Sur America

El Chacal

Nuovo Utente
Registrato
13/11/03
Messaggi
222
Punti reazioni
10
Colombia teme que Chávez "exporte" su problema interno



Un grupo de la comisión internacional del Congreso colombiano estimó que los tanques de guerra adquiridos por Bogotá deben ir a la frontera con Venezuela ante la gravedad de lo que sucede en ese país y para evitar que el presidente Hugo Chávez "trate de exportar" sus problemas internos, reseñó DPA.
Los senadores respaldan la compra de los entre 33 y 46 carros de combate AMX30 al Gobierno español por un valor de 6 millones de dólares.

El legislador independiente Jairo Clopatofsky aseguró que Colombia requiere nuevas armas para enfrentar la lucha antiterrorista, pero también para defender las fronteras.

"La situación en Venezuela es grave porque hay mucho autoritarismo y poca democracia, y eso va significar, ojalá no sea así, sangre para el país hermano. Colombia debe estar alerta ante posibilidad de que el gobierno de Chávez trate de exportar (sus problemas) como factor de distracción", indicó.

Por su parte, el congresista Manuel Velásquez señaló también que no sólo es importante la lucha doméstica contra los grupos ilegales, sino también "hay que ver la posibilidad de armarnos en las fronteras porque la defensa de la soberanía así lo exige".

"La compra de los tanques obligará a Hugo Chávez a desencadenar una carrera armamentista para equilibrar su aparato militar con el de Colombia", afirmó el ex ministro de Defensa venezolano Fernando Ochoa Antich.

El experto militar Alfredo Rangel dijo que es la primera vez que se hace un gasto para encarar una hipótesis de conflicto con Venezuela.



ci stanno provando da tempo...........
:cool:


vogliono entrare da sotto.................

Con alleata la Colombia................vedasi patto della lotta contro in narcotraffico"La Grande Scusa"(perche ne passa sempre di più anzi L'hanno Istituzionalizata)

Finanziando da tempo Armi

Il gioco per la CIA diventa....sempre più insidioso...cercando di controllare già L'interno del paese con una oposizione che ha in mano i media.....Vedasi L'accordo preso in mano per la CITGO..............

P.D.V.S.


Vedasi anche l'altro .................personaggietto.......Mr. Giusti
....... nel libro paga della cia..............







:bye:
 
Ultima modifica:
........................Dimenticavo....:mmmm:

La Colombia già tradi Il Venezuela in altre opportunità.......
incominciando da Simon Bolivar

KO!
 
(01:24 PM)



Caracas.- Pese a las denuncias de violación de derechos humanos que han recaído sobre su gobierno durante la última semana, el presidente de la República, Hugo Chávez, aseguró hoy frente al cuerpo diplomático acreditado en Venezuela que "cada vez que sea necesario usar la fuerza pública, lo haremos, con toda la contundencia que haga falta".

El mandatario responsabilizó de los recientes hechos violentos a la oposición "golpista" que -según él- sigue intentando desestabilizar al país con tácticas terroristas y subversivas. A ellos advirtió que empleará la fuerza requerida para controlarlos.

Dijo ante las misiones internacionales que las acusaciones de violación a los derechos humanos corresponden al "nuevo formato" del plan para derrocarlo. Justificó la represión de los efectivos militares, argumentando que los manifestantes "pacíficos" los provocaron con agresiones que tenían que ser respondidas debidamente.

"Qué quieren los dirigentes de la oposición golpista venezolana, ¿que nosotros le permitamos acabar con Venezuela, destrozar como destrozaron plazas, avenidas, quemaron casas, vehículos de inocentes ciudadanos y aterrorizaron a la gente del este?, pues no se lo vamos a permitir", enfatizó.

Chávez llegó, incluso, a decir que "si usan armas de fuego contra la fuerza pública, la fuerza pública tiene el derecho a defenderse, igual con armas de fuego".

La reunión con el cuerpo diplomático se produce justo un día después que el embajador de Venezuela ante las Naciones Unidas, Milos Alcalay, renunció por considerar que el gobierno viola los derechos humanos en el país, lo que ha sido considerado como una señal de alarma para la comunidad internacional acerca de los niveles a los que ha escalado el conflicto político en Venezuela.

Aunque se presumía que el encuentro con las misiones extranjeras tendría como objetivo contrarrestar el efecto de la renuncia de Alcalay, la dimisión del funcionario no fue mencionada en ningún momento de las dos horas y cuarenta minutos que duró la reunión, que fue transmitida en cadena nacional de radio y televisión.

El primer mandatario aseguró haber enviado protección especial a las embajadas, porque supuestamente la oposición habría querido arremeter contra algunas de ellas, como parte de su plan desestabilizador, que -según él- estaría orquestado desde la Casa Blanca.

En este sentido, pidió a la comunidad internacional un pronunciamiento en contra de las violaciones de la soberanía que, según sostiene, realiza Estados Unidos en contra de Venezuela.

El primer mandatario volvió a arremeter contra el presidente de Estados Unidos, George W. Bush, a quien acusa de financiar la oposición en su contra en el país, así como de haber participado en la planificación del "golpe de estado" que lo sacó del poder el 11 de abril.

Dijo que la intención de la reunión contribuir con el trabajo "nada fácil" de las embajadas de "evaluar, de acopiar información, de tratar de acercarse a la verdad verdadera y después transmitir a sus muy dignos jefes de Estados" esas informaciones sobre Venezuela.

Chávez dijo que los representantes diplomáticos están sometidos a presiones de diversas "corrientes de informaciones, hechos, (...) que pretenden alterar la verdad, que pretenden confundir al observador".

"Yo estoy completamente seguro de que ustedes están haciendo un gran esfuerzo en Venezuela por captar la verdad, pero estoy seguro también que tienen serias dificultades para captar la verdad", agregó.

El mandatario se refirió igualmente al caso de la crisis haitiana. "Venezuela rechaza categóricamente el secuestro del presidente Aristide, porque así lo calificamos", dijo tras explicar las circunstancias de la salida del mandatario, en las que no duda que haya estado implicado el gobierno estadounidense.

Le pidió a la administración del presidente George Bush que "no siga metiendo sus manos en Venezuela". Insistió en decir que tiene evidencias de la conspiración estadounidense. "Es una verdad, es que no tiene el gobierno norteamericano cómo negarlo, y cada día estoy dispuesto a sacar más pruebas y a dárselas a conocer al mundo".

Lamentó la ausencia en el acto del embajador estadounidense, Charles Shapiro, pues habría querido decirle en persona sus apreciaciones. Repitió que su nación estaría financiando a la oposición y los recientes acontecimientos. Este financiamiento habría sido confirmado -según Chávez- al infiltrar a la agencia central de inteligencia americana (CIA).

Chávez advirtió que los países del mundo no deben subestimar que "aquí en Venezuela está presente un signo que no debe ser minimizado por nadie, sobre todo por los que hacen ilusiones de que es relativamente fácil deponer el gobierno venezolano, derrocarlo e instalar una dictadura disfrazada o abierta como sea, o incluso los que pudieran estar pensando en una intervención militar en Venezuela", señaló.

CNE árbitro sabio
El presidente Chávez hizo una extensa defensa del Consejo Nacional Electoral y aseguró que su gobierno "respeta" y "avala" el "intento de referendo revocatorio".

"Es una figura demorática siempre y cuando se asuma como dice la Constitución, las leyes electorales y las normas aprobadas por unanimidad de los rectores del CNE (...) sólo que dos de ellos obedecen a los comandos de la oposición, no obedecen a su propio criterio como debería ser un buen árbitro", indicó.

"El CNE, en mi criterio, tomó una sabia decisión, porque esas cientos de miles de firmas de las planillas planas han podido ser eliminadas (...) porque violó las normas(...) no fue un árbitro inflexible; creo que hubiera sido inflexible si las elimina todas y si las elimina todas hubiera tenido que decir que no hay revocatorio". Por el contrario, dijo Chávez, "hubiese sido un árbitro irresponsable" si las aprueba todas.

