tassazione redditi da compravendita Bitcoin

rational

Nuovo Utente
Registrato
29/1/12
Messaggi
11.958
Punti reazioni
302
Ho chiesto alla agenzie delle entrate come devo dichiarare il reddito derivante dalla compravendita di Bitcoin.


Testo risposta:

Gentile sig xxxxxxxx, la fattispecie da lei indicata non è specificamente prevista dalla norma tributaria. Pertanto la invitiamo a utilizzare lo strumento dell'interpello. Cordiali saluti

La presente risposta non è resa a titolo di interpello ordinario ai sensi dell'art.11 della legge n.212 del 2000, bensì a titolo di assistenza al contribuente ai sensi della Circolare Ministeriale n.99/E del 18/05/2000.

Agenzia delle Entrate
Centro di Assistenza Multicanale di xxxxxx
Contact Center
IL DIRETTORE

-------

qui cosa è l'interpello: Agenzia delle Entrate - Documentazione - Interpello



Ho sfogliato velocemente questa guida:
Guida all'utilizzo dell'interpello

Sembrebbe che:
1) si debba inviare questo interpello in cui si indica come si vuole procedere nel dichiarare una rendita che risulta in dubbio.
2) si otterrà una risposta in cui verrà detto al contribuente come procedere, se nel modo proposto o diversamente
3)invece se l’amministrazione non risponde nel termine di 120 giorni, scatta il silenzio-assenso nei confronti dell’ipotesi di soluzione prospettata dal contribuente (si intende, cioè, che l’amministrazione concordi con la soluzione da lui data). Il contribuente può dare applicazione alla norma in questo senso, e qualunque successivo atto dell’amministrazione (sia di accertamento che sanzionatorio) emanato in difformità di questa interpretazione è nullo.

correggetemi se ho capito male


------------
quindi, visto l'art.3 , quale soluzione a mè piu favorevole potrei indicare nell'interpello?
qualcuno ha voglia di scrivermi un paio di righe da inviare come interpello?
 
In mancanza di norme certe... la tassazione è SEMPRE a favore del contribuente secondo me... quindi zero...!!! :)

Che si diano da fare per introdurre le novità in materia...!!! :)
 
Ho chiesto alla agenzie delle entrate come devo dichiarare il reddito derivante dalla compravendita di Bitcoin.


Testo risposta:

Gentile sig xxxxxxxx, la fattispecie da lei indicata non è specificamente prevista dalla norma tributaria. Pertanto la invitiamo a utilizzare lo strumento dell'interpello. Cordiali saluti

La presente risposta non è resa a titolo di interpello ordinario ai sensi dell'art.11 della legge n.212 del 2000, bensì a titolo di assistenza al contribuente ai sensi della Circolare Ministeriale n.99/E del 18/05/2000.

Agenzia delle Entrate
Centro di Assistenza Multicanale di xxxxxx
Contact Center
IL DIRETTORE

-------

qui cosa è l'interpello: Agenzia delle Entrate - Documentazione - Interpello



Ho sfogliato velocemente questa guida:
Guida all'utilizzo dell'interpello

Sembrebbe che:
1) si debba inviare questo interpello in cui si indica come si vuole procedere nel dichiarare una rendita che risulta in dubbio.
2) si otterrà una risposta in cui verrà detto al contribuente come procedere, se nel modo proposto o diversamente
3)invece se l’amministrazione non risponde nel termine di 120 giorni, scatta il silenzio-assenso nei confronti dell’ipotesi di soluzione prospettata dal contribuente (si intende, cioè, che l’amministrazione concordi con la soluzione da lui data). Il contribuente può dare applicazione alla norma in questo senso, e qualunque successivo atto dell’amministrazione (sia di accertamento che sanzionatorio) emanato in difformità di questa interpretazione è nullo.

correggetemi se ho capito male


------------
quindi, visto l'art.3 , quale soluzione a mè piu favorevole potrei indicare nell'interpello?
qualcuno ha voglia di scrivermi un paio di righe da inviare come interpello?
Ciao mi potresti spiegare o indicarmi cosa sono.e come funzionano i bit coin?
Grazie
 
correggetemi se ho capito male


------------
quindi, visto l'art.3 , quale soluzione a mè piu favorevole potrei indicare nell'interpello?
qualcuno ha voglia di scrivermi un paio di righe da inviare come interpello?

Hai capito bene.

Come soluz.più favorevole, prospetta di "non dover dichiarare alcuna plusvalenza in quanto la normativa attualmente in vigore non considera la compravendita tra privati di bitcoin come una fonte di reddito sottoposta a tassazione di sorta".

Non devi inviare "un paio di righe": guarda esempi di interpello su internet e ricalca/ricopia. L'ipotesi favorevole, almeno, te l'ho scritta io.

