sham transactions; and (v) at least eight Parmalat senior insiders, auditors and lawyers, including certain of the defendants, had been taken into custody for the perpetration of this multi-billion dollar fraud.

As the magnitude of the fraud began to reach the market, the complaint alleges that defendants attempted to destroy evidence and/or ordered their subordinates to destroy evidence of the fraudulent scheme in an effort to evade liability for their participation in one of the most shocking corporate scandals ever to afflict the public financial markets. The revelations of defendants’ misconduct caused the price of Parmalat stock to plunge 95% before trading was suspended on December 29, 2003.

Plaintiff seeks to recover damages on behalf of purchasers of Parmalat securities during the Class Period (the “Class”). The plaintiff is represented by Lerach Coughlin Stoia & Robbins LLP, who has expertise in prosecuting investor class actions and extensive experience in actions involving financial fraud.

Lerach Coughlin Stoia & Robbins LLP, a 190-lawyer firm with offices in New York, San Diego, San Francisco, Los Angeles, Boca Raton, Seattle and Philadelphia, is active in major litigations pending in federal and state courts throughout the United States. LCSR has taken a leading role in many important actions on behalf of defrauded investors, consumers, and companies, as well as victims of World War II and other human rights violations, and has been responsible for more than $30 billion in aggregate recoveries. The LCSR website (http://www.lcsr.com) has more information about the firm.
 
Re: Re: Re: ST. Millberg X pietro66

Scritto da Cave
chi volesse ... può iscriversi alla mailing list della class action ... in modo da essere aggiornato su tutte le news relative ....




NEWSLETTER CLASS ACTION PARMALAT



è stata accettata come class action dagli Stati Uniti?
 
riserve inquiry

richiesta informazioni sul termine "riserve inquiry" ed eventuali riferimanti normativi dato che non trovo + i miei appunti
al riguardo se non ricordo male ne parlò Cardia in commissione finanze e ancora è quell'istituto che previo sottoscrizione dell'investitore autorizza l'intermediario all'acquisto di titoli ad alta speculazione tra cui obbligazioni prime di prospetto informativo?
sto preparando il ricorso Ombudsman bancario dato che il reclamo alla mia banca non ha avuto seguito
grazie a tutti
 
Re: Re: Re: Re: ST. Millberg X pietro66

Scritto da qegtro
è stata accettata come class action dagli Stati Uniti?

Ancora no. Verso fine maggio / prima metà di giugno dovrebbe esserci un'udienza, a cui dovrei partecipare anch'io. Se mi sarà possibile vi aggiornerò in tempo reale.
 
Lo metto qui perchè parla anche dello studio in oggetto..

Però per curiosità, quando parla di transazione si intende che c'è un accordo tra le parti? In sostanza io chiedo il risarcimento di 100 faccio causa e poi arrivo ad un accordo con l'altra parte che magari non mi dà 100 ma solo 70, l'80 ecc...?

E' possibile che questo accada con l'argentina o con la parmalat?
Cioè che questi soggetti visto la certa probabilità di perdere cerchino un compromesso magari proponendo un risarcimento più basso di 100. E in tal caso chi decide se accettare? Si fà un assemblea tra chi possiede i titoli?

Scusate la mia ignoranza in materia.
Ciao

Usa, boom delle class action
(07/05/2004)



Boom delle class action negli Stati Uniti. Secondo quanto rilevato dalla Institutional Shareholders Services (associazione a tutela degli azionisti) nel 2003 i cittadini che hanno partecipato a cause collettive per frode azionarie hanno portato a casa 3,1 miliardi di dollari.

Una cifra rilevante, seconda solo ai 4,7 miliardi di dollari del 2000 quando solo gli azionisti di Pendant (tra le prime società immobiliari al mondo) ottennero 3,2 miliardi di dollari.

La transazione più consistente è stata raggiunta dalla produttrice di cavi in fibra ottica, Lucent Technologies con 517 milioni di dollari, seguita dalla assicuratrice sanitaria Oxford Health e dalla casa automobilistica DaimlerChrysler, entrambe firmatarie di una transazione da 300 milioni di dollari.

I numeri raggiunti nel 2003, comunque, potrebbero essere superati nell’anno in corso. Nel primo trimestre del 2004 sono state, infatti, 27 le transazioni legate a class action per frode. Hanno fruttato agli azionisti una somma complessiva pari a 446 milioni di dollari ma sono già 40 le cause avanzate nelle diversi Corti di giustizia americane in merito alle irregolarità azionarie comparse nel mondo dei fondi di investimento.

Nel 2003, comunque, tra gli studi legali esperti in cause collettive, la parte del leone è spettata al Millberg Weiss Bershad Hynes&Lerach, che ha raccolto 2,1 miliardi di dollari chiudendo ben 65 transazioni finanziarie con le aziende citate in giudizio.

Propri nei giorni scorsi, lo studio, definito il “Re delle class action”, aveva annunciato la sua divisione in due entità separate entro la fine del mese. Nelle prossime settimane, infatti, William Lerach (tra i legali più conosciuti del Paese e presente anche in una azione collettiva nei confronti di Parmalat) si metterà a capo di una nuova realtà: la Lerach Couhglin Stoia&Robbins.

Già responsabile della Millberg Weiss Bershad Hynes&Lerach, sulla costa ovest degli Stati Uniti, Lerach porterà con se 100 professionisti. La divisione dello studio, metterà fine all’attività trentennale congiunta dello stesso Lerach e di Melvyn Weiss, forse i due avvocati più noti in America.
 
1 - Però per curiosità, quando parla di transazione si intende che c'è un accordo tra le parti? In sostanza io chiedo il risarcimento di 100 faccio causa e poi arrivo ad un accordo con l'altra parte che magari non mi dà 100 ma solo 70, l'80 ecc...?

2 - E' possibile che questo accada con l'argentina o con la parmalat?
Cioè che questi soggetti visto la certa probabilità di perdere cerchino un compromesso magari proponendo un risarcimento più basso di 100.

3 - E in tal caso chi decide se accettare? Si fà un assemblea tra chi possiede i titoli?


Sul primo quesito: risposta esatta !

Sul secondo: pure !

Sul terzo: se parliamo di class actions, decidono i Lead Plaintiffs in accordo con i Lead Counsels (avvocati); in caso di disaccordo decide il Giudice. Se un class member non è comunque d'accordo, deve depositare una dichiarazione con la quale dichiara di non volersi avvalere della transazione ( "opt out" ) ed a quel punto non sarà vincolato dall'esito della causa (ma dovrà gestirsi per conto suo una eventuale azione individuale ... cosa non proprio agevole).
 
Indietro