Chávez asegura que la oposición incurrió en "fraude" y que existe la "duda razonable" sobre cientos de miles de firmas cuya caligrafía se parece o que cuyos datos no coinciden con los del registro electoral.

"Le va a dar una nueva oportnidad al solicitante", aseguró."Si van las 600 mil personas (de un millón que pueden reparar sus firmas) y ratifican sus firmas, aquí hay referendo", aseguró tras instar a la oposición a acudir al llamado hecho por el CNE.

Medios incitan violencia
El primer mandatario mostró imágenes de la marcha en momentos cuando era repelida por la Guardia Nacional con gases lacrimógenos y subrayó su "carácter subversivo" y que era impulsada por alcaldes y gobernadores de oposición.

Responsabilizó ante los embajadores a los medios de comunicación social, en especial los audivisuales, de incitar a la violencia de la población.

"El día que nos veamos obligados a intervenir o cerrar uno o varios canales de televisión, yo invoco la verdad, porque ya me imagino al mundo, al fariseísmo, hipócrita, la condena de los cuerpos que luchan por los derechos humanos, por la libertad de expresión sacrosanta (...) ya los oigo, el coro de los hipócritas", dijo.

"Más tolerancia que la que el gobierno que yo dirijo ha tenido, difícilmente creo que la he tenido gobierno alguno, incluso el de Su Santidad", Juan Pablo II.

Frente a los representantes diplomáticos, Chávez fustigó también a la iglesia católica por haber convalidado el supuesto golpe de Estado de abril de 2002 en su contra.

Dirigiéndose a monseñor André Dupuy, nuncio apostólico, condenó el reciente comunicado de la Conferencia Episcopal en el que se repudiaba la violenta represión de los manifestantes opositores.

Sin ningún reparo en admitir el acto de espionaje, Chávez confesó: "creo que ha perdido un poco del prestigio aquel que tenía, porque ahora es infiltrable la CIA, bueno creo que siempre ha sido infiltrable", recalcó, tras decir que tenía conversaciones telefónicas grabadas en las que funcionarios americanos estarían dando directrices a la oposición.

Chávez aseguró frente a cuerpo diplomático que usará la fuerza pública "cada vez que sea necesario" .................
http://www.eluniversal.com/2004/03/05/05A437629.shtml
 
12:34 PM)
Unión Europea preocupada por criterios de verificación de firmas contra Chávez



Bruselas.- La Unión Europea (UE) mostró hoy su "preocupación" por los "criterios de verificación" de las firmas que piden la destitución del presidente venezolano, Hugo Chávez, y "sus posibles consecuencias sobre el resultado del proceso".

En una declaración difundida en Bruselas en nombre de los Quince, la Presidencia de la UE considera que "no deberían ahorrarse esfuerzos para que el país encuentre una solución constitucional, democrática, pacífica y electoral a su crisis".

La Unión Europea alienta a todas las partes implicadas a que "negocien de forma constructiva las modalidades factibles, justas y transparentes en un procedimiento de recurso que respete los derechos constitucionales, la voluntad soberana y la buena fe de los ciudadanos venezolanos".

Los Quince lamentan "el desarrollo de un clima de violencia, que ha desembocado en pérdidas humanas", e instan a todas las partes a que prosigan la aplicación del acuerdo del 29 de mayo de 2003 en un clima de "respeto, tolerancia y circunspección recíproca".

Desean, asimismo, que las partes enfrentadas "se atengan plenamente a la Declaración contra la violencia, por la paz y la democracia del 18 de febrero de 2003, en el marco del Estado de Derecho y de los principios democráticos".

A esta declaración conjunta se suman los diez países que a partir del próximo 1 de mayo ingresarán en la UE: Chipre, la República Checa, Estonia, Hungría, Letonia, Lituania, Malta, Polonia, Eslovaquia y Eslovenia, precisó Efe.

El Consejo Nacional Electoral (CNE) anunció el martes pasado que de los 3,4 millones de firmas presentadas por la oposición para solicitar el referéndum revocatorio contra Chávez, sólo 1.832.493 cumplen los requisitos establecidos, mientras que 876.017 presentaron dudas y serán sometidas a un proceso de ratificación, mientras que el resto fueron anuladas.

http://www.eluniversal.com/2004/03/05/avc_05A437619.html
 
(11:28 AM)
Jefe del Comando Sur de EEUU: Hay presencia de extremistas islámicos en Margarita



Mariángela Lando Biord
Enviada especial El Universal

Miami, EEUU.- El general James Hill, jefe del Comando Sur de Estados Unidos, con base en el sur del estado de Florida, está convencido de la presencia de terroristas islámicos en la isla de Margarita, y denunció la falta de cooperación por parte del gobierno venezolano.

El militar indicó que estadounidenses residenciados en la isla venezolana reportaron el aumento, en los dos últimos dos años, del número de árabes y especialmente de musulmanes jóvenes en Margarita.

"¿Ha tenido el gobierno estadounidense colaboración de Venezuela en este problema?", se le preguntó. "Yo no puedo responder a esa pregunta", dijo.

La denuncia que ha llegado al Comando Sur habla de un incremento sustancial del número de personas provenientes de Medio Oriente en esa zona del territorio venezolano, y el general explicó que, conjuntamente con la llamada Triple Frontera entre Argentina, Brasil y Uruguay, es la zona en la que hay más actividad del terrorismo islámico en el continente.

Sin embargo, dijo que desconocía si el Gobierno venezolano había suministrado algún tipo de cooperación al de Estados Unidos para solucionar esta amenaza latente contra la seguridad hemisférica.

Aunque no respondió esa pregunta, dijo que no había estado ni una sola vez en Venezuela desde que asumió la jefatura del Comando Sur, hace 18 meses. En ese mismo período ha estado al menos 23 veces en Colombia, coordinando labores de la lucha contra las drogas y el terrorismo en esa nación.

Explicó que unos 6 millones de personas provenientes de Medio Oriente residen en Centro y Sudamérica, y que de ellos hay al menos 3 millones de musulmanes. Agregó que aunque no todos constituyen una amenaza para la seguridad (pues son comunidades establecidas en la región desde hace décadas), sí existen grupos ligados al extremismo.

El general Hill es el responsable del área de Centroamérica, el Caribe y Sudamérica, incluida Venezuela.

Hill se mostró preocupado por el surgimiento de lo que llamó el "populismo extremista" en América Latina y, aunque no nombró líderes o países, hizo una radiografía de los peligros que esos regímenes conllevan.

Señaló que en Latinoamérica se está observado un fenómeno de debilitamiento de la democracia, tal y como se conocía hace una década, a causa de este tipo extremo de populismo.

El general participó en el Poder Business Forum 2004, organizado por la revista Poder en la ciudad de Miami. Allí comentó que Colombia es uno de los países que recibe más ayuda militar en el mundo, junto a Medio Oriente.

Enfatizó que la relación del Comando Sur con el gobierno colombiano ha sido armoniosa y exitosa, pues se han logrado éxitos sustanciales en la lucha contra el narcotráfico, contra la guerrilla y contra el terrorismo. Destacó la colaboración que recibe su comando, primero del gobierno de Andrés Pastrana y ahora de Alvaro Uribe.


-------------------------------------------

Eccoli qui ..........................la scusa più assurda :mad:
magari adesso................ Risulta che Bin Laden è in spiaggia con un Drink in mano.....KO!
Ma sono Pazzi.....:wall:
Non sanno più che inventarsi.!!!!!
bannato
 
http://www.finanzaonline.com/forum/showthread.php?postid=4791214#post4791214


Scritto da El Chacal
Sei un Poverino:(
Evidentemente sei di parte ,e naturalmente senza argomenti,come d'altronde il tuo "leader".
Se non conosci la tua storia non può sapere quali sono le tue radici,fortunato chi capisce tra e oltre le righe.
Va bene che in questa società vivono meglio gli ignoranti,anche se quando parlano dovrebbero per lo meno contare fino a 10.
Non si tratta di Essere Comunisti o Fascisti,si tratta di essere imparziali nella VERITA, non esiste miglior arma che sentire tutte le voci da qualunque parte arrivino.
Troppo facile voler nascondere il sole con un dito.
Peccato che tu sia cosi limitato,perche l'insistenza non ti manca ,però e difficile discutere.
Ti allego una cosuccia recente (però stà accadendo grazie alla storia del Libertador)
Vissuta di Prima Persona a caldo.
Se poi sei all'altezza di poter discutere "Seriamente " su cosa c'è dietro,allora sarò ben felice d'aver un confronto di opinioni.Allegando argomenti che va ben oltre all'immaginazione collettiva sulla Verità.
.........................................................................

retroscena del colpo di stato in Venezuela
Il golpe ai tempi della globalizzazione


Golpe in Venezuela. La globalizzazione muta i protagonisti dei colpi di stato e se nel 1973 il golpe aveva il volto di Pinochet oggi ha il volto del presidente della confindustria venezuelana, Pedro Carmona Estanga. Il presidente venezuelano Hugo Chavez, democraticamente eletto, da tempo non era gradito alla Casa Bianca e recentemente era entrato in rotta di collisione con Bush. Vediamo perché.

