Studio propri risultati (help per EXCEL)

Kuto

Actual Women Premier Сasual Dating
Registrato
24/4/01
Messaggi
2.237
Punti reazioni
116
Ho costruito un foglio excel dove annoto le mie operazioni nel seguente formato (colonne):
Data apertura Op. - Data chiusura op. - Titolo - Quantità - Tipo (long/short) - Enter (prezzo) - Exit (prezzo) - Ris. Lordo - Commissioni - Ris. Netto (in %) - Totale (sommatoria con i risultati precedenti).

Le mie domande sono queste:

1 - Visto che al grafico ora come ora faccio "pescare" dati da un numero di righe molto più ampio di quelle già inserite (le operazioni chiuse) in modo da non dovere reimmettere ogni volta il valore di input, non c'è un modo per fargli automaticamente aggiungere un dato una volta conclusa una nuova operazione in riga?
Questo perché così vedo una linea piatta sul grafico a partire dall'ultima operazione chiusa (il Totale resta fermo non trovando ancora nuove operazioni da registrare).

2 - Stessa cosa ovviamente per la colonna Totale (il problema sul grafico nasce in realtà proprio da qui): ho dovuto inserire la formula di calcolo anche per le operazioni future e non ancora effettuate. Vorrei far effettuare al programma uno scorrimento in automatico ogni volta che inserisco una nuova riga di dati.

3 - Questo è un problema di metodo. Se effettuate dei controlli simili con totali raggruppati anche per mese, come vi comportate per le operazioni che sono state aperte, ma non chiuse nello stesso mese?
Io per ora considero appartenenti al mese solo quelle chiuse in quello stesso mese anche se aperte in precedenti.
Non è molto corretta come impostazione, ma ho pensato che in fondo il mercato mi ha messo fuori proprio allora e questo potrebbe essere un elemento significativo.

Spero di non essere stato sufficientemente chiaro nell'esporre quanto sopra.
 
Scritto da Kuto

1 - Visto che al grafico ora come ora faccio "pescare" dati da un numero di righe molto più ampio di quelle già inserite (le operazioni chiuse) in modo da non dovere reimmettere ogni volta il valore di input, non c'è un modo per fargli automaticamente aggiungere un dato una volta conclusa una nuova operazione in riga?

Si potrebbe fare con una macro, ma non mi sembra molto elegante. Io semplicemente aggiungerei i dati di volta in volta: non vedo dove sia la fatica di selezionare le caselle finali della riga e trascinarle nella riga successiva, se ho capito bene. Dopo che sono selezionate basta un unico trascinamento.
 
Re: Re: Studio propri risultati (help per EXCEL)

Scritto da massimo d
Si potrebbe fare con una macro, ma non mi sembra molto elegante. Io semplicemente aggiungerei i dati di volta in volta: non vedo dove sia la fatica di selezionare le caselle finali della riga e trascinarle nella riga successiva, se ho capito bene. Dopo che sono selezionate basta un unico trascinamento.


E' che devo anche collegare i riferimenti input della tabella al grafico oppure mantenere come adesso un tot di righe-input di scorta.

Cmq grazie. Sono pigro, è vero :)
 
Re: Re: Re: Studio propri risultati (help per EXCEL)

Scritto da Kuto
E' che devo anche collegare i riferimenti input della tabella al grafico oppure mantenere come adesso un tot di righe-input di scorta.

Cmq grazie. Sono pigro, è vero :)

se vuoi, allega il tuo file, così si capisce che cosa ti può essere utile. ciao

Stefano
 
Allego il file incriminato.

E' semplice, banale direi.

Funzionamento

Inserire nelle righe (e non nel riquadro superiore del foglio "Azioni":
- Data
- Titolo
- Quantità
- Tipo (long/short)
- Prezzo di ingresso
- Prezzo di uscita
- Commissioni (non in automatico)
- Se volete Risultato netto in percentuale (io lo prendo per altra - ia rispetto a questo foglio excel)
- Tool (se ne avete più di uno)
- Note eventuali

NB - Per pigrizia non ho sistemato le formule di calcolo: QUANDO METTETE IL PRIMO PREZZO, METTETE ANCHE QUELLO DI USCITA CON UNA VARIAZIONE MILLESIMALE (es. acquisto 15,10 vendita 15,10000001) per non sballare le somme.

Noterete in particolare che:
- Il grafico si appiattisce in quanto sono state inserite più righe di quante siano in effetti state le operazioni.
- Una volta esaurito lo spazio degli input già compresi nello spazio del grafico, occorre reimmeterli (e io pigramente volevo evitarlo).

Ho dovuto togliere il foglio per il calcolo sul mini dato che risultava di dimensioni troppo grandi e non veniva accettato. La logica era la stessa.
 

Allegati

  • copia di check performance.xls
    108,5 KB · Visite: 183
visto. In effetti mi sono trovato di fronte ad un problema simile, e per non impiccarmi con macro e simili, ho risolto con una periodica revisione, da "dati origine" di grafico, del range di celle. Non è un granchè ma si fa in un attimo ....... :rolleyes:

ciao

Stefano

PS visto che metti tanti dettagli, potrebbe esserti utile inserire anche il capitale movimentato (valore dei singoli acquisti e vendite), così puoi fare percentuali precise.
 
