Telecom Italia, iniziano le grandi manovre...

domani sarà una giornata drammatica...per tutti i titoli..

io sto alla finestra... ( finestra chiusa .. è meglio..)
 
attenzione... Le banche...che comandano

Le banche d'affari bussano a Telecom con il progetto di scorporo del mobileIl riassetto possibile delle telecomunicazioni fa impazzire il mercato. A muoversi sono soprattutto le banche d'affari che in queste ultime settimane sono al lavoro per inventare nuove possibili ipotesi di aggregazione. Solo idee, certo: ma sono esplicative di un trend che ormai sembra non rinviabile. Così ogni giorno ci si focalizza su possibili nozze: Vodafone che potrebbe comprare Fastweb, ma anche 3 Italia e Wind (che avrebbero aperto un tavolo di discussione).

Ma l'ultimo progetto delle banche d'affari riguarderebbe Telecom Italia. Il concetto è semplice: il gruppo di Franco Bernabè si trova infatti impegnato a scorporare la sua rete (con il possibile ingresso della Cdp) con alcuni nodi da sciogliere: in particolare la complessa valutazione del network e gli aspetti politici dello spin-off. Dl'altra parte Telecom Italia si trova costretta a dare una risposta a 3 Italia per una fusione nella telefonia mobile, la stessa 3 Italia che nel frattempo ha intavolato trattative con Wind. E allora che si potrebbero inventare le banche d'affari? Per favorire un consolidamento ed evitare il difficile cammino dello scorporo della rete, si potrebbe scegliere la strada inversa. Cioè lasciare la rete dove è, nella società quotata, e al contrario scorporare, pure quotandola, la sola telefonia mobile o quella mobile e fissa assieme. In modo da velocizzare un processo di consolidamento. Sarà solo fanta-finanza o c'è del vero nei dossier delle banche d'affari?
 
Certo!

Telecom Italia: oggi Cda su 3 Italia e scorporo rete, Mtv Italia a Viacom per 10 milioni di euro.
 
domani sarà una giornata drammatica...per tutti i titoli..

io sto alla finestra... ( finestra chiusa .. è meglio..)
prova a chiederti perchè la tua donna ti ha silurato sull'altare ....:D
imparato niente eh?
 
domani sarà una giornata drammatica...per tutti i titoli..

io sto alla finestra... ( finestra chiusa .. è meglio..)


ottima previsione.
dietro la lavagna due giorni senza bere ed in piedi.
 
Telecom, stop alle nozze con 3 Italia. Piccoli azionisti “in apprensione”

Il cda del gruppo di telecomunicazioni ha deciso che "allo stato attuale non ci sono elementi per avviare un negoziato". Speculare il giudizio della controparte: "Siamo giunti alla conclusione che ulteriori contatti non darebbero la garanzia di portare a una proposta accettabile"


di Redazione Il Fatto Quotidiano | 4 luglio 2013
Commenti (0)




Più informazioni su: Telecom, Telecom Italia, Telecom Italia Media, Tre.









Share on oknotizie Share on print Share on email More Sharing Services 1






Telecom rinuncia alle nozze con Hutchison Whampoa (H3G), la società cinese che controlla 3 Italia. Dopo un lungo consiglio di amministrazione è infatti tramontata l’ipotesi di una integrazione fra le due compagnie, appena poche ore dopo la cessione di Mtv a Viacom da parte di Telecom Italia Media.

Il dossier H3g era stato aperto ufficialmente lo scorso aprile, ma poi ha preso il sopravvento la questione dello scorporo della rete, che ha ottenuto il via libera del cda in una seduta lampo a fine maggio. Oggi, invece, i consiglieri di Telecom ci hanno messo oltre 4 ore a prendere atto che, come recita uno scarno comunicato, “allo stato attuale non ci sono gli elementi necessari per avviare un negoziato”. Speculare il giudizio della controparte: “3 Italia – si legge in una nota – è giunta alla conclusione che, allo stato attuale, ulteriori contatti non darebbero la garanzia di portare a una proposta di transazione accettabile dal proprio azionista”.

Alla base della rottura il prezzo da pagare per l’aggregazione. I 2 miliardi di valutazione di 3 Italia indicati da diverse indiscrezioni sono stati respinti al mittente dal management di Telecom, che ha giudicato la cifra improponibile. “Abbiamo preso una decisione”, ha commentato il consigliere Tarak Ben Ammar ostentando un certo sollievo dopo una serie di “riunioni transitorie”.