CHAVEZ, "DECISAMENTE IRRITANTE"

Hugo Chavez il 10 agosto 2000 fece scandalo: incontrò Saddam Hussein, primo leader politico a rompere l'isolamento dell'Irak dall'inizio della Guerra del Golfo. Chavez offerì all'Irak appoggio perché sia messo fine all'embargo che grava sul Paese dal 1990.
Il portavoce del dipartimento di Stato Usa, Richard Boucher, definì "decisamente irritante" il fatto.
Chavez era impegnato in un tour di dieci giorni che lo porterà in tutti i Paesi appartenenti all'Opec, l'organizzazione che riunisce alcuni degli Stati esportatori di petrolio: sosteneva la necessità che l'Opec tagliasse la produzione giornaliera di barili di petrolio per mantenere alti i prezzi del greggio. Il Pentagono fece sapere che gli USA stavano "perdendo la pazienza". Chavez rispose: "Io, se voglio, vado pure all'inferno". Aggiungendo: "Che cosa ci possiamo fare se gli americani si seccano? Noi abbiamo una dignità, e il Venezuela è un Paese sovrano. Ha il diritto di prendere le decisioni che ritiene nel proprio interesse". E di un altro imperdonabile peccato si era già macchiato il suo governo: quello di aver rotto dichiaratamente l'isolamento di Cuba non nascondendo anzi la propria ammirazione per Fidel e per l'esperienza rivoluzionaria cubana.

PETROLIO PER DARE AI POVERI E TOGLIERE AI RICCHI

Ma ritorniamo al petrolio. Chavez intendeva fissare un livello internazionale del prezzo del petrolio (25 dollari al barile): i paesi produttori avrebbero fatto scattare automaticamente un aumento della produzione se le quotazioni del barile fossero salite, decidendo una diminuzione della produzione se i prezzi fossero scesi sotto la soglia prevista. In pratica Chavez aveva un'idea di autodeterminazione e di indipendenza che non era gradita alla Casa Bianca: gli Usa dipendono massicciamente dal petrolio del Venezuela. Il Venezuela è l'unica nazione dell'America Latina a far parte dell'Opec, organizzazione centrata sulle nazioni del Medio Oriente. Prima di Chavez il Venezuela era noto all'interno dell'Opec per la scarsa adesione alle restrizioni imposte dal cartello dei Paesi produttori. Con Chavez la politica di scambio stava cambiando: vendeva petrolio a un prezzo ridicolo a Cuba, puntando ad un innalzamento dei prezzi negli scambi verso Usa e paesi ricchi. E negli Usa, dopo due anni di politica estremamente cauta condotta dai democratici nei suoi confronti (proprio per l'importanza del paese nel settore energetico), i repubblicani nel 2001 cominciarono ad accusare Chavez di appoggiare i gruppi guerriglieri di tutta la zona andina e percepiscono la sua politica come ulteriore elemento di instabilità. La Casa Bianca ha puntato a bloccare l'economia interna venezuelana, come nel 1973 fece per Salvator Allende, sostenendo un coacervo di forze che facevano resistenza a Chavez. E vediamo perché.

LE RIFORME MAL DIGERITE

Il 13 Novembre 2001 in diretta televisiva, Chavez ha annunciato il passaggio di un vasto pacchetto di riforme economiche, ben 49, che intendevano modificare, a volte anche radicalmente, i più differenti settori dell'economia del paese: i più controversi sono quelli relativi alla Legge sulla terra e a quella sugli Idrocarburi.
La Legge sulla terra avrebbe permesso al governo di confiscare e ridistribuire terreni privati coltivati che eccedano una certa dimensione e che siano giudicati improduttivi; la legge dava inoltre allo stato il potere di controllare l'utilizzo agricolo dei terreni. Inoltre gli agricoltori dovranno mostrare i titoli di proprietà delle terre che utilizzano a iniziare dal 18 Dicembre (8 giorni dopo l'entrata in vigore della legge) onde evitare l'espropriazione. Il Miami Herald, riportando uno studio fatto dall'Istituto Nazionale Agricolo del Venezuela, stima che quasi il 95% dei proprietari terrieri nel paese non possiede titoli legali delle proprie proprietà.

CONTESTATO DA LATIFONDISTI, SINDACALISTI E PETROLIERI

Ecco perché i grandi latifondisti li abbiamo visti protestare in piazza. La terra agli indios poveri sarebbe stata una vera ingiustizia, per loro. In piazza, con i latifondisti, sono scesi negli scorsi giorni anche gli industriali e i sindacati.
Ma perche' anche i "sindacati" sono scesi in piazza contro Chavez? Ecco svelato il mistero: Chávez aveva dichiarato di voler "demolire" l'ex Confederazione dei lavoratori del Venezuela, tanto burocratica quanto corrotta, per creare una centrale sindacale "bolivariana"; il governo aveva poi deciso di considerare come rappresentanti della "società civile" solo le organizzazioni non governative (Ong) non finanziate dall'estero. La legge sugli Idrocarburi - l'altra molto contestata - capovolgeva vent'anni di liberalizzazione nell'industria del settore. Nella riforma era prevista la maggioranza del governo nella proprietà di tutte le nuove joint ventures legate al settore petrolifero, e veniva inoltre decretato l'innalzamento delle royalties che le compagnie straniere devono allo stato, passando dall'attuale 16,6% al 30%. Una manovra che va in piena controtendenza rispetto al trend mondiale; negli ultimi anni infatti le potenti compagnie petrolifere erano riuscite, in molti dei paesi produttori di petrolio, a far scendere le royalties che andavano corrisposte ai governi. Una misura che stando ad alcuni commenti riportati dal Financial Times avrebbe inciso sullo sviluppo di molti progetti, rendendoli da un punto di vista economico poco attraenti. E la globalizzazione è appunto questo: niente intralci, boicottiamo gli impiccioni, facciamo crollare l'economia delle nazioni che si pongono di traverso. E Chavez, tentando di coinvolgere l'Opec in questo disegno di recupero del potere contrattuale degli stati, era un impiccione a livello internazionale. L'amministrazione Chavez era considerata un governo radicale, dotata per di più di con un mandato popolare che legittimava riforme di vasta portata. Chavez era un militare, ma democraticamente eletto. L'allora sindaco di Molfetta, Guglielmo Minervini, un pacifista allievo di don Tonino Bello, era andato nel marzo del 1999 a far visita ai molfettesi emigrati in Venezuela. Dichiarò: "Il recente cambio di regime politico che ha condotto al governo il militare Chavez sta suscitato diffuse speranze di moralizzazione della vita pubblica, di giustizia sociale e di stabilità economica".

