Supersport: Morto Andrea Antonelli, 25 anni

Mauretta

Nuovo Utente
Sospeso dallo Staff
Registrato
11/6/09
Messaggi
32.746
Punti reazioni
767
Superbike Mosca: Melandri in gara-1. Annullata gara-2 e Supersport

Volokolamsk (Rus) , 21 luglio 2013

In Supersport muore Andrea Antonelli, 25enne di Castiglione del Lago (Perugia), che ha perso il controllo della Kawasaki ed è stato investito dal bresciano Zanetti. Styop a tutte le gare, dopo che il pilota della BMW era stato più forte del diluvio abbattutosi su Volokolamsk.

Una giornata drammatica al Mondiale Superbike a Mosca: niente gara-2 e niente Supersport, fermata al secondo giro dopo una drammatica caduta che ha visto rimanere a terra esanime il pilota umbro Andrea Antonelli, morto poco dopo. Sotto un diluvio torrenziale sul Moscow Raceway il resto della manifestazione è cancellata, quindi sia Supersport interrotta al secondo giro che la gara 2 Superbike che doveva partire alle 13.30 italiane.

GARA-1 — Marco Melandri stratega perfetto trionfa in una prima gara del GP di Russia decisa dal primo pit stop per cambio gomme. Il fuoriclasse Bmw, 13° successo in carriera (terzo in stagione e secondo consecutivo al Moscow Raceway) riapre la classifica del Mondiale risalendo al 32 punti dal francese Sylvain Guintoli tornato in vetta con il sesto posto strappato nonostante la spalla destra lussata. L'Aprilia confeziona il controsorpasso alla Kawasaki tradita prima da Tom Sykes sbadato in Superpole (caduto, terza fila) e poi dal motore andato in fumo al quarto dei 25 giri. Sfumato all'alba della gara il sogno di Davide Giugliano che scattava per la prima volta in Superpole con l'Aprilia satellite. Il 23enne romano è caduto senza danni al secondo giro rincorrendo la lepre Chaz Davies poi finito secondo con la seconda Bmw. Sorride la Ducati per il primo podio della Panigale grazie al talento acquatico di Ayrton Badovini terzo in grande rimonta.

LA CORSA — La gara è partita sotto il cielo minaccioso, ma asfalto asciutto. Alla prima curva primo colpo di scena con Carlos Checa e la Ducati finiti a terra per un contatto. Davies, scattato a razzo, ha guadagnato terreno su Melandri indotto alla cautela da goccie di pioggia in alcune parti del circuito. Le due Bmw sono andate in fuga mentre Michel Fabrizio e il britannico Leon Camier rientravano ai box per un pit stop rivelatosi troppo anticipato perchè il tracciato era ancora troppo asciutto per le gomme da bagnato. Al sedicesimo passaggio l'Aprilia ha perso Eugene Laverty volato via nel terzo botto (innocuo) in 15 gare: l'irladese scende al quarto posto nel Mondiale a -49 dalla vetta. Al diciannovesimo dei venticinque passaggi si è scatenato un diluvio che ha indotto i superstiti al rientro al box. Melandri è entrato sei secondi dopo Davies ma i tre meccanici (limite regolamentare) hanno sostituito le gomme esattamente nei 53 secondi previsti, compreso il tempo di rientro, rimandando dentro Marco in scia al compagno di squadra. Ma non è stato il pit stop a decidere la corsa perchè sul bagnato Melandri ha acceso il turbo superando di slancio il britannico.

DRAMMA SUPERSPORT — Al primo giro della gara Supersport, sotto il diluvio, c'è stata una caduta al centro del gruppo. Andrea Antonelli, 25enne di Castiglione del Lago (Perugia), ha perso il controllo della Kawasaki è stato investito dal bresciano Lorenzo Zanetti in pista con una Honda. La corsa è stata immediatamente sospesa. E poi cancekllata. Per l'urto violentissimo sul casco Antonelli è rimasto esanime ai bordi della pista. Le condizioni erano apparse subito gravissime: Antonelli è morto nel centro medico del Moscow Raceway.
 
.
 

Allegati

  • Antonelli.jpeg
    Antonelli.jpeg
    16,6 KB · Visite: 215
:(..mi spiace..ho grande ammirazione per il coraggio di chi pratica questo sport..
 
R.I.P.

Sentite condoglianze alla famiglia.
 
progettare caschi resistenti che proteggono tutta la testa e collo ... no eh?
 
:(..mi spiace..ho grande ammirazione per il coraggio di chi pratica questo sport..

vero,ci vuole veramente un fegato fuori dalla norma. Ma con 5cm di acqua in pista, dove è un miracolo non cadere e tutti tranne il primo corrono in mezzo a nuvole di acqua senza vedere nulla, non si possono mandare al macello sti ragazzi..............:mad::mad::mad::mad::mad::mad:

povero:'(:'(:'(:'(:'(
 
...aggiornamenti:
I bikers non volevano scendere in pista per le condizioni meteo...

...OMICIDIO!!
 
RIP

così, però, non va bene....ma adesso non è tempo di polemiche. regolamento da rivedere.
 
su internet girà un video davvero forte ripreso dalla tribuna :(:(:(
 
R.I.P. :(



chiaramente lo spunto per i giornalisti mediocri italioti del telegiornale era scontato, "antonelli come il sic"......gran *******, l'incidente del sic non era evitabile (nel senso che la gara era normale, asciutta, si doveva partire per forza), questo invece si poteva evitare benissimo, visto che non c'erano le condizioni per correre
 
progettare caschi resistenti che proteggono tutta la testa e collo ... no eh?

Come per la formula 1 le moto hanno avuto delle evoluzioni sulle prestazioni imbarazzanti. Anche i sistemi di sicurezza hanno cercato di stare al passo ma non so se ci stanno riuscendo.... le gomme poi ?!? Riescono nel proprio lavoro ? Certo le condizioni meteo hanno sicuramente la loro incidenza....

Pero' qua parliamo di 2 ruote solo 2, ( a differenza della F 1 ) l'analisi porta ad un solo risultato :

Troppo... stanno andando troppo. Una volta solo nel cross il pilota stendeva la gamba a terra in curva ma non andava di certo a queste velocita'. Oggi questo succede nelle 500, bike, etc etc.

POche settimane fa una ragazza marchigiana si e' "guadagnata" a seguito di un incidente in pista la sedia a rotelle.

C'e' altro da aggiungere ?
 
ma che discorsi.....:wall::wall:
una MASSA di oltre 200kg. lanciata a 250kmh IMPATTA...:
- un bel casco ripieno di cranio con tanto di gorgiera di protezione ( come gli elmi medioevali ) che però non ti fa girare la testa....:cool:
- una schiena
- uno stomaco

ecc. ecc. ecc.
che succede secondo le leggi della fisica ? :cool:
 
Indietro