Non ha gradito la scelta del Cda l’Associazione dei piccoli azionisti di Telecom (Asati), che hanno “preso atto con apprensione”. L’Associazione ribadisce così la necessità dell’ingresso in Telecom di “un nuovo forte socio industriale”. In alternativa la soluzione potrebbe essere “un aumento cospicuo di capitale difficilmente sostenibile ma indispensabile, senza l’adozione di operazioni straordinarie, da parte degli attuali azionisti”.

Diversa la reazione della Borsa, con Telecom in rialzo dell’1,83% a 0,53 euro, che ha guardato però soprattutto alla cessione di Mtv da parte di Ti Media (+18,6% a 0,08 euro), a lungo congelata al rialzo. Il mercato ha scommesso su un possibile ritiro dal listino della società che oramai, abbandonato il business televisivo in perdita, ha al suo attivo soltanto le attività di rete, infrastruttura e multiplex.
 
ma questa

rinuncia fara' bene al titolo??????:cool::cool:
 
rinuncia fara' bene al titolo??????:cool::cool:

basta sentire le parole di asati:

"un aumento cospiscuo di capitale..."

io spero di no...

continuo a stare alla finestra....lascio correre solo unicredit...
 
Telecom, stop alle nozze con 3 Italia. Piccoli azionisti “in apprensione”

Il cda del gruppo di telecomunicazioni ha deciso che "allo stato attuale non ci sono elementi per avviare un negoziato". Speculare il giudizio della controparte: "Siamo giunti alla conclusione che ulteriori contatti non darebbero la garanzia di portare a una proposta accettabile"


di Redazione Il Fatto Quotidiano | 4 luglio 2013
Commenti (0)




Più informazioni su: Telecom, Telecom Italia, Telecom Italia Media, Tre.









Share on oknotizie Share on print Share on email More Sharing Services 1






Telecom rinuncia alle nozze con Hutchison Whampoa (H3G), la società cinese che controlla 3 Italia. Dopo un lungo consiglio di amministrazione è infatti tramontata l’ipotesi di una integrazione fra le due compagnie, appena poche ore dopo la cessione di Mtv a Viacom da parte di Telecom Italia Media.

Il dossier H3g era stato aperto ufficialmente lo scorso aprile, ma poi ha preso il sopravvento la questione dello scorporo della rete, che ha ottenuto il via libera del cda in una seduta lampo a fine maggio. Oggi, invece, i consiglieri di Telecom ci hanno messo oltre 4 ore a prendere atto che, come recita uno scarno comunicato, “allo stato attuale non ci sono gli elementi necessari per avviare un negoziato”. Speculare il giudizio della controparte: “3 Italia – si legge in una nota – è giunta alla conclusione che, allo stato attuale, ulteriori contatti non darebbero la garanzia di portare a una proposta di transazione accettabile dal proprio azionista”.

Alla base della rottura il prezzo da pagare per l’aggregazione. I 2 miliardi di valutazione di 3 Italia indicati da diverse indiscrezioni sono stati respinti al mittente dal management di Telecom, che ha giudicato la cifra improponibile. “Abbiamo preso una decisione”, ha commentato il consigliere Tarak Ben Ammar ostentando un certo sollievo dopo una serie di “riunioni transitorie”.

Non ha gradito la scelta del Cda l’Associazione dei piccoli azionisti di Telecom (Asati), che hanno “preso atto con apprensione”. L’Associazione ribadisce così la necessità dell’ingresso in Telecom di “un nuovo forte socio industriale”. In alternativa la soluzione potrebbe essere “un aumento cospicuo di capitale difficilmente sostenibile ma indispensabile, senza l’adozione di operazioni straordinarie, da parte degli attuali azionisti”.

Diversa la reazione della Borsa, con Telecom in rialzo dell’1,83% a 0,53 euro, che ha guardato però soprattutto alla cessione di Mtv da parte di Ti Media (+18,6% a 0,08 euro), a lungo congelata al rialzo. Il mercato ha scommesso su un possibile ritiro dal listino della società che oramai, abbandonato il business televisivo in perdita, ha al suo attivo soltanto le attività di rete, infrastruttura e multiplex.

come solevasi dimostrare: 2 mesi di prese per il cu.lo da parte del board.. sarebbero tutti quanti da ammazzare di botte.. ora giù sino a 0.40 dato che con una simile esposizione debitoria ci scapperà un adc sfumato il grano dei musi gialli
 
Tu che ne pensi oggi dopo un +3 dei mercati...?ieri eri negativo!

diciamo che draghi ha calmato le acque...la borsa è piena di sorprese , l'allarme portogallo è rientrato , l'egitto pure...

ws chiusa ha aiutato...

notte a domani..
 
Indietro