"PARA LIMPIAR TOTA ESA MIERDA"

Ma oggi Chavez viene definito "populista" e basta quella parola per liquidarlo senza neppure sentire il bisogno di spiegare quanto qui abbiamo cercato di raccogliere e raccontare. Di Chavez si racconta la sua storia di colonello golpista del febbraio '92 ma non il suo successivo successo democratico in elezioni libere che, con 57% dei voti, lo avevano catapultato alla presidenza. Con lui partiti e partitini - prevalentemente nazionalisti e di sinistra - del "Polo Patriottico"; di fronte a lui il suo popolo, centinaia di migliaia di descamisados in rappresentanza di quell'80% dei 23 milioni di venezuelani ridotti alla fame in uno dei paesi più ricchi del mondo, che l'avevano appena eletto presidente della repubblica "para limpiar toda esa mierda". Dall'altra parte, fisicamente assenti ma presentissimi, gli sconfitti del "Polo democratico" e "il putrido sacco di tutti i corrotti", con dentro gli esponenti del "patto tacito" fra i poteri forti che dalla cacciata dell'ultimo dittatore militare, il generale Marcos Pérez Jiménez nel '58, aveva governato la democrazia venezuelana per 41 anni filati. L'oligarchia, gli imprenditori pubblici e privati, la banca, la burocrazia, i sindacati, i giudici, i militari, la chiesa cattolica e i due grandi partiti tradizionali del duopolio di governo - i social-democratici di Acción democratica e i social-cristiani del Copei - che da allora si erano alternati ogni cinque anni al palazzo stile rococò di Miraflores, e che nelle elezioni del 6 dicembre avevano raccolto, insieme, la miseria di meno del 9% dei voti. Era il 6 dicembre 1998 e Chavez aveva impresso al Venezuela una svolta mediante regolari elezioni monitorate a livello internazionale: per gli Usa c'era Jimmy Carter, l'ex presidente americano in veste di osservatore per elezioni giudicate "a rischio". Ora il golpe fa capire che quelle elezioni non avevano dato buoni frutti, e la Casa Bianca usa oggi il sistema di Vittorio Emanuele II il quale a metà Ottocento avvisava gli elettori che avrebbe fatto ripetere le votazioni se il verdetto non fosse stato di suo gradimento.

PERCHE' VOTARONO CHAVEZ?

Ma perché gli elettori avevano scelto Chavez? I venezuelani si chiedevano dove fossero finiti i 300 miliardi di dollari incassati dal petrolio negli ultimi 25 anni. Negli ultimi 20 anni i venezuelani hanno visto evaporare il 70% del potere d'acquisto dei loro redditi. La disoccupazione era al 40%, i bambini e gli adolescenti senza scuola erano il 45%, secondo la Banca mondiale solo il 4% della popolazione aveva accesso alla giustizia.
Chavez era stato votato per questa rabbia popolare e aveva portato - dopo le elezioni - il salario minimo da 175 dollari al mese a 190, divorato all'istante dal 40% di inflazione.
Aveva cambiato i manager statali del petrolio. Già, aveva toccato quei dirigenti della Pdvsa, la compagnia petrolifera statale, con salari da 48mila dollari al mese e pensionati d'oro da 24mila dollari. Di chi erano le frodi fiscali e doganali che facevano sparire nelle banche di Miami o Ginevra 6 miliardi di dollari l'anno, l'equivalente dei due terzi del deficit fiscale del '98?
E arriviamo ad un'altra pestata di piedi, quella ai sindacalisti corrotti. Molti dei 2000 dirigenti sindacali della poderosa Ctv - la Confederación de trabajadores de Venezuela - erano finiti sotto il torchio "giustizialista" di Chávez: dovevano spiegare perché erano diventati milionari dopo aver firmato contratti di lavoro, dei bidoni per i lavoratori in cambio di favori personali. La confindustria venezuelana - di concerto con questa burocrazia sindacale - è arrivata a pagare la giornata di lavoro a chi manifestava in strada in questi giorni a sostegno del golpe. Sotto la presidenza di Chavez viene revocata l'immunità a vita di politici e deputati accusati di corruzione. Vengono riconosciute garanzie costituzionali alla lingue e culture dei 500mila indios superstiti. Si proibisce la pena di morte, l'ergastolo, la tortura e "qualsiasi pena infamante". Si proibisce la privatizzazione del petrolio. Si riduce la settimana lavorativa da 48 a 44 ore. Si garantisce la proprietà privata subordinandone tuttavia per legge l'uso "all'interesse sociale". Si pongono limiti all'autonomia della Banca centrale. Ai tre poteri classici di Montesquieu, Chavez ne aggiunge un altro, il potere morale, da lui definito "la quarta gamba della democrazia", preso dall'ideario del suo idolo Simon Bolívar, col compito di vegliare sui giudici e contro la corruzione.
Disse: "La voce del popolo è la voce di Dio e la voce dell'oligarchia è la voce del diavolo".

DI LUI SI E' DETTO TUTTO

Diversi giudizi vennero dati su Chavez: populista, dittatore in pectore, erede di Nasser, nuovo Gheddafi, comunista camuffato, amico di Castro, leader di un governo con troppi ministri che erano stati di sinistra, anti-capitalista, anti-liberista, sognatore bolivariano, visionario terzomondista. Ormai è impossibile verificarne la fondatezza: un colpo di stato lo ha spazzato via.

KEYNES FUORI TEMPO MASSIMO

In realtà Chavez ha applicato politiche ispirate a Keynes, finalizzate a una spesa pubblica orientata a stimolare la domanda, e al potenziamento dell'istruzione pubblica e del sistema sanitario. Aveva respinto la privatizzazione del sistema pensionistico. Insomma, sono politiche di una tranquilla sinistra che, alla luce dei tempi globalizzatori, viene dipinta come ingenua e demodé, però è temuta perché è un ostacolo ai desiderata in voga.

INVESTIRE NELL'ISTRUZIONE

I consiglieri economici del governo proponevano un modello "umanista, autogestito e competitivo" nel quale "il principale investimento è l'istruzione, ossia il capitale umano". Chávez intendeva spendere in assistenza sociale - scuole, ospedali, case, tecnologia e sicurezza - i circa 2,1 miliardi di dollari che provengono dalle riserve di cambio della Banca centrale del Venezuela (Bcv).

POCO ADDOMESTICABILE

Chavez si era rivelato poco addomesticabile. Bush - e con lui i signori della globalizzazione - hanno premuto il bottone e ne hanno decretato la fine. Ma tutte queste cose non ce le spiegano quei telegiornali e quei giornalisti che - loro sì ben addomesticati - si limitano a far apparire un golpe militare come una festosa rivolta di tutto il popolo venezuelano contro Chavez, il populista
 
Scritto da El Chacal
Venezuela: Contro Colpo di Stato

In Venezuela torna al potere Chavez, deposto venerdì di red.

Contro-colpo di stato in Venezuela. A meno di 48 ore dalla sua destituzione, Hugo Chavez è stato reintegrato nella carica di presidente del Paese sudamericano. Non è chiaro se il suo effimero successore, Pedro Carmona, presidente degli industriali venezuelani, sia stato arrestato o si sia semplicemente dimesso.
Il popolo venezuelano «non avrebbe tollerato un'autocrazia»: ha detto Hugo Chavez, nella sua prima dichiarazione dopo aver ripreso il potere ed essere rientrato a Caracas. Acclamato da migliaia di suoi sostenitori riuniti davanti al palazzo presidenziale di Miraflores, Chavez ha parlato di «giornata da iscrivere nella grande storia dell'America latina».«Chavez, Chavez, Chavez ti amiamo», gridava la folla.
Il golpe in Venezuela è dunque fallito e Hugo Chavez è tornato in trionfo a Caracas. Dopo una notte di disordini e manifestazioni in favore del deposto capo di stato, Chavez è tornato in volo dall'isola di La Orchila, nei Carabi, dove era stato tenuto dagli alti ufficiali che avevano organizzato il colpo di stato, e ha fatto il suo ingresso a palazzo Miraflores, circondato dagli applausi della folla e dalle note di una banda militare. Già alcune ore prima dell'alba i sostenitori dell'ex-presidente si erano raccolti a migliaia intorno al palazzo presidenziale, dove Pedro Carmona, presidente della Confindustria locale, aveva appena rimesso il brevissimo mandato di capo di stato. L'edificio era stato poi preso da truppe fedeli a Chavez.
Il ritorno di Chavez è dovuto ad una inaspettata marcia indietro effettuata dai vertici militari che, alle prime ore dell'alba di venerdì lo avevano destituito, consentendo a Pedro Carmona di insediarsi al potere come capo di stato, affiancato da una giunta provvisoria. Apparentemente a far cambiare repentinamente posizione alle forze armate venezuelane sono state in particolare le pressioni dei governi latinoamericani. Vari presidenti hanno infatti chiesto più o meno esplicitamente l'espulsione del Venezuela dall'Organizzazione degli stati americani (Osa). Appunto per questo - mentre a Caracas la polizia era impegnata in una caccia all'uomo con l'obiettivo di arrestare i membri dei Circoli Bolivariani accusati del massacro di
giovedì che ha provocato 12 morti e 100 feriti - il capo dell'esercito, generale Efrain Vasquez ha imposto a Carmona di ritornare sui suoi passi, ripristinando le garanzie costituzionali che erano nel frattempo state sospese.
Carmona ha subito accettato. Ma, nello stesso tempo, è stato costretto a trasferirsi da Palazzo Miraflores ad una caserma perché migliaia di chavisti hanno preso d'assalto l'edificio.
 
