Sud, crollo epocale di consumi, natalità, occupazione, sempre + povertà e emigrazioni

freude

Blus a Balus !
Registrato
12 Ott 2008
Messaggi
44.671
Punti reazioni
831
Natalità ai minimi storici, occupazione ai record minimi della serie storica, record di povertà ed emigrazione. Svimez fotografa questo ed altro in un momento tragico che chiama in causa con numeri che non si prestano alle solite menzogne la politica che negli ultimi anni è stata passiva e autorefernziale di fronte a un paese che stava andando a picco.

Secondo Svimez le condizioni sono paragonabili a un dopoguerra, ma la guerra non è per nulla finita.

Svimez: "Sud Italia in recessione da sette anni, rischio desertificazione" - Il Fatto Quotidiano

Un territorio che lo scorso anno ha visto emigrare 116mila abitanti, vive il settimo anno di recessione e si prepara ad affrontare l’ottavo, perché anche nel 2015 il Pil è previsto in calo dello 0,7%. E’ il Mezzogiorno d’Italia fotografato dall’ultimo rapporto dell’associazione Svimez presentato a Roma. Pagine che descrivono il Sud come un’area a concreto rischio di “desertificazione umana e industriale”. Dove non solo aumenta la povertà (nell’ultimo anno le famiglie povere sono cresciute del 40% e i loro consumi sono crollati del 13% dal 2008 a oggi) ma si fanno anche meno figli: l’anno scorso si sono registrate più morti che nascite. Queste ultime sono state solo 177mila, il minimo storico, il valore più basso mai registrato dal 1861″. E in futuro andrà ancora peggio: “Il Sud”, si legge, “sarà interessato nei prossimi anni da uno stravolgimento demografico, uno tsunami dalle conseguenze imprevedibili. E’ destinato a perdere 4,2 milioni di abitanti nei prossimi 50 anni, arrivando così a pesare per il 27% sul totale nazionale a fronte dell’attuale 34,3%”.

Intanto l’industria continua a soffrire, con crollo degli investimenti del 53% in cinque anni e una flessione degli addetti che ha toccato il 20%. Gli occupati oggi sono solo 5,8 milioni, il valore più basso dal 1977. “Nel Sud, pur essendo presente appena il 26% degli occupati italiani, si concentra il 60% delle perdite determinate dalla crisi”, calcola l’associazione. “Nel 2013 sono andati persi 478mila posti di lavoro in Italia e 282mila di questi erano al Sud. Tra il primo trimestre del 2013 e il primo trimestre del 2014, l’80% delle perdite di posti di lavoro in Italia si è concentrata al Sud”. Con il risultato che il tasso di disoccupazione, secondo lo Svimez, non è del 19,7% come calcola l’Istat ma ben più alto: 31,5%. Al dualismo territoriale si unisce anche quello generazionale: l’anno scorso il tasso di disoccupazione degli under 35 del Sud è salito al 35,7%.

Quadro ancora più fosco quello tratteggiato dalla Coldiretti, secondo la quale nel 2013 tre famiglie su quattro tra quelle che vivono nel Sud hanno tagliato la spesa alimentare, riducendo la qualità o la quantità di almeno uno dei generi alimentari acquistati. Per la prima volta la spesa per alimentari è scesa sotto quella delle famiglie del Nord, invertendo una tendenza storica che vedeva le regioni meridionali destinare al cibo una parte maggiore del proprio budget. E’ la Puglia, con un -11,3%, la regione i cui abitanti hanno stretto di più la cinghia.
 

unfor

so!
Registrato
14 Feb 2009
Messaggi
11.862
Punti reazioni
281
Mandiamo più risorse al sud, semplice
 
Ultima modifica:

prall

Nuovo Utente
Registrato
14 Mag 2009
Messaggi
28.997
Punti reazioni
645
Natalità ai minimi storici, occupazione ai record minimi della serie storica, record di povertà ed emigrazione. Svimez fotografa questo ed altro in un momento tragico che chiama in causa con numeri che non si prestano alle solite menzogne la politica che negli ultimi anni è stata passiva e autorefernziale di fronte a un paese che stava andando a picco.

Secondo Svimez le condizioni sono paragonabili a un dopoguerra, ma la guerra non è per nulla finita.

Svimez: "Sud Italia in recessione da sette anni, rischio desertificazione" - Il Fatto Quotidiano

Un territorio che lo scorso anno ha visto emigrare 116mila abitanti, vive il settimo anno di recessione e si prepara ad affrontare l’ottavo, perché anche nel 2015 il Pil è previsto in calo dello 0,7%. E’ il Mezzogiorno d’Italia fotografato dall’ultimo rapporto dell’associazione Svimez presentato a Roma. Pagine che descrivono il Sud come un’area a concreto rischio di “desertificazione umana e industriale”. Dove non solo aumenta la povertà (nell’ultimo anno le famiglie povere sono cresciute del 40% e i loro consumi sono crollati del 13% dal 2008 a oggi) ma si fanno anche meno figli: l’anno scorso si sono registrate più morti che nascite. Queste ultime sono state solo 177mila, il minimo storico, il valore più basso mai registrato dal 1861″. E in futuro andrà ancora peggio: “Il Sud”, si legge, “sarà interessato nei prossimi anni da uno stravolgimento demografico, uno tsunami dalle conseguenze imprevedibili. E’ destinato a perdere 4,2 milioni di abitanti nei prossimi 50 anni, arrivando così a pesare per il 27% sul totale nazionale a fronte dell’attuale 34,3%”.