Scritto da Kuto
Allego il file incriminato.

E' semplice, banale direi.

Funzionamento

Inserire nelle righe (e non nel riquadro superiore del foglio "Azioni":
- Data
- Titolo
- Quantità
- Tipo (long/short)
- Prezzo di ingresso
- Prezzo di uscita
- Commissioni (non in automatico)
- Se volete Risultato netto in percentuale (io lo prendo per altra - ia rispetto a questo foglio excel)
- Tool (se ne avete più di uno)
- Note eventuali

Io ho fatto un foglio simile, utilizzo due TOL, a secondo il tipo del TOL che uso faccio fare i conti delle commissioni ad Excel .
Ai tuoi campi ho aggiunto la colonna tipo di operativita': in questo caso se si dispone di diversi tipi di operativita' si possono fare delle analisi a posteriori per giudicare la bonta' dei nostri metodo.
Per quanto riguarda i grafici io ne ho fatti una marea: un grafico per operazione, uno per giornata di trading, uno per settimana di trading, uno per mese di trading ed infine uno per anno di trading.
Se li voglio aggiornare clicco sul tasto destro del grafico e seleziono il nuovo intervallo da visualizzare.

NB - Per pigrizia non ho sistemato le formule di calcolo: QUANDO METTETE IL PRIMO PREZZO, METTETE ANCHE QUELLO DI USCITA CON UNA VARIAZIONE MILLESIMALE (es. acquisto 15,10 vendita 15,10000001) per non sballare le somme.

Se hai un po di pratica con la funzione SE() di Excel puoi risolvere la cosa in maniera piu' elegante (del tipo se la cella e' vuota riporta 0 altrimenti fai il calcolo).

Noterete in particolare che:
- Il grafico si appiattisce in quanto sono state inserite più righe di quante siano in effetti state le operazioni.
- Una volta esaurito lo spazio degli input già compresi nello spazio del grafico, occorre reimmeterli (e io pigramente volevo evitarlo).

Ho dovuto togliere il foglio per il calcolo sul mini dato che risultava di dimensioni troppo grandi e non veniva accettato. La logica era la stessa.
 
Scritto da stevesteve
visto. In effetti mi sono trovato di fronte ad un problema simile, e per non impiccarmi con macro e simili, ho risolto con una periodica revisione, da "dati origine" di grafico, del range di celle. Non è un granchè ma si fa in un attimo ....... :rolleyes:

ciao

Stefano

PS visto che metti tanti dettagli, potrebbe esserti utile inserire anche il capitale movimentato (valore dei singoli acquisti e vendite), così puoi fare percentuali precise.


Ti ringrazio. I valori di acquisti e vendite non li ho messi perché in genere opero con cifre che si discostano poco tra loro. Mi interessano soprattutto gli step nei risultati. Li utilizzo altrove per calcolare il risultato netto percentuale senza andare ad ingombrare troppo il foglio (forse già troppo carico peraltro).
 
Grazie Luonto, interessante.

La correzione alla formula che proponi non l'ho ancora messa epr pigrizia (mi piaceva l'idea di un foglio un po' "rustico" :) ).

Il problema vero è che sempre la pigrizia (forse anche la comodità, via) mi inciterebbe ad evitare troppi inserimenti di input. Ad esempio nei grafici o mi attengo scrupolosamente alle righe di dati già inserite od ottengo una linea piatta per quelle vuote oltre la mia ultima operazione (perciò non posso adoperarci sopra una linea di tendenza, ad esempio).


Per i dati raggruppati su base temporale come ti comporti?

Io metto le operazioni dentro al periodo (mese) in cui si sono chiuse e non faccio distinzioni riguardo a quando sono state aperte o al tempo di "giacenza". E' una forzatura, ma mi semplifica abbastanza la vita. E poi un qualsivoglia criterio andrà pure adottato.
 
Scritto da Kuto
Grazie Luonto, interessante.

La correzione alla formula che proponi non l'ho ancora messa epr pigrizia (mi piaceva l'idea di un foglio un po' "rustico" :) ).

Il problema vero è che sempre la pigrizia (forse anche la comodità, via) mi inciterebbe ad evitare troppi inserimenti di input. Ad esempio nei grafici o mi attengo scrupolosamente alle righe di dati già inserite od ottengo una linea piatta per quelle vuote oltre la mia ultima operazione (perciò non posso adoperarci sopra una linea di tendenza, ad esempio).

Beh anche io non sto ad aggiornare il grafico operazione per operazione, considero di solito un intervallo un po piu grande di quello dei dati, per cui anche per me inevitabilmente alla fine ho un piccolo tratto orizzontale.


Per i dati raggruppati su base temporale come ti comporti?

Io metto le operazioni dentro al periodo (mese) in cui si sono chiuse e non faccio distinzioni riguardo a quando sono state aperte o al tempo di "giacenza". E' una forzatura, ma mi semplifica abbastanza la vita. E poi un qualsivoglia criterio andrà pure adottato.

Anche io ho adottato lo stesso criterio di contabilizzare alla fine della operazione. Anche perche' io poi faccio i riassunti mensili ed una volta che chiudo con un mese non lo vado a riaggiustare perche' ho chiuso la posizione aperta tanto tempo fa'.
 
Indietro