Scritto da El Chacal
La "guerra a bassa intensità" contro il governo costituzionale venezuelano del Presidente Hugo Chavez Frias conta (insieme al petrolio) un potente apparato mediatico interno ed internazionale. Infatti l'aggressione mediatica gioca un ruolo centrale per il "controllo delle idee e dei cuori" nella strategia di destabilizzazione a cui è sottoposta questa originale esperienza di trasformazione. Un apparato che funziona a reti unificate praticamente 24 ore al giorno, a volte con una propaganda apertamente terrorista, che fa sfacciatamente appello alla violenza, alla ribellione militare, a non riconoscere il governo, violando tutte le leggi in materia. L'obiettivo di questa strategia mediatica è creare un clima psicologico per dimostrare la debolezza del governo e dare una dimostrazione di forza.

Chi scrive ha potuto toccare con mano, durante più di tre mesi passati nel paese, lo sfrontato cocktail di menzogne, manipolazione, aggressività, violenza e tergiversazione, in un crescendo ossessivo, adoperato nel Paese e all'estero per screditare il "processo bolivariano". Sui canali televisivi commerciali fioccano gli insulti contro il Presidente: «scimmia, pazzo, figlio di...», pronunciati da qualche signora ingioiellata del Rotary Club di Caracas. Interminabili editoriali chiamano all'insurrezione contro il "dittatore" Chavez, chiedono alle Forze Armate di disobbedire, di ribellarsi, di unirsi all'opposizione.

Tra gli uomini d'affari che hanno organizzato il tentato colpo di stato dell'aprile 2002 due sono le figure principali. Il primo è Luis Giusti, l'ex-presidente della compagnia statale di petrolio Pdvsa, (Petroleos de Venezuela S. A.). Il Venezuela è oggi il quinto produttore mondiale di petrolio e copre circa il 18% del fabbisogno energetico statunitense. Al momento della vittoria di Chavez la lobby petrolifera internazionale aveva due importanti obiettivi: privatizzare PdVSA e far uscire il Venezuela dall'Opep, (Organizzazione dei Paesi Produttori di Petrolio), di cui il Venezuela è il terzo esportatore. La mente del tentativo di privatizzazione era appunto Luis Giusti. Chavez blocca il progetto, annulla il piano di investimenti petroliferi 1999-2003 di ben 64 miliardi di dollari, aprendo la guerra con le multinazionali dell'energia. Le stesse che, dagli anni '80 controllavano la cosiddetta compagnia "di Stato" per mezzo di programmi di "internazionalizzazione dell'impresa", investimenti, concessioni, joint ventures, ecc. La Cia, tramite una società di comodo (Intesa-SAIC) ne gestiva la banca dati informatica e quindi la stessa capacità operativa. Luis Giusti è attualmente uno dei "consiglieri energetici" dell'amministrazione Bush, che conta su figure chiave dell'industria petrolifera tra cui il vicepresidente Dick Cheney e la Consigliera per la sicurezza nazionale Condoleeza Rice. La seconda figura chiave della dinamica golpista venezuelana è Gustavo Cisneros, un magnate dell'oligarchia antichavista venezuelana, di origini cubane, con interessi ramificati in tutto il continente americano. Attento alle public relations, Cisneros si muove a tutto campo, dalle reti universitarie, a quelle economiche e politiche delle elite del dominio globale. In campo accademico è consigliere di diverse e prestigiose università statunitensi, fa parte della task force delle Nazioni Unite su Tecnologie dell'informazione e Comunicazione. Nonché del Foro Economico Mondiale (quello di Davos). Della ristretta cerchia di soci fa parte anche Agustìn Edwards, l'imprenditore cileno dei media proprietario del quotidiano ultraconservatore El Mercurio, che ha svolto una importante ruolo nel golpe cileno contro Allende del 1973.

Sul versante politico Cisneros ha avuto buoni rapporti con Ronald Reagan, con Bill Clinton ed il suo Ministro degli Esteri, Cyrus Vance. Membri di tutto rispetto del circolo economico attorno alla famiglia Bush, hanno amicizie di lunga data con i cubani anticastristi di Miami. Il gruppo conta con un impero economico di 70 imprese in 39 paesi, con un fatturato (probabilmente sopravvalutato) di più di 4000 milioni di dollari. Oltre l'industria alimentare, i suoi principale investimenti sono nei mass-media: la Tv via satellite Directv Latin America, possiede più di 300 canali video e audio in 28 paesi; Univision è la maggiore catena televisiva in lingua spagnola negli Usa; Venevision un'importante Tv venezuelana e Venevision International, uno dei più forti in America Latina. Nel 1997 lancia Playboy Tv Iberia che trasmette in Spagna e Portogallo ed in seguito acquista il controllo della Cadena Caracol in Colombia. Nel 1998 dà vita ad una joint venture con Americaonline dalla quale nasce Americaonline Latin America (Aola) che offre servizi interattivi in Brasile, Messico, Argentina e Puerto Rico. E' da qui che nasce la connessione con Cnn, Aol ed il gigante multimediale Time Warner. La Cnn, si fonde nel 1996 con il gruppo Time Warner, che a sua volta è assorbita nel gennaio del 2001 con Aol che ne ottiene il controllo azionario. La Cnn rimane così subordinata ad Aol con i quali, appunto, Cisneros aveva dato vita ad una impresa mista. Da gigante indipendente, la Cnn diventa una delle tante imprese del colosso multimediale Aol-Time Warner. La compagnia petrolifera venezuelana possiede inoltre la più grande catena di distributori di benzina statunitense, la Citgo, con circa 15.000 stazioni di servizio ed otto raffinerie, nove in Europa ed altrettante in Venezuela e nei Caraibi. Torniamo al Venezuela. Negli anni ‘60 il canale televisivo Venevision, cresce a dismisura grazie alla simbiosi con i governi democristiani e socialdemocratici che si alternano alla guida del paese. Concessionari della Coca Cola, in passato erano proprietari di una catena di supermercati venduti in seguito per entrare nel business della comunicazione. Nel paese sono proprietari di una squadra di baseball, di fabbriche di birra e di alimenti Sono altresì concessionari dell'industria di attrezzature e abbigliamento sportivo Spalding e di varie catene di fast food. Controllano la distribuzione cinematografica, una casa discografica e diversi negozi musicali. Allo stesso tempo sono co-proprietari dell'impresa telefonica e di trasmissione dati Telcel, associata alla multinazionale Bell South.

Durante il colpo di stato dell'aprile 2002, la Direct Tv ha tenuto in onda il segnale televisivo di tutti i canali golpisti, mentre Telcel è stato lo strumento per bloccare le chiamate telefoniche tra i dirigenti di governo, così come per localizzarli.

In previsione del golpe e di una possibile reazione del governo, che avrebbe potuto tagliare il segnale delle TV, grazie a Cisneros, era pronto un ponte con il Messico per rimandare il segnale via satellite. Ma in quell'occasione l'unico canale oscurato è stato quello statale, con un lavoro da specialisti. In Aprile, mentre dai "barrios", migliaia di persone erano in strada, chiedendo a gran voce la liberazione del Presidente Hugo Chavez a difesa della legalità costituzionale, le Tv private trasmettevano telenovelas e cartoni animati. Dopo il golpe e la recente serrata, il tam-tam dei sostenitori del governo ha lanciato una campagna di boicottaggio dei media che mentono.

