telecom 21maggio..bevendo birra fresca

piisi

Nuovo Utente
Registrato
11/1/04
Messaggi
22.160
Punti reazioni
494
buon giorno....una birra e aspettiamo OK!
 
considerazioni su notizia vecchia

NON CAPISCO UNA COSA : l'articolo dice che già con telecozza a 2,26 Hopa ci perde parecchio....ora siamo a 2,16 quindi ci straperde :

secondo voi Emilio si adeguerà senza nulla ferire ?

BOH ! un saluto a tutti

TELECOM: HOPA VUOLE DI PIU', TRONCHETTI NON CI STA /ANSA
PER BRESCIA 650 MLN NON BASTANO. TRONCHETTI, PATTO PARLA CHIARO
(ANSA) - (BRESCIA, 11 MAG) - I bresciani di Hopa vogliono più quattrini per il loro 16% in Olimpia perché "é ovvio che 650 i milioni offerti non ci bastano". Passa un'ora e arriva la risposta del presidente di Telecom Italia: "i patti sono molto chiari e vanno rispettati". A margine di una Mille Miglia orfana del finanziere bresciano Emilio Gnutti, fonti dei soci di Hopa hanno dunque confermato quanto era nell'aria: i 650 milioni di euro messi sul piatto da Marco Tronchetti Provera nel corso dell'assemblea di Pirelli per liquidare la finanziaria bresciana "non bastano". Provocando la quasi immediata reazione del presidente di Telecom che, nel corso della conference call di Pirelli, ha fornito la sua interpretazione autentica del patto di sindacato tra Hopa e Olimpia. La data rilevante a cui valorizzare le azioni Telecom é, ha detto Tronchetti, "l'ultimo giorno di maggio". Oggetto del contendere resta sempre l'interpretazione di quella parte del patto in cui si prevede che, in caso di cash settlement (liquidazione in contanti), il valore del 16% di Olimpia in mano ad Hopa debba essere calcolato a "prezzi di mercato alla data rilevante", dove la data rilevante è "la fine del trentaseiesimo mese successivo alla data della fusione", datata 8 maggio 2003. Per Tronchetti la previsione significa prezzi puntuali al 31 maggio. A Brescia, invece, si ritiene che la formula del patto non consenta un'interpretazioni univoca. "A seconda del periodo che si considera - ha spiegato la fonte - ci possono essere variazioni nel valore delle azioni Telecom significative". Non a caso nell'ultimo cda della finanziaria l'advisor di parte bresciana, Roberto Poli, aveva proposto delle molteplici simulazioni di calcolo del valore dell'azione per vederne l'impatto sul prezzo del divorzio. Certo è che, ai valori odierni del titolo Telecom, secondo quanto affermato da Tronchetti Provera, Hopa incasserebbe anche meno dei 650 milioni proposti in passato dal presidente di Telecom. Il 16% di Olimpia in mano alla finanziaria bresciana corrisponde infatti al 2,88% del capitale ordinario di Telecom. Valorizzata ai 2,26 euro per azione della chiusura di oggi (-1,82%), la quota di competenza varrebbe circa 870 milioni di euro. Se a questa somma si aggiungono i 208 milioni del premio che i soci di Olimpia devono pagare e si sottraggono i circa 520 milioni di debito pro-quota della holding di controllo di Telecom, la cifra che ne risulta è di poco superiore ai 550 milioni di euro. Proprio per trovare una soluzione "di buonsenso condivisa da tutti" secondo le parole del consigliere Hopa e industriale siderurgico, Luigi Lucchini, continuano, come confermato da entrambe le parti, i contatti tra gli advisor. Da scongiurare c'é anche il rischio di un arbitrato che, notano a Brescia, "per i tempi e le spese che richiede, non farebbe comodo a nessuno". (ANSA
 
Indietro