Mandala subito, così approfitti delle ferie natalizie e magari eviti il funzionario solerte che ti risponde picche entro il limite temporale!
 
Hai capito bene.

Come soluz.più favorevole, prospetta di "non dover dichiarare alcuna plusvalenza in quanto la normativa attualmente in vigore non considera la compravendita tra privati di bitcoin come una fonte di reddito sottoposta a tassazione di sorta".

Non devi inviare "un paio di righe": guarda esempi di interpello su internet e ricalca/ricopia. L'ipotesi favorevole, almeno, te l'ho scritta io.

Mandala subito, così approfitti delle ferie natalizie e magari eviti il funzionario solerte che ti risponde picche entro il limite temporale!

così va bene?

RACCOMANDATA A.R.
All’Agenzia delle Entrate
Direzione Regionale di xxxxx
Via.........................................
...........................................
Oggetto: istanza di interpello ai sensi dell’art. 11, Legge 27/07/2000 n° 212.
il sottoscritto *xxxxxxx, nato a xxxxx ilxxxxxxx,
residente xxxxxxxx C.A.P. xxxxxxxx
telefono xxxxxxxx, codice fiscale xxxxxxxxx ,
espone
il seguente caso concreto e personale:

vorrei sapere come devono essere dichiarate le plusvalenze ottenute dalla compravendita di Bitcoin.

Il sottoscritto ritiene che il caso prospettato debba essere risolto nel modo seguente:
non dover dichiarare alcuna plusvalenza in quanto la normativa attualmente in vigore non considera la compravendita tra privati di bitcoin come una fonte di reddito sottoposta a tassazione di sorta .

Poiché, peraltro, esistono oggettive condizioni di incertezza in merito alla disciplina
del caso sopra esposto, il sottoscritto lo sottopone a codesto Ufficio, con l’avvertenza
che qualora non riceva risposta entro il termine di cui all’art. 11 L. 212/2000,
si atterrà all’interpretazione sopra esposta, con tutte le garanzie di legge.
....................., lì ...........................
.....................................................
 
al punto 5 di questa guida http://www.cafitalia.eu/documenti/guida_interpello.pdf

leggo:

L’ISTANZA DI INTERPELLO, REDATTA IN CARTA LIBERA, È PRESENTATA MEDIANTE
SPEDIZIONE PER RACCOMANDATA CON AVVISO DI RICEVIMENTO, IN PLICO SENZA BUSTA.
I FOGLI SU CUI È SCRITTA L’ISTANZA NON DEVONO, CIOÈ, ESSERE INSERITI IN UNA BUSTA
MA PIEGATI IN DUE O ANCHE TRE PARTI (PER ADEGUARE IL PLICO AL FORMATO
PRESCRITTO DALLE POSTE), FERMANDO I BORDI CON COLLA (E NON CON PUNTI
METALLICI). SU UNA FACCIATA DEL PLICO VA SCRITTO L’INDIRIZZO, SULL’ALTRA
IL MITTENTE. IN ALTERNATIVA, L’ISTANZA PUÒ ANCHE ESSERE CONSEGNATA
DIRETTAMENTE ED IN TAL CASO SARÀ RILASCIATA APPOSITA RICEVUTA CON RELATIVO
NUMERO DI PROTOCOLLO


CIOè? CHE SIGNIFICA CHE I FOGLI SU CUI È SCRITTA L’ISTANZA NON DEVONO, CIOÈ, ESSERE INSERITI IN UNA BUSTA ???
 
CIOè? CHE SIGNIFICA CHE I FOGLI SU CUI È SCRITTA L’ISTANZA NON DEVONO, CIOÈ, ESSERE INSERITI IN UNA BUSTA ???

Vuol dire che stampi tutto su un foglio in modo che ci sia il testo in una facciata e i dati postali che metteresti sull'altra e poi pieghi il foglio in 3 parti in modo che il testo stia all'interno e rimanga all'esterno l'indirizzo di destinazione e mittente.
Poi con la colla incolli i bordi in modo che non sia apribile e la spedisci.
Così hai la certezza che il foglio che scrivi sia davvero quello che ricevono.
 
Vuol dire che stampi tutto su un foglio in modo che ci sia il testo in una facciata e i dati postali che metteresti sull'altra e poi pieghi il foglio in 3 parti in modo che il testo stia all'interno e rimanga all'esterno l'indirizzo di destinazione e mittente.
Poi con la colla incolli i bordi in modo che non sia apribile e la spedisci.
Così hai la certezza che il foglio che scrivi sia davvero quello che ricevono.