Da parte sua, il governo ha a disposizione un canale televisivo, una radio, nessun mezzo della carta stampata. Una sola Tv ed una radio nazionale. Nelle mani dell'opposizione, gli altri canali televisi a copertura nazionale ed innumerevoli canali locali, oltre alla quasi totalità della stampa nazionale e periodici locali. Sono quelli che "denunciano" le minacce alla libertà di stampa da parte del "castro-comunista" Chavez, immediatamente amplificati a livello internazionale. Tra i più attivi megafoni, l'organizzazione "Reporters Sans Frontieres" con sede in Francia. La vecchia S. i. p. (Sociedad Interamericana de Prensa, che riunisce i proprietari dei media latinoamericani) grida contro la "dittatura". Quello descritto da questi solerti signori sembra davvero il regno del terrore, tra torture e repressione. Sembra la vicina Colombia su cui, al contrario, la S. i. p. non spende molto inchiostro.
 

Allegati

  • opep2.jpg
    opep2.jpg
    18,8 KB · Visite: 1.212
Ultima modifica:
Chávez acusa a Bush de secuestrar presidentes

Olvídense de recibir petróleo venezolano si me sacan
Chávez acusa a Bush de secuestrar presidentes
Caracas.- El presidente venezolano, Hugo Chávez, dijo ayer que sus opositores siguen un plan violento en su contra "made in USA", y que su homólogo de EUA, George W. Bush "secuestra presidentes", en alusión al haitiano Jean-Bertrand Aristide.
"Aquí en Venezuela se llevarán una sorpresa" en caso de que EUA intente lo mismo", recalcó Chávez en su tradicional programa dominical de emisoras estatales de radio y televisión "¡Aló, presidente!"
Tras mostrar imágenes que registraron los violentos incidentes opositores que se extendieron durante cinco días, Chávez denunció que sus opositores incluso utilizaron ametralladoras.
"Fusilería y no sólo contra la Guardia Nacional (GN, policía militarizada), sino también contra la población. No tengo dudas: hemos enfrentado subversión armada de grupos organizados y armados con armas de guerra, apoyados por cuerpos policiales (...) y parte de la llamada Coordinadora Democrática", la alianza opositora, "en un plan que tiene factura made in Washington, made in USA", sostuvo.
Este fue el segundo domingo consecutivo que Chávez acusó de lo mismo a Bush.
"Todo esto es parte de un plan que no es criollo -agregó Chávez- e insistió en que "el Gobierno del señor George W. Bush tiene sus manos metidas en el plan de desestabilización contra Venezuela, contra el pueblo, contra las instituciones venezolanas, contra la democracia venezolana".
Chávez dijo que el ex presidente Aristide, que abandonó el poder el pasado domingo, fue víctima de un "secuestro express", corroborando lo que afirmó hace unos días el ex gobernante haitiano desde su exilio de República Centroafricana, desmentido por EUA.
"El Gobierno de EUA secuestrando presidentes. Aquí en Venezuela les digo (...) ni se les ocurra intentar algo parecido, porque se llevarían otra minúscula sorpresa", añadió e insistió en su hipótesis de que Bush también estuvo detrás del fallido golpe en su contra de 2002 y que, incluso, entonces envió aviones y navíos de guerra a Venezuela, algo rechazado reiteradamente por Washington.
Ello, afirmó, con el objetivo de sacarlo del país, o en el peor de los casos, agregó, de tirarlo al mar.
"A Venezuela se la respeta y lo que hago es solicitarle un basta, como ya se le ha dicho en privado (...) y ahora en público, exigirle eso al Gobierno del señor George W. Bush, que secuestra presidentes, que instiga golpes de Estado, como en las peores épocas del imperialismo norteamericano en América Latina, sobre todo, pero más allá también, en el Medio Oriente, en Asia, en Africa", subrayó.
El gobernante venezolano agregó que es la "extrema derecha histórica de EUA, guerrerista, la que hoy lamentablemente impera en la Casa Blanca" y que ello "es una verdadera amenaza para el mundo."
Al igual que hizo la semana pasada en su programa, dijo que los estadounidenses deben olvidarse de recibir petróleo si lo sacan del poder como a Aristide, y subrayó que desde hace más de un siglo "no hay lugar más seguro para el suministro petrolero a EUA que Venezuela".
"¿Qué pretende ese Gobierno, desestabilizar su fuente segura? Uno no puede entender la actitud del señor Bush de apoyar a los golpistas (...) y ha contribuido a la desestabilización (...), afectando indirectamente a su propio país, con el incremento del precio de los combustibles", sostuvo.
Insistió en que "si me secuestran (...), resistiríamos con todo lo que podamos resistir" y "comenzaría la guerra de los cien años y créanme que no sólo en Venezuela, sino en buena parte de América Latina y el Caribe, contra el imperialismo".
"A estas alturas la revolución bolivariana (como llama a su régimen) tiene suficientes aliados en este continente para iniciar la guerra de cien años y no sólo en territorio venezolano", advirtió.
EFE

A reparar
El presidente de Venezuela, Hugo Chávez, instó ayer a la oposición a aceptar la decisión del Consejo Nacional Electoral (CNE) de que más de 800.000 electores deben ratificar sus firmas para convocar un referendo revocatorio de su mandato.
Reuters
 
Re: OJO PELAO........It Couldn't Happen Here!

PETROLIO:SALE A 37,47 DLR BARILE,VICINO A MASSIMI 13 ANNI FA
(ANSA-BLOOMBERG) - ROMA, 8 MAR - Non si arresta la corsa del petrolio, che a New York sale in apertura a 37,47 dollari al barile, lo 0,6% in più rispetto alla chiusura di venerdì, raggiungendo i livelli toccati durante l'attacco americano in Iraq del marzo scorso e avvicinandosi pericolosamente ai massimi dai tempi della prima guerra del Golfo (37,55 dollari al barile). A spingere le quotazioni del greggio con consegna ad aprile sono le preoccupazioni per l'instabilità politica in Venezuela, terzo produttore dell'Opec, che potrebbe limitare le proprie esportazioni sul mercato internazionale. (ANSA).
http://mercati.finanza.tiscali.it/tiscali/news.htm?u=0&k=0&id=22329442
---------------------------------
 

Allegati

  • opep2..jpg
    opep2..jpg
    18,8 KB · Visite: 512
Benzina, in autostrada vola a 1,1 euro al litro

Benzina a 1,1 euro al litro sulle autostrade. Sulla rete ordinaria il carburante costa intorno alle 1,099 euro al litro. In autostrada invece a causa dei differenziali previsti per questo tipo di impianti per un litro di senza piombo sono già necessari anche fino a 1,107 euro al litro. E' il prezzo più alto da un anno a questa parte, dalla vigilia della guerra in Iraq, e l'impennata dei prezzi ha spinto il governo a tentare di correre ai ripari convocando per giovedì prossimo petrolieri e sindacati per fare il punto della situazione.

Non è in grado di fare previsioni il ministro delle Attività produttive Antonio Marzano, secondo il quale si tratta di una situazione anomala. "Per finanziare il contratto degli autotrasportatori - ha detto il ministro delle Attività produttive - abbiamo aumentato l'accisa, speravamo fosse recuperabile attraverso la forza dell'euro ma questo non è accaduto".

Immediata la reazione delle associazioni dei consumatori che propongono il boicottaggio delle compagnie più care e l'istituzione di una commissione d'inchiesta parlamentare che accerti il perchè del "meccanismo perverso della doppia velocità che caratterizza gli andamenti del prezzo dei carburanti: velocissima al distributore quando il petrolio sale e lentissima in discesa".