Intanto l’industria continua a soffrire, con crollo degli investimenti del 53% in cinque anni e una flessione degli addetti che ha toccato il 20%. Gli occupati oggi sono solo 5,8 milioni, il valore più basso dal 1977. “Nel Sud, pur essendo presente appena il 26% degli occupati italiani, si concentra il 60% delle perdite determinate dalla crisi”, calcola l’associazione. “Nel 2013 sono andati persi 478mila posti di lavoro in Italia e 282mila di questi erano al Sud. Tra il primo trimestre del 2013 e il primo trimestre del 2014, l’80% delle perdite di posti di lavoro in Italia si è concentrata al Sud”. Con il risultato che il tasso di disoccupazione, secondo lo Svimez, non è del 19,7% come calcola l’Istat ma ben più alto: 31,5%. Al dualismo territoriale si unisce anche quello generazionale: l’anno scorso il tasso di disoccupazione degli under 35 del Sud è salito al 35,7%.

Quadro ancora più fosco quello tratteggiato dalla Coldiretti, secondo la quale nel 2013 tre famiglie su quattro tra quelle che vivono nel Sud hanno tagliato la spesa alimentare, riducendo la qualità o la quantità di almeno uno dei generi alimentari acquistati. Per la prima volta la spesa per alimentari è scesa sotto quella delle famiglie del Nord, invertendo una tendenza storica che vedeva le regioni meridionali destinare al cibo una parte maggiore del proprio budget. E’ la Puglia, con un -11,3%, la regione i cui abitanti hanno stretto di più la cinghia.

un dato del tutto negativo, o ha anche un risvolto positivo?
 

noche de ronda

Nuovo Utente
Registrato
2 Feb 2006
Messaggi
8.891
Punti reazioni
248
negli anni '70 vivevano con 1 ettaro di aranceto..

oggi di loro frega un khazzo a nessuno, beviamo Fanta e acquistiamo arance standardizzate da altri paesi
 

Lord Fener

Nuovo Utente
Sospeso dallo Staff
Registrato
9 Gen 2014
Messaggi
882
Punti reazioni
38
Mi spiace
dopo anni in cui ci raccontavano che il Mezzogiorno rappresentava una risorsa anche per il Nord....la rwaltà è questa.

Io ritengo che il Meridione sia una causa persa e che le regioni del nord dovrebbero subito sganciarsi per non rischiare di essere definitivamente trascinate a fondo.
 

liunard.44

Nuovo Utente
Registrato
1 Set 2011
Messaggi
9.315
Punti reazioni
320
un dato del tutto negativo, o ha anche un risvolto positivo?


....è positivo...almeno diminuiscono le chiatte....in negativo aumentano le secche...:D:D:D...dove io potrei insabbiarmi quando vengo da Voi...:D:D:D...naturalmente nauticamente parlando...:clap::clap:
 

prall

Nuovo Utente
Registrato
14 Mag 2009
Messaggi
28.997
Punti reazioni
645
....è positivo...almeno diminuiscono le chiatte....in negativo aumentano le secche...:D:D:D...dove io potrei insabbiarmi quando vengo da Voi...:D:D:D...naturalmente nauticamente parlando...:clap::clap:

no lunard è che qui con il cibo si esagera un po' (eufemismo quel pò).:yes:
 

Self Made Man 78

Nuovo Utente
Registrato
30 Dic 2008
Messaggi
64.475
Punti reazioni
2.135
l'eccesso di cibo non porta solo all'obesità(con conseguenze per la salute), ma anche alle deficienza mentale e spirituale :yes:

Se dici così a Pina dovrebbe esse 200 kg :eek:

pp.jpg
 

unfor

so!
Registrato
14 Feb 2009
Messaggi
11.862
Punti reazioni
281
Mi spiace
dopo anni in cui ci raccontavano che il Mezzogiorno rappresentava una risorsa anche per il Nord....la rwaltà è questa.

Io ritengo che il Meridione sia una causa persa e che le regioni del nord dovrebbero subito sganciarsi per non rischiare di essere definitivamente trascinate a fondo.

OK!
 

volopazzo

chi ha di +, ha di +
Registrato
22 Feb 2002
Messaggi
60.325
Punti reazioni
1.133
bisogna assumere almeno 150mila nuovi forestali

così fanno figli , che poi vanno a scuola

e si assumono 150mila nuovi insegnanti
 
Alto