Io ho fatto un interpello, un paio di anni fa, con raccomandata in busta chiusa e dentro 2 o 3 fogli scritti al pc, e mi hanno anche prima telefonato e poi risposto ufficialmente
 
Io ho fatto un interpello, un paio di anni fa, con raccomandata in busta chiusa e dentro 2 o 3 fogli scritti al pc, e mi hanno anche prima telefonato e poi risposto ufficialmente

Pure a me sembra una precauzione paranoica, che gli frega a quelli dell'AdE di sostituire il testo del tuo interpello. :mmmm:
Ma ho fatto il servizio civile in un comune e certe comunicazioni andavano fatte per forza così... visto che l'interpello è corto non vedo grosse controindicazioni.
 
Vuol dire che stampi tutto su un foglio in modo che ci sia il testo in una facciata e i dati postali che metteresti sull'altra e poi pieghi il foglio in 3 parti in modo che il testo stia all'interno e rimanga all'esterno l'indirizzo di destinazione e mittente.
Poi con la colla incolli i bordi in modo che non sia apribile e la spedisci.
Così hai la certezza che il foglio che scrivi sia davvero quello che ricevono.

pazzesco, mai sentitaq uan cosa del genere, ieri ho anche chiamato l'ade e mi hanno detto di mettere tutto in un plico e così io ho fatto
 
pazzesco, mai sentitaq uan cosa del genere, ieri ho anche chiamato l'ade e mi hanno detto di mettere tutto in un plico e così io ho fatto

Anch'io a suo tempo misi un interpello in busta chiusa, e andò bene così. Il tuo mi sembra ben scritto.
Io chiesi se potevo far rientrare nelle detrazioni per "risparmio energetico" l'installazione di cisterne per la raccolta e il riutilizzo domestico dell'acqua piovana. Mi risposero di no :mad:
 
Anch'io a suo tempo misi un interpello in busta chiusa, e andò bene così. Il tuo mi sembra ben scritto.
Io chiesi se potevo far rientrare nelle detrazioni per "risparmio energetico" l'installazione di cisterne per la raccolta e il riutilizzo domestico dell'acqua piovana. Mi risposero di no :mad:

ma se lo accettano, ti avvisano?
se no ne mando un altro senza busta subito
 
ma se lo accettano, ti avvisano?
se no ne mando un altro senza busta subito

Non è che "se lo accettano, ti avvisano": vige il silenzio-assenso. Cioè:

- se ti rispondono, vale la loro interpretazione (che può essere la tua, la tua da loro meglio precisata e delimitata, oppure un'altra che ti spiegano loro);
- se non ti rispondono, vale la tua interpretazione fino a indicazioni contrarie (ossia, fino ad eventuale successiva nuova legge o successiva circolare esplicativa dell'AdE).
 
Non è che "se lo accettano, ti avvisano": vige il silenzio-assenso. Cioè:

- se ti rispondono, vale la loro interpretazione (che può essere la tua, la tua da loro meglio precisata e delimitata, oppure un'altra che ti spiegano loro);
- se non ti rispondono, vale la tua interpretazione fino a indicazioni contrarie (ossia, fino ad eventuale successiva nuova legge o successiva circolare esplicativa dell'AdE).

si ok ma se io ho spedito in busta e non in plico come richiesto, come faccioa sapere se ritengono il mio interpello valido o meno?
 
molto interessante la cosa, in pratica avvisiamo che stiamo facendo soldi e vogliamo pagare le tasse, se non ci dicono come le tasse sono zero?

per chi volesse entrare nel mondo bitcoin www.bitboat.net è il modo più facile e sicuro!
 
si ok ma se io ho spedito in busta e non in plico come richiesto, come faccioa sapere se ritengono il mio interpello valido o meno?

se hai fatto così, non puoi: ti devi fidare dell'AdE (nel caso del silenzio-assenso) ;)
 
molto interessante la cosa, in pratica avvisiamo che stiamo facendo soldi e vogliamo pagare le tasse

esatto, è un rischio (sentirsi rispondere "eh, no, bello!"); ma è sempre meglio che vedersi arrivare domani una cartella esattoriale a sorpresa (per la serie: "e perché non l'hai chiesto prima, se non eri sicuro?") :cool:
 
diciamo allora che mi appresto a farlo anche io!! in prtica stampo il testo riadattato al mio caso presente nella pagina 1, non metto il foglio in un busta chiusa ma lo piego e lo incollo ai bordi col testo all'interno e scrivo indirizzo all'esterno!

nel mio caso però ci sono anche i proventi da mining, diciamo che se mi chiedessero conto dei miei guadagli sarebbe anche molto complicato dirgli qualcosa con documenti e teniamo presente che per guadagnare 5.000€ ho movimentato all'estero 50.000€!

poi oltre al trading c'è il guadagno da mining... in pratica soldi dal nulla a vederla come potrebbe vederla un profano....
 
Indietro