Una note dell'Unione petrolifera, che conferma l'opinione già espressa in giornata dal suo presidente Pasquale De Vita, spiega l'impennata dei prezzi dei carburanti con l'aumento delle quotazioni internazionali petrolifere, il cedimento dell'euro sul dollaro ed una maggiorazione dell'accisa per un aggravio complessivo di 0,056 euro al litro, di cui però solo una parte sarebbe stata trasferita sul prezzo al consumo.


http://www.kataweb.it/news/detail.jsp?idCategory=2231&idContent=633118
 

Allegati

  • opep2...jpg
    opep2...jpg
    18,8 KB · Visite: 510
Firmata a Bagdad, tra esplosioni e agguati, la Costituzione provvisoria

Firmata Costituzione provvisoria irakena
Ma l'ayatollah sciita Al Sistani la boccia
L'appuntamento tanto atteso e tanto rimandato era per le 13, ora locale, da noi erano le 11 del mattino. Ma tutto, ancora una volta, si è fermato, anche se questa volta solo per pochi istanti. Baghdad è scossa da una serie di esplosioni: colpi di mortaio, si scoprirà poi, diretti contro una stazione di polizia. I boati, le macerie, e i feriti, almeno 5 persone, due agenti e tre civili, fortunatamente nessun morto. La firma solenne della costituzione provvisoria irachena faceva però temere anche di peggio. La cerimonia era stata posticipata già due volte, la prima per gli attentati contro gli sciiti a Kerbala e a Bagdad nel corso della Ashura, e poi venerdì scorso, perché proprio gli sciiti non erano convinti degli articoli che andavano a sottoscrivere, uno dei quali, in particolare, conferiva a loro avviso troppa autonomia ai curdi nel nordest del paese. Ma oggi quel momento è arrivato, e i 25 membri del consiglio transitorio iracheno hanno sottoscritto - promotore, testimone e garante il proconsole americano Paul Bremer - la carta che regolerà in nuovo Iraq del dopo Saddam. Lo regolerà non per molto, fino a che i poteri saranno consegnati dalle forze della coalizione agli stessi iracheni e verranno eletti un nuovo parlamento e un nuovo governo, non oltre la fine del 2005. Eppure la firma è stata travagliata, molti gli interessi in campo, troppe le tensioni fra i diversi gruppi etnici e le confessioni religiose. E c'è voluto il sì - mai esplicitato - del più autorevole leader religioso sciita, Al Sistani, per chiudere la partita negoziale. Un Sistani che però già oggi torna alla carica, mentre a Bagdad arrivano quasi in contemporanea le felicitazioni di Washington e dell'Iran: "qualsiasi legge elaborata nel periodo di transizione non avrà legittimità finché non sarà approvata da una assemblea nazionale eletta". Democrazia e federalismo alla base di questa costituzione, e l'islam come fondamento, ma non unico. Attorno, nella capitale e in tutto l'Iraq, la tensione è alle stelle, i controlli sono rafforzati. Si temono nuovi attentati. E a Falluja viene attaccato un convoglio americano di rifornimenti.
http://www.tg5.it/altre_notizie/schede/scheda_030320204437.shtml
--------------------------
Firmata a Bagdad, tra esplosioni e agguati, la Costituzione provvisoria :mmmm:
 

Allegati

  • opep2....jpg
    opep2....jpg
    18,8 KB · Visite: 497
lunedi 8 marzo 2004 :
Cosa succede in Venezuela
Viaggio nello Stato di Miranda : cosa funziona e cosa no nella riforma agraria del governo Chavez.

Una riforma che resta il primo storico tentativo di dare una soluzione alla dipendenza dalle importazioni Venezuela, la terra a chi lavora Buche, crateri, voragini nella carreggiata. La strada che esce da Caracas verso lo Stato Miranda risale ai tempi della Venezuela Saudita, quando le entrate del petrolio erano tali che un governo megalomane con la fissazione delle infrastrutture in grande stile si innamorò perdutamente dell'asfalto ad ogni costo. Investimenti miliardari e manutenzione nulla.

Ora, in molti tratti, è un colabrodo. Percorrerla ad alta velocità è un'impresa anche per gli spericolati tassisti caraqueñi. Un'autostrada con vista sulla periferia metropolitana : chilometri e chilometri di baracche e stracci, la cintura di bidonvilles in cui vive un'abbondante metà della capitale. Superato l'ultimo colle, il quartiere di solo cartone degli sfollati colombiani, la strada si infila nel paesaggio dolce delle piantagioni di cacao.

Vegetazione fitta, verde assoluto, il caldo umido della regione tropicale. Qui comincia lo stato di Miranda, regno della famiglia Mendoza, padrona della Polar, il logo della birra venezuelana, seconda industria del paese, un impero alimentare in mano al governatore dello Stato, Enrique Mendoza, uno dei capi del fronte anti-Chavez. Incastonato nella sua proprietà, è nascosto uno degli esperimenti meno riusciti della riforma agraria del governo Chavez. Siamo andati a vedere perché.

Incaricato di tradurre in pratica l'ordine presidenziale - « la terra a chi lavora » - l'Istituto nazionale della terra (Inti) tra queste fronde ha dichiarato guerra agli eserciti di guardie private che sorvegliano a mano armata ettari e ettari incolti. In pochi mesi qui sono state costruite dieci casette bifamiliari colorate, stile villaggio Valtour. Ci sono state portate altrettante famiglie di nullatenenti, nessuno nato da queste parti, tutti sopravvissuti per miracolo alla peggiore alluvione che il Venezuela ricordi.

Un programma dell'Inti, profumatamente finanziato dai fondi governativi, ha creato dal nulla un avveniristico centro agricolo.

Tutto pronto da tempo. Le dieci famiglie, fatte riunire in cooperative, avrebbero dovuto prenderlo gradualmente in gestione. Per poi emanciparsi dai sussidi statali (senza i quali al momento creperebbero di fame) cominciando a commerciare, sempre in forma cooperativa, i prodotti coltivati nel centro.

Esperimenti identici, altrove nel paese, funzionano alla perfezione. Qui, in quest'angolo sospeso di mondo che qualcuno ha surrealmente battezzato Buenos Aires, nulla è andato per il verso giusto. I campesinos non ne vogliono sapere di fare i campesinos. Non partecipano alle assemblee e litigano tra loro. Da Caracas sono state spedite tre sociologhe, a capire cosa non va.

Tutte e tre rigorosamente vestite di rosso, illustrano con bolivariano trasporto i dettagli del progetto. Sinceramente costernate dai suoi esiti discutibili. La mangiatoia non serve : l'abbeveratoio è costruito al contrario e bisognerà buttare giù tutto prima di farne un altro. La cooperativa nemmeno funziona, perché loro, i campesinos, non riescono a mettere insieme uno straccio di assemblea. Spiegazione ? « L'opposizione soffia sul fuoco - dicono tutte e tre - il leader naturale del gruppo si è lasciato abbindolare dai tirapiedi di Mendoza. Semina zizzania, boicotta il lavoro e si tira dietro gli altri ».

Il tipo in questione è tale Carlito, sguardo torvo e canottiera. Da ore fissa da lontano il gruppo di ospiti in visita senza avvicinarsi. Poi piomba come una furia : « Campiamo con i soldi di Caracas. Non ce la faremo mai da soli ». Sembra un deluso inferocito piuttosto che un cinico doppiogiochista.

L'insofferenza verso le tre sociologhe la dissimula a stento. « Non capisco quando parlano. Sono arrivate qua con le fotocopie e i telefonini. Non mi ascoltano. Ho presentato un progetto, non mi hanno mai detto che fine ha fatto ». Carlitos, gli chiedono, vediamo cosa non va nell'orto collettivo. Si rabbuia, mani in tasca, parla a fatica. « Io non lo voglio l'orto con gli altri. Voglio l'orto mio dove coltivo quello che mi pare e poi lo vendo ». La terra è di tutti, non è tua - gli spiegano con dolcezza affettata - non ci puoi fare quello che ti pare. « Se non ci posso fare quello che voglio allora non faccio niente. Io non ci lavoro con i colombiani. Datemi un pezzetto piccolo. Sceglietelo voi e io lo coltivo ». Tira fuori dalla tasca un foglietto strapazzato. E' il suo progetto. Quello che da due mesi si è perso nel labirinto dell'Inti. Parla di quell'idea di coltivare melanzane e yuca tra le palme con gli occhi accesi. La sociologa lo ascolta distratta e scuote la testa. Più tardi spiegherà : Buenos Aires è l'unico posto in cui il piano procede così a rilento. Giura che altrove tutto va a meraviglia. « Questioni ambientali », dice lei.

Incognite Carlitos a parte, i progetti agrari del governo Chavez hanno vita difficile ma sono storicamente il primo tentativo di risolvere uno dei più evidenti paradossi del paese : il Venezuela importa più del 70 per cento del suo fabbisogno alimentare. Da queste parti, per clima e quantità di terreno a disposizione, si potrebbe coltivare quasi tutto. Invece lo si importa. Ciò avvantaggia la grande distribuzione e le imprese di import, tutte private, ma condanna alla fame i piccoli produttori che infatti non esistono. Nel pacchetto dei 49 decreti legge varati da Chavez nel novembre 2001, c'era anche quello che apriva la strada alla riforma. Le proprietà private produttive non venivano sfiorate da quella prima bozza di testo, tutto puntato alla spartizione del latifondo.

Lo scheletro della legge è semplice : nessuno può possedere più di 5 mila ettari (solo la famiglia Boulton possiede un quarto delle terre venezuelane), i territori coltivabili abbandonati saranno espropriati o sottoposti al pagamento di una tassa. E' assai diffusa l'occupazione illegale da parte di latifondisti che, abituati a considerare proprio tutto ciò che non è circondato da filo spinato altrui, si sono nel tempo impossessati di enormi porzioni di terreno pubblico.

La legge viene promulgata a dicembre. A fine 2002 il tribunale supremo, lo stesso che nell'agosto 2002 dichiarerà improcessabili i generali golpisti decretando così la loro impunità, annulla due articoli chiave della riforme : l'89 e il 90. Il primo consentiva all'Inti di garantire i gruppi di contadini impegnati nell'occupazione di terre pubbliche dichiarate proprie da un latifondista. Il secondo toglieva il diritto di indennizzo a un sedicente proprietario espropriato che avesse costruito sulla terra illegalmente occupata. Il problema verrà poi in parte aggirato da un decreto in cui il presidente permette l'occupazione delle terre contese.

L'Inti ha sostituito il vecchio istituto nazionale agrario, fedele ai grandi potentati privati venezuelani. Come avviene in molte istituzioni create a tavolino dal governo bolivariano, quando si è trattato di dare un personale all'Inti è stato nominato un vertice politico lasciando che i vecchi quadri medi restassero ai loro posti. Ciò ha consegnato l'attuazione della riforma agraria in mano a una burocrazia insediata nei corridoi dell'Istituto da anni, livorosa nei confronti del nuovo governo, dedita al boicottaggio da scrivania. A ciò va aggiunta la scarsa familiarità dei venezuelani con qualsiasi tipo di archivio, figurarsi il catasto. In un paese in cui un'ampia porzione di popolazione ha due carte di identità o nessuna e non si riesce a stabilire nemmeno un numero pressoché certo di abitanti, non è impresa semplice far funzionare un catasto che non è mai esistito. E come si fa a distribuire terre, macchinari, crediti per mini-imprese, se le amministrazioni e i ministeri sono popolati da pachidermici impiegati in buona parte anti-chavisti, che intralciano la realizzazione di ogni progetto ?

A complicare il quadro ci sono le guardie private dei grandi proprietari. Nella guerra della terra, nel paese del latifondo, si uccide davvero : 80 contadini fatti fuori in 24 mesi.

pubblicato da : Angela Nocioni
lunedi 8 marzo 2004
http://bellaciao.org/it/article.php3?id_article=2446
---------------------------
 
7 marzo 2004 22.08

Venezuela: Chavez assicura indagini su disordini con 9 morti

CARACAS - Il presidente Hugo Chavez, in riferimento agli scontri tra manifestanti dell'opposizione avvenuti la settimana scorsa, con un bilancio di almeno nove vittime, ha assicurato oggi che «si sta investigando e si investigherà su tutti gli episodi di violenza, soprattutto quelli in cui ci sono stati dei morti».

Lo ha sostenuto durante il suo abituale programma per radio e tv 'Alò, Presidente', in cui ha anche sfidato l'opposizione ad impegnarsi nella verifica delle oltre 800.000 firme considerate 'sospette' dal Consiglio nazionale elettorale (Cne), delle quali devono esserne riconosciute valide quasi 600.000 perché possa venire indetto un referendum per la revoca del suo mandato.

«Non vogliamo un morto in più», ha anche affermato Chavez, che dopo aver ammesso che il corteo dell'opposizione di ieri «non è stato da poco», ha aggiunto: «Il meglio di ieri è stato il fatto che chi ha marciato ma, soprattutto chi l'ha organizzato, ha deciso che non ci fosse violenza. Per contro c'è violenza quando alcuni dei dirigenti oppositori decidono che ci sia».

072205 mar 04
SDA-ATS
http://www.swissinfo.org/sit/Swissinfo.html?siteSect=143&sid=4770382
---------------------
 
Nulla fermerà il progetto bolivariano

L A N O S T R A A M E R I C A
L'Avana. 9 Marzo 2004

Nulla fermerà il progetto bolivariano
• Hugo Chávez ribadisce i cinque punti strategici fondamentali e fissa nuevamente la posizione sovrana del Venezuela

di Pastor Batista e Franklyn Reyes (inviati speciali)

Caracas– La determinazione di continuare a spingere senza fermarsi, il progetto della Rivoluzione bolivariana, “per quante perturbazioni possa provocare”, è stata riconfermata la scorsa domenica qui da Hugo Chávez Frías, dal suo popolare programma “Aló Presidente”, la cui 183ª puntata è arrivata di nuovo in tutta la nazione e in gran parte del pianeta.

Nel suo intervento, il Capo di Stato venezuelano ha ribadito i punti strategici fondamentali di quel progetto: costruire una democrazia veramente partecipativa e protagonista; una società d’uguaglianza, senza esclusioni né povertà; un’economia produttiva, diversificata ed umanista che aiuta a soddisfare i bisogni fondamentali; uno sviluppo integrale, sostenibile ed ecologico del territorio e della popolazione e contribuire alla configurazione di un mondo multipolare, di rispetto per il diritto internazionale e per la sovranità degli stati.

Dopo aver esortato, ancora una volta, alla riflessione coloro che dirigono le posizioni golpiste contro il Governo, Chávez ha sottolieato che “tutto questo piano è made in Washington” ed ha nuovamente criticato l’intromissione del Presidente nordamericano negli affari interni del Venezuela, contro la democrazia, la sovranità, il Governo ed il popolo di questa nazione.

Ha anche aggiunto che “la minaccia della Casa Bianca è una minaccia contro il mondo”, dimostrata dalle tristi vicende di Haiti, con il sequestro di Jean Bertrand Aristide e con il suo trasferimento nella Repubblica Centroafricana.

Di fronte a questa realtà, il Presidente venezuelano si è dimostrato sicuro, perché “qui – ha detto – c’è dignità, qui ci sono i resti di Simón Bolivar, il Liberatore dell’America… qui resisteremo con tutto quello con cui possiamo resistere.

“E a quest’altezza – ha aggiunto Chávez – la Rivoluzione bolivariana ha sufficienti alleati in questo continente per iniziare la guerra dei 100 anni, e non solo nel territorio bolivariano”.

Chávez ha anche affermato che sono stati destinati 600 milioni di dollari per lo sviluppo dell’agricoltura, dei quali gran parte saranno investiti nell’acquisto delle vacche per aumentare a breve termine il loro numero e i livelli di produzione del latte e della carne, e creando anche un grande cambiamento nella coltivazione del mais, del riso, del cotone, della soia e di altri settori non meno importanti.

Il presidente del Venezuela ha inviato un saluto di rispetto e d’ammirazione a tutte le grandi donne della patria e del mondo, in occasione del Giorno Internazionale della Donna.

http://www.granma.cu/italiano/2004/marzo/mar9/vene-it.html
 
Indietro